Museo di Paleontologia di Poggibonsi

Museo di Paleontologia di Poggibonsi Informazioni di contatto, mappa e indicazioni stradali, modulo di contatto, orari di apertura, servizi, valutazioni, foto, video e annunci di Museo di Paleontologia di Poggibonsi, Museo, via Francesco Costantino Marmocchi n. 2, Poggibonsi.

Museo di Paleontologia di Poggibonsi's cover photo
04/09/2016

Museo di Paleontologia di Poggibonsi's cover photo

18/03/2016

Domani 19 marzo il Palazzo Pretorio, sede del Museo di Paleontologia, sarà protagonista, insieme al Camminamento Enrico VII lungo le mura medicee di Poggio Imperiale, dell' iniziativa Earth Hours - l' Ora della Terra 2016. Dalle 20:30 alle 21:30 l' illuminazione di questi due luoghi sarà spenta per sensibilizzare l' opinione pubblica sulle tematiche di salvaguardia del nostro pianeta, prima fra tutte il risparmio energetico.

Il dinosauro ornitorinco
03/05/2015
Il dinosauro ornitorinco

Il dinosauro ornitorinco

Scoperti in Cile i fossili completi di un parente del T-rex, ghiotto di piante e caratterizzato da un'insolita accozzaglia di tratti anatomici. Un ottimo esempio di convergenza evolutiva.

Museo di Paleontologia di Poggibonsi's cover photo
15/11/2014

Museo di Paleontologia di Poggibonsi's cover photo

11/11/2014

GRANDE ESTINZIONE, UN FOSSILE RACCONTA COME ANDÒ
Molti rettili terrestri si rifugiarono in mare. Lo studio su Nature

Il mare è il rifugio in cui hanno cercato velocemente riparo molti dei superstiti sopravvissuti alla grande estinzione di massa che quasi 250 milioni di anni fa ha cancellato il 95% delle forme di vita sulla Terra. Lo dimostra il fossile di un antico rettile anfibio scoperto in Cina da un gruppo internazionale di ricerca, coordinato dall'Università della California a Davis, a cui ha preso parte anche il paleontologo Andrea Tintori dell'Università di Milano.

Il nuovo fossile, presentato sulla rivista Nature con il nome di Cartorhynchus lenticarpus, risale a 248 milioni di anni fa e rappresenta l'anello mancante dell'evoluzione dei grandi rettili marini preistorici simili a delfini chiamati ittiosauri: infatti è il primo a testimoniare la transizione di questi animali dalla terraferma al mare. "Il passaggio - spiega Tintori - è stato molto più rapido e meno graduale di quanto abbiamo ipotizzato finora. Anche gli altri fossili che abbiamo trovato nello scavo dimostrano che nel giro di un milione di anni molti rettili terrestri sono tornati in acqua". La transizione è ben visibile anche nella struttura fisica del Cartorhynchus lenticarpus.

"Lungo solo 40 centimetri, aveva un muso corto tipico delle forme terrestri", aggiunge il paleontologo. "Carpo e tarso avevano estese aree cartilaginee che permettevano alla zampa di flettersi - precisa - cosicché l'animale era in grado di spostarsi sulla terraferma, un po' come le attuali foche". Cartorhynchus non doveva essere un nuotatore di grande abilità, soprattutto rispetto agli ittiosauri più evoluti. "Probabilmente rimaneva in acque basse, dove poteva nutrirsi di invertebrati che vivevano sul fondale e che venivano letteralmente aspirati dalla sua bocca sdentata", conclude l'esperto.
(Da Nature, 5-11-2014)

GRANDE ESTINZIONE, UN FOSSILE RACCONTA COME ANDÒMolti rettili terrestri si rifugiarono in mare. Lo studio su NatureIl ma...
11/11/2014

GRANDE ESTINZIONE, UN FOSSILE RACCONTA COME ANDÒ
Molti rettili terrestri si rifugiarono in mare. Lo studio su Nature

Il mare è il rifugio in cui hanno cercato velocemente riparo molti dei superstiti sopravvissuti alla grande estinzione di massa che quasi 250 milioni di anni fa ha cancellato il 95% delle forme di vita sulla Terra. Lo dimostra il fossile di un antico rettile anfibio scoperto in Cina da un gruppo internazionale di ricerca, coordinato dall'Università della California a Davis, a cui ha preso parte anche il paleontologo Andrea Tintori dell'Università di Milano.

Il nuovo fossile, presentato sulla rivista Nature con il nome di Cartorhynchus lenticarpus, risale a 248 milioni di anni fa e rappresenta l'anello mancante dell'evoluzione dei grandi rettili marini preistorici simili a delfini chiamati ittiosauri: infatti è il primo a testimoniare la transizione di questi animali dalla terraferma al mare. "Il passaggio - spiega Tintori - è stato molto più rapido e meno graduale di quanto abbiamo ipotizzato finora. Anche gli altri fossili che abbiamo trovato nello scavo dimostrano che nel giro di un milione di anni molti rettili terrestri sono tornati in acqua". La transizione è ben visibile anche nella struttura fisica del Cartorhynchus lenticarpus.

"Lungo solo 40 centimetri, aveva un muso corto tipico delle forme terrestri", aggiunge il paleontologo. "Carpo e tarso avevano estese aree cartilaginee che permettevano alla zampa di flettersi - precisa - cosicché l'animale era in grado di spostarsi sulla terraferma, un po' come le attuali foche". Cartorhynchus non doveva essere un nuotatore di grande abilità, soprattutto rispetto agli ittiosauri più evoluti. "Probabilmente rimaneva in acque basse, dove poteva nutrirsi di invertebrati che vivevano sul fondale e che venivano letteralmente aspirati dalla sua bocca sdentata", conclude l'esperto.
(Da Nature, 5-11-2014)

Indirizzo

Via Francesco Costantino Marmocchi N. 2
Poggibonsi
53036

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando Museo di Paleontologia di Poggibonsi pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Digitare

Musei nelle vicinanze


Altro Poggibonsi musei

Vedi Tutte