Museo di Casal de' Pazzi

Museo di Casal de' Pazzi Il Museo di Casal de Pazzi (Deposito pleistocenico)
Una immersione nella preistoria: vulcani, elefanti ed uomini nel mondo di duecentomila anni fa.
(43)

Il sito
Il sito di Casal de’ Pazzi fu scoperto nel 1981 durante i lavori di urbanizzazione dell’area di Rebibbia, un quartiere a Nord Est della città, oggi densamente popolato. Il ritrovamento di una grande zanna di elefante diede il via ad un’indagine archeologica su un’area di oltre 1200 mq. Sabbie e ghiaie di origine vulcanica colmavano un tratto dell’antico alveo del fiume Aniene, inciso nel “

Il sito
Il sito di Casal de’ Pazzi fu scoperto nel 1981 durante i lavori di urbanizzazione dell’area di Rebibbia, un quartiere a Nord Est della città, oggi densamente popolato. Il ritrovamento di una grande zanna di elefante diede il via ad un’indagine archeologica su un’area di oltre 1200 mq. Sabbie e ghiaie di origine vulcanica colmavano un tratto dell’antico alveo del fiume Aniene, inciso nel “

Normali funzionamento

Da elefanti pleistocenici a Ciclopi omerici…in 1300 anni?Cosa c’entra Polifemo, gigante con un solo occhio dalla cui gro...
27/07/2021

Da elefanti pleistocenici a Ciclopi omerici…in 1300 anni?

Cosa c’entra Polifemo, gigante con un solo occhio dalla cui grotta Ulisse riesce a fuggire grazie ad uno stratagemma dei suoi, con gli elefanti nani di Sicilia?

Per rispondere a questa domanda dobbiamo fare un salto indietro nel tempo, tornando ad uno dei periodi glaciali del Pleistocene, in cui l’abbassamento del livello del mare consentì a dei mastodontici elefanti dalle zanne dritte (Palaeoloxodon antiquus) di attraversare la lingua di terra emersa tra le odierne Calabria e Sicilia, rimanendo intrappolati poi sull’isola a seguito di una nuova fase di riscaldamento climatico e del conseguente innalzamento dei mari.

Come accaduto, ad esempio, al nostro lontano cugino Homo floresiensis, anche detto “Hobbit”, sull’Isola di Flores in Indonesia, l’adattamento di questi pachidermi ad un ristretto contesto insulare comportò una forte riduzione di taglia, facendoli evolvere verso una vera e propria forma di “nanismo”.

Il cranio di elefante ha un caratteristico foro centrale che corrisponde alla sua proboscide: rinvenendo questi reperti all’interno delle cavità naturali siciliane, gli uomini del posto arrivarono ad immaginare che fossero appartenuti proprio ai Ciclopi!

I tempi della comparsa di questa specie “nana” erano ancora poco chiari: ma un team internazionale è riuscito in un’eccezionale impresa, ovvero estrarre ed analizzare il DNA di uno di questi esemplari, di difficilissima conservazione in un ambiente temperato come quello siciliano.

Grazie a tale ricerca, integrata con i dati paleontologici e geologici, è stato possibile stabilire che l’evoluzione nell’elefante nano di Sicilia dal suo gigantesco antenato sia avvenuta non prima di 350.000 anni fa, in un periodo probabilmente brevissimo: 1300 anni, circa 40 generazioni. Da quasi 4 metri di altezza ad un metro circa…in un battito di ciglia!

#elefanteantico #elefantenano #elephas #palaeoloxodon #paleontologia #pleistocene #nanismoinsulare #dna #sicilia #nonsolomare

https://www.corriere.it/cronache/21_luglio_02/da-elefante-elefante-nano-ci-sono-volute-40-generazioni-sicilia-scoperta-che-spiega-l-evoluzione-e7b78b08-db18-11eb-a708-517ad1a2ece3.shtml

Immagine: rielaborata da Larramendi & Palombo 2016 e eniscuola.net

Da elefanti pleistocenici a Ciclopi omerici…in 1300 anni?

Cosa c’entra Polifemo, gigante con un solo occhio dalla cui grotta Ulisse riesce a fuggire grazie ad uno stratagemma dei suoi, con gli elefanti nani di Sicilia?

Per rispondere a questa domanda dobbiamo fare un salto indietro nel tempo, tornando ad uno dei periodi glaciali del Pleistocene, in cui l’abbassamento del livello del mare consentì a dei mastodontici elefanti dalle zanne dritte (Palaeoloxodon antiquus) di attraversare la lingua di terra emersa tra le odierne Calabria e Sicilia, rimanendo intrappolati poi sull’isola a seguito di una nuova fase di riscaldamento climatico e del conseguente innalzamento dei mari.

Come accaduto, ad esempio, al nostro lontano cugino Homo floresiensis, anche detto “Hobbit”, sull’Isola di Flores in Indonesia, l’adattamento di questi pachidermi ad un ristretto contesto insulare comportò una forte riduzione di taglia, facendoli evolvere verso una vera e propria forma di “nanismo”.

Il cranio di elefante ha un caratteristico foro centrale che corrisponde alla sua proboscide: rinvenendo questi reperti all’interno delle cavità naturali siciliane, gli uomini del posto arrivarono ad immaginare che fossero appartenuti proprio ai Ciclopi!

I tempi della comparsa di questa specie “nana” erano ancora poco chiari: ma un team internazionale è riuscito in un’eccezionale impresa, ovvero estrarre ed analizzare il DNA di uno di questi esemplari, di difficilissima conservazione in un ambiente temperato come quello siciliano.

Grazie a tale ricerca, integrata con i dati paleontologici e geologici, è stato possibile stabilire che l’evoluzione nell’elefante nano di Sicilia dal suo gigantesco antenato sia avvenuta non prima di 350.000 anni fa, in un periodo probabilmente brevissimo: 1300 anni, circa 40 generazioni. Da quasi 4 metri di altezza ad un metro circa…in un battito di ciglia!

#elefanteantico #elefantenano #elephas #palaeoloxodon #paleontologia #pleistocene #nanismoinsulare #dna #sicilia #nonsolomare

https://www.corriere.it/cronache/21_luglio_02/da-elefante-elefante-nano-ci-sono-volute-40-generazioni-sicilia-scoperta-che-spiega-l-evoluzione-e7b78b08-db18-11eb-a708-517ad1a2ece3.shtml

Immagine: rielaborata da Larramendi & Palombo 2016 e eniscuola.net

Non siamo (stati) soli su questa terra…fino a pochissimo tempo fa!Una donna umana di una specie ancora sconosciuta è sta...
24/07/2021
DNA di un essere umano 'sconosciuto alla scienza' è stato trovato in una grotta

Non siamo (stati) soli su questa terra…fino a pochissimo tempo fa!

Una donna umana di una specie ancora sconosciuta è stata identificata in una grotta in Georgia…grazie a delle tracce organiche da lei inavvertitamente lasciate sul terreno 25000 anni fa!

Ricorderete la recentissima scoperta di una possibile nuova specie umana, Homo longi, che popolava la Cina mentre in Eurasia vivevano anche i Neandertal, i Denisoviani, noi Sapiens e probabilmente anche i più lontani cugini nani dell’Isola di Flores. Dello scorso anno è, invece, la notizia che alcune popolazioni africane conservano nel proprio genoma il DNA di una specie umana estinta a noi ancora sconosciuta.

Ed ora ecco qua un nuovo tassello di questo meraviglioso puzzle che entusiasma archeologi e antropologi, ma sicuramente anche voi che ci leggete!

Abbiamo quindi le prove genetiche del DNA moderno, quelle osteologiche forniteci dai resti fossili ed ora anche quelle biologiche provenienti dal DNA ambientale antico…

Prove di cosa? Del fatto che l’uomo anatomicamente moderno, nostro diretto antenato, aveva una compagnia molto variegata nel “Vecchio Mondo”, fino a davvero pochi attimi fa: nella lunga linea del tempo, infatti, cosa sono poche decine di migliaia di anni a confronto con i 2,5 milioni di anni del genere Homo?

#antropologia #homo #archeologia #pleistocene #preistoria #archaeologicaldiscovery #dna #adna #environmentaldna #dnaambientale

https://tech.everyeye.it/notizie/dna-umano-sconosciuto-scienza-grotta-529998.html

Utilizzando una tecnica innovativa, degli scienziati hanno scoperto frammenti di DNA sconosciuto alla scienza.

A corto di idee di lettura sotto l'ombrellone? Al #museocasaldepazzi suggeriamo anche splendidi romanzi "preistorici" pe...
21/07/2021

A corto di idee di lettura sotto l'ombrellone?

Al #museocasaldepazzi suggeriamo anche splendidi romanzi "preistorici" per non annoiarsi mai in vacanza!

Grazie all'interessante incontro virtuale di ieri sera con Patrizia Gioia per la serie #aMICi di #museiincomune abbiamo avuto modo di scoprire molti titoli intriganti firmati da autori di tutto rispetto come Verne, London, Conan Doyle e tanti altri, che hanno raccontato la loro visione del rapporto con i nostri antenati in opere letterarie più o meno note.

Qui sotto ecco una lista per la vostra estate: scriveteci nei commenti, su Messenger o su [email protected] le vostre recensioni ed impressioni sui libri che leggerete!

- J. Verne, "Viaggio al centro della Terra"
- J. London, "Prima di Adamo"
- J.H. Rosny Ainé, "La guerra del fuoco"
- A. Conan Doyle, "Il mondo perduto"
- H.G. Wells, "Storie di fantasia e di fantascienza"
- R. Lewis, "Il più grande uomo scimmia del Pleistocene"
- W. Golding, "Uomini nudi"
- P. K. Dick, "Svegliatevi, dormienti"
- M. Crichton, "Mangiatori di morte"
- J.M. Auel, "Ayla figlia della terra"
- A. Moravia, "Storie della Preistoria"
- B. Kurtén, "La danza della Tigre, Zanna sola (qualche anno dopo)"
- A. Silverberg, "Il figlio del tempo"
- R. J. Sawyer, "Trilogia dei Neanderthal - La genesi della specie; Fuga dal pianeta degli umani; Origine dell'ibrido"
- C. Cameron, "L'ultima dei Neandertal"

#estateletteraria #librisottolombrellone #preistoria #neanderthal #sapiens #pleistocene

19/07/2021
aMICi online - Da Jules Verne ad oggi | Museo di Casal de' Pazzi

Pronti per il nostro viaggio nella letteratura..."preistorica"? Stiamo per partire!

Domani pomeriggio l'archeologa Patrizia Gioia ci accompagnerà in una passeggiata letteraria dalla metà dell’ottocento ad oggi, per riflettere su come è cambiata l’immagine dell’uomo preistorico nel tempo. Dall'anello mancante della cultura evoluzionista ai suoi esordi, alla accettazione delle diversità… e persino all’inclusione. Non mancate!

Incontro online gratuito con prenotazione obbligatoria allo 060608 - Martedì 20 Luglio ore 18:30.

http://www.museocasaldepazzi.it/node/1009125

#laculturaonline #preistoriaeletteratura #letteratura #preistoria #neanderthal #inclusione #darwin

Il Museo conserva parte del letto di un antico fiume, datato a circa 200.000 anni fa. Durante la visita si possono osservare numerosi reperti geologici, paleontologici ed archeologici, che lasciano immaginare un paesaggio scomparso: antiche rocce modellate dall’acqua, grandi zanne di elefante, pie...

L'Uomo di Neanderthal stupisce ancora!Per chi avesse ancora dubbi sulla modernità dei nostri "cugini" euroasiatici, ecco...
17/07/2021

L'Uomo di Neanderthal stupisce ancora!

Per chi avesse ancora dubbi sulla modernità dei nostri "cugini" euroasiatici, ecco una nuova, meravigliosa testimonianza delle loro complesse capacità cognitive.

Una falange di un grande cervide estinto, proveniente dalla Grotta dell'Unicorno, in Germania, e decorata con un motivo inciso a "spina di pesce"...E' stata datata con il radiocarbonio a ben 51.000 anni fa, epoca in cui si ritiene che gli Homo sapiens non fossero ancora giunti in quelle zone, mentre i Neanderthal le popolavano già da centinaia di migliaia di anni.

Si potrebbe obiettare che, nonostante l'assenza di prove archeologiche certe, ci sono indizi genetici forti su un incontro precedente a questa data tra le due specie umane.

Ebbene, che si sia trattato di un'invenzione spontanea o di una "imitazione", ciò che davvero importa è che la decorazione di questo osso non abbia alcuna funzione pratica. Questo significa che il nostro compagno di viaggio nel Pleistocene Medio e Superiore aveva la capacità di creare e comprendere pensieri astratti, ed anche di esprimerli attraverso queste semplici ma stupende manifestazioni artistiche.

Altro che trogloditi!

#neanderthal #prehistoricart #artepreistorica #archeologia #preistoria #archeaeologicaldiscovery #pleistocene #antropologia

https://www.finestresullarte.info/archeologia/osso-cervo-inciso-capacita-artistiche-uomo-di-neanderthal

L'Uomo di Neanderthal stupisce ancora!

Per chi avesse ancora dubbi sulla modernità dei nostri "cugini" euroasiatici, ecco una nuova, meravigliosa testimonianza delle loro complesse capacità cognitive.

Una falange di un grande cervide estinto, proveniente dalla Grotta dell'Unicorno, in Germania, e decorata con un motivo inciso a "spina di pesce"...E' stata datata con il radiocarbonio a ben 51.000 anni fa, epoca in cui si ritiene che gli Homo sapiens non fossero ancora giunti in quelle zone, mentre i Neanderthal le popolavano già da centinaia di migliaia di anni.

Si potrebbe obiettare che, nonostante l'assenza di prove archeologiche certe, ci sono indizi genetici forti su un incontro precedente a questa data tra le due specie umane.

Ebbene, che si sia trattato di un'invenzione spontanea o di una "imitazione", ciò che davvero importa è che la decorazione di questo osso non abbia alcuna funzione pratica. Questo significa che il nostro compagno di viaggio nel Pleistocene Medio e Superiore aveva la capacità di creare e comprendere pensieri astratti, ed anche di esprimerli attraverso queste semplici ma stupende manifestazioni artistiche.

Altro che trogloditi!

#neanderthal #prehistoricart #artepreistorica #archeologia #preistoria #archeaeologicaldiscovery #pleistocene #antropologia

https://www.finestresullarte.info/archeologia/osso-cervo-inciso-capacita-artistiche-uomo-di-neanderthal

L'estate al #museocasaldepazzi è sempre più viva!I simpaticissimi bambini e ragazzi dei centri estivi di Corpi Pazzi Pal...
15/07/2021

L'estate al #museocasaldepazzi è sempre più viva!

I simpaticissimi bambini e ragazzi dei centri estivi di Corpi Pazzi Palestra Popolare hanno rallegrato il nostro Giardino Pleistocenico per tre giorni, scoprendo grazie all'antropologa Flavia Salomone e alla biologa Paola Tuccinardi tutto ciò che c'è da sapere sugli scheletri di elefanti antichi e uomini preistorici...per poi ricostruirli osso per osso!

Per organizzare delle attività in Museo con il vostro centro estivo contattateci su [email protected] . Non c'è nulla di più bello che #Impararedivertendosi !

Un grazie speciale ai ragazzi del #serviziocivileuniversale 2019/20 Luis, Arianna, Alice e Veronica, ideatori di questo divertentissimo gioco!

#museiaperti #centriestivi #didatticamuseale #preistoria #archeologia #antropologia #pleistocene #elefante #neanderthal

L'estate al #museocasaldepazzi è sempre più viva!

I simpaticissimi bambini e ragazzi dei centri estivi di Corpi Pazzi Palestra Popolare hanno rallegrato il nostro Giardino Pleistocenico per tre giorni, scoprendo grazie all'antropologa Flavia Salomone e alla biologa Paola Tuccinardi tutto ciò che c'è da sapere sugli scheletri di elefanti antichi e uomini preistorici...per poi ricostruirli osso per osso!

Per organizzare delle attività in Museo con il vostro centro estivo contattateci su [email protected] . Non c'è nulla di più bello che #Impararedivertendosi !

Un grazie speciale ai ragazzi del #serviziocivileuniversale 2019/20 Luis, Arianna, Alice e Veronica, ideatori di questo divertentissimo gioco!

#museiaperti #centriestivi #didatticamuseale #preistoria #archeologia #antropologia #pleistocene #elefante #neanderthal

Imperdibile appuntamento online con il #museocasaldepazzi !Un nuovo approfondimento per la serie "aMICi" (incontri dedic...
12/07/2021

Imperdibile appuntamento online con il #museocasaldepazzi !

Un nuovo approfondimento per la serie "aMICi" (incontri dedicati ai possessori della MiC Card e non solo) ci aspetta, curato dalla nostra affezionatissima Patrizia Gioia .

➡ Quando: 20 luglio, h. 18:30
➡ Dove: in streaming su Google Meet
➡ Come: incontro gratuito con prenotazione obbligatoria allo 060608

"Da Jules Verne ad oggi - Come i Sapiens hanno visto e pensato i loro compagni di strada": una passeggiata letteraria, che parte dalla metà dell’ottocento, per riflettere su come è cambiata l’immagine dell’uomo preistorico nel tempo. Dall'anello mancante della cultura evoluzionista ai suoi esordi, alla accettazione delle diversità…e persino all’inclusione.

Da non perdere!

#laculturaonline #museionline #preistoria #antropologia #evoluzione #neanderthal #sapiens #pleistocene #letteratura #inclusione

http://www.museocasaldepazzi.it/node/1009125

Imperdibile appuntamento online con il #museocasaldepazzi !

Un nuovo approfondimento per la serie "aMICi" (incontri dedicati ai possessori della MiC Card e non solo) ci aspetta, curato dalla nostra affezionatissima Patrizia Gioia .

➡ Quando: 20 luglio, h. 18:30
➡ Dove: in streaming su Google Meet
➡ Come: incontro gratuito con prenotazione obbligatoria allo 060608

"Da Jules Verne ad oggi - Come i Sapiens hanno visto e pensato i loro compagni di strada": una passeggiata letteraria, che parte dalla metà dell’ottocento, per riflettere su come è cambiata l’immagine dell’uomo preistorico nel tempo. Dall'anello mancante della cultura evoluzionista ai suoi esordi, alla accettazione delle diversità…e persino all’inclusione.

Da non perdere!

#laculturaonline #museionline #preistoria #antropologia #evoluzione #neanderthal #sapiens #pleistocene #letteratura #inclusione

http://www.museocasaldepazzi.it/node/1009125

Scoperto un "melting pot" della Preistoria grazie al DNA ambientale!Avete mai sentito parlare della Grotta di Denisova, ...
11/07/2021
Snippet: Ancient Siberian cave hosted Neanderthals, Denisovans, and modern humans

Scoperto un "melting pot" della Preistoria grazie al DNA ambientale!

Avete mai sentito parlare della Grotta di Denisova, in Siberia? Appena un decennio fa vi vennero rinvenuti i resti di una nuova specie umana, vissuta in quelle zone quando gli uomini di Neanderthal, e successivamente anche i Sapiens, popolavano l'Eurasia.

Di entrambe queste specie estinte noi Homo sapiens conserviamo spesso una piccolissima eredità genetica nel nostro DNA, prova degli intensi rapporti culturali e sociali intrecciati tra tutti gli ominini del Pleistocene euroasiatico. Tuttavia, convincenti evidenze "materiali" di questa coesistenza non solo in uno stesso luogo, ma anche nello stesso momento, non erano state mai trovate...fino a oggi!

Una tecnologia avanzatissima, infatti, ha permesso di estrarre dal terreno della Grotta di Denisova un grande quantitativo di resti di DNA umano...che è risultato appartenere non solo all'Uomo di Denisova, ma anche a quello di Neanderthal e ai Sapiens stessi! Per di più, questi campioni provengono da uno stesso livello di frequentazione.

A partire dai resti di capelli o pelle di decine, forse centinaia di migliaia di anni fa...la scienza è riuscita a dimostrare archeologicamente ciò che prima era deducibile solo su base genetica, permettendoci di scoprire un luogo di incontro e scambio tra ben tre specie umane. Non è sensazionale?

#dna #archeologia #antropologia #preistoria #pleistocene #meltingpot #discovery #scienza #paleontologia

https://www.youtube.com/watch?v=I954Aqf9T5A&t=20s

https://pikaia.eu/il-dna-ambientale-racconta-la-storia-della-grotta-di-denisova/

DNA from ancient soil reveals the history of the cave that cracked open the field of human evolutionRead the story: About Science SnippetsThese videos are sh...

Indirizzo

Via E. Galbani 6 (parcheggio All'inizio Di Via Adolfo Marco Boroli)
Rome
00156

Orario di apertura

Martedì 09:00 - 14:00
Mercoledì 09:00 - 14:00
Giovedì 09:00 - 14:00
Venerdì 09:00 - 14:00
Sabato 10:00 - 14:00
Domenica 10:00 - 14:00

Telefono

+3906671077007

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando Museo di Casal de' Pazzi pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta Il Museo

Invia un messaggio a Museo di Casal de' Pazzi:

Video

Digitare

Musei nelle vicinanze


Altro Musei Rome

Vedi Tutte

Commenti

stanno chiusi stanno a casa ma non sono in cassa integrazione! continuano a beccarsi tutti gli stipendi pieni !!! 13esimne e 14esime... e i dipendenti comunali hanno chiesto pure i buoni pasto !
Lorenzo, 4 anni, appassionato di dinosauri e animali preistorici, futuro paleontologo 🦖
Grazie mille ancora da Mario! A presto! ❤️😊
Ho finitooooooo
Il disegno è stato eseguito da una alunna della scuola IC SANDRO ONOFRI di ROMA
Ludovica De Cesari 5 C - Sibilla Aleramo Docente: Cinzia Ianni
Ludovica De Cesari 5 C - Sibilla Aleramo Docente: Cinzia Ianni
Greta Seghetti VC Sibilla Aleramo Maestra: Cinzia Ianni 💖
Riccardo Sensoni 5 C - Sibilla Aleramo Docente: Cinzia Ianni
Gli elefanti di Veronica e Riccardo 🐘
NICOLE LIONETTO 5 C SIBILLA ALERAMO MAESTRA: CINZIA IANNI ❤
Arianna Belli