Museo Stibbert

Museo Stibbert Biglietteria / Ticket Office
055.475520
[email protected]

Per altre informazioni visita
(404)

Frederick Stibbert nacque nel 1838 da padre inglese e madre italiana. Con la famiglia viveva nella villa di Montughi ma trascorse la sua gioventù a studiare in Inghilterra. Dopo aver ereditato la vasta fortuna del nonno, per tutta la vita si dedicò raccogliere oggetti da tutto il mondo. La villa e il parco contengono infatti migliaia di oggetti, distribuiti in 57 stanze, che variano dalle armature

alle armi ai dipinti fino ai costumi. Stibbert ha donato la villa e tutti i suoi tesori al comune di Firenze nel 1906, l’anno della sua morte, ordinando che diventasse un museo pubblico. Il museo è aperto ufficialmente dal 1909 e rimane ancora oggi a testimonianza della sua passione per il collezionismo e del suo interesse per la storia del costume. Frederick Stibbert was born in 1838 to an English father and Italian mother. He lived with his family in the Montughi Villa but spent his youth studying in England. After having inherited his grandfather's vast fortune, he spent his life collecting objects from all over the world. The villa and garden hold thousands of objects distributed in 57 rooms ranging from armor to weapons to paintings to costumes. Stibbert donated his villa and all his treasures to the city of Florence when he died in 1906 intending that it become a public museum. The museum officially opened in 1909 and remains still today a testament to his passion for collecting and to his interest in the history of costumes.

Tanti Auguri Frederick!!! 🎂🍾 Il 9 novembre 1838 a Firenze nasceva Frederick Stibbert.
09/11/2023

Tanti Auguri Frederick!!! 🎂🍾
Il 9 novembre 1838 a Firenze nasceva Frederick Stibbert.

Siete pronti per "vedere l'invisibile"? 😀
08/11/2023

Siete pronti per "vedere l'invisibile"? 😀

Il nostro curatore Riccardo Franci ci porta alla scoperta del lato nascosto di armi e armature. In questo video spade e armi da fuoco della collezione Stibbe...

Il 5 novembre  alle 21:00 nell'ambito di Risveglio di Comunità si terrà "Attorno a Machiavelli su Fortuna e Libero arbit...
25/10/2023

Il 5 novembre alle 21:00 nell'ambito di Risveglio di Comunità si terrà "Attorno a Machiavelli su Fortuna e Libero arbitrio". Lettura a cura di Giuseppe Cederna. All’interno del festival dedicato a Machiavelli.

Il 5 novembre l'appuntamento è al Museo Stibbert!FESTIVAL MACHIAVELLERIE 3° EDIZIONE (3- 4 e 5 NOVEMBRE 2023)   La Fortu...
23/10/2023

Il 5 novembre l'appuntamento è al Museo Stibbert!

FESTIVAL MACHIAVELLERIE 3° EDIZIONE (3- 4 e 5 NOVEMBRE 2023) La Fortuna “nelle umane cose”

In questa edizione CARLO BARTOLI, FEDERICO TADDIA, STEFANO MASSINI, EZIO MAURO, GIUSEPPE CEDERNA, EMANUELE PACE, STEFANIA SALVADORI e molti altri si confronteranno con il tema della Fortuna affrontata da Machiavelli nel celebre capitolo XXV del “Principe”: Quanto possa nelle umane cose la fortuna, e in che modo se gli possa ostare. L'uomo che si affaccia nell'agone politico è un soggetto libero o necessitato? Quanto i cieli, ossia le determinazioni astrali, influiscono sulla capacità di agire? Sono due interrogativi essenziali, che, discussi dal punto di vista del singolo nel Principe, vengono collocati, in un celeberrimo capitolo dei Discorsi, nel cuore di una filosofia della storia di matrice astrologica, fondata sul trascorrere ciclico di un tempo scandito da cadute e rinascite, sullo sfondo aristotelico di un cosmo eterno.

PROGRAMMA COMPLETO, INFO BIGLIETTI E PRENOTAZIONI :
http://www.teatroniccolini.it/2023/10/16/3-4-e-5-novembre-2023/

Così vicini, così lontani… tesori dall’antica Birmania ad oggi, esposti in una sezione della mostra grazie alla collabor...
18/10/2023

Così vicini, così lontani… tesori dall’antica Birmania ad oggi, esposti in una sezione della mostra grazie alla collaborazione con il Principe Alex Postiglione di Limbin.

Chi è Alex?
S.A. il Principe Alex Herbert Postiglione, Ne Min Gy di Limbin
 
Discendente della dinastia reale Konbaung della Birmania, nipote di S.A. la principessa Yadana Nat Mai, Dea dei nove gioielli ed erede dell'ultimo re di Birmania, sua maestà re Mindon. Il principe Alex è nato a Firenze, dove ha studiato storia dell'arte. Ha trascorso la sua vita coltivando la passione per le piante e l'antropologia, condividendo le sue avventure con il suo amore, e presto principessa di Limbin, l'artista Letizia Ridomi. Insieme stanno curando la collezione di famiglia di antichità birmane ed hanno realizzato diversi progetti dedicati alla tutela e alla promozione del mondo naturale come il marchio di profumeria di nicchia "extra virgo".
 
Continuando l'eredità familiare tramandata dalla sua amata nonna, il principe Alex e Letizia sono coinvolti in progetti umanitari e ambientali aiutando il Myanmar, la sua gente, la sua biosfera naturale e patrimonio storico attraverso il loro brand di profumi “EXTRA VIRGO” e la fondazione Limbin. Un nuovo progetto che presto sarà svelato.

Non avete ancora prenotato la vostra terrificante serata di Halloween? 👻🎃 Affrettatevi!!
16/10/2023

Non avete ancora prenotato la vostra terrificante serata di Halloween? 👻🎃 Affrettatevi!!

Riproduzione ottocentesca in galvanoplastica dello scudo da parata chiamato "The Cellini Shield". Lo scudo originale è a...
11/10/2023

Riproduzione ottocentesca in galvanoplastica dello scudo da parata chiamato "The Cellini Shield". Lo scudo originale è attribuito a Eliseus Libaerts (attivo 1561-1569), conservato presso il Castello di Windsor. È decorato con quattro scene che rappresentano altrettanti episodi della vita di Giulio Cesare: la battaglia di Durazzo, quando lo scudiero di Casare taglia il braccio del suo assalitore; la contaminazione della veste di Cesare con il sangue di un sacrificio (nel dettagliodella foto); la battaglia di Farsalo e la morte di uno dei generali di Pompeo; e la testa e l'anello di Pompeo portati a Cesare quando arriva in Egitto.

Siete pronti per una serata terrificante 💀👻?Martedì 31 ottobre al Museo Stibbert.
10/10/2023

Siete pronti per una serata terrificante 💀👻?
Martedì 31 ottobre al Museo Stibbert.

Qualche scatto dalla nuova mostra "Così lontani, così vicini", un racconto sulla diversità di atteggiamenti e sguardi da...
06/10/2023

Qualche scatto dalla nuova mostra "Così lontani, così vicini", un racconto sulla diversità di atteggiamenti e sguardi da parte della società europea per tutto ciò che proveniva da lontano tra '800 e '900. Aperta fino al 5 maggio 2024!

05/10/2023

In mostra fino al 5 maggio un cospicuo gruppo di fotografie e una selezione di oggetti d’arte orientale in collaborazione con la Fondazione Alinari

Dove le fiabe de "Le Mille e una notte" diventano realtà...
18/09/2023

Dove le fiabe de "Le Mille e una notte" diventano realtà...

Il mantello di Napoleone Bonaparte per l'incoronazione a Re d'Italia🫅
17/09/2023

Il mantello di Napoleone Bonaparte per l'incoronazione a Re d'Italia🫅

Scopriamo ogni cavaliere della Sala della Cavalcata!🏰🐎🏰
14/09/2023

Scopriamo ogni cavaliere della Sala della Cavalcata!🏰🐎🏰

Museo Stibbert, expect the unexpected!
12/09/2023

Museo Stibbert, expect the unexpected!

Benvenuti al Museo Stibbert!
08/09/2023

Benvenuti al Museo Stibbert!

01/09/2023

Alla testa della sfilata di cavalieri
22/08/2023

Alla testa della sfilata di cavalieri

Cavalieri romantici
19/08/2023

Cavalieri romantici

Eleganza di altri tempi
17/08/2023

Eleganza di altri tempi

Summer at Stibbert Museum!
07/08/2023

Summer at Stibbert Museum!

Hai mai visitato il Giappone...
03/08/2023

Hai mai visitato il Giappone...

The Hall of the Cavalcade
01/08/2023

The Hall of the Cavalcade

John Hawkwood, italianizzato in Giovanni Acuto (Sible Hedingham, 1320 circa – Firenze, 14 marzo 1394), condottiero e cap...
28/07/2023

John Hawkwood, italianizzato in Giovanni Acuto (Sible Hedingham, 1320 circa – Firenze, 14 marzo 1394), condottiero e capitano di ventura inglese, che combatté per la Repubblica di Pisa e per papa Gregorio XI nella guerra degli otto santi che contrapponeva lo Stato Pontificio alla Repubblica di Firenze.

Wellcome to Stibbert Museum!
25/07/2023

Wellcome to Stibbert Museum!

Martedì 15 e mercoledì 16 agosto il museo resterà chiuso. Riapriremo al pubblico venerdì 18. Buon ferragosto!
21/07/2023

Martedì 15 e mercoledì 16 agosto il museo resterà chiuso. Riapriremo al pubblico venerdì 18. Buon ferragosto!

The Islamic Collection
20/07/2023

The Islamic Collection

A castle with a view...
17/07/2023

A castle with a view...

Once upon a time in a Medieval castle...
14/07/2023

Once upon a time in a Medieval castle...

Many thanks
11/07/2023

Many thanks

Un castello medievale ad un passo dal centro di Firenze!
06/07/2023

Un castello medievale ad un passo dal centro di Firenze!

La grandiosa sfilata di cavalieri della Sala della Cavalcata.
04/07/2023

La grandiosa sfilata di cavalieri della Sala della Cavalcata.

13/05/2023

𝓒𝓸𝓷𝓬𝓮𝓻𝓽𝓸 𝓭𝓲 𝓜𝓾𝓼𝓲𝓬𝓪 𝓑𝓪𝓻𝓸𝓬𝓬𝓪

Martedì 30 maggio, ore 18.30-Museo Stibbert, Firenze
::
Rossana Bertini soprano, Luca Giardini violino barocco,
Priska Comploi oboe, Jean-Marie Quint violoncello barocco,
Alessandra Artifoni clavicembalo.

Musiche di Alessandro Scarlatti, George Fr. Händel, Pietro Castrucci,
Carlo Ambrogio Lonati, Giovanni Platti, J.M. Clément Ferdinand Dall’Abaco
::
Ingresso 15,00 € (include visita al museo dalle ore 17,00)
Prenotazione obbligatoria:
[email protected] - [email protected] - tel 055 486049
Rossana Bertini Luca Giardini Priska Comploi Artifoni
Museo Stibbert

12/04/2023


12 aprile 1908 - La collezione Stibbert diventa

Sul colle di Montughi, lungo le vie omonime di Stibbert e Montughi, Frederick Stibbert, alla fine dell'Ottocento, aveva restaurato e ingrandito la piccola appartenuta alla famiglia Davanzati, trasformandola in un edificio sontuoso, omaggio alla sua amata Firenze. Vi lavorarono alcuni fra i migliori artisti fiorentini dell'epoca, come l'architetto Giuseppe Poggi, i pittori Gateano Bianchi e Annibale Gatti e lo scultore Augusto Passaglia.
Fu ristrutturato anche il , sempre su progetto del Poggi, che diventò un romantico giardino all'inglese, con tempietti, grotte, giochi d'acqua e limonaia in stile neoclassico, oggi aperto ai visitatori gratuitamente.

Stibbert, di padre inglese e madre italiana ed erede di una famiglia molto facoltosa, era nato a Firenze, ma era stato educato in Gran Bretagna.
Aveva vissuto una vita mondana, costellata di viaggi ininterrotti per tutta l’Europa e nutrita da un'enorme passione collezionistica, con una particolare attenzione alla storia del , alle e alle applicate.

Quando rientrò a Firenze, dopo gli studi in Gran Bretagna, iniziò a costituire le sue di armi e armature (quasi 16.000 pezzi di varie epoche e provenienze), costumi, quadreria, arazzi, oggetti di arredo e di arte, nell'ottica di documentare tutti i settori in cui le modificazioni del gusto e lo sviluppo delle tecniche produttive stimolavano la creatività.

Due giorno dopo la sua morte, avvenuta il 10 aprile del 1906, fu pubblicato il :
«… il Museo di mia proprietà, posto a Montughi, presso Firenze, e la cui collezione di oggetti d’arte mi costa ingenti somme di denaro, tante cure e fatiche […] con tutti gli oggetti tanto antichi che moderni, l’Armeria, la Galleria dei quadri, la libreria, la mobilia tutta, le fabbriche costituenti la villa ed annessi di Montughi, il giardino e quanto altro fa corpo a detti beni, ed in una parola tutto quello e quanto di mobile e immobile io possiedo in detta località […] dovrà passare a titolo di legato al Governo Inglese […]. Nel caso che il Governo inglese non volesse o non potesse accettare, gli sostituisco il Comune di Firenze […]».

Il testamento era stato redatto nel maggio del 1905, pochi giorni dopo la visita che l’amico Guy Francis Laking, aveva fatto a Stibbert con l’intenzione di ricordargli la sua nazionalità e la necessità di lasciare le collezioni al Paese d’origine.
I testamentari, tra cui l’obbligo di mantenere le collezioni nella loro sede, potevano prospettare una rinuncia inglese; in realtà, in un primo momento, il governo conservatore di lord Arthur Balfour comunicò a Stibbert l’intenzione di accettare l’eredità (lo documenta l’archivio Stibbert).
La città di Firenze alla pubblicazione del testamento si per ottenere la rinuncia del Governo britannico.

Tra luglio e agosto gli scambi di corrispondenza si infittirono, il Comune di Firenze dichiarò il proprio interesse all’eredità e la sua disponibilità ad accettarla con delibera di Giunta del 25 luglio 1906.
Finalmente, il 16 agosto, venne spedita la definitiva rinuncia all’eredità di Frederick Stibbert da parte del Governo inglese.
La città di Firenze ottenne così il e il Museo Stibbert venne istituto con Regio Decreto il 12 aprile del 1908.
Un anno più tardi fu e aperto al pubblico, alla presenza del Sindaco, delle autorità e di un folto pubblico.

Attualmente l'intera collezione è costituita da circa oggetti, per la maggior parte esposti, frutto del nucleo originale lasciato da Stibbert alla sua morte e incrementato da vari doni e acquisti posteriori.

Feel Florence Firenze Patrimonio Mondiale - Unesco UNESCO Museo Stibbert Viaggiatrice curiosa

Il 10 aprile 1906 nella sua villa di Montughi veniva a mancare Frederick Stibbert, collezionista, mecenate, sognatore.
10/04/2023

Il 10 aprile 1906 nella sua villa di Montughi veniva a mancare Frederick Stibbert, collezionista, mecenate, sognatore.

Udite, udite! Secondo il New York Times il laghetto del Museo Stibbert è fra i cinque migliori posti al mondo per la pes...
01/04/2023

Udite, udite! Secondo il New York Times il laghetto del Museo Stibbert è fra i cinque migliori posti al mondo per la pesca alla trota!! 🐟🐟 😁😁😁
Era un Pesce d'aprile!!! Grazie a tutti 🤗

Per celebrare la forza di tutte le donne!! 👩👱‍♀️🧕👩‍🦳
08/03/2023

Per celebrare la forza di tutte le donne!! 👩👱‍♀️🧕👩‍🦳

Raffinatezze da alcuni dei nostri abiti.
28/02/2023

Raffinatezze da alcuni dei nostri abiti.

Sulla cubitiera è incisa la figura leggendaria di Muzio Scevola. Si narra che nel 508 a.C., durante l'assedio di Roma da...
20/02/2023

Sulla cubitiera è incisa la figura leggendaria di Muzio Scevola. Si narra che nel 508 a.C., durante l'assedio di Roma da parte degli Etruschi comandati da Porsenna, proprio mentre nella città cominciavano a scarseggiare i viveri, un giovane aristocratico romano, Muzio Cordo, propose al Senato di uccidere il comandante etrusco. Non appena ottenne l'autorizzazione, si infiltrò nelle linee nemiche e armato di un pugnale, raggiunse l'accampamento di Porsenna, che stava distribuendo la paga ai soldati. Muzio attese che il suo bersaglio rimanesse solo e quindi lo pugnalò, ma sbagliò persona: aveva infatti assassinato lo scriba. Subito venne catturato dalle guardie del comandante, e portato al cospetto di Porsenna, il giovane romano non esitò a dire: «Volevo uccidere te. La mia mano ha errato e ora la punisco per questo imperdonabile errore». Così mise la sua mano destra in un braciere e non la tolse fino a che non fu completamente consumata. Da quel giorno il coraggioso nobile romano avrebbe assunto il nome di "Muzio Scevola" (Muzio il mancino).
🌎 On this elbow is engraved the legendary figure of Muzio Scevola. It is said that in 508 BCE, just as food became scarce during the siege of Rome by the Etruscans, a young Roman aristocrat, Muzio Cordo, offered to kill the Etruscan commander Porsenna. As soon as he had obtained the Senate’s authorization, he infiltrated the enemy lines, armed with a dagger. In the enemy camp, he saw a man distributing pay to his soldiers. Muzio waited until his target was alone and then stabbed him, however, he had made a mistake and had murdered the scribe. He was immediately captured by the commander's guards, and when brought before Porsenna, the young Roman dared to say: "I wanted to kill you. My hand has erred and now I punish it for this unforgivable mistake.” He then put his right hand in a brazier and did not remove it until it was completely consumed. From that day on, the brave Roman nobleman assumed the name of "Muzio Scevola" (Muzio, the Left-handed).

19/02/2023

📌 C’è ancora tempo!

🖼 La mostra "L'OCCHIO DELLA SCIENZA" resterà aperta ancora una settimana, fino al 26 febbraio 2023, presso due sedi:

📍 Museo Stibbert, Firenze, con “L’occhio della scienza: Giorgio Roster e Odoardo Beccari, esploratori di luoghi e immagini”

📍 Museo della Grafica, Pisa, con “L’occhio della scienza: un secolo di fotografia scientifica in Italia (1839-1939)”

Non perderla!

ℹ️ L’OCCHIO DELLA SCIENZA è un progetto del Museo Galileo e del Museo della Grafica di Pisa.
🤝 Co-organizzatori:
Sistema Museale di Ateneo - Università di Firenze [Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze]
Sistema Museale di Ateneo dell'Università di Pisa
Museo Stibbert
Fondazione Alinari per la Fotografia

➡️ Per saperne di più: https://www.alinari.it/it/news/mostra-occhio-della-scienza

_____

📌There’s still time!

🖼 The exhibition “L’OCCHIO DELLA SCIENZA” ("The Eye of Science") will be open for one more week until February 26, 2023, at two venues:

📍 Stibbert Museum, Florence, with "The Eye of Science: Giorgio Roster and Odoardo Beccari, explorers of places and images"

📍 Museo della Grafica, Pisa, with "The Eye of Science: a century of scientific photography in Italy (1839-1939)".

Don't miss it!

ℹ️ "L'occhio della scienza” is a project by Museo Galileo – Istituto e Museo di Storia della Scienza, and Museo della Grafica, Pisa.
🤝 Co-organizers:
Sistema Museale di Ateneo - University of Florence
Sistema Museale di Ateneo dell'Università di Pisa
Museo Stibbert
Fondazione Alinari per la Fotografia

➡️ Discover more here: https://www.alinari.it/en/news/exhibition-occhio-della-scienza

--

Regione Toscana
Città di Firenze

Indirizzo

Via Federigo Stibbert 26
Florence
50134

Orario di apertura

Lunedì 10:00 - 14:00
Martedì 10:00 - 14:00
Mercoledì 10:00 - 14:00
Venerdì 10:00 - 18:00
Sabato 10:00 - 18:00
Domenica 10:00 - 18:00

Telefono

+39055486049

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando Museo Stibbert pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta Il Museo

Invia un messaggio a Museo Stibbert:

Video

Condividi

Digitare