Madonna di Citerna

Madonna di Citerna Donatello a Citerna. La Madonna di Citerna, terracotta inedita di Donatello, è stata rinvenuta all'interno della Chiesa di San Francesco, nell'ambito di una ricerca nata con lo scopo di istituire un corpus di manufatti in terracotta presenti un Umbria nei secoli XV e XVI.
(2)

Questo fu l'inizio di un lungo percorso fatto dis tudi, approfondimenti,analisi ; sapiente lavoro condotto dall'Opificio delle Pietre Dure di Firenze. Tutto ciò ha permesso di assegnare l'esecuzione della terracotta alla mano del maestro fiorentino, riconducendola ai primi anni della sua attività, con una datazione proposta compresa tra il 1415 e il 1420. Il minuzioso restauro ha messo in luce elementi nuovi che avvalorano le tesi attributive di una committenza, se non prestigiosa, sicuramente molto ricca. La superficie pittorica originale, celata fino al pre-restauro da diverse ridipinture eseguite nel tempo in epoche differenti, è venuta alla luce in tutta la sua bellezza, rivelando appieno aspetti tipici di una rappresentazione legata al gusto Gotico Internazionale, ancora presente nei primni anni del Quattrocento a Firenze. La collocazione della terracotta all'interno della cappellina della Chiesa di san Francesco, restituisce al capolavoro donatelliano un ambiente consono, sia in termini dimensionali, che estetici.

Normali funzionamento

La Voce - Diocesi di Città di Castello
16/12/2020

La Voce - Diocesi di Città di Castello

Museo Duomo Città di Castello
12/12/2020

Museo Duomo Città di Castello

Inaugurato percorso presepiale negli spazi di: Morra Oratorio di San Crescentino, Citerna Chiesa di San Francesco e Museo diocesano.
Nei social i video con gli interventi istituzionali.

12/12/2020
Inaugurazione presepe

Inaugurazione presepe artistico di Giuseppe Bruschi presso la chiesa di San Francesco a Citerna.
Grazie al comune al sindaco Enea Paladino, all'assessore alle logiche culturali Anna Conti, al parroco don Paolo Martinelli e alla locale pro loco con Gilberto Presenti.

Inaugurazione presepe artistico di Giovanni Bruschi presso la Chiesa di San Francesco a Citerna.Un particolare ringrazia...
12/12/2020

Inaugurazione presepe artistico di Giovanni Bruschi presso la Chiesa di San Francesco a Citerna.
Un particolare ringraziamento al sindaco Enea Paladino e all'assessore politiche culturali Anna Conti del Comune di Citerna, al parroco don Paolo Martinelli e al gruppo di volontari della pro loco con Gilberto presenti

Museo Duomo Città di Castello
10/12/2020

Museo Duomo Città di Castello

Vi invitiamo ad ascoltare le parole del ns vescovo Domenico Cancian vicino al presepio allestito all'interno del Museo in questa pagina social.
Nel programma IncontrArti oltre Immagine promosso da Meu e sostenuto da Regione Umbria.

Museo Duomo Città di Castello
10/12/2020

Museo Duomo Città di Castello

Vi invitiamo ad ascoltare le parole del ns vescovo Domenico Cancian vicino al presepio allestito all'interno del Museo in questa pagina social.
Nel programma IncontrArti oltre Immagine promosso da Meu e sostenuto da Regione Umbria.

Inaugurato il presepe del museo diocesano - AtvReport.it
07/12/2020
Inaugurato il presepe del museo diocesano - AtvReport.it

Inaugurato il presepe del museo diocesano - AtvReport.it

CITTÀ DI CASTELLO - E’ stato inaugurato lunedì 7 dicembre alle ore 10.30 il presepio artistico nella sala d’ingresso a piano terra del Museo diocesano di

Scoprendo l'Umbria
04/12/2020

Scoprendo l'Umbria

✨ Oggi siamo a #Citerna, città che conserva ancora nella cinta muraria, come nei camminamenti medievali, la memoria della sua ricca storia.

E tu...camminando per il borgo 🚶‍♂️🚶‍♀️ ...non potrai fare a meno di notare l'incantevole ⛪️ chiesa di San Francesco, considerata una chiesa-museo per il gran numero di opere d’arte che vi si conservano.

La storia della chiesa di San Francesco si lega all'insediamento francescano in città.

Il primo luogo di culto dei frati francescani fu un piccolo convento costruito fuori della cinta muraria che venne gravemente danneggiato da un incendio 🔥 nel 1316.

In seguito i frati ne ricostruirono ⛏ un altro poco distante che prese il nome di Convento degli Osservanti. Durante la seconda metà del ‘400 però decisero di spostare il loro Convento all’interno del borgo, ampliando una piccola chiesetta già esistente all’interno della cinta muraria.

L’attuale struttura, che si affaccia lungo Corso Garibaldi, è stata ricostruita nel XV secolo, insieme all’annesso convento, sopra una preesistente costruzione.

Qui rimarrai stupito 👀 dalla scoperta di un'opera inedita di #Donatello 👨‍🎨, una bellissima Madonna con il Bambino 🤱.

Semplice nella sua eleganza, quest'importante 💎 scultura policroma degli inizi del Quattrocento è stata recentemente restaurata dall’Opificio delle Pietre Dure di Firenze.

Per maggiori info sulla chiesa 👉 bit.ly/3gcY43R

Regione Umbria
Umbria tourism
Citerna
Comune di Citerna - Pagina Istituzionale
Igers Umbria

Museo Duomo Città di Castello
28/11/2020

Museo Duomo Città di Castello

Siamo chiusi ma non fermi.
Intervento di salvaguardia alla tavolo di Rosso Fiorentino, "Cristo Risorto in Gloria" nel Salone Gotico

13 novembre - Festività dei Santi Patroni Florido e Amanzio
13/11/2020

13 novembre - Festività dei Santi Patroni Florido e Amanzio

Ecclesia card - strumento promozionale che consente ingressi ridotti in oltre venti musei convenzionati sia civici che e...
27/10/2020

Ecclesia card - strumento promozionale che consente ingressi ridotti in oltre venti musei convenzionati sia civici che ecclesiastici della Regione Umbria e Toscana. Nel pacchetto è inclusa anche la visita con ingresso ridotto alla Madonna di Donatello conservata nella Chiesa di san Francesco a Citerna.
Per info 075 8554705 [email protected]

28/08/2020
Gloria

Gloria

Ho visitato ed ammirato, nella giornata di martedì 11 agosto, la bellezza della Madonna del Donatello.
Il signore della Proloco, che mi dicono che si chiami Gilberto, citernese doc, ci ha permesso, anche se orario di pranzo, di poter vedere la Chiesa e la Madonna. Il signore è stato veramente dettagliato nel racconto, così come nel racconto del crocifisso sull'altare a sinistra dell'altare principale (la leggenda che il crocifisso aprì gli occhi nel momento in cui stava per essere bruciato come legna da ardere in un momento di carestia).
Complimenti davvero!
Ci dovrebbero essere sempre più persone così appassionate all'arte e soprattutto capaci di trasmettere agli altri questa loro indole ed entusiasmo.

Grazie ancora!

Chiesa di San Francesco Citerna53 edizione Festival delle Nazioni 2020
26/08/2020

Chiesa di San Francesco Citerna
53 edizione Festival delle Nazioni 2020

Scoprendo l'Umbria
17/06/2020

Scoprendo l'Umbria

#scoprendolumbria
#riaperture

La sua elaborazione è stata molto lunga e piena di aneddoti ma 🖼 questo olio su tavola è veramente sbalorditivo.

Quando fu commissionata all’artista, che si trovava a Città di Castello da parte della locale Compagnia dal Corpus Domini, erano previsti un Cristo "resuscitato e glorioso", quattro sante e, in basso “diverse figure che representino il populo, con quelli angeli che a lui [al pittore] parerà di acomodare".

Un piccolo aiuto per individuare il capolavoro di cui ti stiamo parlando te lo può dare Giorgio Vasari che racconta che mentre il pittore stava lavorando🖌a questa opera, gli cadde addosso un tetto, che guastò il dipinto, ed il pittore fu colto da altissima febbre💊.

Rifugiatosi a Sansepolcro e costretto in virtù del contratto ad eseguire il lavoro, come adirato, “figurò – scrive Vasari – un popolo e un Cristo in aria adorato da quattro figure, e qui vi fece mori, Zingari e le più strane cose del mondo, e dalle figure in poi che di bontà sono perfette, il componimento attende a tutt’altra cosa che all’animo di coloro che gli chiesero tal pittura”.

Si hai proprio indovinato... stiamo parlando della bellissima pala del Cristo Risorto in Gloria realizzata nel 1528-1530 da Giovanni di Battista di Jacopo di Gasparre detto il Rosso fiorentino (Firenze 1495 – Fontainbleau 1540) esposta nel Salone Gotico del Museo Duomo Città di Castello.

Ti ricordiamo che questo🏛 museo è uno dei più grandi🤓 musei italiani dedicati all’arte sacra. La raccolta si è formata con lo scopo di dare un’adeguata collocazione alle opere d’arte di proprietà del Capitolo della cattedrale e delle chiese del territorio e si contraddistingue per quantità e qualità di oggetti liturgici, che spaziano dal VI al XIX secolo.

Il museo è riaperto al pubblico dal 6 giugno.

Per saperne di più 👉 bit.ly/2UCvLSP

Umbria Cultura
Comune di Città di Castello
Regione Umbria
Umbria tourism
Umbria - Coordinamento Regionale di ICOM Italia
#museiitaliani
#umbriabellaesicura

Alta Umbria
28/05/2020

Alta Umbria

How many of you have had the chance to admire the Canoscio Treasure? Preserved in the Duomo of Città di Castello, this collection of objects is a precious trace of the rising Christian community in the territory from the sixth century AD.

PrimoPianoNotizie
27/04/2020

PrimoPianoNotizie

Scoprendo l'Umbria
20/04/2020

Scoprendo l'Umbria

#iorestoacasa
#ScoprendolUmbriaanchedacasa
#RaffaelloinUmbria

Fece “in San Domenico una [tavola] d’un Crucifisso, la quale, se non vi fusse il suo nome scritto, nessuno la crederebbe opera di Raffaello, ma sì bene di Pietro [Perugino]”.
Così Vasari parla della Crocifissione Gavari di Raffaello, nota anche come Crocifissione Mond dal nome dell'ultimo proprietario.
In quest'opera Raffaello denuncia la stretta dipendenza dal suo maestro Pietro Vannucci detto il Perugino, in particolare, per le analogie Crocifissione di San Francesco al Monte della Galleria Nazionale dell'Umbria.🖼

👨‍🎨La tavola è la seconda delle tre pale d’altare dipinte da Raffaello per #CittàdiCastello e fu realizzata nel 1503 per la cappella del mercante di lana e banchiere Domenico Gavari nella chiesa di San Domenico.
🕵️‍♂️Il Cristo crocifisso, con ai lati due angeli che raccolgono in calici il sangue che sgorga dalle sue ferite, è raffigurato come sospeso tra le figure della Vergine e san Giovanni, in piedi, e di san Girolamo e la Maddalena in ginocchio. Sullo sfondo si apre un paesaggio tipico delle colline umbre, tanto che si pensa che la città turrita in lontananza sia la stessa Città di Castello.

La tavola principale rimase in situ fino al 1818 quando fu venduta dai monaci di San Domenico e ora si trova esposta alla National Gallery.

💡Sai che nella #Pinacotecacomunale di Città di Castello è esposta una copia della Crocifissione Gavari datata 1809?
👉Scopri di più bit.ly/2VHERNZ

#Raffaello500
#scoprendolumbria
#umbriacultura
#laculturanonsiferma

Pianeta in taffetas di seta dipinto raffigurante la Madonna di Saragozza, manifattura spagnola, sec. XVII, Museo diocesa...
15/04/2020

Pianeta in taffetas di seta dipinto raffigurante la Madonna di Saragozza, manifattura spagnola, sec. XVII, Museo diocesano di Città di Castello
Iorestoacasa#labellezzasalveràilmondo#continuateaseguirci#[email protected]

Cristo Risorto in Gloria, Rosso Fiorentino, 1528-30 Museo diocesano di Città di CastelloIorestoacasa#Buona Pasqua a tutt...
09/04/2020

Cristo Risorto in Gloria, Rosso Fiorentino, 1528-30 Museo diocesano di Città di Castello
Iorestoacasa#Buona Pasqua a tutti

Indirizzo

Corso Garibaldi
Citerna
06010

Orario di apertura

Domenica 15:00 - 18:00
Domenica 10:00 - 13:00

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando Madonna di Citerna pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta Il Museo

Invia un messaggio a Madonna di Citerna:

Video

Digitare

Musei nelle vicinanze

Commenti

Ho visitato ed ammirato, nella giornata di martedì 11 agosto, la bellezza della Madonna del Donatello. Il signore della Proloco, che mi dicono che si chiami Gilberto, citernese doc, ci ha permesso, anche se orario di pranzo, di poter vedere la Chiesa e la Madonna. Il signore è stato veramente dettagliato nel racconto, così come nel racconto del crocifisso sull'altare a sinistra dell'altare principale (la leggenda che il crocifisso aprì gli occhi nel momento in cui stava per essere bruciato come legna da ardere in un momento di carestia). Complimenti davvero! Ci dovrebbero essere sempre più persone così appassionate all'arte e soprattutto capaci di trasmettere agli altri questa loro indole ed entusiasmo. Grazie ancora!