M.U.Ro - Museo Urban di Roma

M.U.Ro - Museo Urban di Roma M.U.Ro. - Museo Urban di Roma è il primo museo di Urban Art a Roma ed è il primo progetto di museo completamente integrato nel tessuto sociale, come la forma d'arte di cui si occupa: la Street Art.

Fondato nel 2010 dall'artista David "Diavù" Vecchiato il Museo di Urban Art di Roma (MURo) è il museo di Urban Art della città di Roma. E' il primo progetto di museo completamente integrato nel tessuto sociale, come la forma d'arte che segue, promuove e produce: la Street Art. Il MURo è un progetto site-specific, ovvero ideato per far relazionare gli artisti con la conformazione e la storia dei lu

Fondato nel 2010 dall'artista David "Diavù" Vecchiato il Museo di Urban Art di Roma (MURo) è il museo di Urban Art della città di Roma. E' il primo progetto di museo completamente integrato nel tessuto sociale, come la forma d'arte che segue, promuove e produce: la Street Art. Il MURo è un progetto site-specific, ovvero ideato per far relazionare gli artisti con la conformazione e la storia dei lu

Normali funzionamento

Su La Lettura - Corriere della Sera di oggi
03/10/2021

Su La Lettura - Corriere della Sera di oggi

Su La Lettura - Corriere della Sera di oggi

«All’inferno ci vado… in camicia hawaiana» ha scritto appena arrivato all’ospedale, sempre ironico e pieno di vita, quel...
27/08/2021

«All’inferno ci vado… in camicia hawaiana» ha scritto appena arrivato all’ospedale, sempre ironico e pieno di vita, quel genio di Kampah.
💔
Nelle parole di suo fratello: «Vive dentro di noi, con noi, non ci abbandona. Ci ricorda che l'impossibile è possibile, che la vita vale solo se vissuta fino in fondo come ha fatto lui».
Sentite condoglianze ai famigliari dallo staff di MURo, che con Flavio ha condiviso tanti momenti matti durante GRAArt (qua sotto avevamo allestito il suo studio all’aperto davanti al suo grande murale a Roma). 😢

«All’inferno ci vado… in camicia hawaiana» ha scritto appena arrivato all’ospedale, sempre ironico e pieno di vita, quel genio di Kampah.
💔
Nelle parole di suo fratello: «Vive dentro di noi, con noi, non ci abbandona. Ci ricorda che l'impossibile è possibile, che la vita vale solo se vissuta fino in fondo come ha fatto lui».
Sentite condoglianze ai famigliari dallo staff di MURo, che con Flavio ha condiviso tanti momenti matti durante GRAArt (qua sotto avevamo allestito il suo studio all’aperto davanti al suo grande murale a Roma). 😢

❤
13/06/2021

Finito il primo turno di visita al #QuadraroVecchio per ammirare il museo a cielo aperto ideato da M.U.Ro - Museo Urban di Roma. Alle 15.00 si replica. Sempre insieme a Francesca Pagliaro (La Frakkia) di Joy of Rome.

Vi ricordiamo che siamo in candidatura per i TIES AWARD. Per votarci bastano pochi passi:
- Registrarsi come VOTERS qui: https://bit.ly/35aKjxR
- Completate la registrazione e andate qui: https://bit.ly/3xg4Ltf
VOTATE E FATE VOTARE L'ECOMUSEO CASILINO

#Quadraro #StreetArt #Muro #Rome #Roma #OpenAir #Tour #EcomuseoCasilino #MuroMuseum #UrbanArt

«Di recente qualcuno di mi ha chiesto: "state facendo diventare vandali dei bambini?". Beh si, e sarebbe anche ora!». Da...
11/06/2021
Storia e street art, con 'Il tempo delle noci' bambini tornano a giocare

«Di recente qualcuno di mi ha chiesto: "state facendo diventare vandali dei bambini?". Beh si, e sarebbe anche ora!».
David Diavù Vecchiato e Giovanna Piergentili di Città del sole intervistati da Agenzia di stampa DIRE sul progetto "Il tempo delle noci" di Città del Sole e M.U.Ro - Museo Urban di Roma.

Un progetto per coinvolgere i bambini, dopo il lungo periodo di limitazioni e isolamento, attraverso il gioco e la street art. Città del sole in collaborazio...

E di un Museo dell'Urban Art delle Madonie che ne pensate?ARTISTI, partecipate alla CALL di I ART Madonie!!!È molto di p...
08/06/2021
ONLINE LA CALL FOR ARTISTS DI I ART MADONIE - I ART MADONIE

E di un Museo dell'Urban Art delle Madonie che ne pensate?
ARTISTI, partecipate alla CALL di I ART Madonie!!!
È molto di più di un festival!
Un percorso artistico-culturale tra 18 paesi della Sicilia che voi stessi potrete creare grazie alle vostre opere e alla connessione che saprete stabilire coi luoghi e le persone che vi ospiteranno...

Da oggi, 10 maggio, e fino al 18 giugno è possibile partecipare alla Call for artists internazionale per rientrare tra i 48 artisti che saranno chiamati a produrre un numero rilevante di opere di street art nei 18 comuni partner del progetto (Alimena, Aliminusa, Bompietro, Caltavuturo, Castelbuono,...

Venerdì 28 maggio ci siamo incontrati con Diavù, Mirko Pierri e Giovanna Piergentili a Roma nel negozio Città del sole T...
07/06/2021

Venerdì 28 maggio ci siamo incontrati con Diavù, Mirko Pierri e Giovanna Piergentili a Roma nel negozio Città del sole Trastevere in via Roma Libera per un nuovo appuntamento con "Il tempo delle noci". Il gioco assegnato al laboratorio di Street art in questo punto vendita è “Palla rubata”. Un partecipante al centro deve riuscire ad afferrare la palla che gli altri si stanno lanciando a vicenda. Abbiamo giocato per strada, in Piazza San Cosimato, di fronte al negozio. I bambini (anzi le bambine, perché stavolta tutte femmine!), con addosso i grembiulini rossi per essere riconosciute tra la gente (guai se un passante era vestito di rosso!), si sono disposte in cerchio ed hanno cominciato a
giocare. Le idee sono subito state stimolate dal gioco e, nel giro di poco, hanno iniziato a disegnare, posizionandosi sul muretto di un’aiuola. Anche questa volta molto interessanti ed intuitive le idee che sono scaturite. Animali dalla forma tonda, come la tartaruga (Aurora), la coccinella (Diana), la medusa e la balena (Irene) e il maiale. Ma anche le traiettorie compiute dalla palla, stilizzate come un fumetto (Tea), o che si trasformano in colore (Olivia). Perfino una palla rappresentata nel suo stesso movimento, come se si
scomponesse in righe e fosse della stessa materia colorata e infuocata del sole (Annie). Poi temi naturali come un vaso
di fiori (Flaminia) o un albero. Anche il tema del tempo: la circolarità che porta alla forma dell’orologio. E
una sorta di sintesi che disegna una mano con una palla (Carolina). Il risultato è un “vetrales” (ormai li
chiameremo sempre così!) colorato e coinvolgente, al quale avrebbero aggiunto tratti all’infinito. Anche la piccola
Azzurra, sorellina di un’iscritta, ha voluto lasciare la sua impronta puntinando, armata di pennello. Lo
impugnava con la tenacia di una guerriera, che nessuno avrebbe potuto fermare o zittire, piena com’era di
volontà di espressione. Vedete in foto cosa ha ispirato alle piccole street artist il magico oggetto della palla, che racchiude l’imprevedibilità e il caos, ma anche la
fiamma e la prontezza.

Foto del "vetrales" di Giulia Cirillo.
Foto del laboratorio di Matteo Mat Nardone.
Grazie di cuore a Gruppo Ivas per le vernici e a Crayola per gli omaggi ai bimbi.
"Il tempo delle noci" è un progetto artistico-culturale di mostra diffusa di opere e laboratori di Street art ideato da Diavù e Giovanna Piergentili, realizzato da Città del sole e Associazione Culturale M.U.Ro - Museo Urban di Roma, col Patrocinio del Comune di Roma.

#iltempodellenoci #diavù #cittàdelsole #muromuseum #roma #streetart #workshop #vetrales

Sabato 29 maggio ci siamo incontrati con Diavù, Mirko Pierri e Giovanna Piergentili per un nuovo laboratorio de "Il temp...
07/06/2021

Sabato 29 maggio ci siamo incontrati con Diavù, Mirko Pierri e Giovanna Piergentili per un nuovo laboratorio de "Il tempo delle noci" nel Punto vendita di Città del Sole - Roma Oderisi in via Oderisi da Gubbio a Roma per scoprire e rappresentare il gioco dei dadi.
Nell’Antica Roma i dadi venivano lanciati e chi faceva il punteggio più basso, detto del cane, perdeva. Vinceva invece chi otteneva il più alto con il tiro di Venere. gli 11 bambini partecipanti hanno brevemente giocato, e poi si sono impegnati molto nella realizzazione dei bozzetti per il nuovo "vetrales". Un tema ricorrente è stato quello del
robot-dado (Samuel, Eleonora e Flavio), collocato tra spazio (Eleonora) e terra (Ludovica), un robot che fa la
guardia all’arcobaleno (Flavio), ma inspirato anche ad altre suggestioni: le finestre quadrate di una fattoria
(Caterina); il negozio stesso nel quale si stava giocando (Alessio), cubetti di ghiaccio o strisce pedonali avvicinando più dadi (Linda). L’unione dei dadi ha mostrato infinite possibilità a Jago. Emiliano ha invece dato alla faccia di dado dell'1 un volto dettagliato. Il “vetrales” ha saputo riassumere tutto questo, mostrando molteplicità di idee e prospettive insite nel lancio casuale, stimolando la curiosità per il futuro e per il mondo in cui viviamo, con lo sguardo sognante e pieno di progetti, come pianeti nello spazio.
Il gioco condiviso e l'immaginazione libera continuano a guidare i workshop di Street art di Diavù de "Il tempo delle noci"...

Foto di Giulia Cirillo.
Grazie di cuore a Gruppo Ivas per le vernici e a Crayola per gli omaggi ai bimbi.
"Il tempo delle noci" è un progetto artistico-culturale di mostra diffusa di opere e laboratori di Street art ideato da Diavù e Giovanna Piergentili, realizzato da Città del sole e Associazione Culturale M.U.Ro - Museo Urban di Roma, col Patrocinio del Comune di Roma.

#iltempodellenoci #diavù #cittàdelsole #muromuseum #roma #streetart #workshop #vetrales

Eccoci a raccontarvi un nuovo "vetrales" del progetto "Il tempo delle noci"! Mercoledì 26 maggio ci siamo ritrovati con ...
06/06/2021

Eccoci a raccontarvi un nuovo "vetrales" del progetto "Il tempo delle noci"! Mercoledì 26 maggio ci siamo ritrovati con Diavù, Mirko Pierri e Giovanna Piergentili nel negozio Città del sole Roma Appia. All'incontro di questa volta era stato assegnato proprio il gioco che dà il titolo a tutto il progetto, cioè Il gioco delle noci "nuces castellatae". Nell’antica Roma i bambini avevano sempre, appeso alla cintura, un sacchetto di noci con le quali facevano numerosi giochi, le vincevano e le perdevano, erano una sorta di gettoni o di soldi.
I quattro partecipanti al workshop, di fronte al vassoio di noci, inizialmente sono stati titubanti nel provare a giocare.
Emma ci ha raccontato che è solita dipingere il guscio con delle faccine; gli altri che a volte le usano come biglie. Comunque, nel momento in cui hanno cominciato, si sono appassionati. Bisognava lanciare una noce su un gruppo di tre senza sparpagliarlo, ma anzi facendo si che questa resti in equilibrio sulle tre componendo la forma di un castello di noci appunto. Questo è lo scopo del gioco.
Abbiamo pian piano capito che il segreto era in lancio quasi distratto, canzonatore. Poi è arrivato il momento del disegno. La scorza dura della noce ha suscitato sentimenti forti. E così Federico, rompendole come se fossero esplosive, ha immaginato l’interno del corpo umano, Emma delle noci con fiamme,
Marcello un robot composto di noci, Filippo una grande piramide. Tutta questa carica, che è davvero fuoriuscita dal gioco come i bambini dal guscio, si è ben espressa sulla vetrina.
I quattro hanno creato un “vetrales” (parola coniata da Federico) dal titolo "L'Apocalisse delle noci", nel quale buoni e cattivi si contendono, e la cosa più bella è che i
buoni sono forti e non fragili, forse perché per rompere quel guscio ci sono voluti tanto coraggio e determinazione.

Foto di Giulia Cirillo.
Grazie di cuore a Gruppo Ivas per le vernici e a Crayola per gli omaggi ai bimbi.
"Il tempo delle noci" è un progetto artistico-culturale di mostra diffusa di opere e laboratori di Street art ideato da Diavù e Giovanna Piergentili, realizzato da Città del sole e Associazione Culturale M.U.Ro - Museo Urban di Roma, col Patrocinio del Comune di Roma.

#iltempodellenoci #diavù #cittàdelsole #muromuseum #roma #streetart #workshop #vetrales

Diavù, Ecomuseo Casilino Ad Duas Lauros, ARIA diavù ❤️E al Quadraro sbocciano le margherite.
03/06/2021

Diavù, Ecomuseo Casilino Ad Duas Lauros, ARIA diavù ❤️
E al Quadraro sbocciano le margherite.

Diavù sta ultimando un nuovo murale dal titolo “Le margherite sono le nuvole del prato” sul muro della ASL che si trova all'incrocio tra via dei Levii e via del Quadraretto.

Il murale è prodotto dall'Ecomuseo Casilino, su commissione del Municipio Roma VII, ed è una delle declinazioni del progetto ARIA diavù ideato dall'artista romano e fa parte di un percorso di #landmarking che dovrebbe completarsi con l'intitolazione della piazza a Don Roberto Sardelli (il titolo del murale vi dovrebbe ricordare qualcosa), come deciso dalla consultazione pubblica che abbiamo portato avanti lo scorso anno (progetto ad oggi bloccato per questioni burocratiche)

#AriaProject #Aria #Diavù #AriaRM7 #EcomuseoCasilino #Quadraro #Municipio7 #Roma #StreetArt #UrbanArt

Photos from Città del sole Roma Appia's post
29/05/2021

Photos from Città del sole Roma Appia's post

Sabato 22 maggio ci siamo incontrati di nuovo alle ore 17 con Diavù e Mirko Pierri, stavolta nel negozio Città del sole ...
26/05/2021

Sabato 22 maggio ci siamo incontrati di nuovo alle ore 17 con Diavù e Mirko Pierri, stavolta nel negozio Città del sole Roma Somalia di Viale Somalia. Ad accoglierci Gabriela e Fabio, i titolari. Per farci cimentare tutti nel nuovo gioco erano pronte a terra due strisce di nastro di carta, abbastanza distanti tra loro. Una era il punto di partenza dal quale lanciare una fiches, cercando di avvicinarsi il più possibile all’altra striscia senza oltrepassarla. Così i bimbi in antichità giocavano a "nummum lactare", lanciando una moneta a turno.
I 10 bambini hanno voluto provare più volte, entusiasmandosi ed alternando il gioco al disegno delle idee. La prima è stata quella di Emanuele, che ha immaginato le fiches lanciate sul campo come puntini da unire a formare un serpente. Cesare ha poi pensato alle costellazioni. L’idea del campo di gioco è stata ricorrente (Anna, Davide e Flavia). Elena ha calpestato per sbaglio il foglio, sporcandolo con l’impronta della suola della scarpa (la cui suola ha proprio cerchi come monete e linee come strisce di carta!), e ha avuto lo slancio di trasformare l’errore in un disegno stilizzato. Anche le forme stilizzate sono state un tema frequente: cerchi che gareggiano per non sovrapporsi con altri cerchi (Emanuele), colorate e con fulmini (Mavi). Anche Cesare, che ha disegnato un personaggio (uno street artists!), lo ha poi colorato con una trama f***a di righe. Il lancio delle fiches ha ricordato quello del riso ai matrimoni (Caterina) ed uno schiaffo in faccia a Flavia.
Il risultato è una vetrina particolarissima, nella quale l’astratto e il geometrico racchiudono domande, risposte e soluzioni della bambina raffigurata al centro, con lo schiaffo rosso in faccia. Ma più che riceverlo, forse è proprio lei ad offrirlo a chi guarda. Quello schiaffo che ci dice: “Svegliaaaaa!”.

#iltempodellenoci #diavù #cittàdelsole #muromuseum #roma #streetart #workshop
Foto di Giulia Cirillo.
Grazie a Gruppo Ivas per le vernici e a Crayola per gli omaggi ai bimbi.

"Il tempo delle noci" è un progetto artistico-culturale di mostra diffusa di opere e laboratori di Street art ideato da Diavù e Giovanna Piergentili, realizzato da Città del sole e Associazione Culturale MURo, col Patrocinio del Comune di Roma.

Venerdì 21 maggio ci siamo ritrovati alle ore 17 con Diavù e Mirko Pierri per il 3° appuntamento coi workshop di Street ...
25/05/2021

Venerdì 21 maggio ci siamo ritrovati alle ore 17 con Diavù e Mirko Pierri per il 3° appuntamento coi workshop di Street art di M.U.Ro - Museo Urban di Roma e Città del sole nel nuovo punto vendita Città del Sole Roma Viale Europa. Ad accoglierci di nuovo Tiziana, titolare anche del negozio del precedente workshop a Baldovinetti. Il gioco che abbiamo sperimentato è il "penthelita", e consiste nel lanciare una moneta dal palmo della mano cercando di riprenderla con il dorso. I bambini hanno cominciato fiduciosi e, forse proprio grazie a questa fiducia, nel giro di poco si sono cominciate a sentire le prime espressioni di riuscita, nonostante non fosse semplicissimo. Essendoci spazio esterno e sole, il laboratorio si è svolto completamente in strada, portandoci più realisticamente nel tempo, all’antichità. Il denaro, come anche le noci, nel passato erano quindi sia merce di scambio che gioco, e questo credo possa significare che il gioco stesso avesse un valore tangibile. Su un muretto obliquo, che sembrava fatto apposta, abbiamo fissato dei fogli, e i bambini hanno quindi iniziato a rappresentare i loro pensieri. Per Giulia le monete lanciate, che volano per riatterrare sulla mano, sono come fiamme, Laila ha disegnato la forma di una mano, Anna un libro ("the Book of pence"), per Francesco quelle monete sono come una TV comprata su un sito di prodotti a basso costo (beh, stavamo giocando coi 5 centesimi d'altronde...), per Nicola un tornado, per Bianca la finestra tonda nel tetto di una casa, per Caterina una farfalla. Beatrice le ha posizionate tra le nuvole. Giulia e Sofia le hanno trasformate in occhi, Gabriele in pioggia. Giorgio ha utilizzato la forma circolare per disegnare un mappamondo (il mappasoldo?). Il risultato di questo nuovo murale su vetro è una vetrina tempestata di bolle, e ciascuna racchiude un microcosmo, la fantasia di ogni singolo bambino. Come nelle monete vi sono incise le immagini in queste bolle i nostri 11 artisti hanno inciso le loro idee. Tante bolle come pioggia che cade, ma leggere per volare.

#iltempodellenoci #diavù #cittàdelsole #muromuseum #roma #streetart #workshop
Foto di Giulia Cirillo.
Grazie di cuore per le vernici a Gruppo Ivas e a Crayola per gli omaggi ai bimbi.

"Il tempo delle noci" è un progetto artistico-culturale di mostra diffusa di opere e laboratori di Street art ideato da Diavù e Giovanna Piergentili, realizzato da Città del sole e Associazione Culturale MURo, col Patrocinio del Comune di Roma.

Eccolo il nostro secondo appuntamento coi workshop di Street art di M.U.Ro - Museo Urban di Roma e Città del sole per il...
24/05/2021

Eccolo il nostro secondo appuntamento coi workshop di Street art di M.U.Ro - Museo Urban di Roma e Città del sole per il progetto "Il tempo delle noci", con Diavù e Mirko Pierri.
Quello che vedete in foto è il risultato finale, qualcosa di cui i bambini potranno essere fieri a lungo, e che rappresenta immagine e parola di ciò che l’ha generato.
I bambini sono arrivati, sempre intorno alle cinque, nel negozio Città del Sole Roma EUR di via Baldovinetti, dopo la scuola e le loro attività pomeridiane, accompagnati da un genitore. Portando con sé quella curiosità priva di pregiudizio, ed invece semplicemente piena di speranza, che è tipica della loro età; quando i sorrisi, anche se sono coperti dalle mascherine, riescono a brillare dagli occhi e nei movimenti mai arresi.
Dopo aver indossato i grembiulini rossi, i piccoli artisti hanno giocato al domino con delle bellissime e grandi tessere di legno, messe a disposizione da Tiziana, la titolare del negozio, forse non molto diverse da quelle usate nell’antichità, anche se le regole oggi sono state un po’ rivisitate. In passato il gioco era “ad eliminazione di carte uguali” Sofia, invece, che è stata la prima ad iniziare, ha spiegato agli altri di far combaciare due metà di identico valore, creando una sequenza.
Ma poi le tessere sono state usate in mille modi diversi. Per costruire case (Sara), cascate, personaggi (Samuel e Linda). A Giulia hanno fatto ve**re in mente un telefono (i tasti), un leopardo (le macchie), un muro (i mattoni), ad Asia un geco, la Pimpa. Perfino del cibo tossico in mensa :) E ancora, si è immaginato che le tessere fossero una tavoletta di cioccolato, una coccinella, per via dei puntini dei numeri, un telecomando, una radio, occhiali, un visore di realtà aumentata. Altri hanno istintivamente assorbito dal domino un concetto di ordine nello scrivere, come Valerio, che ha disegnato una sequenza di lettere colorate, convinto che però non sarebbe stato capace di dipingerle davvero sul murale-vetrina. E invece ha detto che avrebbe provato e si è coraggiosamente buttato a usare sia pennello che vernici spray con magnifici risultati! Fare o non fare, non c'è provare :)
Quello che è emerso, anche a questo incontro, è che il gioco guida i pensieri, l'immaginazione, i sogni, i comportamenti di chi ne fa parte, detta delle regole condivise anche se non scritte, crea un linguaggio in codice tra i partecipanti, come una lingua nuova, comprensibile solo per chi ci crede.
Per questo è importante, tanto quanto a volte invisibile.
È emerso anche che l'arte fornisce dei mezzi per esprimere tutto questo a chi sta a guardare, invitandolo a partecipare.
I bambini sono stati tutti coesi, con una divisione di compiti nella realizzazione del murale, abilmente guidati da Mirko e Diavù, e il risultato eccolo… una sequenza che corre dal basso fino a sollevarsi in volo. Ogni bambino ha portato via con sé una tessera del domino, autografata dall’artista, su suggerimento di Tiziana.
Ricordo e simbolo di questo pezzo di strada “giocato” insieme.

#iltempodellenoci #diavù #cittàdelsole #muromuseum #roma #streetart #workshop
Foto dell'opera di Giulia Cirillo.
Foto del workshop di Matteo Mat Nardone
Grazie di cuore per le vernici a Gruppo Ivas e a Crayola per gli omaggi ai bimbi.
"Il tempo delle noci" è un progetto artistico-culturale di mostra diffusa di opere e laboratori di Street art ideato da Diavù e Giovanna Piergentili, realizzato da Città del sole e Associazione Culturale MURo, col Patrocinio del Comune di Roma.

Indirizzo

Rome
00175

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando M.U.Ro - Museo Urban di Roma pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta Il Museo

Invia un messaggio a M.U.Ro - Museo Urban di Roma:

Video

Digitare

M.U.Ro. Story

Fondato nel 2010 dall'artista David Diavù Vecchiato (facebook.com/diavu) il Museo di Urban Art di Roma (MURo www.muromuseum.com) è il museo diffuso di Urban Art della città di Roma. E' il primo progetto di museo completamente integrato nel tessuto sociale, come la forma d'arte che segue, promuove e produce: la Street Art. Il MURo è un progetto site-specific, ovvero ideato per far relazionare gli artisti con la conformazione e la storia dei luoghi di convivenza sociale dove realizzano le proprie opere. Il MURo è un progetto community-specific, ovvero mira a percepire e rispettare lo "spirito dei luoghi" in cui interviene e punta ad essere condiviso coi cittadini, creando confronto tra loro e gli artisti, e valorizzando le loro idee e le loro storie (soprattutto con coloro che vivono o frequentano le aree interessate dalle opere). La collezione di opere di Street Art nella Capitale, principalmente murales, appartiene alla comunità ed attualmente comprende oltre 30 lavori nel Quartiere Quadraro (fermata metro A Porta Furba), una decina nel quartiere Torpignattara, 5 scalinate (per il progetto Popstairs) in varie aree della città (e una all’ingresso del Museo Archeologico Nazionale di Napoli), e attorno al Grande Raccordo Anulare conta 17 murales per il progetto GRAArt (www.graart.it). Tutte queste opere sono state realizzate da importanti firme dell'Arte Contemporanea di tutto il mondo. Il MURo - Museo Urban di Roma è un progetto di museo urbano che nasce dunque "dal basso" - ovvero non è nato come imposto ai cittadini e al territorio da amministrazioni, curatori, finanziatori, sponsor o altri fattori esterni - le cui opere sono state proposte, discusse e raccontate ai rappresentanti dei comitati di quartiere e ai cittadini stessi con l’intento di rafforzare l’accoglienza di luoghi di Roma mai destinati prima ad accogliere cittadinanza non-locale. Ma allo stesso tempo è un progetto che ha tra le proprie firme grandi nomi dell’Urban Art mondiale e che mira a stimolare il ritorno dell’Arte Pubblica nelle nostre città. Il lavoro di realizzazione è curato dallo staff del MURo, diretto dall'ideatore del progetto David Diavù Vecchiato ed amministrato dall'Associazione Culturale MURo, che dal 2012 realizza opere di Arte Urbana in tutta Italia. DOVE: Il MURo vede la luce nel 2010 grazie ai primi murales realizzati da Diavù nell'area storica del quartiere Quadraro, all'incrocio tra il V e il VII Municipio del Comune di Roma, e ha attualmente opere visitabili anche in altri quartieri della città. In attesa di offrire anche una piattaforma stabile ai propri visitatori il MURo è per ora un museo all'aperto, una collezione di opere di artisti di tutto il mondo realizzate per i cittadini nelle strade e in altri spazi, privati e pubblici del Comune di Roma. Vai a MAP su www.muromuseum.com per scoprire dove sono i murales e i percorsi suggeriti per visitarli. QUANDO: Il MURo, dopo i due anni iniziali di gestazione in cui sono stati realizzati i primi 4 murales, prende ufficialmente il via a primavera/estate del 2012 con l’omonima Associazione Culturale. Vai a CALENDAR su www.muromuseum.com per scoprire le date della realizzazione dei murales, passati e futuri. COSA: L'idea alla base del MURo è trasformare alcune aree della città di Roma in percorsi di un museo a cielo aperto dove l'Arte Contemporanea abbia la possibilità di interagire quotidianamente coi cittadini, così come avviene nelle strade delle città di tutto il mondo grazie alle opere spontanee di Street Art. Gli interventi artistici sono però in questo caso suggeriti e guidati da una curatela che mira a rapportarsi coi cittadini che vivono e frequentano quegli spazi, oltre che con la storia degli spazi stessi e con gli artisti, con l'intento di realizzare opere che siano davvero volute, condivise ed apprezzate. Stimolare un Rinascimento dell'arte pubblica è uno degli obiettivi del MURo. M.U.Ro. STAFF Director & Art Curator: David "Diavù" Vecchiato Associate Director: Serena Melandri Executive Assistant: Cristina Ciampaglione Artists’ Assistant & Street Art Tour Director: Giorgio "Talpa G44" Silvestrelli

Partnerships Assistant: Arthur Serrien Social Networks Assistant: Jakke Theyssens

Technical Support Specialist: Sergio "Sergione" Santangelo Art Agency ©MondoPOP ________ M.U.Ro. - Urban Museum of Rome is the first museum of Urban Art in Rome and is the first project that regards a museum fully integrated into the social fabric as the art form with which it deals: the Street Art. M.U.Ro. Urban Museum of Rome is a museum project by MURo art agency, curated by the artist David "Diavù" Vecchiato. WHERE: M.U.Ro. is born in Rome, in the Quadraro district, a cross between the V and VII of the City Hall of Rome. In waiting of a stable platform M.U.Ro. began as open-air museum, a collection of works by Urban Artist from around the world, made for the citizens and realized in the streets and in other areas of the city. WHEN: M.U.Ro. officially begins in spring / summer of 2012, but has already begun to leave their mark thanks to the murals that are arising from December 2010 in the Quadraro district. It will be the open-air museum's Festival that intends to change the look and value to many of our public spaces, now at risk for catastrophic deterioration. WHAT: The basic idea of M.U.Ro. is to create an open air museum where contemporary art will have the opportunity to interact daily with citizens, as happens every day in the streets of our cities through the work of Street Art. M.U.Ro. wants to open a permanent real Museum and to organize an Urban Art festival, too. M.U.Ro. festival will be exhibitions, installations, meetings, screenings, workshops, courses, games, parties, publications, festivals and more.

Musei nelle vicinanze


Commenti

«Una bambina adagiata su un prato di margherite suggerisce che è importante prendersi cura della Natura e delle creature delicate. Non a caso campeggia sul muro di un consultorio. A realizzare l'opera: Diavù, uno dei più importanti artisti di arte urbana, anche curatore competente e appassionato di questa pionieristica forma di espressione, che però si rifà alla più antica forma d'arte, quella dei graffiti sui muri (...)». Sul Tg2 Dossier Musei di ieri sera, 2 ottobre 2021, qui per intero: http://www.tg2.rai.it/dl/tg2/rubriche/PublishingBlock-8f49a286-7527-4264-9979-72b4aca618d8.html Servizio di Cinzia Terlizzi, Immagini di Massimo Pinzauti M.U.Ro - Museo Urban di Roma, Popstairs e ARIA diavù
Oggi pomeriggio alle ore 19.30, tra via dei Levii e via del Quadraretto, ci sarà l'inaugurazione del murale "Le margherite sono le nuvole del prato", dedicato a don Roberto Sardelli e realizzato dall'artista David "Diavù" Vecchiato del M.U.Ro - Museo Urban di Roma. Don Sardelli è il sacerdote che, sull'esempio di Don Lorenzo Milani, alla fine degli anni sessanta ha fondato la “Scuola 725”, dove i ragazzi delle baracche dell'Acquedotto Carlo Felice hanno vissuto l’esperienza comune dell’apprendere e del sapere come mezzo per il loro riscatto sociale e culturale. L'evento verrà trasmesso sulla Pagina Facebook della Comunità educante diffusa del VII Municipio. #DonSardelli #MunicipioVII
Finito il primo turno di visita al #QuadraroVecchio per ammirare il museo a cielo aperto ideato da M.U.Ro - Museo Urban di Roma. Alle 15.00 si replica. Sempre insieme a Francesca Pagliaro (La Frakkia) di Joy of Rome. Vi ricordiamo che siamo in candidatura per i TIES AWARD. Per votarci bastano pochi passi: - Registrarsi come VOTERS qui: https://bit.ly/35aKjxR - Completate la registrazione e andate qui: https://bit.ly/3xg4Ltf VOTATE E FATE VOTARE L'ECOMUSEO CASILINO #Quadraro #StreetArt #Muro #Rome #Roma #OpenAir #Tour #EcomuseoCasilino #MuroMuseum #UrbanArt
La Stree art è una cosa seria Quasi quanto Giocare! Grazie M.U.Ro - Museo Urban di Roma Diavù Città del sole #iltempodellenoci
🌊➕✒️Ostia e Pier Paolo Pasolini sono un binomio indissolubile. È all’idroscalo di Ostia, infatti, che l’intellettuale friulano venne brutalmente ucciso nella notte tra il 1° e il 2 novembre del 1975, travolto dalla sua stessa auto dopo essere stato percosso dal diciassettenne Pino Pelosi. 🚗🧍‍♂️Una lunetta dipinta a monocromo, una forma quasi sacrale, in cui ritroviamo tutti gli elementi che ci servono per ricostruire la memoria di quanto accaduto a pochi passi da lì, 46 anni fa: un’auto, un corpo a terra, i suoi assalitori. 🙏É l'opera di Nicola Verlato seconda tappa di Hostia, un progetto che vuole essere un tributo a Pasolini e alla sua tragica fine. Iniziato a Roma, nel quartiere di Tor Pignattara, Hostia dovrebbe culminare nella realizzazione di un mausoleo. ☝️L'opera di Verlato, a cura di a.DNA Collective e M.U.Ro - Museo Urban di Roma, non è però l’unica che a Ostia parla di Pasolini. 👀Siete curiosi? Venite con noi e ne saprete di più! . . . . . 📅 12 giugno, ore 18.00 💰12€ a persona (bambini e bambine da 6 a 11 anni 3€). Costo auricolari incluso. ✅ Le visite si svolgeranno nel rispetto delle disposizioni per il contenimento del contagio da Covid-19. Si richiede l’utilizzo della mascherina e il rispetto della distanza di almeno 1 metro. 📍 La prenotazione è obbligatoria. Per prenotarsi e per avere informazioni scrivere a 👉: [email protected] ----------------------------------------- #murilab #muriwalk #ostia #pasolini #streetart #streetartostia #streetartrome #urbanart #urbanartostia #urbanartrome #urbanwalls #wallart #streetarteverywhere #streetartphoto #streetartnews #streetartist #urbanlife_arts #globalstreetart #streetartcities #visiteguidate #cosafarearoma #streetarttour #eventiaroma #contemporaryart #murals
Il tempo delle noci ha trasformato una monetina in un bellissimo disegno sulla vetrina del nostro negozio! 🪙🖌️🎨 Grazie a tutti i (piccoli) grandi artisti che hanno partecipato, a Mirko Pierri di a.DNA Collective e a Diavù per la direzione artistica, a CirilloGiulia Photography per le foto! Città del sole M.U.Ro - Museo Urban di Roma
Ci siamo quasi! È tutto pronto per il laboratorio con Diavù! 👉 Appuntamento alle 17.00 in negozio per il laboratorio e poi davanti alla vetrina per il murales collettivo! Vi aspettiamo! Città del sole M.U.Ro - Museo Urban di Roma
Il “Tempo delle noci” è un progetto artistico-culturale realizzato da Città del sole in collaborazione con l’associazione M.U.Ro - Museo Urban di Roma, col patrocinio di Roma Capitale Lo street artist David Diavù Vecchiato farà rivivere gli antichi giochi dei bambini romani attraverso una grande opera di street art diffusa. L’idea è quella di sottolineare l’essenzialità del gioco nella vita dei bambini, utilizzando l’arte come potenziale espressivo.
📹 Vi presentiamo la commissione di valutazione, a partire da David Diavù Vecchiato, 𝐜𝐮𝐫𝐚𝐭𝐨𝐫𝐞 degli interventi di #arteurbana. 🎨 INSTANT BIO | I primi interventi urbani di Poster Art di 𝑫𝒊𝒂𝒗𝒖̀ risalgono al 1992 e dello stesso anno sono le prime pubblicazioni di suoi fumetti ed illustrazioni. Prima che nelle gallerie ha dunque mostrato la sua arte in strada e su carta stampata. La sua prima mostra è nel 1996 a Roma e Milano, ha esposto poi in Europa, Asia e USA. Tra i primi curatori in Italia a portare Urban Art nei musei e i musei in strada, nel 2010 ha dato vita al progetto “𝐌𝐔𝐑𝐨 (M.U.Ro - Museo Urban di Roma)”. Dal 2013 cura su Sky Arte la serie di documentari “𝐌𝐔𝐑O”. E’ direttore artistico di “𝐆𝐑𝐀𝐀𝐫𝐭”, da lui ideato e diretto per ANAS. #iartmadonie #streetart #artwalls #bandoperiferie #rigenerazioneurbana
Sinite parvulos ve**re ad me 🙃 ...et ad Città del sole, M.U.Ro - Museo Urban di Roma, Mirko Pierri, Giorgio Silvestrelli e a tutta la gang che li farà giocare a giochi antichi e 'analogici' e dipingere tanti murales. Si comincia oggi!
Ho letto e sentito dire spesso in quest’ultimo anno che l’arte non sarebbe stata in grado di ‘reagire’ in modo significativo alla pandemia. Ma il linguaggio dell’arte non trasmette commenti e opinioni come ci si aspetterebbe banalmente da lui: agisce piuttosto nella sfera simbolica e a volte riesce proprio in questo modo a cambiare la percezione di ciò che chiamiamo realtà. “Il tempo delle noci” è un progetto che cercherà di fare questo: 100 mie opere che ritraggono bambini che giocano stanno per invadere Roma e 10 laboratori di Street Art nei punti vendita di Città del Sole stanno per iniziare da questo venerdì per far dipingere ai più piccoli le vetrine come fossero muri pubblici. Iscriveteli contattando subito la pagina di Città del sole e ci vediamo là! 🔆🔆🔆🔆🔆 Grazie a M.U.Ro - Museo Urban di Roma e Giorgio Silvestrelli per la realizzazione degli stencil assieme, a Mirko Pierri e a.DNA Collective per il lab assieme, a Giovanna Piergentili e a tutto lo staff di Città del sole a Gruppo Ivas per le vernici sempre uniche, a Matteo Mat Nardone e a Marco Gargiullo a tanti altri amici coinvolti e a tutti i genitori che mi hanno inviato le foto dei loro piccoli teppisti da ritrarre ❤️
📌 SAVE THE DATE 📌 👉Da venerdì 14 maggio presso i negozi Città del sole di #Roma inizieranno i workshop del progetto itinerante ideato da David Diavù Vecchiato con l'associazione M.U.Ro - Museo Urban di Roma "Il Tempo delle Noci" con l'artista Diavù e il nostro Mirko Pierri! 🎯 Scopri come partecipare a questo link, con tutte le informazioni sul progetto, le attività, le date, i negozi che ospiteranno i laboratori e come iscriversi: https://www.cittadelsole.it/ita/content/il-tempo-delle-noci Vi aspettiamo per iniziare venerdì 14 presso Città del Sole Scrofa! #IlTempoDelleNoci #CittaDelSoleRoma #Diavù