Museo della Musica di Venezia

Museo della Musica di Venezia Il Museo della Musica di Venezia è un luogo dove l'arte musicale si sposa al fascino della liuteria, attraverso più di 150 strumenti originali in esposizione, presso la chiesa di San Maurizio.
(24)

Aperto tutti i giorni, è gratuito. Tel. 0412411840

Normali funzionamento

Museo della Musica di Venezia
04/01/2020

Museo della Musica di Venezia

In splendide giornate di sole, dopo la tempesta di acque alte di novembre, il Museo della Musica apre tutti i giorni per gli appassionati di storia, arti, musica. In campo San Maurizio, tra il ponte dell'Accademia e Piazza San Marco.

On stunning sunny days, after the November high tide storm, the Museo della Musica opens every day for history, arts and music lovers. In Campo San Maurizio, between the Accademia bridge and Piazza San Marco.

#museodellamusicadivenezia
#musicartvenice

In splendide giornate di sole, dopo la tempesta di acque alte di novembre, il Museo della Musica apre tutti i giorni per...
04/01/2020

In splendide giornate di sole, dopo la tempesta di acque alte di novembre, il Museo della Musica apre tutti i giorni per gli appassionati di storia, arti, musica. In campo San Maurizio, tra il ponte dell'Accademia e Piazza San Marco.

On stunning sunny days, after the November high tide storm, the Museo della Musica opens every day for history, arts and music lovers. In Campo San Maurizio, between the Accademia bridge and Piazza San Marco.

#museodellamusicadivenezia
#musicartvenice

THREE CONCERTS IN THREE DAYS: CLAUDE DEBUSSYBenedetto Marcello Music Conservatory of VeniceDecember 3-4-5 2018Claude Deb...
03/12/2018

THREE CONCERTS IN THREE DAYS: CLAUDE DEBUSSY

Benedetto Marcello Music Conservatory of Venice
December 3-4-5 2018

Claude Debussy (1862-1918) on the first centenary of his death

Three concerts in three days

December 3rd, 4th, 5th 2018, 6 p.m.
Concert Hall

This project was made possible exclusively thanks to the generosity of Paolo Cuniberto: the most heartfelt and heartfelt thanks of the Conservatory of Music "Benedetto Marcello" in Venice go to him.

PROGRAM:

Monday, December 3rd, 2018, 6 p.m.

Trio in G (1880) for piano, violin and cello
Gabriele Maria Vianello Mirabello, piano
Stefano Zanchetta, violin
Federico Covre, cello

Rhapsody (1909-1910) for clarinet and piano
Vincenzo Paci, clarinet
Massimo Alessandro Somenzi, piano

Prélude à l'après-midi d'un faune (1891-1894) for flute, oboe, clarinet, 2 violins, viola, cello, double bass, harmonium, piano, cymbals (transcription for 11 instruments by Benno Sachs, publisher Arnold Schoenberg, 1920)

Piera Poser, flute
Rossana Calvi, oboe
Vincenzo Paci, clarinet
Stefano Zanchetta, violin I
Lara Celeghin, violin II
Giancarlo Di Vacri, violet
Estella Candito, cello
Fabio Serafini, double bass
Gabriele Vianello, harmonium
Massimo Somenzi, piano
Paolo Busolin, cymbals
Dario Bisso Sabàdin, director

Tuesday, December 4th, 2018, 6 p.m.

Six épigraphes antiques (1914) for 4-hand piano
Alessia Toffanin and Andrea Corazzin, 4-hand piano

Trois Chansons de Bilitis (1897-1898) for voice and piano (texts by Pierre Louys)
Miranda Ying Quan, mezzo-soprano
Alessia Toffanin, piano

Les Chansons de Bilitis (1900-1901)
for speaker, two flutes, two harps and celesta (lyrics by Pierre Louys)
Servane Giol, speaker
Andrea Vecchiato, flute I
Greta Beghella Bartoli, flute II
Elisabetta Ghebbioni, harp I
Rebecca Vian, harp II
Andrea Corazzin, celestial

Wednesday, December 5th, 2018, 6 p.m.

Sonata (1915) for cello and piano
Pietro Silvestri, cello
Matteo Liva, piano

Sonata (1915) for flute, viola and harp
Federica Lotti, flute
Cesar Bracho Bracho, viola
Elisabetta Ghebbioni, harp

Sonata (1917) for violin and piano
Francesco Zanchetta, violin
Massimo Somenzi, piano

Syrinx (1913) for solo flute
for Gabriel Mourey's dramatic poem Psyché
Federica Lotti, flute

The Musikamera association will perform four concerts in the Apollinee Rooms of the La Fenice Theatre on July 2nd and 3r...
02/07/2018

The Musikamera association will perform four concerts in the Apollinee Rooms of the La Fenice Theatre on July 2nd and 3rd with the MAD Ensemble, a group of students from the Musikhochschule in Basel who are active on the international scene in Europe, the United States, Russia and the Far East. The first concert will take place today, July 2nd at 5 p.m. with a program that ranges between the cities of Vienna and Budapest, between classicism and the early twentieth century, between great forms and aphorisms with Mozart's Sonata for piano and violin K454, Anton Webern's Quattro Pezzi op. 7 and two very different works by Béla Bartók: a choice of pieces for two violins and his first sonata for violin and piano. At 8.00 p.m., today July 2nd, a programme for cello and piano with Kodály's Sonatina, Beethoven's Sonata op. 102 n.1, César Franck's Sonata and a moment of contemporaneity with Toshio Hosokawa's "Lied III" will be performed. Tomorrow, July 3rd, the third concert will begin at 11 a.m. while the last concert, on July 3rd at 4 p.m., is dedicated for the first time to the trio with piano and will end with the K493 Quartet for piano and strings.
The Mad Ensemble At Salt Salt (Teatro La Fenice) on 2 AND 3 July

During Art Night 2018, on Saturday June 23rd,  the Basilica of San Giorgio Maggiore will be exceptionally open from 7.00...
20/06/2018

During Art Night 2018, on Saturday June 23rd, the Basilica of San Giorgio Maggiore will be exceptionally open from 7.00 pm to 11.00 pm with the following program:

- 7.00 - 7.30 pm The Benedictine community will celebrate the Vespers in Gregorian chant

- 7.30 - 10.30 pm night opening of the bell tower of San Giorgio Maggiore. We remind everyone wishing to visit it participate that the ascent will not be guaranteed over 500 people

- 8.30 - 10.00 pm will be held the concert "Researchers: New Music for Organ and Electronics for the Basilica of San Giorgio Maggiore" in collaboration with the Associazione Culturale Musica Venezia.

Nave photo by © José Luiz Bernardes Ribeiro

"Rarities and Repertoires", Teatro La Fenice, opens today Friday 9 March at 8 p.m.It will be the pianist Leonora Armelli...
09/03/2018

"Rarities and Repertoires", Teatro La Fenice, opens today Friday 9 March at 8 p.m.

It will be the pianist Leonora Armellini to inaugurate today, Friday 9 March at 8 p.m., in the Apollinee Rooms of the Teatro La Fenice, the new concert cycle "Rarities and Repertoires", organized by the Music Archive Guido Alberto Fano Onlus in collaboration with the Teatro La Fenice and supporting members Sonia Guetta Finzi, Giovanni Alliata di Montereale and Elio Peruzzi. Now in its 11th edition, the concert season will once again aim to spread the knowledge of Guido Alberto Fano's opera, inserting it in ever-changing concert contexts. Fano's chamber music production has so far been performed, in fact, alongside works from classical, romantic and European twentieth century literature, with particular attention to Italian instrumental music at the turn of the nineteenth and twentieth centuries, a crucial period for the delineation of a new national style.
Pianist Leonora Armellini, from Padua, has won many competitions, including the Venice Prize in 2005 and was a finalist in the 2017 edition of the prestigious Busoni competition in Bolzano: she will perform the Ballata n. 4 by Chopin, the young Rimembranze by Fano and the Variazioni e Fuga on a Handel theme op. 24 by Brahms. The introduction of the concert is entrusted to the musical critic Massimo Contiero.
On May 20, after the introduction of Oreste Bossini, the clarinetist Gabriele Mirabassi will perform a duo with pianist Andrea Lucchesini in the performance of pieces by Schumann, Gustavino, Fano, Mehmari.
The 2018 cycle ends on June 14 with an icon of international concert music, the violinist Shlomo Mintz, who will play works by Mendelssohn, Franck, Fano and his own Sonatina "Quatre Hommages" (2017). To accompany him to the piano there will be Roberto Prosseda while Anna Menichetti will present the program of the evening.

Tickets €15 reduced (residents, over 65 and students) €10; subscribers Musikàmera and Friends of the Conservatory €5.

BEETHOVEN FOR THE RESTORATION OF THE "DODESONA" Friday 9 March at 6 p.m.Magazzino del Sale “Gardini” – Dorsoduro 263Prog...
09/03/2018

BEETHOVEN FOR THE RESTORATION OF THE "DODESONA" Friday 9 March at 6 p.m.
Magazzino del Sale “Gardini” – Dorsoduro 263
Programme: Ludwig van Beethoven, String Quartet: op. 18 n. 1 in F major; op. 59 n. 1 in F major.

A concert with Beethoven's music to finance the restoration of the "dodesona", representing the Royal Society Bucintoro Canottieri 1882. Tonight at 6 p.m. at the Magazzini del Sale, headquarters of the historic Venetian rowing society, a recital will be held with performances by high profile musicians: Ivan Rabaglia, violinist with the Trio di Parma and professor at the Conservatory of Novara; Luisa Messinesi one of the founders of the Trio Florestano and the Accademia di San Giorgio and lecturer at the Conservatory of Venice; Alberto Belli, collaborator of the Orchestra del Teatro La Fenice and the Toscanini Orchestra in Parma; Giulia Rossi, founder of Trio Felix and lecturer in Parma. Bucintoro's "Dodesona" (the name comes from the Venetian dialect 'dódexe', e.g twelve, referring to the number of rowers guiding it) was built in 1952 at the Bastiano Tramontin shipyard in Giudecca and was donated by the then president Paolo Marinotti to the rowing company. It is the oldest, by construction, among the parade gondolas: it hosted royal families, popes and ministers. After the 1975 restoration, other interventions are needed; tonight's concert is one of the contributions. Reservation recommended: phone: +39 041 5205630 email: [email protected].

23/02/2018

PROSSIMI APPUNTAMENTI AL CONSERVATORIO BENEDETTO MARCELLO DI VENEZIA
-------------------------------------------------

DEBUSSY, LA TRASCRIZIONE COME OPERA D’ARTE

Lunedì 26 marzo 2081, ore 18
Sala Concerti

Matteo Liva e Elena Valentini, due pianoforti
Presentazione di Gianluca Mosca e Stefano Toffol

--------------

VIOLELE - VIOLINO ED ELETTRONICA

Master class
Alessandro Fagiuoli
Paolo Zavagna

Aula 47 - Sala Concerti
20 aprile, 30-31 maggio 2018

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Ulteriori informazioni si possono reperire all'url http://www.60db.it/moodle/course/index.php?categoryid=14.

---------------

RICERCARE SUL LIUTO
Primo Convegno Nazionale dei docenti e degli studenti di liuto dei Conservatori italiani

Promosso dalla Società del Liuto
Referente organizzativo e didattico:
prof. Tiziano Bagnati (Conservatorio di Venezia)

Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia
Palazzo Pisani
20 e 21 aprile 2018

Parteciperanno docenti e studenti dei Conservatori di Bari, Frosinone, Milano, Napoli, Pavia, Roma, Trento, Venezia

Al termine del convegno si terrà la Tavola Rotonda: “La didattica del liuto dopo la riforma”

Ulteriori informazioni su www.societadelliuto.it

CONSERVATORIO DI MUSICA BENEDETTO MARCELLO DI VENEZIAConcerto di Brenno Ambrosini (pianoforte)Mercoledì 14 Febbraio 2018...
14/02/2018

CONSERVATORIO DI MUSICA BENEDETTO MARCELLO DI VENEZIA

Concerto di Brenno Ambrosini (pianoforte)

Mercoledì 14 Febbraio 2018, ore 19.00
Sala concerti

Ingresso libero

Sestiere di San Marco, 2810 - 30124, Venezia

Come arrivare: https://www.google.it/maps/place/Conservatorio+di+musica+Benedetto+Marcello+(Palazzo+Pisani+di+Santo+Stefano)/@45.4323698,12.3284381,17z/data=!3m1!4b1!4m5!3m4!1s0x477eb1d1c438bdb1:0x3527f7d58eff48c6!8m2!3d45.4323698!4d12.3306268

Programma

Karl Heinz Stockhausen: Tierkreis (12 Melodien der Sternzeichen)

Wassermann (Aquarius)
Fische (Pisces)
Widder (Aries)
Stier (Taurus)
Zwillinge (Gemini)
Krebs (Cancer)
Löwe (Leo)
Jungfrau (Virgo)
Waage (Libra)
Skorpion (Scorpio)
Schütze (Sagittarius)
Steinbock (Capricorn)

Ludwig van Beethoven: Sonata nº23 Op.57 “Appassionata”
Allegro assai
Andante con moto
Allegro, ma non troppo – Presto

Anton Webern: Variationen Op.27
Sehr mässig
Sehr schnell
Ruhig fliessend

Ludwig van Beethoven: Sonata nº32, Op.111
Maestoso – Allegro con brio ed appassionato
Arietta. Adagio molto semplice e cantabile

Brenno Ambrosini ha studiato pianoforte, organo, violino e composizione con M. I. Biagi, R. Cappello e U. Amendola. Terminati gli studi in Italia con il massimo dei voti e cm laude, ha continuato il perfezionamento con G. Oppitz a Monaco di Baviera, M. de Silva-Telles a Parigi e J. Soriano a Madrid, città dove gli è stato assegnato il Premio de Honor de Final de Carrera del Real Conservatorio. Ha concluso i suoi studi di dottorato in Etica e Politica persso la Universitat Jaume I de Castellón. Vincitore del Primo Premio nel ###IV Concurso Internacional de Piano "Premio Jaén" e, nella stessa edizione, del "Premio Rosa Sabater" alla migliore interpretazione di musica spagnola. Primer Premio, Premio Debussy e Premio Beethoven nel Concurso Internacional de Piano "Cidade do Porto". Laureato nel X Concurso Internacional de Piano de Santander "Paloma O'Shea". Secondo Premio nel Concurso Internacional de Piano "José Iturbi" di Valencia. Secondo Premio e Premio "Arpa d´Oro" nel Concours International "Jeunesses Musicales" di Belgrado. Vincitore del “Piano Festival Alumni Prize” nel International Piano Competition "William Kapell” di College Park (Washington D.C., U.S.A.).
Dal suo debutto con orchestra nella Liederhalle (Beethovensaal) di Stoccarda nel 1986, ha offerto numerosi concerti come solista in Europa, Stati Uniti e Giappone, assieme a formazioni come la Orchestra Reale del Concertgebouw di Amsterdam, la Royal Philharmonic Orchestra, la Orquesta Filarmonica de Belgrado, Scottish Chamber Orchestra, New Philharmonia of Japan ed Orchestra Statale del Ermitage di San Pietroburgo, suonando accompagnato da direttori come M. Bamert, H. Vonk e A. Ros-Marbá.Ha inciso CD per le etichette discografiche Symphonia, Almaviva, ETG, Several e Dynamic, e ha realizzato registrazioni per importanti reti radiotelevisive europee e per la NHK giapponese. In risalto la sua speciale collaborazione con Radio Clásica (Radio Nacional de España) frutto della quale sono, fino ad ora, più di 380 brani registrati.

Professore in diversi corsi di prefezionamento in Spagna, Italia, Germania, Austria, Olanda, Francia, Regno Unito e Polonia, è professore di pianoforte principale dal 1999 presso il Conservatorio Superior di Castellón (Spagna). È stato professore invitato presso il Goldsmith Institute (London University) e professore di interpretazione per Master della VIU – Universidad Internacional de Valencia (2011 – 2014). Nel 2012 vince un posto di Professore di Pianoforte presso il Conservatorium van Amsterdam. Professore di pianoforte (Corsi Annuali) presso la Alfred Schnittke Akademie di Amburgo. Dal 2012 è professore invitato presso l'Internationales Konservatorium “am Phönixsee” di Dortmund (Germania). È spesso invitato in qualità di membro della Giuria di importanti concorsi nazionali ed internazionali pianistici.

CHUNG'S WAND RETURNS TO LA FENICETickets for the 2019 New Year's Eve Concert are on sale at La Fenice Theatre. The sixte...
13/02/2018

CHUNG'S WAND RETURNS TO LA FENICE

Tickets for the 2019 New Year's Eve Concert are on sale at La Fenice Theatre. The sixteenth edition of the event will be directed by Myung-Whun Chung: the award-winning Korean conductor will be at the helm of the Orchestra and Choir of La Fenice Theatre in a musical programme that, according to established tradition, will consist of two parts: one exclusively orchestral première with the performance of Symphony n. 7 in A major op. 92 by Ludwig van Beethoven and a second part dedicated to melodrama, with a huddle of arias, duets and choral passages from the most beloved operatic repertoire that will end with "Và pensiero" from Nabucco and with the toast "Libiam ne' lieti calici" from Giuseppe Verdi's Traviata. There are four concert dates: Saturday 29th December at 8.00 p.m., Sunday 30th at 5.00 p.m., Monday 31st at 4.00 p.m. and Tuesday 1st January 2019 at 11.15 a.m. The second part of the concert on 1st January will be broadcast live on Rai1 and deferred on Rai5. Born in Korea, Myung-Whun Chung started his musical activity as a pianist at the age of seven, and at 21 he won the second prize at the Čajkovskij piano competition in Moscow. Since 2011 he has been the principal guest director of Dresden Staatskapelle and from 2000 to 2015 he was the Orchestre Philharmonique de Radio France's musical director; since 2016 he has been honorary director of the very same institution. He has conducted many of the world's most prestigious orchestras and won important awards in Italy and France. The concert tickets are on sale at the Vela Venezia Unica ticket offices, through a telephone ticket office (041 2424), online ticket office (www.teatrolafenice.it) and ticket office by fax (041 2722673).

10/01/2018

"Musico perfetto. Gioseffo Zarlino (1517-1590). La teoria musicale a stampa nel Cinquecento"

Continua fino al 31 gennaio la mostra, allestita dalla Fondazione Levi in collaborazione con la Biblioteca nazionale Marciana. Gioseffo Zarlino è stato un compositore e teorico musicale italiano, cittadino della Repubblica di Venezia. Gli viene attribuita l'invenzione della moderna armonia tonale, basata su due soli modi: il maggiore e il minore. Inoltre diede un notevole contributo alla teoria del contrappunto. Fu probabilmente il maggiore teorico musicale del Rinascimento. I trentacinque preziosi esemplari esposti mettono in luce gli snodi fondamentali del pensiero musicale del Cinquecento, che, con il recupero delle riflessioni antiche a sostegno di moderne innovazioni (rapporto fra teoria e prassi; senso e ragione; arte e natura; modalità; accordature e temperamenti; codifica del contrappunto; validazione di terze e seste come consonanze; sperimentazioni con i generi cromatico ed enarmonico; supremazia della parola) hanno trasformato la musica da simbolo dell'ordine cosmico percepibile nei suoni a rappresentazione dei concetti del'animo. Lungo il percorso si nota inoltre il progesso della tecnica della stampa nella struttura di testi e paratesti, negli esempi musicali, nei diagrammi e nelle illustrazioni xilografiche che rendono visivamente comprensibili concetti complessi. Anche in gennaio è possibile organizzare visite gratuite con approfondimenti concordati (storia della musica, storia della stampa, rapporto musica-scienza e musica-matematica) sinora hanno aderito all'iniziativa i Conservatori di Venezia, Padova e Verona, la Scuola di Musica Antica di Brescia, la Civica Scuola di Musica "Claudio Abbado" di Milano e dieci classi di istituti superiori (Liceo Marco Polo e Istituto Benedetti Tommaseo di Venezia).

Il catalogo della mostra può essere acquistato alla Fondazione Levi (tel: +39 041 786777).

Per informazioni sulle visite guidate e sul catalogo: Fondazione Ugo e Olga Levi onlus San Marco 2893, 30124 Venezia ([email protected])

Indirizzo

Chiesa San Maurizio, San Marco 2603
Venice
30124

Orario di apertura

Lunedì 09:30 - 19:30
Martedì 09:30 - 19:30
Mercoledì 09:30 - 19:30
Giovedì 09:30 - 19:30
Venerdì 09:30 - 19:30
Sabato 09:30 - 19:30
Domenica 09:30 - 19:30

Telefono

+39 0412411840

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando Museo della Musica di Venezia pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta Il Museo

Invia un messaggio a Museo della Musica di Venezia:

Video

Musei nelle vicinanze


Altro Museo di storia Venice

Vedi Tutte

Commenti

La storia di Pasquale, l'ultimo organaro di Venezia: "Sono senza eredi" Lo chiamano “il re degli strumenti”, proprio per quel suo timbro solenne. Vanta una tradizione millenaria, anche se oggi la musica sacra esce sempre più raramente dalle sue canne. L’organo, per sopravvivere, ha bisogno di cura e dedizione. Abilità che, a Venezia, rischiano di sparire. Pasquale Ferrari, 63 anni, è l’ultimo organaro rimasto in città. E poi, cosa rimarrà di quest’arte? “Basta, si chiude”, ammette. E’ stato lui, a distanza di quattro decenni dalla chiusura della storica Bazzani, il primo a riaprire, a Venezia, un’azienda specializzata in restauri e costruzioni di strumenti: la “Ditta organaria di Pasquale Ferrari”. Aveva solo vent’anni. “I miei genitori facevano tutt’altro”, spiega, “mio fratello, invece é organista. Io ero affascinato da questa macchina, con tasti pedali e canne da cui usciva un suono così emozionante”. Da giovane studia ingegneria, é appassionato di meccanica. Si avvicina a qualche laboratorio e lì scatta la scintilla: costruire una macchina da cui nasce musica. “Contribuisco a questo processo creativo: ecco la mia più grande soddisfazione. In fondo, nella parola artigiano é contenuta la radice di arte”. A Venezia sono un’ottantina gli organi conservati nelle chiese. La città, del resto, ha un’ottima tradizione: tra il ‘400 e il ‘600 é una delle capitali mondiali nella costruzione di strumenti. La prima qualità dell’organaro? La pazienza. “Quattro anni”, racconta, “ci sono voluti per restaurare l’organo alla Madonna dell’Orto, realizzato a fine ‘800”. In decenni di carriera, sono oltre 40 gli organi restaurati da Ferrari e i suoi collaboratori. Tre, invece, quelli costruiti. Uno di questi é a Venezia, a Santa Maria Formosa: “Ma purtroppo é da dieci anni che nessuno lo suona”. Il lavoro, per adesso, non manca. Ma di forze fresche all’orizzonte neanche l’ombra, e la concorrenza dei centri commerciali soffoca le piccole botteghe. “In più questa città é fagocitata dal turismo” conclude “se qualcosa non cambia, l’artigianato é destinato a scomparire”. http://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2018/07/31/news/restaurare-organi-e-la-mia-ragione-di-vita-la-mia-amarezza-non-c-e-alcun-erede-1.17112107?refresh_ce ------------------------------------------------------------------- The story of Pasquale, the last organ-maker in Venice: "I have no heirs". They call it "the king of instruments", precisely because of his solemn timbre. It boasts a thousand-year-old tradition, even if today sacred music increasingly rarely comes out of its reeds. To survive, the organ needs care and dedication. Skills that, in Venice, are in danger of disappearing. Pasquale Ferrari, 63, is the last remaining organ-maker in the city. And then, what will remain of this art? "That's it" he admits. Four decades after the closure of the historic well-known instrument-making company Bazzani, he was the first to reopen a firm specialized in the restoration and construction of instruments in Venice: the "Organ-making Company of Pasquale Ferrari". He was only twenty years old. "My parents did something else," he explains, "my brother is an organist. I was fascinated by this machine, with pedal and barrel keys that produced such an exciting sound". As a young engineering student, he is passionate about mechanics. He approached some laboratories and the spark was triggered: to build a machine that produces music. "I contribute to this creative process: that's my greatest satisfaction. After all, the word "artisan" contains the root of art. In Venice there are about eighty organs preserved in churches. The city, moreover, has an excellent tradition: between the 15th and 17th centuries it was one of the world capitals in the construction of instruments. The first quality of an organ-maker? Patience. "Four years", he says, "it took four years to restore the Madonna dell'Orto's organ, made in the late 1800s". In a career spannig over decades, more than 40 organs have been restored by Ferrari and his collaborators. Three, instead, were built. One of them is in Venice, in Santa Maria Formosa: "But unfortunately it's been ten years since nobody has played it". For now, there is no shortage of work. But there is no shadow of fresh forces on the horizon, and competition from shopping centres suffocates small shops. "In addition, this city is swallowed up by tourism," he concludes, "if something doesn't change, the craftsmanship is destined to disappear."
Oggi martedì 29 maggio alle 17.30 nella Sala dello Stendardo della Scuola Grande San Giovanni Evangelista, si terrà una conferenza intitolata: "Dalla poesia per la musica alla musica per la poesia: lo sviluppo della musica profana nel Rinascimento italiano". Relatore Giulio Maria Ongaro, professore di musicologia e preside del College for Performing Arts, Chapman University, Orange, California. La storia della musica vocale profana nei secoli è anche la storia del rapporto tra musica e poesia, un rapporto che diventa particolarmente importante nel Cinquecento, con la nascita del madrigale. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.
I Concerti del Vespro - Maggio 2018 Basilica di San Giorgio Maggiore Venezia: Quattro concerti ad ingresso libero ----------------------------------------------------------- I Concerti del Vespro - Maggio 2018 Basilica di San Giorgio Maggiore Venezia "Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di Museo della Musica Venezia/Artemusicavenezia" "L’Associazione Alessandro Marcello, in collaborazione con l’Abbazia di San Giorgio Maggiore, Asolo Musica e la Fondazione Archivio Vittorio Cini organizza “I Concerti del Vespro”. Saranno quattro gli appuntamenti, dal 5 al 26 maggio 2018, tutti alle ore 18 e con ingresso libero, presso la Basilica di San Giorgio Maggiore a Venezia, durante i quali il pubblico potrà ascoltare il prezioso organo costruito da Pietro Nacchini nel 1758. Il primo concerto, previsto per sabato 5 maggio vedrà protagonisti l’organista Roberto Bonetto e il tenore Gao Si-Chen, i quali proporranno brani di Couperin, Dandrieu, Gounod, Haendel. A seguire, sabato 12 maggio, l’organista Luciano Zecca eseguirà un concerto solistico all’organo, con brani di Sweelinck, Bach, Stanley e autori vari dell’Ottocento organistico italiano. Per il terzo appuntamento, sabato 19 maggio, l’organista austriaco Gustav Auzinger ci guiderà in un viaggio nel repertorio barocco europeo. A conclusione della rassegna, sabato 26 maggio, due giovani e già affermati musicisti napoletani, la soprano Olga Cafiero e l’organista Angelo Trancone, proporranno un programma interamente dedicato alla musica sacra italiana dell’epoca rinascimentale e barocca. Tutti i concerti saranno ad ingresso libero, con inizio alle ore 18". ---------------------------------------------------------- May 2018 - The Vespers Concerts at the Basilica of San Giorgio Maggiore, Venice The Vespers Concerts - May 2018 Basilica of San Giorgio Maggiore Venice "This press release was published in its entirety as an external contribution. This content is therefore not an article produced by the editorial staff of Museo della Musica Venezia/Artemusicavenezia". "The Alessandro Marcello Association, in collaboration with the Abbey of San Giorgio Maggiore, Asolo Musica and the Vittorio Cini Archive Foundation, organizes "The Vespers Concerts". There will be four events, from 5 to 26 May 2018, all at 6 p.m. and with free admission, at the Basilica of San Giorgio Maggiore in Venice, during which the public will hear the precious organ built by Pietro Nacchini in 1758. The first concert, scheduled for Saturday 5th May, will see the protagonists, the organist Roberto Bonetto and the tenor Gao Si-Chen, playing songs by Couperin, Dandrieu, Gounod, Haendel. Afterwards, on Saturday 12th May, the organist Luciano Zecca will perform a solo concert on the organ, with pieces by Sweelinck, Bach, Stanley and various authors of the nineteenth century Italian organ. For the third event, Saturday 19th May, the Austrian organist Gustav Auzinger will guide us on a journey into the European Baroque repertoire. At the end of the festival, on Saturday 26th May, two young and already established Neapolitan musicians, soprano Olga Cafiero and organist Angelo Trancone, will offer a program entirely dedicated to Italian sacred music of the Renaissance and Baroque periods. All concerts will be on a free admission basis, starting at 6 p.m".
Concerto Schola Gregoriana Aurea Luce, Domenica 22 Aprile ore 16_Scuola Grande San Marco ------------------------------------------------------ IL CANTO GREGORIANO DELLA BASILICA DI SAN MARCO GLI ANTIFONARI DELL’ANTICA LITURGIA MARCIANA Domenica 22 Aprile 2018, ore 16.00 Scuola Grande San Marco - Chiesa di San Lazzaro dei Mendicanti Venezia In occasione dell'anniversario dei 580 anni della costituzione della Scuola Grande di San Marco, viene promosso un concerto che presenta il repertorio liturgico musicale della Basilica di San Marco riscoperto recentemente grazie agli studi di Giulio Cattin, Giordana Mariani e Susy Marcon. Questi brani erano noti fino al 1807 come rito marcolino, cioè liturgia esclusiva della cappella ducale di San Marco, che godeva di un proprio status autonomo rispetto a tutte le altre chiese di Venezia che seguivano il rito romano. Il rito celebrato in san Marco era di derivazione aquileiese; inoltre, il clero officiante in san Marco dipendeva direttamente dal doge e non dal Patriarca che aveva la sua cattedrale in san Pietro in Castello. Il concerto è costituito da brani estratti dall’antifonario di due feste del santo veneziano: quella del giorno del martirio (25 aprile) e quella della traslazione del corpo, avvenuta il 31 gennaio del 828, da Alessandria d’Egitto a Venezia. La peculiarità dei testi dell’Ufficio marciano risiede nel fatto che tutte le antifone ai salmi e i responsorii prolissi dell’Ufficio notturno, narrano le vicende dell’Evangelista: la scrittura del Vangelo sotto la dettatura di san Pietro a Roma, l’evangelizzazione di Aquileia, il martirio ad Alessandria d’Egitto e la traslazione del corpo a Venezia ad opera dei mercanti veneziani Buono da Malamocco e Rustico da Torcello. Il concerto è tenuto dalla Schola Gregoriana AUREA LUCE, con le voci soliste di Dario Buoro, Leonardo Parcianello, e Vania Soldan. Direttore del coro è il M° Renzo Toffoli. INGRESSO LIBERO FINO AD ESAURIMENTO DEI POSTI: E' RACCOMANDATA LA PRENOTAZIONE