Galleria dell'Accademia di Firenze

Galleria dell'Accademia di Firenze La Galleria dell'Accademia di Firenze è un museo di rilevante interesse nazionale dotato di autonomia speciale e afferente alla rete ministeriale del MIBACT http://musei.beniculturali.it/

Normali funzionamento

06/06/2021
Accademiaonline

Se ti trovi a Firenze per lavoro o per una breve vacanza vieni a trovarci in Galleria dell'Accademia!
Se no, puoi comunque goderti i nostri nuovi Percorsi Virtuali - #PercorsiVirtuali - come quello all’interno della gipsoteca Bartolini, un luogo da scoprire insieme al nostro Direttore Cecilie Hollberg. Un viaggio a 360 gradi tra i capolavori di Lorenzo Bartolini e Luigi Pampaloni. Il primo di una nuova serie di video realizzati dallo studio creativo MYBOSSWAS per raccontare a 360° le sale più rappresentative della Galleria dell’Accademia di Firenze.
...
Puoi vedere questo primo video completo all’interno delle anteprime di Accademia Online, il nuovissimo palinsesto digitale di Galleria dell’Accademia di Firenze, che sarà presto disponibile e pronto ad accogliere una sconfinata raccolta di contenuti. Una programmazione ricca di curiosità e fascino che consentirà ai visitatori di approfondire opere e tematiche, rivivendo on line la bellezza dei capolavori in esposizione.

Benvenuta #Accademiaonline, benvenuto #futuro!
---
If you are in Florence for work or for a short vacation, come and visit Galleria dell’Accademia!
If not, you can still enjoy our new Virtual Journey - #VirtualJourney - such as the one inside the Bartolini gallery of plaster casts, a place to discover together with our Director Cecilie Hollberg; a complete 360 degree journey through the masterpieces of Lorenzo Bartolini and Luigi Pampaloni. The first of a new series of videos made by the creative studio MYBOSSWAS to tell the most representative rooms of the Accademia Gallery in Florence at 360°.

You can see this first video among the previews of Accademia Online, the new digital schedule of the Galleria dell’Accademia di Firenze, which will be available soon and ready to welcome a boundless collection of content.
A program full of curiosity and charm that will allow visitors to explore works and themes, reliving online the beauty of the masterpieces on display.

Welcome #Accademiaonline, welcome #future!

Mybosswas

Siamo lieti di presentarvi il nuovo video di #ScoprilaGalleria! Questa settimana Enrico Colle presenta le cornici in col...
05/06/2021

Siamo lieti di presentarvi il nuovo video di #ScoprilaGalleria!
Questa settimana Enrico Colle presenta le cornici in collezione alla Galleria dell'Accademia.
Trovate il video sul nostro canale Youtube:
https://youtu.be/Gbo9nVqPvCc
---
We are pleased to present the new videos of #ScoprilaGalleria!
This week Enrico Colle talks about the frames in the collection of the Galleria dell'Accademia.
Find the video on our youtube channel
https://youtu.be/Gbo9nVqPvCc

museitaliani Ministero della cultura
#galleriaaccademiafirenze #youtube #video #Firenze #music #musicalinstruments #MiC #museitaliani

Siamo lieti di presentarvi il nuovo video di #ScoprilaGalleria!
Questa settimana Enrico Colle presenta le cornici in collezione alla Galleria dell'Accademia.
Trovate il video sul nostro canale Youtube:
https://youtu.be/Gbo9nVqPvCc
---
We are pleased to present the new videos of #ScoprilaGalleria!
This week Enrico Colle talks about the frames in the collection of the Galleria dell'Accademia.
Find the video on our youtube channel
https://youtu.be/Gbo9nVqPvCc

museitaliani Ministero della cultura
#galleriaaccademiafirenze #youtube #video #Firenze #music #musicalinstruments #MiC #museitaliani

04/06/2021
Glossario - Genuflessione

Trascorso da poco il 23 Aprile, giorno in cui è stata celebrata la Pentecoste, la parola scelta per la nuova puntata dell’#ABCdellaGalleria si riferisce a uno dei gesti più iconici della tradizione religiosa - presente anche nell’opera della settimana, la Pentecoste dell’Orcagna: la #genuflessione.
...
È un gesto a cui l’arte - quella colta come quella popolare - ha sempre attribuito grande serietà e che ha raccontato sempre con enfasi, dalle genuflessioni dei cavalieri del ciclo bretone di Re Artù, fino alla celeberrima saga TV Il Trono di Spade, dove troviamo la Regina dei Draghi Daenerys Targaryen intimare più volte a Jon Snow: “Onora il patto che i tuoi avi fecero con i miei. Inginocchiati a me”.

È un gesto, quello della genuflessione, che viene da molto lontano - un atto di profondo rispetto nei confronti di chi ci sta davanti. Già ben prima della nascita di Gesù Cristo, Alessandro Magno introduce la genuflessione nel protocollo della sua corte ispirandosi alla Persia. E questo modo così devoto di inginocchiarsi è poi sopravvissuto sino ai giorni nostri, sia in ambito religioso che profano. Così, possiamo assistere ancora oggi alla genuflessione dei credenti durante la liturgia, e ancora, in circostanze più romantiche, siamo soliti inginocchiarci quando ci proponiamo alla persona amata.
---
A few days after April 23rd, day of the Pentecost, the word chosen for the new episode of #ABCoftheGallery refers to one of the most iconic gestures of the religious tradition - also visible in this week’s artwork, Orcagna’s Pentecost: #genuflection.
...
It’s a gesture to which art - both cultured and popular - has always given great importance and depicted with emphasis, from the genuflections of the Knights of the Round Table, to the famous TV series Game of Thrones, where we see Dragon Queen Daenerys Targaryen telling Jon Snow: “Honor the pledge your ancestor made to mine. Bend the knee”.
...
Genuflection is a gesture that comes from far away - an act of profound respect towards those who stand in front of us. Long before the birth of Jesus Christ, Alexander the Great, inspired by Persia, introduced genuflection in his court’s protocol. And this devoted way of kneeling has survived to the present day, both in the religious and secular realms. Therefore, still today, we can see believers genuflecting during liturgy, and in more romantic circumstances, we usually kneel when we propose to our loved one.

Alessandro Magno

#galleriaaccademiafirenze #genuflessione #iltronodispade #gameofthrones #alessandromagno

Accade talvolta che più membri della stessa famiglia condividano la loro passione artistica. È successo in passato e suc...
03/06/2021

Accade talvolta che più membri della stessa famiglia condividano la loro passione artistica. È successo in passato e succede ancora oggi. Pensiamo al caso dei fratelli registi Joel ed Ethan Coen, talmente affiatati da essere definiti nel mondo del cinema “il regista a due teste”. E molti altri ancora sarebbero i preziosi esempi che dimostrano come due menti creative riescano a fecondarsi e stimolarsi a vicenda proprio perché unite da un affetto e una conoscenza profonda - che spesso solo il legame familiare consente.

L’esempio che noi oggi vi proponiamo è quello offerto dall’opera protagonista del nuovo appuntamento con la rubrica #ScoprilaGalleria: il meraviglioso trittico che compone la Pentecoste, dipinto appunto da due fratelli: da Andrea di Cione, detto Orcagna, e da Jacopo di Cione.

Questa intensa opera, risalente a un periodo compreso tra il 1362 e il 1365, è stata per la prima volta attribuita alle mani dell’Orcagna soltanto nel 1800. La tavola centrale del trittico, più grande delle altre, è dominata dalla figura della Vergine Maria, circondata da cinque apostoli in ginocchio. Altri sei apostoli, divisi in due gruppi, riempiono i pannelli laterali seguendo una direttrice che dona profondità allo spazio.

Con ogni probabilità, Andrea Orcagna realizza la Pentecoste nella fase più tarda della sua vita, quando i tratti salienti della sua arte sono ormai ben consolidati. Così, le figure si ergono rigide nella loro frontalità, e i volumi prevalentemente squadrati del dipinto trovano risalto nella contenuta gamma cromatica. Ma a guardar meglio, c’è di più. Nelle figure degli apostoli sono ravvisabili dettagli più morbidi, volumi dolci e colori sfumati: è questo l’apporto di Jacopo di Cione, fratello di Andrea Orcagna.

Nella Pentecoste, le mani di Andrea Orcagna e Jacopo di Cione si uniscono a creare un’opera composita, che riesce a testimoniare le qualità artistiche di ambedue i pittori. Un dipinto ricchissimo, che certo non sarebbe stato lo stesso se realizzato da un’unica mente.
---
It sometimes happens that members of the same family share their artistic passion. It happened in the past and it happens still today. As in the case of brothers and directors Joel and Ethan Coen, so close to be known in the world of film as “the two-headed director”. And there are many other precious examples that show how two creative minds are able stimulate and challenge each other thanks to the affection and deep knowledge – that only a family bond allows.
...
Today’s example is the main work of our new appointment with the #DiscovertheGallery column: the wonderful triptych with Pentecost, painted by two brothers: Andrea di Cione, known as Orcagna, and Jacopo di Cione.
...
This intense artwork, dating back to a period between 1362 and 1365, was attributed to Orcagna for the first time only in 1800. The central panel of the triptych, larger than the others, is dominated by the figure of the Virgin Mary, surrounded by five kneeling apostles. Six other apostles, divided into two groups on the side panels, are aligned in a way that gives depth to the space.
...
It’s very likely that Andrea Orcagna realized the Pentecost in the latest phase of his life, when his artistic features were already well established. Thus, the figures stand rigid in their frontality, and the predominantly square volumes of the painting are highlighted in the limited chromatic range. But on closer inspection, there is more. The figures of the apostles are characterized by softer details, smooth volumes and shaded colors: this is the contribution of Jacopo di Cione, brother of Andrea Orcagna.
...
In the Pentecost, the hands of Andrea Orcagna and Jacopo di Cione come together to create a composite work, able to demonstrate the artistic qualities of both painters. An incredibly rich painting, that would have certainly not been the same if it was made by a single mind.

#galleriaaccademiafirenze #coenbrothers #pentecoste #orcagna #jacopodicione

In occasione della Festa delle Repubblica Italiana di domani mercoledì 2 giugno la Galleria dell'Accademia di Firenze sa...
01/06/2021

In occasione della Festa delle Repubblica Italiana di domani mercoledì 2 giugno la Galleria dell'Accademia di Firenze sarà eccezionalmente aperta!
L'ingresso al museo sarà dalle 9.00 alle 18.45 (ultimo ingresso 30 minuti prima dell'orario di chiusura).
Necessaria la prenotazione dei biglietti e dell'orario di visita online tramite il sito della Galleria www.galleriaaccademiafirenze.it, oppure telefonando a Firenze Musei (tel. 055 294883).
---
Tomorrow June 2, on the occasion of the Italian Republic Day, the Galleria dell’Accademia is open! From 9:00 am to 6:45 pm (last entrance 6:15 pm).
The reservation is mandatory: online www.galleriaaccademiafirenze.it or by telephone at 055 294883.
.
Galleria dell'Accademia di Firenze © Guido Cozzi
#galleriaaccademiafirenze #museitaliani #2giugno

In occasione della Festa delle Repubblica Italiana di domani mercoledì 2 giugno la Galleria dell'Accademia di Firenze sarà eccezionalmente aperta!
L'ingresso al museo sarà dalle 9.00 alle 18.45 (ultimo ingresso 30 minuti prima dell'orario di chiusura).
Necessaria la prenotazione dei biglietti e dell'orario di visita online tramite il sito della Galleria www.galleriaaccademiafirenze.it, oppure telefonando a Firenze Musei (tel. 055 294883).
---
Tomorrow June 2, on the occasion of the Italian Republic Day, the Galleria dell’Accademia is open! From 9:00 am to 6:45 pm (last entrance 6:15 pm).
The reservation is mandatory: online www.galleriaaccademiafirenze.it or by telephone at 055 294883.
.
Galleria dell'Accademia di Firenze © Guido Cozzi
#galleriaaccademiafirenze #museitaliani #2giugno

Siamo lieti di presentarvi il nuovo video di #ScoprilaGalleria! Questa settimana Pedro Memelsdorff parla degli strumenti...
31/05/2021

Siamo lieti di presentarvi il nuovo video di #ScoprilaGalleria!
Questa settimana Pedro Memelsdorff parla degli strumenti musicali di Evaristo Baschenis.
Trovate il video sul nostro canale youtube:
https://www.youtube.com/watch?v=Lb4-QQBc-OY
---
We are pleased to present the new videos of #ScoprilaGalleria!
This week Pedro Memelsdorff tells us about the musical instruments of Evaristo Baschenis.
Find the video on our youtube channel
https://www.youtube.com/watch?v=Lb4-QQBc-OY

museitaliani Ministero della cultura
#galleriaaccademiafirenze #youtube #video #Firenze #music #musicalinstruments #MiC #museitaliani

Siamo lieti di presentarvi il nuovo video di #ScoprilaGalleria!
Questa settimana Pedro Memelsdorff parla degli strumenti musicali di Evaristo Baschenis.
Trovate il video sul nostro canale youtube:
https://www.youtube.com/watch?v=Lb4-QQBc-OY
---
We are pleased to present the new videos of #ScoprilaGalleria!
This week Pedro Memelsdorff tells us about the musical instruments of Evaristo Baschenis.
Find the video on our youtube channel
https://www.youtube.com/watch?v=Lb4-QQBc-OY

museitaliani Ministero della cultura
#galleriaaccademiafirenze #youtube #video #Firenze #music #musicalinstruments #MiC #museitaliani

Con i video racconti di #Didattica la Galleria dell’Accademia regala ai più giovani e alle loro famiglie un ciclo di sto...
30/05/2021

Con i video racconti di #Didattica la Galleria dell’Accademia regala ai più giovani e alle loro famiglie un ciclo di storie che illustrano, di volta in volta, un percorso tematico diverso attraverso alcuni dipinti scelti dalle collezioni del museo che, per l’occasione, si animeranno. Tutti i video sono online sul canale YouTube della Galleria e a breve anche su Accademia Online.

“E cos’è Accademia Online?” potrebbero chiedere i vostri figli.
E allora, meglio farsi trovare preparati!
...
Accademia Online è il nuovissimo palinsesto digitale di Galleria dell’Accademia di Firenze, che sarà disponibile entro poche settimane e pronto ad accogliere una sconfinata raccolta di contenuti. Una programmazione ricca di curiosità e fascino che consentirà ai visitatori di approfondire opere e tematiche, rivivendo on line la bellezza dei capolavori in esposizione.

Benvenuta #Accademiaonline, benvenuto #futuro!
---
Thanks to the video stories of #Didattica, Galleria dell’Accademia offers young people and their families a cycle of stories that illustrate different thematic paths through some paintings chosen from the museum's collections which, for the occasion, they will come alive. All the videos are online on the Galleria's YouTube channel and soon also on Accademia Online.
...
"And what is Accademia Online?" your children might ask.
So, better be prepared!

Accademia Online is the new digital schedule of the Galleria dell’Accademia di Firenze, which will be available within a few weeks and ready to welcome a boundless collection of content.
A program full of curiosity and charm that will allow visitors to explore works and themes, reliving online the beauty of the masterpieces on display.

Welcome #Accademiaonline, welcome #future!

28/05/2021
Vita di Michelangelo

Quelle in video sono le divertenti parole che Pietro Torrigiani pronunciò davanti all’amico Benvenuto Cellini - e che Cellini riporta nella sua Vita. Nel racconto, Pietro Torrigiani si riferisce niente meno che al nostro Michelangelo, vittima di un pugno sul naso poiché era solito prendere in giro il suo compagno.

È un episodio, questo, che ci riporta al nuovo appuntamento con la rubrica #VitadiMichelangelo, dedicato a una delle tappe più significative della vita del nostro maestro: la formazione nel giardino di San Marco.

Dopo aver lasciato la bottega del Ghirlandaio, Michelangelo inizia a frequentare il giardino di San Marco, un bellissimo angolo verde allestito con le preziose statue collezionate da Lorenzo de’ Medici in persona. L’accademia del giardino è al tempo diretta da Bertoldo di Giovanni, importante scultore fiorentino, grazie al quale Michelangelo ha modo di apprendere i trucchi del mestiere e di metterli a frutto. Assieme ai suoi compagni, tra cui figurano l’amico Francesco Granacci e, per l’appunto, Pietro Torrigiani, si reca spesso alla chiesa del Carmine per disegnare gli affreschi di Masaccio. E questa è solo una delle moltissime occasioni in cui Michelangelo può far mostra della sua abilità e, al contrario, burlarsi degli amici.
...
Finché, come abbiamo visto, si scontra con la vanità di Pietro Torrigiani e ne rimedia un pugno - come a volerci ricordare che anche i migliori talvolta sbagliano. Ma la vera svolta avviene quando Michelangelo incontra per la prima volta Lorenzo il Magnifico.

Un incontro che vi racconteremo nella prossima puntata...
---
Those playful words you see in the second video are by Pietro Torrigiani to his friend Benvenuto Cellini - and that Cellini reported in his Life. Pietro Torrigiani was referring to none other than our Michelangelo, who received a punch on the nose because he used to make fun of his companion.
...
This incident brings us back to a new episode of the #Michelangeloslife column, dedicated to one of the most significant moments in the life of our master: his training in the San Marco Garden.
...
After having left Ghirlandaio’s workshop, Michelangelo began visiting the San Marco Garden, a beautiful green corner adorned with the precious statues collected by Lorenzo de’ Medici himself. At the time, the academy of the garden was directed by Bertoldo di Giovanni, an important Florentine sculptor, thanks to whom Michelangelo was able to learn and put to good use the tricks of the trade. Together with his companions, including his friend Francesco Granacci and Pietro Torrigiani, he often went to the Carmine church to draw Masaccio’s frescoes. And this was just one of the many occasions in which Michelangelo could show off his skill and make fun of his friends.
...
Until, as we’ve seen, he clashed with Pietro Torrigiani’s pride and received a punch - as if to remind us that sometimes even the best can make mistakes. However, the real turning point occurred when Michelangelo met Lorenzo the Magnificent for the very first time.
...
An encounter we’ll talk about in the next episode...

#galleriaaccademiafirenze #michelangelo #michelangelobuonarroti #giardinodisanmarco #pietrotorrigiani #benvenutocellini #ghirlandaio #lorenzodemedici #lorenzoilmagnifico #bertoldodigiovanni #francescogranacci #masaccio

Indirizzo

Via Ricasoli 58-60
Florence
50122

Orario di apertura

Giovedì 09:00 - 18:45
Venerdì 09:00 - 18:45
Sabato 09:00 - 18:45
Domenica 09:00 - 18:45

Telefono

+390550987100

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando Galleria dell'Accademia di Firenze pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta Il Museo

Invia un messaggio a Galleria dell'Accademia di Firenze:

Video

Digitare

Galleria dell’Accademia di Firenze

La nascita della Galleria risale al 1784, quando il Granduca di Toscana Pietro Leopoldo riorganizzò l’Accademia delle Arti del Disegno, fondata nel 1563 da Cosimo I de’Medici, nella moderna Accademia di Belle Arti. La nuova istituzione occupò i locali del trecentesco Ospedale di San Matteo e quelli del convento di San Niccolò di Cafaggio. Il museo si arricchì con le soppressioni delle chiese e dei conventi ordinate da Pietro Leopoldo nel 1786 e da Napoleone Bonaparte nel 1810. L’evento decisivo per la storia del museo fu il trasferimento del David di Michelangelo da Piazza della Signoria nell’agosto 1873. La scultura più celebre del mondo attese nove anni, custodita in una cassa di legno, la conclusione della costruzione della Tribuna progettata dall’architetto Emilio De Fabris per accoglierla. L’odierna Galleria dell’Accademia fu istituita nel 1882. Oltre al David all'interno della Galleria sono ospitate anche altre sezioni, fra cui la raccolta più vasta ed importante al mondo di opere pittoriche a fondo oro ed il Museo degli Strumenti Musicali, dove sono esposti molti manufatti appartenenti alla collezione storica del Conservatorio Luigi Cherubini. Seguici anche su: Sito: www.galleriadellaccademia.beniculturali.it Instagram: www.instagram.com/galleriaaccademiafirenze/ Informazioni su acquisto/prenotazione biglietti, accesso e servizi: http://www.galleriaaccademiafirenze.beniculturali.it/galleria/1/visita/


Commenti

Dettagli del David di Michelangelo Buonarroti
David di Michelangelo
Posso pubblicare qui la mia opera d'arte presonale? Grazie.
BEST AN BEST IN WORLD THANKS
LA BELLEZZA e' qualcosa di cui non possiamo fare a meno e di cui sentiamo un bisogno profondo, ma spiegare che cosa sia e'molto difficile. Non e'un percorso di apprendimento, riguarda lo sviluppo dei nostri sensi. E' una necessità importante per l'essere umano. Un percorso estremamente personale in cui l' individuo sente il bisogno di far parte di questa sorta di alchimia, sperimentandola in modo naturale. CHRISTO. Prof. Giuseppe Gallingani Interdisciplinary Manager-Intergovernmental Ambassador EXPO EXPERT Agenda ONU 2030. Co-Founder ALFASSA Mobile 3396499969 HELPLANET H24 www.alfassa.net
David di Michelangelo Buonarroti
Dettagli del David di Michelangelo Buonarroti
Dettagli del David di Michelangelo Buonarroti
Gentilissimi, sono Veronica Vallotto, laureanda in Restauro dei Beni Culturali, presso l’Accademia di Belle Arti di Verona. Il mio elaborato affronta una tematica di interesse comune nel settore: la Documentazione grafica nel restauro. Al giorno d’oggi, questa pratica presenta alcune difficoltà, per l’assenza di uno standard di rappresentazione, che ne unifichi la metodologia di esecuzione. Per questa ragione, ho creato un brevissimo sondaggio, che vi chiedo gentilmente di compilare a questo link https://forms.gle/igsvLx13kMzj3KDS6 con lo scopo di capire come voi, addetti ai lavori, vi approcciate alla documentazione e quale importanza questa presenta nel vostro lavoro. Mi auguro che queste domande possano avviare una riflessione sul ruolo fondamentale che riveste la rappresentazione e, in generale la documentazione dell’intervento di restauro. Tematica spesso sottovalutata perché giustamente collaterale al vero e proprio intervento, ma indispensabile per preservare la storia conservativa del Bene culturale Il progetto è supportato dal Restauratore prof. Stefano Marziali, il mio relatore di tesi e il Prof. Giancarlo Buzzanca. Rimango disponibile nel caso abbiate il piacere di rimanere aggiornati sull'evoluzione del progetto. Vi ringrazio per l’attenzione e la collaborazione, Cordiali saluti, Veronica Vallotto