Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina

  • Casa
  • Italia
  • Rome
  • Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina

Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina 060608 tutti i giorni dalle 9.00 alle 21.00 Durante i drammatici avvenimenti della primavera e dell’inizio estate del 1849, quando le truppe francesi aggredirono militarmente la Repubblica Romana ponendo la città sotto assedio per un intero mese, Porta San Pancrazio rivestì un ruolo di primaria importanza nella difesa disperata di Roma capeggiata da Giuseppe Garibaldi.

In memoria di quell’eroica resistenza, per la quale sacrificarono la propria vita uomini come Emilio Dandolo, Luciano Manara, Goffredo Mameli, nella ricorrenza del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, Porta San Pancrazio diventa sede di un museo dedicato alla Repubblica Romana del 1849 e alla tradizione garibaldina. Luogo fortemente evocativo dei fatti, la porta costituisce anche un punto privil

In memoria di quell’eroica resistenza, per la quale sacrificarono la propria vita uomini come Emilio Dandolo, Luciano Manara, Goffredo Mameli, nella ricorrenza del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, Porta San Pancrazio diventa sede di un museo dedicato alla Repubblica Romana del 1849 e alla tradizione garibaldina. Luogo fortemente evocativo dei fatti, la porta costituisce anche un punto privil

Normali funzionamento

Allacciate le cinture, bambini, si parte! Un viaggio nel tempo e nello spazio con una guida d’eccezione, Giuseppe Gariba...
18/11/2021

Allacciate le cinture, bambini, si parte! Un viaggio nel tempo e nello spazio con una guida d’eccezione, Giuseppe Garibaldi, che in persona vi accompagnerà alla scoperta della sua infanzia e di come tutto ebbe inizio tanti anni fa per spirito di avventura, ideale di giustizia e amor di patria…
Tra aneddoti e curiosità i piccoli garibaldini, si uniranno nella squadra delle “camicie" rosse, consegnate loro dal Generale. La squadra affronterà tanti divertenti attività ludiche ripercorrendo, grazie alla storia, l'inglese e la geografia, i momenti salienti della vita dell'Eroe dei Due Mondi.
Sabato 20 novembre, in occasione della Giornata Internazionale per i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, le sale del Museo della Repubblica Roma e Memoria Garibalina faranno da sfondo alla scoperta dei diritti dei bambini di ieri e di oggi, per realizzare alla fine il proprio personale "Passaporto dei diritti", un vero vademecum giocoso da conservare come cadeau-ricordo dell’avventura vissuta insieme.
Prenotazione obbligatoria allo 060608.
Info: bit.ly/3Hpu9Tr

In occasione della Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo , il 10 ottobre, il Museo della Repubblica Romana e della ...
07/10/2021

In occasione della Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo , il 10 ottobre, il Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina propone una visita guidata per famiglie per conoscere la storia e le vicende dei patrioti e dei garibaldini ottocenteschi che con coraggio hanno gettato le basi della nostra Nazione.
Visita guidata con interpretariato LIS

Info: bit.ly/3iCprGV
Scopri il programma completo su bit.ly/FaMu_2021

[email protected] 2021. Nulla accade prima di un sogno | domenica 10 ottobre
#FAMu2021 #Famigliealmuseo

Nuovo appuntamento online sulla piattaforma Google Suite con i tradizionali appuntamenti dedicati ai possessori della Mi...
17/09/2021

Nuovo appuntamento online sulla piattaforma Google Suite con i tradizionali appuntamenti dedicati ai possessori della Mic Card, e non solo. Lunedì 20 settembre fatti, personaggi e storie per ricordare una giornata memorabile: la Breccia di Porta Pia. L’incontro “È nostra... è nostra! Roma è nostra! La breccia è aperta!”.
Per partecipare all'incontro è richiesta la prenotazione allo 060608, info: bit.ly/3hiOGh9

Nuovo appuntamento online sulla piattaforma Google Suite con i tradizionali appuntamenti dedicati ai possessori della Mic Card, e non solo. Lunedì 20 settembre fatti, personaggi e storie per ricordare una giornata memorabile: la Breccia di Porta Pia. L’incontro “È nostra... è nostra! Roma è nostra! La breccia è aperta!”.
Per partecipare all'incontro è richiesta la prenotazione allo 060608, info: bit.ly/3hiOGh9

04/08/2021

#Avviso
Dal 6 agosto l’accesso a musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre, è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di certificazione verde COVID-19 secondo quanto stabilito dal Decreto Legge n. 105 del 23 luglio 2021.
La certificazione dovrà essere mostrata all’ingresso in formato digitale o cartaceo insieme ad un documento di identità in corso di validità per l’opportuna verifica.
Prima di programmare la visita consulta le modalità d'ingresso nel Sistema Musei di Roma Capitale: bit.ly/modalitàdingresso

“Per raggiungere grandi obiettivi non bisogna solo agire e pianificare, ma anche sognare e credere", Ferdinand de Lessep...
28/05/2021

“Per raggiungere grandi obiettivi non bisogna solo agire e pianificare, ma anche sognare e credere", Ferdinand de Lesseps.

Non è incredibile pensare che una frase che coglie con tanta precisione lo spirito pragmatico e sognatore della Repubblica Romana del 1849 sia stata concepita proprio dal diplomatico francese inviato da una nazione decisa in realtà a soffocare nel sangue la giovane repubblica sorella? Piace pensare che la concentrazione di idee e ideali, pianificati e attuati con determinazione ma anche sognati appassionatamente e un po' incoscientemente nella Roma di quel cruciale anno di metà ottocento, abbiano contagiato con la loro straordinaria energia morale tutti coloro che ne vennero a contatto in quegli indimenticabili giorni... sarà forse per questo, per quella eccezionale carica di vita, che di notte, quando le luci della modernità si affievoliscono, sul Gianicolo quell'energia torna a liberarsi e farsi sentire nuovamente tra le antiche mura di Porta san Pancrazio? Storie di fantasmi infatti si rincorrono nel tempo, ma sentite un po' cosa è successo ad un certo Agostino, di notte, al Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina, tra sogno e realtà...

Anche il Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina partecipa alla #MuseumAtNightChallenge e ringrazia il Museo Napoleonico per averlo nominato e il parco di avventure scientifiche Le Pass per aver ideato l'iniziativa. L’avventura continua e sfidiamo il Museo civico del Risorgimento - Certosa di Bologna, il Museo della Guerra di Castel del Rio e il Museo Civico Lanuvino.

𝐂𝐥𝐢𝐜𝐜𝐚 𝐬𝐮𝐥𝐥𝐞 𝐢𝐦𝐦𝐚𝐠𝐢𝐧𝐢 𝐩𝐞𝐫 𝐬𝐜𝐨𝐩𝐫𝐢𝐫𝐞 𝐥𝐚 𝐬𝐭𝐨𝐫𝐢𝐚 𝐝𝐢 𝐀𝐠𝐨𝐬𝐭𝐢𝐧𝐨!

L’Assedio di Roma: o della battaglia universale per la LibertàCombattevano per l’affermazione di un principio di Libertà...
30/04/2021

L’Assedio di Roma: o della battaglia universale per la Libertà

Combattevano per l’affermazione di un principio di Libertà, di Eguaglianza, di Democrazia.
E la Libertà, l’Eguaglianza, la Democrazia non escludono bensì includono, non dividono ma uniscono, non demoliscono invece costruiscono.
Una costruzione che, a partire dall’emancipazione delle Nazioni europee, avrebbe dovuto portare Concordia e Pace universali.
In questo senso, è illuminante il IV principio fondamentale affermato e scritto nella Costituzione della Repubblica Romana, che recita: «La Repubblica riguarda tutti i popoli come fratelli: rispetta ogni nazionalità: propugna l’italiana».

#RepubblicaRomana #30Aprile #30aprile1849

L’Assedio di Roma: o della battaglia universale per la Libertà

Combattevano per l’affermazione di un principio di Libertà, di Eguaglianza, di Democrazia.
E la Libertà, l’Eguaglianza, la Democrazia non escludono bensì includono, non dividono ma uniscono, non demoliscono invece costruiscono.
Una costruzione che, a partire dall’emancipazione delle Nazioni europee, avrebbe dovuto portare Concordia e Pace universali.
In questo senso, è illuminante il IV principio fondamentale affermato e scritto nella Costituzione della Repubblica Romana, che recita: «La Repubblica riguarda tutti i popoli come fratelli: rispetta ogni nazionalità: propugna l’italiana».

#RepubblicaRomana #30Aprile #30aprile1849

Roma, 29 aprile 1849. Era una domenica soltanto all’apparenza uguale a tutte le altre; come riportato da un testimone “n...
29/04/2021

Roma, 29 aprile 1849. Era una domenica soltanto all’apparenza uguale a tutte le altre; come riportato da un testimone “nelle botteghe dei fabbri regnava un’insolita attività e gli armaioli lavoravano giorno e notte”: era la vigilia dell’ormai inevitabile scontro con i francesi capitanati dal generale Oudinot, sbarcati pochi giorni prima a Civitavecchia. Nonostante sarebbe stato impossibile alla lunga cancellare la superiorità militare, numerica e strategica degli assedianti sugli assediati, la giornata del 30 aprile rivelò un esito sorprendente, solida testimonianza della volontà collettiva dei cittadini romani di difendere la loro Repubblica. Una vera e propria vittoria militare, ottenuta sul campo, strada per strada, vicolo per vicolo che costrinse l’esercito del generale Oudinot alla ritirata. E proprio quella sera del 29 aprile del 1849 aveva iniziato ad annidarsi a Roma la paura ma anche la consapevolezza dei propri mezzi e della propria determinazione:

“Comprendemmo come Roma poteva resistere nobilmente, e ringraziammo allora il cielo che in mezzo alle sventure d’Italia, ci fosse aperto il campo”
- E. Dandolo

Roma, 29 aprile 1849. Era una domenica soltanto all’apparenza uguale a tutte le altre; come riportato da un testimone “nelle botteghe dei fabbri regnava un’insolita attività e gli armaioli lavoravano giorno e notte”: era la vigilia dell’ormai inevitabile scontro con i francesi capitanati dal generale Oudinot, sbarcati pochi giorni prima a Civitavecchia. Nonostante sarebbe stato impossibile alla lunga cancellare la superiorità militare, numerica e strategica degli assedianti sugli assediati, la giornata del 30 aprile rivelò un esito sorprendente, solida testimonianza della volontà collettiva dei cittadini romani di difendere la loro Repubblica. Una vera e propria vittoria militare, ottenuta sul campo, strada per strada, vicolo per vicolo che costrinse l’esercito del generale Oudinot alla ritirata. E proprio quella sera del 29 aprile del 1849 aveva iniziato ad annidarsi a Roma la paura ma anche la consapevolezza dei propri mezzi e della propria determinazione:

“Comprendemmo come Roma poteva resistere nobilmente, e ringraziammo allora il cielo che in mezzo alle sventure d’Italia, ci fosse aperto il campo”
- E. Dandolo

“Quella sera la città fu illuminata, le strade formicolarono di una folla acclamante e trionfante, e si sarebbero potute...
29/04/2021

“Quella sera la città fu illuminata, le strade formicolarono di una folla acclamante e trionfante, e si sarebbero potute contare sulle dita le finestre senza lumi anche nei più poveri angiporti, vecchi avanzi medievali. Non era la celebrazione di una conquista comune: dopo secoli di avvilimento, quel popolo si era finalmente riscattato a dignità, e dai più umili ai più alti, tutti sentivano che erano «di nuovo romani».”

Così descrive lo storico britannico George Macaulay Trevelyan, nella sua opera “Garibaldi e la difesa della Repubblica Romana” del 1907, lo stupore e l’euforia generati da quell’insperato successo del 30 aprile 1849. Grazie al genio militare di Garibaldi infatti, i francesi, accorsi a Roma con l’obiettivo di riconsolidare l’autorità pontificia sconfessata dall’istituzione della Repubblica Romana avvenuta pochi mesi prima, non riuscirono a sfondare le mura capitoline e furono costretti a ritirarsi e a formulare un nuovo piano d’assedio. La resistenza romana unì veramente gran parte della popolazione civile e, nonostante il dislivello militare tra i due schieramenti, seppe orgogliosamente tenere testa all’esercito francese da quel giorno, per due lunghissimi mesi di assedio. Un sacrificio che vale la pena ricordare.

“Quella sera la città fu illuminata, le strade formicolarono di una folla acclamante e trionfante, e si sarebbero potute contare sulle dita le finestre senza lumi anche nei più poveri angiporti, vecchi avanzi medievali. Non era la celebrazione di una conquista comune: dopo secoli di avvilimento, quel popolo si era finalmente riscattato a dignità, e dai più umili ai più alti, tutti sentivano che erano «di nuovo romani».”

Così descrive lo storico britannico George Macaulay Trevelyan, nella sua opera “Garibaldi e la difesa della Repubblica Romana” del 1907, lo stupore e l’euforia generati da quell’insperato successo del 30 aprile 1849. Grazie al genio militare di Garibaldi infatti, i francesi, accorsi a Roma con l’obiettivo di riconsolidare l’autorità pontificia sconfessata dall’istituzione della Repubblica Romana avvenuta pochi mesi prima, non riuscirono a sfondare le mura capitoline e furono costretti a ritirarsi e a formulare un nuovo piano d’assedio. La resistenza romana unì veramente gran parte della popolazione civile e, nonostante il dislivello militare tra i due schieramenti, seppe orgogliosamente tenere testa all’esercito francese da quel giorno, per due lunghissimi mesi di assedio. Un sacrificio che vale la pena ricordare.

A partire dal 26 aprile il Sistema Musei Civici di Roma riapre al pubblico con i suoi musei, le mostre e le aree archeol...
26/04/2021

A partire dal 26 aprile il Sistema Musei Civici di Roma riapre al pubblico con i suoi musei, le mostre e le aree archeologiche, ora anche nei fine settimana e nei festivi (1° maggio escluso).
Da lunedì si possono visitare nuovamente i Musei Capitolini, i Mercati di Traiano - Museo dei Fori Imperiali, il Museo dell'Ara Pacis. Seguono martedì 27 aprile le aperture degli altri musei del circuito: la Centrale Montemartini, il Museo di Roma, il Museo di Roma in Trastevere, la Galleria d'Arte Moderna di Roma Capitale, i Musei di Villa Torlonia, il Museo Civico di Zoologia, il Museo Barracco, Museo Napoleonico, Museo Pietro Canonicaa a Villa Borghese, il Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina, il Museo di Casal de' Pazzi, il Museo delle Mura e la Villa di Massenzio, che tornano ad accogliere i visitatori con i capolavori delle collezioni permanenti, le numerose mostre prorogate e alcune importanti novità espositive, sinora rinviate a causa della pandemia in corso.
Prima di programmare la visita consulta le modalità d'ingresso nel Sistema Musei di Roma Capitale: bit.ly/modalitàdingresso

A partire dal 26 aprile il Sistema Musei Civici di Roma riapre al pubblico con i suoi musei, le mostre e le aree archeologiche, ora anche nei fine settimana e nei festivi (1° maggio escluso).
Da lunedì si possono visitare nuovamente i Musei Capitolini, i Mercati di Traiano - Museo dei Fori Imperiali, il Museo dell'Ara Pacis. Seguono martedì 27 aprile le aperture degli altri musei del circuito: la Centrale Montemartini, il Museo di Roma, il Museo di Roma in Trastevere, la Galleria d'Arte Moderna di Roma Capitale, i Musei di Villa Torlonia, il Museo Civico di Zoologia, il Museo Barracco, Museo Napoleonico, Museo Pietro Canonicaa a Villa Borghese, il Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina, il Museo di Casal de' Pazzi, il Museo delle Mura e la Villa di Massenzio, che tornano ad accogliere i visitatori con i capolavori delle collezioni permanenti, le numerose mostre prorogate e alcune importanti novità espositive, sinora rinviate a causa della pandemia in corso.
Prima di programmare la visita consulta le modalità d'ingresso nel Sistema Musei di Roma Capitale: bit.ly/modalitàdingresso

Da 99 anni si celebra in Italia ormai la Giornata Internazionale dei diritti della donna.Un memento che sta lì a ricorda...
08/03/2021

Da 99 anni si celebra in Italia ormai la Giornata Internazionale dei diritti della donna.
Un memento che sta lì a ricordarci quanto sia stata lunga, e continui ad esserlo ancora oggi, la strada per l’emancipazione femminile e quanto questa battaglia debba essere fatta propria da tutti.
Il Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina è custode sicuro della memoria e delle storie di tante di queste donne, pioniere, combattenti, resistenti (nel senso più ampio che questi termini possono assumere).
E a noi oggi piace ricordare la loro partecipazione alla difesa di Roma del 1849 e il loro contributo anche in termini di sangue versato e vite donate alla causa della Libertà, della Democrazia, dell’emancipazione.
Le loro vite sono il seme prezioso da lasciare alla vostra riflessione, per oggi.

#DonneCultureRoma #8marzocultureroma #8marzo #cultureroma

Roma.Repubblica.Venite!Il telegramma del 9 febbraio ‘49 di Mameli a Mazzini segna un punto di svolta fondamentale nella ...
09/02/2021

Roma.
Repubblica.
Venite!

Il telegramma del 9 febbraio ‘49 di Mameli a Mazzini segna un punto di svolta fondamentale nella storia del primo Risorgimento italiano: se si poteva fare la Repubblica a Roma, la Città dei Papi, si potevano certamente unire le forze per fare l’Italia, una, indivisibile e repubblica.
Non andò proprio così, alla fine, ma il sacrificio di migliaia di patrioti non è stato vano: l’Italia è stata fatta e il respiro degli ideali di Mameli, Mazzini, Garibaldi, Armellini, si avverte ancora nelle parole della nostra Carta costituzionale, nei suoi primi dodici articoli fondamentali.

L’anniversario di oggi, perciò, è più importante di quanto non si immagini. Una festa per Roma, una festa per l’Italia.

Roma.
Repubblica.
Venite!

Il telegramma del 9 febbraio ‘49 di Mameli a Mazzini segna un punto di svolta fondamentale nella storia del primo Risorgimento italiano: se si poteva fare la Repubblica a Roma, la Città dei Papi, si potevano certamente unire le forze per fare l’Italia, una, indivisibile e repubblica.
Non andò proprio così, alla fine, ma il sacrificio di migliaia di patrioti non è stato vano: l’Italia è stata fatta e il respiro degli ideali di Mameli, Mazzini, Garibaldi, Armellini, si avverte ancora nelle parole della nostra Carta costituzionale, nei suoi primi dodici articoli fondamentali.

L’anniversario di oggi, perciò, è più importante di quanto non si immagini. Una festa per Roma, una festa per l’Italia.

Pochi giorni fa, il 3 febbraio, abbiamo festeggiato i 150 anni dell’istituzione di Roma Capitale. Questo importante trag...
08/02/2021

Pochi giorni fa, il 3 febbraio, abbiamo festeggiato i 150 anni dell’istituzione di Roma Capitale. Questo importante traguardo non sarebbe probabilmente mai stato raggiunto senza le mobilitazioni che investirono la città eterna nel 1849: sapete con che nome passò alla storia l’esperimento democratico che sorse nelle giornate di Febbraio di quell’anno?
Risolvete il rebus per scoprirlo e continuate a seguirci!

Pochi giorni fa, il 3 febbraio, abbiamo festeggiato i 150 anni dell’istituzione di Roma Capitale. Questo importante traguardo non sarebbe probabilmente mai stato raggiunto senza le mobilitazioni che investirono la città eterna nel 1849: sapete con che nome passò alla storia l’esperimento democratico che sorse nelle giornate di Febbraio di quell’anno?
Risolvete il rebus per scoprirlo e continuate a seguirci!

30/01/2021
Roma Culture: pronti alla riapertura del Sistema Musei civici

Da lunedì 1° febbraio, la bellezza dell’arte torna a disposizione di tutti grazie alla riapertura del Sistema Musei di Roma Capitale, promossa da Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.

Sono di nuovo aperti al pubblico i Musei Capitolini, Museo di Roma a Palazzo Braschi, Museo dell'Ara Pacis, Museo di Roma in Trastevere, Galleria d'Arte Moderna di Roma Capitale, Musei di Villa Torlonia, Museo Civico di Zoologia, Museo Barracco, Museo Napoleonico, Museo Pietro Canonica a Villa Borghese, Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese, Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina, Museo di Casal de' Pazzi, Museo delle Mura, Villa di Massenzio.

Maggiori informazioni: bit.ly/3tcivnC
#CultureRoma

Indirizzo

Largo Di Porta San Pancrazio
Rome
00153

Orario di apertura

Martedì 10:00 - 14:00
Mercoledì 10:00 - 14:00
Giovedì 10:00 - 14:00
Venerdì 10:00 - 14:00
Sabato 10:00 - 14:00
Domenica 10:00 - 14:00

Telefono

060608

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta Il Museo

Invia un messaggio a Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina:

Video

MIC Card

La validità delle MIC attive è prorogata di tre mesi per compensare il periodo di chiusura totale dei musei per l'emergenza COVID 19.

PER ACCEDERE AI MUSEI ti ricordiamo che: - l’accesso al Museo è consentito con prenotazione obbligatoria e gratuita chiamando lo 060608; - l’accesso al Museo è consentito solo muniti di mascherina; - prima di entrare al Museo dovrai passare davanti al termoscanner. In presenza di temperatura superiore a 37,5° non sarà consentito l’accesso; - si consiglia di portare con sé solo borse di piccolo formato; - all’interno del museo sarà necessario mantenere la distanza di sicurezza e evitare assembramenti, a meno che non si tratti di un nucleo familiare.

Per le modalità di visita consulta l’avviso.

Musei nelle vicinanze


Commenti

MA CHE DOMENICA MUSEALE! Quale miglior modo di accogliere e festeggiare l’arrivo di ottobre se non quello di visitare gratuitamente una mostra o un museo di Roma? Domenica 3 ottobre, come ogni prima domenica del mese, si rinnova l'occasione per tutti (residenti e non) di accedere gratuitamente ai musei civici, mostre e siti archeologici della città, con prenotazione obbligatoria, entro venerdì 1 ottobre allo 060608. E così si potranno ammirare i capolavori delle collezioni permanenti e le numerose mostre temporanee in corso dei Musei Capitolini, Mercati di Traiano - Museo dei Fori Imperiali, Museo dell'Ara Pacis, Centrale Montemartini, Museo di Roma, Museo di Roma in Trastevere, Galleria d'Arte Moderna di Roma Capitale, Musei di Villa Torlonia, Museo Civico di Zoologia, Museo Di Scultura Antica Giovanni Barracco, Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese, Museo Napoleonico, Museo Pietro Canonica a Villa Borghese, Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina, Museo di Casal de' Pazzi, Museo delle Mura e Villa di Massenzio! Domenica 3 ottobre 2021 ingresso gratuito nel Sistema Musei di Roma Capitale Info su #CultureRoma: Bit.ly/3l5fd3P #MiC
Ad Arquata del Tronto pernottò Giuseppe Garibaldi durante il tragitto che lo portava a Roma per la difesa della Repubblica Romana. Lo ricorderemo il 22 agosto. https://www.facebook.com/events/561272298390494/?ref=newsfeed
🖼️ Il 4 luglio, prima domenica del mese, torna l'ingresso gratuito per tutti – residenti e non – nei Musei in Comune Roma , nelle aree archeologiche del Circo Massimo e dei Fori Imperiali, nel percorso pedonale dell’area archeologica del Teatro di Marcello e nel Mausoleo di Augusto (per chi è già munito di prenotazione). 📌 Per partecipare alla terza domenica gratuita del 2021, promossa da Culture Roma , Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali , è obbligatoria la prenotazione allo 060608 entro oggi, venerdì 2 luglio, oppure nei Tourist Infopoint. Con la prenotazione si possono visitare i Musei Capitolini, i Mercati di Traiano - Museo dei Fori Imperiali, il Museo dell'Ara Pacis , la Centrale Montemartini, il Museo di Roma, il Museo di Roma in Trastevere, la Galleria d'Arte Moderna di Roma Capitale, i Musei di Villa Torlonia, il Museo Civico di Zoologia, il Museo Barracco di Scultura Antica, il Museo Carlo Bilotti - Aranciera di Villa Borghese, il Museo Napoleonico , il Museo Pietro Canonica a Villa Borghese, il Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina, il Museo di Casal de' Pazzi, il Museo delle Mura e la Villa di Massenzio. Info 👉bit.ly/3jAEzWF 📞 060608 #domenicaalmuseo
Continuano online sulla piattaforma Google Suite i tradizionali appuntamenti dedicati ai possessori della Mic Card, e non solo. Mercoledì 16 appuntamento con i Mercati di Traiano - Museo dei Fori Imperiali per un approfondimento sul cosiddetto “Corpo centrale”, il lungo corpo di fabbrica che delimita, la via Biberatica, con un andamento a linea spezzata e la sua alta facciata scandita da grandi finestre. A cura di Lucia Cianciulli. Info: bit.ly/3pIpq6M Giovedì 17 invece, insieme al Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina scopriamo chi era Anita, sposa sudamericana di Giuseppe Garibaldi, cavallerizza dal temperamento volitivo e virile ma profondamente femminile nel rapporto con l'amatissimo Josè. Info: bit.ly/2RJf3TE
🖼️ Il 6 giugno, prima domenica del mese, torna l'ingresso gratuito per tutti – residenti e non – nei Musei in Comune Roma, nelle aree archeologiche del Circo Massimo e dei Fori Imperiali, nel percorso pedonale dell’area archeologica del Teatro di Marcello e nel Mausoleo di Augusto (per chi è già munito di prenotazione). 📌 Per partecipare alla seconda domenica gratuita del 2021, promossa da Culture Roma, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, è obbligatoria la prenotazione allo 060608 entro oggi, venerdì 4 giugno e nei Tourist Infopoint entro sabato 5 giugno. Con la prenotazione si possono visitare i Musei Capitolini, i Mercati di Traiano - Museo dei Fori Imperiali, il Museo dell'Ara Pacis, la Centrale Montemartini, il Museo di Roma, il Museo di Roma in Trastevere, la Galleria d'Arte Moderna di Roma Capitale, i Musei di Villa Torlonia, il Museo Civico di Zoologia, il Museo Barracco di Scultura Antica, il Museo Carlo Bilotti - Aranciera di Villa Borghese, il Museo Napoleonico, il Museo Pietro Canonica a Villa Borghese, il Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina, il Museo di Casal de' Pazzi, il Museo delle Mura e la Villa di Massenzio. Info 📞 060608 bit.ly/3z5hCQC
"Quando Bologna non vi erga una statua coi piedestalli che sostengono i simulacri delle sozzure e delle nostre vergogne, o sarà schiacciata sotto il peso di barbare dominazioni o di Bologna non si troveranno nemmeno le vestigia!" Giuseppe Garibaldi il 16 agosto 1859 giunse in Certosa per rendere omaggio ad Ugo Bassi, suo compagno di tante battaglie, fucilato dagli austriaci l'8 agosto 1849. Non abbiamo mancato di ricordare questo momento in tante occasioni, non ultima di sera nel Cimitero monumentale di Bologna, di cui curiamo il progetto di valorizzazione. Vuoi saperne di più sulle prossime serate in Certosa? Vai qui 👉 https://bit.ly/3vFNpFK www.certosadibologna.it www.museibologna.it/risorgimento Foto: Sono pronto, parto con Garibaldi! Rievocazione in costume dedicata ai bolognesi che partirono volontari al fianco dell'Eroe dei due mondi, 8 luglio 2020. A cura di Museo civico del Risorgimento | Istituzione Bologna Museo in collaborazione con Associazione 8cento. Foto Michele Brusa. Anche il nostro Museo partecipa alla #MuseumAtNightChallenge e ringraziamo il Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina per averci nominato e il parco di avventure scientifiche Le Pass per aver ideato l'iniziativa.
"Voi vedete il buio, io preferisco contemplare le stelle. Ognuno ha il suo modo di guardare la notte”, Victor Hugo. Nottetempo, lontani da sguardi indiscreti, i personaggi degli acquerelli di Ferdinand Bac hanno abbandonato i cassetti del Museo Napoleonico per invadere impunemente le sale e far festa fino all’alba. Conversano, ballano, spettegolano, e c’è persino chi non nasconde atteggiamenti ammiccanti, come Napoleone III, in primo piano, e la Dama di Castiglione, che sembra appena essersi voltata, elegantemente adagiata sul divano da centro. Un tripudio di stoffe eleganti e un bouquet di abiti vaporosi invadono la Sala Secondo Impero, all'insaputa di tutti... o no? Qualcuno forse li osserva? Grazie al Museo delle Mura per la challenge e al parco di avventure scientifiche Le Pass per aver ideato l'iniziativa. Il Museo Napoleonico di Roma rilancia e sfida il Museo Carlo Bilotti, il Museo dell'Ara Pacis e il Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina
🏛️ Mausoleo Ossario garibaldino e Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina, oggi 30 aprile apertura straordinaria. Dalle ore 9 alle 19, con accensione dei bracieri, in ricordo della eroica resistenza di Roma il 30 aprile del 1849 a difesa della Repubblica Romana. Leggi 👉bit.ly/3vwF9Yh
Sperando di fare cosa gradita. I personaggi sono in 1/72. In buona parte autocostruiti