Casa Buonarroti Firenze

Casa Buonarroti Firenze Museo e monumento, celebrazione del genio di Michelangelo, espone anche due celebri rilievi marmorei: la Madonna della scala e la Battaglia dei centauri

Normali funzionamento

Artemisia, celebre figlia del grande pittore Orazio Gentileschi, partecipò alla decorazione della Galleria della Casa Bu...
09/09/2021

Artemisia, celebre figlia del grande pittore Orazio Gentileschi, partecipò alla decorazione della Galleria della Casa Buonarroti dipingendo un pannello con la personificazione dell’"Inclinazione".

La figura femminile, che si è meritata la felice definizione di “nudo luminoso e carnale” (Cropper), tiene in mano una bussola, mentre sembra farle da guida una stella che brilla nel cielo azzurro. Un antico inventario della Casa Buonarroti indica la presenza di due piccole carrucole, oggi non più visibili, poste ai piedi della giovane.

L’opera, eseguita dopo gli intensi anni trascorsi nella Roma del Caravaggio, spicca per il suo naturalismo fra le tele della serie: la bella donna, seducente allegoria che sfiora dall’alto il visitatore col suo sguardo sereno, era stata dipinta completamente nuda. Qualche decennio più tardi, un discendente di Michelangelo il Giovane fece ricoprire dal Volterrano la figura con un moralistico panneggio.

Un'interessante approfondimento sulle connessioni tra #Michelangelo e Artemisia è disponibile sul sito della #CasaBuonarroti, si tratta del video in LIS del Progetto Welcome:
"ARTI E SCIENZE: INCONTRI A DUE VOCI DAI MUSEI FIORENTINI. Osservare e rappresentare il vero. Il sodalizio tra Galileo Galilei, Michelangelo il Giovane e la pittrice Artemisia Gentileschi" a cura di Elena Diacciati (Museo Galieo) ed Elena Lombardi (Casa Buonarroti).
**
Artemisia Gentileschi
(Roma, 1593 - Napoli, 1652/1653)

L’Inclinazione
circa 1615-1616
tela, 152 × 61 cm

#Firenze
https://www.casabuonarroti.it/multimedia/?utm_source=FB-NN&utm_campaign=post&utm_medium=organic

Artemisia, celebre figlia del grande pittore Orazio Gentileschi, partecipò alla decorazione della Galleria della Casa Buonarroti dipingendo un pannello con la personificazione dell’"Inclinazione".

La figura femminile, che si è meritata la felice definizione di “nudo luminoso e carnale” (Cropper), tiene in mano una bussola, mentre sembra farle da guida una stella che brilla nel cielo azzurro. Un antico inventario della Casa Buonarroti indica la presenza di due piccole carrucole, oggi non più visibili, poste ai piedi della giovane.

L’opera, eseguita dopo gli intensi anni trascorsi nella Roma del Caravaggio, spicca per il suo naturalismo fra le tele della serie: la bella donna, seducente allegoria che sfiora dall’alto il visitatore col suo sguardo sereno, era stata dipinta completamente nuda. Qualche decennio più tardi, un discendente di Michelangelo il Giovane fece ricoprire dal Volterrano la figura con un moralistico panneggio.

Un'interessante approfondimento sulle connessioni tra #Michelangelo e Artemisia è disponibile sul sito della #CasaBuonarroti, si tratta del video in LIS del Progetto Welcome:
"ARTI E SCIENZE: INCONTRI A DUE VOCI DAI MUSEI FIORENTINI. Osservare e rappresentare il vero. Il sodalizio tra Galileo Galilei, Michelangelo il Giovane e la pittrice Artemisia Gentileschi" a cura di Elena Diacciati (Museo Galieo) ed Elena Lombardi (Casa Buonarroti).
**
Artemisia Gentileschi
(Roma, 1593 - Napoli, 1652/1653)

L’Inclinazione
circa 1615-1616
tela, 152 × 61 cm

#Firenze
https://www.casabuonarroti.it/multimedia/?utm_source=FB-NN&utm_campaign=post&utm_medium=organic

01/09/2021

Il visitatore entrando nella Galleria della #CasaBuonarroti troverà sulle pareti una singolare biografia per immagini di #Michelangelo, realizzata agli inizi del Seicento dagli artisti più importanti allora operosi a Firenze.
Volgendo lo sguardo al soffitto potrà ammirare le scene della morte e apoteosi dell’artista, circondato da allegorie delle sue virtù.

Nel video alcune opere delle Galleria:

- Anastasio Fontebuoni, Michelangelo presenta a papa Giulio II le scuse per aver lasciato Roma, 1506 (1616-1620)
- Valerio Marucelli, Michelangelo a Venezia è accolto dai delegati del Doge e del Senato, 1529 (1616-1618)
- Filippo Tarchiani, Papa Paolo III e dieci cardinali visitano lo studio di Michelangelo, 1535 circa (1615-1617)
- Cosimo Gamberucci, Michelangelo ricevuto a Roma da Francesco I de’ Medici, 1561 (1615-1616)
- Agostino Ciampelli, Le esequie di Michelangelo in San Lorenzo, 1564 (1617)
- Tiberio T**i, L’erezione della tomba di Michelangelo in Santa Croce, 1574-1575 (1615-1620)
- Niccodemo Ferrucci, Gli artisti studiano le opere di Michelangelo (1615-1616)
- Francesco Curradi, La Fama esalta Michelangelo su tutti gli artisti che lo precedettero (1616-1617)
- Sigismondo Coccapani, Michelangelo incoronato da Pittura, Scultura, Architettura e Poesia (1615-1619)
https://www.casabuonarroti.it/museo/percorso-museale/galleria/?utm_source=FB-NN&utm_campaign=post&utm_medium=organic

La Battaglia dei centauri è uno dei rilievi della prima giovinezza di #Michelangelo, che sono il simbolo indiscusso di #...
26/08/2021

La Battaglia dei centauri è uno dei rilievi della prima giovinezza di #Michelangelo, che sono il simbolo indiscusso di #CasaBuonarroti.

Il rilievo fu eseguito per Lorenzo il Magnifico, su un tema suggerito da Agnolo Poliziano.

Il soggetto ha generato molte discussioni: è stato definito dal Condivi "il ratto de Deianira e la zuffa de Centauri" e dal Vasari "la battaglia di Ercole coi Centauri", ma resta tuttora incerto.

L’opera è definita dai biografi "principiata" ma "non finita", ed è plausibile che sia stata lasciata incompiuta da Michelangelo a causa della morte, avvenuta nella primavera del 1492, di Lorenzo il Magnifico.

Battaglia dei centauri
1490-1492
marmo, 80,5 × 88 cm
https://www.casabuonarroti.it/museo/percorso-museale/madonna-della-scala-e-battaglia-dei-centauri/

La Battaglia dei centauri è uno dei rilievi della prima giovinezza di #Michelangelo, che sono il simbolo indiscusso di #CasaBuonarroti.

Il rilievo fu eseguito per Lorenzo il Magnifico, su un tema suggerito da Agnolo Poliziano.

Il soggetto ha generato molte discussioni: è stato definito dal Condivi "il ratto de Deianira e la zuffa de Centauri" e dal Vasari "la battaglia di Ercole coi Centauri", ma resta tuttora incerto.

L’opera è definita dai biografi "principiata" ma "non finita", ed è plausibile che sia stata lasciata incompiuta da Michelangelo a causa della morte, avvenuta nella primavera del 1492, di Lorenzo il Magnifico.

Battaglia dei centauri
1490-1492
marmo, 80,5 × 88 cm
https://www.casabuonarroti.it/museo/percorso-museale/madonna-della-scala-e-battaglia-dei-centauri/

Ultimi dieci giorni per visitare la mostra di #CasaBuonarroti:"Michelangelo Buonarroti il Giovane (Firenze 1568 – 1647)I...
20/08/2021

Ultimi dieci giorni per visitare la mostra di #CasaBuonarroti:

"Michelangelo Buonarroti il Giovane (Firenze 1568 – 1647)
Il culto della memoria"

Il museo e la mostra sono aperti tutti i giorni, escluso il martedì, dalle ore 10 alle 16.30, la mostra terminerà il 30 agosto 2021.

Disponibile anche l'acquisto online dei biglietti direttamente sul nostro sito.

La prenotazione può essere effettuata, sempre escluso il martedì, dalle 10.30 alle 16.00, al numero +39 055 241752.

L’acquisto in prevendita garantisce l’ingresso nell’orario prescelto, l’ingresso ai prenotati può subire leggere modifiche a causa del contingentamento degli ingressi.

Il progetto è stato realizzato con il contributo di Fondazione CR Firenze

https://www.casabuonarroti.it/michelangelo-buonarroti-il-giovane-firenze-1568-1647-il-culto-della-memoria/?utm_source=FB-NN&utm_campaign=post&utm_medium=organic

Ultimi dieci giorni per visitare la mostra di #CasaBuonarroti:

"Michelangelo Buonarroti il Giovane (Firenze 1568 – 1647)
Il culto della memoria"

Il museo e la mostra sono aperti tutti i giorni, escluso il martedì, dalle ore 10 alle 16.30, la mostra terminerà il 30 agosto 2021.

Disponibile anche l'acquisto online dei biglietti direttamente sul nostro sito.

La prenotazione può essere effettuata, sempre escluso il martedì, dalle 10.30 alle 16.00, al numero +39 055 241752.

L’acquisto in prevendita garantisce l’ingresso nell’orario prescelto, l’ingresso ai prenotati può subire leggere modifiche a causa del contingentamento degli ingressi.

Il progetto è stato realizzato con il contributo di Fondazione CR Firenze

https://www.casabuonarroti.it/michelangelo-buonarroti-il-giovane-firenze-1568-1647-il-culto-della-memoria/?utm_source=FB-NN&utm_campaign=post&utm_medium=organic

La complessa decorazione della Galleria fu elaborata da Michelangelo Buonarroti il Giovane come celebrazione di #Michela...
17/08/2021

La complessa decorazione della Galleria fu elaborata da Michelangelo Buonarroti il Giovane come celebrazione di #Michelangelo.

Nella sala, allestita tra il 1613 e il 1635, si svolge una biografia per immagini realizzata dai maggiori artisti che operavano nella #Firenze dell'epoca.

Le pareti sono decorate da dieci tele che ritraggono gli incontri dell'artista con papi e re, mentre quelle del soffitto raffigurano fatti avvenuti dopo la morte di Michelangelo e l’apoteosi dell’artista circondato da allegorie delle sue virtù.
I monocromi raffigurano episodi biografici presi come esempi di suoi comportamenti esemplari.

La decorazione è completata da tre sculture: un'effigie di Michelangelo di Antonio Novelli e le personificazioni della vita attiva e della vita contemplativa di Domenico Pieratti.

°°°°°
Ricordiamo che per l'accesso al museo è preferibile l'acquisto online dei biglietti direttamente sul nostro sito o la prenotazione chiamando al numero +39 055 241752 dalle 10.30 alle 16.00 (escluso il martedì).

L’acquisto in prevendita garantisce l’ingresso nell’orario prescelto, l’ingresso ai prenotati può subire leggere modifiche a causa del contingentamento degli ingressi.
https://www.casabuonarroti.it/museo/percorso-museale/galleria/?utm_source=FB-NN&utm_campaign=post&utm_medium=organic

La complessa decorazione della Galleria fu elaborata da Michelangelo Buonarroti il Giovane come celebrazione di #Michelangelo.

Nella sala, allestita tra il 1613 e il 1635, si svolge una biografia per immagini realizzata dai maggiori artisti che operavano nella #Firenze dell'epoca.

Le pareti sono decorate da dieci tele che ritraggono gli incontri dell'artista con papi e re, mentre quelle del soffitto raffigurano fatti avvenuti dopo la morte di Michelangelo e l’apoteosi dell’artista circondato da allegorie delle sue virtù.
I monocromi raffigurano episodi biografici presi come esempi di suoi comportamenti esemplari.

La decorazione è completata da tre sculture: un'effigie di Michelangelo di Antonio Novelli e le personificazioni della vita attiva e della vita contemplativa di Domenico Pieratti.

°°°°°
Ricordiamo che per l'accesso al museo è preferibile l'acquisto online dei biglietti direttamente sul nostro sito o la prenotazione chiamando al numero +39 055 241752 dalle 10.30 alle 16.00 (escluso il martedì).

L’acquisto in prevendita garantisce l’ingresso nell’orario prescelto, l’ingresso ai prenotati può subire leggere modifiche a causa del contingentamento degli ingressi.
https://www.casabuonarroti.it/museo/percorso-museale/galleria/?utm_source=FB-NN&utm_campaign=post&utm_medium=organic

10/08/2021

Nella notte di San Lorenzo, anche conosciuta come la notte delle stelle cadenti, vogliamo proporvi il grandioso progetto di #Michelangelo destinato alla facciata di San Lorenzo a Firenze.

L’incompiuta basilica brunelleschiana fu patrocinata dai Medici sin dalla fondazione, avvenuta nel 1421, ed eletta come luogo deputato per le loro sepolture.

L’idea di indire un concorso per dotare di facciata la basilica di San Lorenzo nacque in occasione della visita solenne a Firenze, tra il novembre e il dicembre del 1515, di papa Leone X della famiglia Medici.
Michelangelo risultò vincitore della competizione e diede avvio alla progettazione della facciata, passando attraverso tre fasi principali, che si possono riconoscere in tre disegni appartenenti alla collezione di #CasaBuonarroti. L'opera, purtroppo, non fu mai realizzata per problemi tecnici e finanziari.

Il grande modello ligneo per la facciata della chiesa di San Lorenzo giunse in Casa Buonarroti alla fine dell’Ottocento, dopo essere rimasto a lungo nel vestibolo della Biblioteca Laurenziana, ed è oggi visibile nella sala che in passato ospitava anche il "Dio Fluviale".

Modello per la facciata di San Lorenzo
circa 1518
legno, 216 × 283 × 50 cm
https://www.casabuonarroti.it/museo/percorso-museale/michelangelo-e-la-fabbrica-di-san-lorenzo/?utm_source=FB-NN&utm_campaign=post&utm_medium=organic

Il programma del Progetto Welcome "UN'ESTATE CON ARTI▪SCIENZE" prosegue tutta l'estate fino a settembre con:3… 2… 1… tre...
02/08/2021

Il programma del Progetto Welcome "UN'ESTATE CON ARTI▪SCIENZE" prosegue tutta l'estate fino a settembre con:
3… 2… 1… tre visite guidate a due voci e una passeggiata matematica.

L'incontro di giovedì 5 agosto "I segreti della carta" è a cura della Casa Buonarroti e del Museo Galileo e si terrà alle ore 10.30 presso il Museo Galileo, in Piazza dei Giudici 1 a #Firenze.

Informazioni e prenotazioni (obbligatorie): [email protected]

#CasaBuonarroti: oltre il Museo!

https://www.museiwelcomefirenze.it/2021/06/21/una-estate-con-arti-e-scienze/?utm_source=FB-NN&utm_campaign=post&utm_medium=organic

Il programma del Progetto Welcome "UN'ESTATE CON ARTI▪SCIENZE" prosegue tutta l'estate fino a settembre con:
3… 2… 1… tre visite guidate a due voci e una passeggiata matematica.

L'incontro di giovedì 5 agosto "I segreti della carta" è a cura della Casa Buonarroti e del Museo Galileo e si terrà alle ore 10.30 presso il Museo Galileo, in Piazza dei Giudici 1 a #Firenze.

Informazioni e prenotazioni (obbligatorie): [email protected]

#CasaBuonarroti: oltre il Museo!

https://www.museiwelcomefirenze.it/2021/06/21/una-estate-con-arti-e-scienze/?utm_source=FB-NN&utm_campaign=post&utm_medium=organic

Disponibile sul nostro sito un video di approfondimento dedicato alla mostra"Michelangelo Buonarroti il Giovane (Firenze...
02/08/2021

Disponibile sul nostro sito un video di approfondimento dedicato alla mostra
"Michelangelo Buonarroti il Giovane (Firenze 1568 – 1647)
Il culto della memoria"

Nel video potrete seguire gli interventi della Presidente, Cristina Acidini, di Alessandro Cecchi, Direttore della Fondazione Casa Buonarroti e curatore della mostra, oltre a quelli degli altri due curatori della mostra: Elena Lombardi e Riccardo Spinelli.

Ricordiamo che l'esposizione continuerà fino al 30 agosto 2021 e i visitatori della Casa Buonarroti avranno così la possibilità, irripetibile perché limitata ai tre mesi della mostra, di stabilire una relazione fra l’ideazione delle opere d’arte, testimoniata dai fogli esposti a piano terreno, e la realizzazione delle opere di pittura e scultura al piano nobile.

Il museo e la mostra sono aperti tutti i giorni, escluso il martedì, dalle ore 10 alle 16.30. Disponibile anche l'acquisto online dei biglietti direttamente sul nostro sito.
La prenotazione può essere effettuata, sempre escluso il martedì, dalle 10.30 alle 16.00, al numero +39 055 241752.

L’acquisto in prevendita garantisce l’ingresso nell’orario prescelto, l’ingresso ai prenotati può subire leggere modifiche a causa del contingentamento degli ingressi.

Il progetto è stato realizzato con il contributo di Fondazione CR Firenze
https://go.casabuonarroti.it/multimediaorg

Disponibile sul nostro sito un video di approfondimento dedicato alla mostra
"Michelangelo Buonarroti il Giovane (Firenze 1568 – 1647)
Il culto della memoria"

Nel video potrete seguire gli interventi della Presidente, Cristina Acidini, di Alessandro Cecchi, Direttore della Fondazione Casa Buonarroti e curatore della mostra, oltre a quelli degli altri due curatori della mostra: Elena Lombardi e Riccardo Spinelli.

Ricordiamo che l'esposizione continuerà fino al 30 agosto 2021 e i visitatori della Casa Buonarroti avranno così la possibilità, irripetibile perché limitata ai tre mesi della mostra, di stabilire una relazione fra l’ideazione delle opere d’arte, testimoniata dai fogli esposti a piano terreno, e la realizzazione delle opere di pittura e scultura al piano nobile.

Il museo e la mostra sono aperti tutti i giorni, escluso il martedì, dalle ore 10 alle 16.30. Disponibile anche l'acquisto online dei biglietti direttamente sul nostro sito.
La prenotazione può essere effettuata, sempre escluso il martedì, dalle 10.30 alle 16.00, al numero +39 055 241752.

L’acquisto in prevendita garantisce l’ingresso nell’orario prescelto, l’ingresso ai prenotati può subire leggere modifiche a causa del contingentamento degli ingressi.

Il progetto è stato realizzato con il contributo di Fondazione CR Firenze
https://go.casabuonarroti.it/multimediaorg

29/07/2021

Le numerose opere d’arte esposte nella sala delle collezioni buonarrotiane, raccolte dai discendenti diretti di #Michelangelo, appartengono ad epoche e generi differenti.

Tra le acquisizioni significative è presente la tela tizianesca lasciata per testamento alla "Galleria Buonnaroti" da Rosina Vendramin (1814-1856), moglie dell’ultimo discendente diretto della famiglia, Cosimo Buonarroti (1790-1858).

La nobil donna anglo-veneziana si dedicò con passione, insieme al marito, alle memorie familiari e al restauro del palazzo, in stato allora di grande degrado.

Nella sequenza:

Artista veneto
della prima metà del XVI secolo
Scena amorosa (da Tiziano),
tela, 74,5 × 66,5 cm

Aristodemo Costoli,
Ritratto di Rosina
Vendramin Buonarroti

Aristodemo Costoli,
Ritratto di Cosimo
Buonarroti

#CasaBuonarroti #Firenze
https://www.casabuonarroti.it/museo/percorso-museale/collezioni-buonarrotiane/?utm_source=FB-NN&utm_campaign=post&utm_medium=organic

Indirizzo

Via Ghibellina, 70
Florence
50122

http://www.ataf.net

Orario di apertura

Lunedì 10:00 - 16:30
Mercoledì 10:00 - 16:30
Giovedì 10:00 - 16:30
Venerdì 10:00 - 16:30
Sabato 10:00 - 16:30
Domenica 10:00 - 16:30

Telefono

+39055241752

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando Casa Buonarroti Firenze pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta Il Museo

Invia un messaggio a Casa Buonarroti Firenze:

Video

Fondazione Casa Buonarroti a Firenze

Museo e monumento, luogo della memoria e della celebrazione del genio di Michelangelo, e insieme fastoso apparato barocco ed esposizione delle ricche collezioni d’arte della famiglia.

Oltre all’emozione di ammirare, tra le altre opere, due celebri rilievi marmorei, capolavori della prima giovinezza di Michelangelo Buonarroti - la Madonna della scala e la Battaglia dei centauri - per chi varca il portone del palazzo secentesco di via Ghibellina 70 a Firenze è possibile collegare le opere michelangiolesche con le vicende secolari della famiglia Buonarroti.

La famiglia si è prodigata per ampliare la dimora, abbellirla, per conservarvi preziose eredità culturali (tra cui l’importante Archivio e la Biblioteca), per raccogliervi rare collezioni d’arte: dipinti, sculture, maioliche, reperti archeologici distribuiti oggi nei due piani del Museo.

La collezione di disegni autografi di Michelangelo Buonarroti

Musei nelle vicinanze


Commenti

I geni sono anche profeti. Michelangelo Buonarroti potrebbe aver descritto la Passione del Signore, pur non esplicitamente rappresentata nei suoi affreschi della Volta e nel successivo Giudizio Universale, tramite l’identità del supplizio e nella somiglianza fisica tra Aman crocifisso dipinto sulla Volta e il Gesù Giudice del Giudizio Universale. Michelangelo avrebbe così indicato tramite una somiglianza fisica, che allude a una somiglianza funzionale, e il medesimo supplizio, che Gesù sarebbe morto durante un carnevale ebraico, almeno per quanto riguarda la prima parte della Passione. Nel libro biblico di Ester, Aman primo ministro persiano scoperto che il suo rivale Mardocheo è ebreo, cerca di ucciderlo insieme con tutti i connazionali. Alla fine però sarà Mardocheo a far uccidere Aman sulla forca che preparò per lui. Gli ebrei nella festa religiosa carnevalesca di Purim ricordavano e ricordano tuttora, la salvezza degli ebrei e la morte del loro persecutore. Gesù sarebbe morto sulla croce interpretando (anche) il ruolo di Aman. Michelangelo, in tal modo anticipò di quattro secoli l’ipotesi dell’antropologo e storico delle religioni scozzese Sir James George Frazer (1854-1941) che con il suo lavoro: La crocifissione di Cristo del 1900 espresse per primo in modo formale e più approfondito tale ipotesi.
✅Iscriviti al canale 📚Subscribe to channel ⤵️https://www.youtube.com/watch?v=QXT_QBLb-2I&t=757s
Tributo a Michelangelo. Miei disegni a pastelli vari su foglio cm 100 x 70. Riproduzioni di alcune sculture del genio Michelangelo Buonarroti.
Tributo a Michelangelo Buonarroti. Miei disegni matita bianca e pastelli vari, su foglio cm 100 x 70, di suoi capolavori scultorei.
"Sibilla Delfica"omaggio a Michelangelo olio su tela 80x100
Gallingani Giuseppe‎ a IED Istituto Europeo Di Design Adesso · FLESSIBILITA',TRASVERSALITA',PROGETTUALITA',CREATIVITA',INTELLIGENZA EMOTIVA,EMPATIA. Platinium" Lusso Quantico 16 novembre alle ore 20:21 · ‎Gallingani Giuseppe‎ a World Economic Forum 20 h · ‎Gallingani Giuseppe‎ a Lamborghini 13 novembre alle ore 08:31 · PLATINIUM LUSSO QUANTICO" FONTE DI ISPIRAZIONE, DI RIGENERAZIONE,DI LUMINOSA ELEGANTE BELLEZZA ESCLUSIVA, DISTINTIVA. Abbiamo creato l'atmosphera ideale per affrontare gli 11 mesi di avvento a DUBAI EXPO 2020 2021. LA TEMPESTA PERFETTA DELL'ECCELLENZA ITALIANA. GLI IMPRENDITORI CHE ESPRIMONO UNA FORTE VOLONTA' AL CAMBIAMENTO E ALL'EVOLUZIONE, IN SPIRITO EXPO, TROVANO IN NOI LA FIDUCIARIETA' STRATEGICA, LA RISERVATEZZA, LA TAILORIZZAZIONE, PER ESSERE IRRESISTIBILI NELL' ECCELLENZA DEL LUSSO. COMUNICAZIONE E FINANZA CHE SONO I VERI SCOGLI DELLE MICROIMPRESE E PMI ITALIANE. Prof. GALLINGANI GIUSEPPE. Ambassador of ALFASSA.NET INTERIOR LUXURY" www.alfassa.net
sono laureata in lettere vecchio ordinamento indirizzo storia dell'arte e dell'architettura. Amo tuttal'arte ma in particolareRinascimento Medioevo per cui Buonarroti èt ra i miei favoriti
Condoglianze a tutti per questa perdita importante. Da oggi Casa Buonarroti sarà un po' più vuota