Studio SALES di Norberto Ruggeri

Studio SALES di Norberto Ruggeri www.studiosales.it Studio SALES di Norberto Ruggeri si trova al terzo piano di un palazzo di fine Ottocento nel centrale quartiere Esquilino, oggi cuore e simbolo della Roma multiculturale.

L’edificio fu in origine la Reale Accademia del Belgio ed i suoi attuali appartamenti sono ricavati all’interno degli ex studi in cui gli artisti selezionati dalla corona belga venivano ospitati sulla scia del Grand Tour. Quando l’edificio venne ceduto allo Stato italiano – durante il periodo fascista – esso ne mantenne inalterata la destinazione, concedendo gli studi ad artisti di regime. Ancora

L’edificio fu in origine la Reale Accademia del Belgio ed i suoi attuali appartamenti sono ricavati all’interno degli ex studi in cui gli artisti selezionati dalla corona belga venivano ospitati sulla scia del Grand Tour. Quando l’edificio venne ceduto allo Stato italiano – durante il periodo fascista – esso ne mantenne inalterata la destinazione, concedendo gli studi ad artisti di regime. Ancora

Normali funzionamento

Da domani 15/10 a domenica 17/10 “33giri”, la giostrina per sassi di #evamarisaldi vi darà il benvenuto nel nostro stand...
14/10/2021

Da domani 15/10 a domenica 17/10 “33giri”, la giostrina per sassi di #evamarisaldi vi darà il benvenuto nel nostro stand di @artverona!!
In compagnia di nuove opere di @romina_bassu @flavio favelli @diegommirabella. Vi aspettiamo!!

Da domani 15/10 a domenica 17/10 “33giri”, la giostrina per sassi di #evamarisaldi vi darà il benvenuto nel nostro stand di @artverona!!
In compagnia di nuove opere di @romina_bassu @flavio favelli @diegommirabella. Vi aspettiamo!!

Last day @ #miart2021 !!Find us @ booth C44 to see the @flaviofavelli  @romina_bassu @diegommirabella @monaldidavide wor...
19/09/2021

Last day @ #miart2021 !!

Find us @ booth C44 to see the @flaviofavelli @romina_bassu @diegommirabella @monaldidavide works!!

Ultimo giorno di questo meraviglioso progetto di @italics.art nell’isola di Procida: PANORAMA | mostra diffusa a cura di...
05/09/2021

Ultimo giorno di questo meraviglioso progetto di @italics.art nell’isola di Procida: PANORAMA | mostra diffusa a cura di Vincenzo de Bellis al quale abbiamo preso parte con un’opera di @flaviofavelli esposta a Villa Sofia, Procida 👇🏼

Silver Plated, 2021
assemblaggio di vassoi pressati
cm. 244x53x43

@studiosalesroma
#panorama
#procida
#procidacapitaleitalianadellacultura2022
#studiosalesdinorbertoruggeri

19/07/2021

Flavio Favelli ci racconta la sua installazione alla GAM Torino in occasione della mostra "Sul principio di non contraddizione" a cura di Elena Volpato, buon ascolto!

"Un’atmosfera serena, rilassata, evocativa, contemplativa (“considero il guardare come già un pensare”), è quella che si...
12/07/2021
Diego Miguel Mirabella, Decorato Decoroso Distratto - Studio SALES

"Un’atmosfera serena, rilassata, evocativa, contemplativa (“considero il guardare come già un pensare”), è quella che si respira circondati dai lavori esposti. Un’atmosfera che ti invita a fermarti, a farti catturare dalle linee dei mosaici, dal loro estetico ripetitivo decorativismo, quasi mantrico, e farti trasportare nella semplicità dello sguardo e nella linearità dei pensieri, dove quello che si vede è quello che è, senza segreti, senza concetti e concettualismi nascosti, in Una segreta felicità (2020)."

Grazie Daniela Trincia per questa splendida recensione della mostra di Diego Miguel Mirabella a Studio SALES di Norberto Ruggeri.
Vi lasciamo qui sotto il link di exibart, buona lettura!

Nella personale di Diego Miguel Mirabella, allo Studio SALES di Norberto Ruggeri, il vicino e il lontano si uniscono sulla stessa linea

Alessandra Caldarelli su “DECORATO DECOROSO DISTRATTO” di Diego Miguel Mirabella a Studio SALES di Norberto Ruggeri Graz...
10/07/2021
Diego Miguel Mirabella| Decorato, decoroso, distratto | Studio SALES di Norberto Ruggeri, Roma

Alessandra Caldarelli su “DECORATO DECOROSO DISTRATTO” di Diego Miguel Mirabella a Studio SALES di Norberto Ruggeri
Grazie per questa splendida segnalazione su ATPdiary 🙏🏼

Si entra in silenzio per passeggiare tra i frammenti di vita di Diego Miguel Mirabella, provando a sovrapporsi alle sue emozioni e, allo stesso tempo si viene avvolti da tutto quel significato altro che ogni occhio può intravedere all’interno dell’opera.

Si è conclusa la mostra DECORATO DECOROSO DISTRATTO di Diego Miguel Mirabella, con estremo piacere continuiamo a ricever...
05/07/2021

Si è conclusa la mostra DECORATO DECOROSO DISTRATTO di Diego Miguel Mirabella, con estremo piacere continuiamo a ricevere feedback positivi sul lavoro dell'artista e sulle sue evoluzioni.
Per ogni richiesta di informazioni contattateci via mail su [email protected]
Intanto condividiamo alcuni scatti dell'installazione gentilmente concessi da Eleonora Cerri Pecorella

"Il mosaico tradizionale marocchino è un pattern geometrico uniforme, regola ferrea e aniconica che nella famiglia di lavori dei miei mosaici è violata creando disegni e forme e da frasi che io penso come parti di un frammentato romanzo visivo, o copione"
DMM

Orgogliosi che Studio Sales di Norberto Ruggeri faccia parte di @italics.art 💪🏼 Trovate l’intervista al direttore Norber...
11/06/2021

Orgogliosi che Studio Sales di Norberto Ruggeri faccia parte di @italics.art 💪🏼
Trovate l’intervista al direttore Norberto Ruggeri nel link al primo commento qui sotto, buona lettura!

#studiosalesroma #studiosalesdinorbertoruggeri #italics #italicsart

Orgogliosi che Studio Sales di Norberto Ruggeri faccia parte di @italics.art 💪🏼
Trovate l’intervista al direttore Norberto Ruggeri nel link al primo commento qui sotto, buona lettura!

#studiosalesroma #studiosalesdinorbertoruggeri #italics #italicsart

Studio Sales di Norberto Ruggeri è lieto di presentare una selezione di nuove opere di Diego Miguel Mirabella. Decorato ...
19/05/2021

Studio Sales di Norberto Ruggeri è lieto di presentare una selezione di nuove opere di Diego Miguel Mirabella. 

Decorato decoroso distratto è un vero e proprio manifesto dell'artista che suggerisce tre condizioni al suo lavoro e propone una diversa riflessione - esposta nelle lucide suole consunte da un lungo camminare o, all'inverso, di un incorrotto immobilismo che si presenta sotto forma di un primo paesaggio che antecede il pensiero e distrae ogni possibile, certa, trama.

Da Giovedì 20 Maggio
a Venerdì 16 Luglio 2021

@diegommirabella @studiosalesroma #diegommirabella #newworks #soloshow

Studio Sales di Norberto Ruggeri è lieto di presentare una selezione di nuove opere di Diego Miguel Mirabella. 

Decorato decoroso distratto è un vero e proprio manifesto dell'artista che suggerisce tre condizioni al suo lavoro e propone una diversa riflessione - esposta nelle lucide suole consunte da un lungo camminare o, all'inverso, di un incorrotto immobilismo che si presenta sotto forma di un primo paesaggio che antecede il pensiero e distrae ogni possibile, certa, trama.

Da Giovedì 20 Maggio
a Venerdì 16 Luglio 2021

@diegommirabella @studiosalesroma #diegommirabella #newworks #soloshow

Charles Avery, Untitled (Swimmers), 2014pencil, ink, gouache on paper mounted on linen in artist’s framecm. 95x69x5.5 fr...
18/05/2021

Charles Avery, 
Untitled (Swimmers), 2014
pencil, ink, gouache on paper mounted on linen in artist’s frame
cm. 95x69x5.5 framed

Quest’opera fa parte del progetto artistico The Islanders con cui l’artista ha dato origine ad una vera e propria saga ambientata in una città portuale di sua invenzione chiamata Onomatopoeia. I suoi lavori riportano le storie degli abitanti e degli avventori di questa città, articolandosi in un ritmo che sembra riprendere quello della creazione scritta piuttosto che quella visiva. Ed è appunto dall’universo letterario e della scrittura filosofica che Charles Avery riprende i motivi della sua indagine, ricorrendo all’arte per rappresentare figurativamente una dimensione terza rispetto a quella puramente reale o puramente ideale, inserendo se stesso (e talvolta la sua famiglia, come nel caso di quest'opera) come protagonista dei proprio mondi e collocando la figura dell’artista al centro della discussione tra realtà e sua astrazione.

This work is part of The Islanders project with which the artist has created a real saga that develops itself in the seaport of his own invention called Onomatopoeia. His works tell stories of its inhabitants and visitors, set forth in a rhythm more literary than visual. And precisely from the universe of literature and philosophical writings Charles Avery draws the motifs of his inquiry, using art for a figurative representation of a third dimension, compared to the purely real or ideal one. Sometimes inserting himself (and his family, just like in this work) as the protagonist of his own worlds, placing the artist right in the centre of the discussion between reality and its abstraction.

@studiocharlesavery #charlesavery #studiosalesdinorbertoruggeri #studiosalesroma

Charles Avery, 
Untitled (Swimmers), 2014
pencil, ink, gouache on paper mounted on linen in artist’s frame
cm. 95x69x5.5 framed

Quest’opera fa parte del progetto artistico The Islanders con cui l’artista ha dato origine ad una vera e propria saga ambientata in una città portuale di sua invenzione chiamata Onomatopoeia. I suoi lavori riportano le storie degli abitanti e degli avventori di questa città, articolandosi in un ritmo che sembra riprendere quello della creazione scritta piuttosto che quella visiva. Ed è appunto dall’universo letterario e della scrittura filosofica che Charles Avery riprende i motivi della sua indagine, ricorrendo all’arte per rappresentare figurativamente una dimensione terza rispetto a quella puramente reale o puramente ideale, inserendo se stesso (e talvolta la sua famiglia, come nel caso di quest'opera) come protagonista dei proprio mondi e collocando la figura dell’artista al centro della discussione tra realtà e sua astrazione.

This work is part of The Islanders project with which the artist has created a real saga that develops itself in the seaport of his own invention called Onomatopoeia. His works tell stories of its inhabitants and visitors, set forth in a rhythm more literary than visual. And precisely from the universe of literature and philosophical writings Charles Avery draws the motifs of his inquiry, using art for a figurative representation of a third dimension, compared to the purely real or ideal one. Sometimes inserting himself (and his family, just like in this work) as the protagonist of his own worlds, placing the artist right in the centre of the discussion between reality and its abstraction.

@studiocharlesavery #charlesavery #studiosalesdinorbertoruggeri #studiosalesroma

Flavio FavellliRaffaello 500, 2020acrilici su muro cm 362x925 Museo Spazio Pubblico, Bologna“Considerata dai numismatici...
14/05/2021

Flavio Favellli
Raffaello 500, 2020
acrilici su muro
cm 362x925
Museo Spazio Pubblico, Bologna

“Considerata dai numismatici un vero capolavoro, sia dal punto di vista artistico che da quello della sicurezza contro le contraffazioni, le 500mila lire è la banconota meno conosciuta e con la più bassa circolazione della storia della Repubblica, l’ultimo taglio prima dell’avvento dell’euro.
Non è la prima volta che propongo una pittura su muro di banconote, ma in ambito pubblico ho spesso avuto contrasti e censure: l’ambiguità del denaro, il fare buoni affari, come sentenziava Andy Warhol, è tanto raccomandato e desiderato, quanto, se rappresentato, evitato come ambiguo e denso di ombre. Ma è proprio questo il terreno dell’artista, che tenta di dare, anche se contrastato e censurato dagli stessi adoratori del denaro, un differente punto di vista, anche perché l’opera d’arte su una banconota, non c’entra nulla con la banconota stessa e il suo mondo”

#flaviofavelli @flaviofavelli #museospaziopubblico #bologna

Flavio Favellli
Raffaello 500, 2020
acrilici su muro
cm 362x925
Museo Spazio Pubblico, Bologna

“Considerata dai numismatici un vero capolavoro, sia dal punto di vista artistico che da quello della sicurezza contro le contraffazioni, le 500mila lire è la banconota meno conosciuta e con la più bassa circolazione della storia della Repubblica, l’ultimo taglio prima dell’avvento dell’euro.
Non è la prima volta che propongo una pittura su muro di banconote, ma in ambito pubblico ho spesso avuto contrasti e censure: l’ambiguità del denaro, il fare buoni affari, come sentenziava Andy Warhol, è tanto raccomandato e desiderato, quanto, se rappresentato, evitato come ambiguo e denso di ombre. Ma è proprio questo il terreno dell’artista, che tenta di dare, anche se contrastato e censurato dagli stessi adoratori del denaro, un differente punto di vista, anche perché l’opera d’arte su una banconota, non c’entra nulla con la banconota stessa e il suo mondo”

#flaviofavelli @flaviofavelli #museospaziopubblico #bologna

Romina Bassu Demetra, 2020acrilico su tela,cm 80 x 60“Quest’opera riflette sull’archetipo femminile, inteso come radice ...
11/05/2021

Romina Bassu
Demetra, 2020
acrilico su tela,
cm 80 x 60

“Quest’opera riflette sull’archetipo femminile, inteso come radice dell’identità nella psicologia analitica. Demetra, archetipo della dea Madre, rappresenta uno dei ruoli femminili più tradizionali, incentrato sull’accudimento: il latte evoca così il nutrimento primordiale e la forza generatrice. Il materno è stato distorto nella società patriarcale al punto di trasformarsi in fonte di alienazione: proprio questa alienazione, dovuta alla riduzione ad un’unica dimensione dell’identità femminile, è la radice della mia poetica”.

Romina Bassu #studiosalesdinorbertoruggeri #studiosalesroma #demetra #rominabassu #painting

Romina Bassu
Demetra, 2020
acrilico su tela,
cm 80 x 60

“Quest’opera riflette sull’archetipo femminile, inteso come radice dell’identità nella psicologia analitica. Demetra, archetipo della dea Madre, rappresenta uno dei ruoli femminili più tradizionali, incentrato sull’accudimento: il latte evoca così il nutrimento primordiale e la forza generatrice. Il materno è stato distorto nella società patriarcale al punto di trasformarsi in fonte di alienazione: proprio questa alienazione, dovuta alla riduzione ad un’unica dimensione dell’identità femminile, è la radice della mia poetica”.

Romina Bassu #studiosalesdinorbertoruggeri #studiosalesroma #demetra #rominabassu #painting

Inaugura oggi alla GAM — Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea Torino la mostra SUL PRINCIPIO DI CONTRADDIZIONE...
05/05/2021

Inaugura oggi alla GAM — Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea Torino la mostra SUL PRINCIPIO DI CONTRADDIZIONE a cura di Elena Volpato che vede protagoniste le opere di: Francesco Barocco, Riccardo Baruzzi, Luca Bertolo, Flavio Favelli e Diego Perrone.

"Le riflessioni che hanno preceduto questa mostra nascono in risposta all’immaginario di Flavio Favelli (Firenze, 1967), delle sue composizioni architettoniche fatte di note impassibili e insieme di echi viscerali, dei suoi retri di specchio che imprigionano le immagini invece di rifletterle, della sua capacità di far riemergere dal fondo del tempo la tragicità di avvenimenti storici insieme all’apparente leggerezza delle pubblicità che li accompagnarono sulle pagine dei giornali, di mostrarci come la memoria tenga insieme gli uni e le altre, per scoprire poi che, tra i due elementi, il vero geroglifico, l’immagine sprofondata in un tempo lungo e immutabile, non è l’avvenimento storico ma il simbolo pubblicitario" 
Estratto dal testo di presentazione della mostra che sarà visitabile fino al 3 Ottobre 2021.

Tutte le info sul sito ufficiale della @gamtorino

@flaviofavelli #gamtorino #groupshow #flaviofavelli #principiodicontraddizione #studiosalesroma

Flavio

Davide Monaldi Whispering, 2021ceramica smaltatacm. 12x40x25“Whispering, 2021 fa parte di una serie di mie opere recenti...
04/05/2021

Davide Monaldi
Whispering, 2021
ceramica smaltata
cm. 12x40x25

“Whispering, 2021 fa parte di una serie di mie opere recenti in cui il letto è il comune denominatore e funge da messinscena per situazioni dove i sentimenti universali dell’uomo vengono espressi, di volta in volta, in maniera diversa. In queste opere il letto ed i suoi protagonisti sono metafora della condizione umana. Nella mia ricerca utilizzo soggetti e situazioni quotidiane, spesso apparentemente banali, reinterpretando o stravolgendo il loro significato. Lo humour presente è solo uno stratagemma, mi serve per ottenere l’attenzione dello spettatore e spingerlo a guardare l'opera più attentamente”

#studiosalesdinorbertoruggeri #studiosalesroma #ceramica #davidemonaldi

Il progetto Brides de gala di Flavio Favelli per lo spazio no profit Zoo Zone Art Forum è incentrato sulla rielaborazion...
30/04/2021

Il progetto Brides de gala di Flavio Favelli per lo spazio no profit Zoo Zone Art Forum è incentrato sulla rielaborazione dei famosi disegni di Hugo Grygkar, realizzati nel 1957 per i foulard Hermes.
I disegni originali del designer rappresentano le briglie da parata, realizzate da Hermes nella prima metà dell'Ottocento, per il cavallo di Massimiliano d'Asburgo, I° Imperatore del Messico.
In queste opere la suggestione BDSM delle briglie si somma all'estetica della Pop Art romana degli anni '60 con un risultato ambiguo e misterioso.
Per ulteriori informazioni contattaci in galleria oppure scrivi a #zoozoneartforum

Flavio Favelli #studiosalesroma #studiosales #zoozoneartforum #flaviofavelli

Diego Miguel MirabellaPerdre du temps, 2020ceramica e ferrocm. 90x70uniqueCaratteristica comune del corpus di opere di M...
27/04/2021

Diego Miguel Mirabella

Perdre du temps, 2020
ceramica e ferro
cm. 90x70
unique

Caratteristica comune del corpus di opere di Mirabella è una tensione continua tra ciò che viene mostrato e ciò che invece si cela allo spettatore. In molti dei suoi progetti l’artista si avvale dell’immaginario, degli usi e della cultura di altri artisti o artigiani allo scopo di indagare il confine di comunicazione e di scambio tra se stesso e “l’altro”, creando lavori che scaturiscono da questo conflitto.
Questo lavoro è realizzato con la tecnica ornamentale del mosaico marocchino:

“Illuminati dalla stessa luce, un il cielo e un limone sono sottratti alla ripetitività del pattern. Perdre du temps è un paesaggio a me caro, quella di una poetica inoperosità, un tempo diluito che permette di formulare le mie narrazioni visive.”

#studiosalesroma Diego Miguel Mirabella #studiosalesdinorbertoruggeri #zellige #diegomiguelmirabella

Diego Miguel Mirabella

Perdre du temps, 2020
ceramica e ferro
cm. 90x70
unique

Caratteristica comune del corpus di opere di Mirabella è una tensione continua tra ciò che viene mostrato e ciò che invece si cela allo spettatore. In molti dei suoi progetti l’artista si avvale dell’immaginario, degli usi e della cultura di altri artisti o artigiani allo scopo di indagare il confine di comunicazione e di scambio tra se stesso e “l’altro”, creando lavori che scaturiscono da questo conflitto.
Questo lavoro è realizzato con la tecnica ornamentale del mosaico marocchino:

“Illuminati dalla stessa luce, un il cielo e un limone sono sottratti alla ripetitività del pattern. Perdre du temps è un paesaggio a me caro, quella di una poetica inoperosità, un tempo diluito che permette di formulare le mie narrazioni visive.”

#studiosalesroma Diego Miguel Mirabella #studiosalesdinorbertoruggeri #zellige #diegomiguelmirabella

Indirizzo

Piazza Dante 2
Rome
00185

Orario di apertura

Lunedì 15:00 - 19:00
Martedì 15:00 - 19:00
Mercoledì 15:00 - 19:00
Giovedì 15:00 - 19:00
Venerdì 15:00 - 19:00

Telefono

+39 06 7759 1122

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando Studio SALES di Norberto Ruggeri pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta Il Museo

Invia un messaggio a Studio SALES di Norberto Ruggeri:

Video

Digitare

Musei nelle vicinanze


Commenti

Alessandro Rabottini, già direttore artistico di MIART e da poco Direttore della Fondazione In Between Art Film, mette a disposizione del vasto pubblico il bagaglio di esperienze e conoscenze accumulato nella gestione diretta del mercato dell'arte. In questo volume appena pubblicato il curatore rivela i meccanismi economici e speculativi segreti che determinano la spesso costruita esistenza e le fortune degli artisti contemporanei.
Finalmente arriva anche in Italia “The artist is payment” che segue “The artist is present”. Nel volume l’incontrastata regina della body art Marina Abramovic è raccontata dal critico americano Frank Bonamoney da un eccentrico punto di vista finanziario. In appendice al volume anche il testo “Marina Abramovic e Gian Maria Tosatti artisti eterni" di Eugenio Viola. Nel documentario sul dvd accluso, prodotto dal canale televisivo via cavo americano Avida Dollars, si fa la storia degli introiti realizzati con le performances dall’artista serba.
Un assaggio di MALE GAZE di Romina Bassu, visitabile presso lo Studio SALES di Norberto Ruggeri. #Mostra di Romina Bassu, ora in FOCUS #GALLERIE PRIVATE: http://www.romartguide.it/italiano/mostre_eventi_gallerie_roma.html "Le #opere che l'#artista presenta, sono una selezione di acrilici e di acquerelli che riflettono sugli stereotipi che il male gaze ha saldamente costruito e che ancora oggi dominano (inconsapevolmente?) il nostro immaginario collettivo." #RomArtGuide #ArteRoma #MostreRoma #GalleriePrivate
BEllissimi