Museo di Arte Sacra Santa Verdiana

Museo di Arte Sacra Santa Verdiana Il Museo di Santa Verdiana ospita dipinti su tela e tavola, sculture, arredi sacri, paramenti e antifonari. Di notevole interesse una "Madonna con Bambino" attribuita a Cimabue.
(6)

A motivo delle attuali restrizioni, l'apertura avviene solo su prenotazione. Il Museo di Santa Verdiana, attraverso l'esposizione delle sue opere, si pone al visitatore come punto di partenza per rimeditare sul culto di una santa singolare, visitando i luoghi della sua memoria e per ripercorrere un territorio battuto da antiche vie e popolato di pievi, ville e castelli ricchi di storia. Il Museo,

A motivo delle attuali restrizioni, l'apertura avviene solo su prenotazione. Il Museo di Santa Verdiana, attraverso l'esposizione delle sue opere, si pone al visitatore come punto di partenza per rimeditare sul culto di una santa singolare, visitando i luoghi della sua memoria e per ripercorrere un territorio battuto da antiche vie e popolato di pievi, ville e castelli ricchi di storia. Il Museo,

Normali funzionamento

Tornate ieri le nostre opere esposte a Ravenna alla mostra su Dante "Le arti al tempo dell'esilio"! Sotto l'attenta supe...
16/07/2021

Tornate ieri le nostre opere esposte a Ravenna alla mostra su Dante "Le arti al tempo dell'esilio"! Sotto l'attenta supervisione della sovrintendente sono state ricollocate nel nostro museo. Vi aspettiamo!

Su Toscana Oggi di questa settimana! #visitcastelfiorentino #castelfiorentino #comunecastelfiorentino #MuDEV #visitraven...
11/07/2021

Su Toscana Oggi di questa settimana! #visitcastelfiorentino #castelfiorentino #comunecastelfiorentino #MuDEV #visitravenna #leartialtempodellesilio

Su Toscana Oggi di questa settimana! #visitcastelfiorentino #castelfiorentino #comunecastelfiorentino #MuDEV #visitravenna #leartialtempodellesilio

In occasione del 5°anniversario della morte del Card. Piovanelli, Presentazione del libro del poeta Massimiliano Bardott...
09/07/2021

In occasione del 5°anniversario della morte del Card. Piovanelli, Presentazione del libro del poeta Massimiliano Bardotti 'La terra e la radice"

Adesso al Museo: Presentazione del libro di Massimiliano Bardotti "La terra e la radice"
09/07/2021

Adesso al Museo: Presentazione del libro di Massimiliano Bardotti "La terra e la radice"

Adesso al Museo: Presentazione del libro di Massimiliano Bardotti "La terra e la radice"

01/07/2021
In visita a Ravenna alla mostra su Dante nella quale sono state esposte anche due opere del nostro Museo di Arte Sacra!
01/07/2021

In visita a Ravenna alla mostra su Dante nella quale sono state esposte anche due opere del nostro Museo di Arte Sacra!

Su Radio Toscana parlano anche di noi!
30/06/2021

Su Radio Toscana parlano anche di noi!

🔵🟠 Radio Toscana in trasferta a Castelfiorentino (FI) mercoledì 30 giugno!

Nuova trasferta per Toscana e Toscani in onda dalle 11 alle 13!

In diretta dalla piazza del paese Franca Taras e i suoi ospiti ci porteranno alla scoperta del Comune di Castelfiorentino (FI).

Il vicesindaco Claudia Centi e il parroco don Alessandro Lombardi ci racconteranno l’identità del paese, la sua storia, le tradizioni, la sua arte con il Museo di Arte Sacra Santa Verdiana, o le installazioni di artisti contemporanei che si trovano passeggiando per le strade.

Degli spettacoli in programma ci parlerà Maria Cristina Giglioli, presidente della Fondazione Teatro del Popolo.

E sempre a proposito di cultura sarà con noi Massimiliano Bardotti giovane poeta che, nell’era dei social, ha fondato in paese una scuola di poesia.

Non poteva mancare una maestra Elena Verdiani per illustrare Castelfiorentino con gli occhi dei bambini, o con lo spirito dei ragazzi che fanno parte della compagnia teatrale “Passi di luce” da lei guidata.

Seguiteci in diretta!

Vi aspettiamo! Con MuDEV - Museo Diffuso Empolese Valdelsa Comune di Castelfiorentino Santa Verdiana degli Attavanti
20/06/2021

Vi aspettiamo! Con MuDEV - Museo Diffuso Empolese Valdelsa Comune di Castelfiorentino Santa Verdiana degli Attavanti

🎧Ha appena riaperto a Castelfiorentino (FI) il Museo di Arte Sacra di “Santa Verdiana”. I visitatori avranno così di nuovo la possibilità di ammirare le bellissime opere che vi sono custodite, alcune anche di grandi artisti.
Alla riapertura del Museo si aggiunge poi la prossima riapertura di due chiese belle e importanti per il patrimonio culturale, artistico e religioso di Castelfiorentino: la Pieve dei Ss. Ippolito e Biagio e la Collegiata dei Ss. Lorenzo e Leonardo
Il Museo di Santa Verdiana sarà visitabile su prenotazione inviando una mail a [email protected] oppure telefonando in Propositura allo 057164096.

17/06/2021

Sabato 19 giugno il Museo riapre le porte ai suoi visitatori!
Il Museo sarà visitabile su prenotazione, da effettuarsi inviando una mail di richiesta oppure telefonando in Propositura.
Per motivi organizzativi è opportuno prenotare entro il giorno precedente la visita, che potrà avvenire nei seguenti orari secondo disponibilità: il lunedì e il venerdì dalle 9 alle 13, il martedì e il giovedì dalle 16 alle 19, il sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19.
L’orario di apertura risulta uniformato a quello del Museo Be.Go., in collaborazione e con il sostegno dell’Amministrazione Comunale.
E’ necessario che i visitatori abbiano con sé i dispositivi di protezione previsti dalla legge e osservino il distanziamento sociale e le altre indicazioni date dagli operatori museali.
Con Santa Verdiana degli Attavanti, Museo BeGo, MuDEV - Museo Diffuso Empolese Valdelsa, Comune di Castelfiorentino

Vi saranno esposte anche due nostre opere, la Madonna col Bambino attribuita a Cimabue e il Crocifisso attribuito a Cors...
06/05/2021

Vi saranno esposte anche due nostre opere, la Madonna col Bambino attribuita a Cimabue e il Crocifisso attribuito a Corso di Buono!

***𝙇𝙚 𝘼𝙧𝙩𝙞 𝙖𝙡 𝙩𝙚𝙢𝙥𝙤 𝙙𝙚𝙡𝙡'𝙚𝙨𝙞𝙡𝙞𝙤***
dall'8 maggio 2021
👉Chiesa di San Romualdo, Via Baccarini 7 Ravenna👈

𝗚𝗶𝗼𝘁𝘁𝗼, 𝗖𝗶𝗺𝗮𝗯𝘂𝗲 𝗲 𝗶𝗹 𝗧𝗿𝗲𝗰𝗲𝗻𝘁𝗼 𝗶𝘁𝗮𝗹𝗶𝗮𝗻𝗼 𝗮 𝗥𝗮𝘃𝗲𝗻𝗻𝗮 𝗽𝗲𝗿 𝗿𝗮𝗰𝗰𝗼𝗻𝘁𝗮𝗿𝗲 𝗴𝗹𝗶 𝗮𝗻𝗻𝗶 𝗱𝗲𝗹𝗹’𝗲𝘀𝗶𝗹𝗶𝗼 𝗱𝗶 𝗗𝗮𝗻𝘁𝗲.
La mostra racconta il lungo peregrinare del Poeta attraverso le opere d’arte più significative che ebbe modo di conoscere e vedere e che tanto influirono nel suo immaginario visivo per la scrittura della 𝘾𝙤𝙢𝙢𝙚𝙙𝙞𝙖.
Un percorso narrativo che ripercorre le tappe del suo esilio, iniziato nel 1302 lasciando la sua città natìa, Firenze, attraversando l’Italia tra Roma, Arezzo, Verona, Padova, Bologna, Lucca, Pisa e giungendo a Ravenna, suo ‘ultimo rifugio’.

⏰dal martedì alla domenica dalle 10 alle 19
Per il sabato, la domenica e i festivi la prenotazione è sempre obbligatoria e deve essere effettuata entro le 24 ore precedenti la visita.

prenotazioni per una visita in sicurezza
https://www.vivaticket.com/it/biglietto/le-arti-al-tempo-dell-esilio/155181

Comune di Ravenna Michele de Pascale Ravenna per Dante Biblioteca Classense Ministero della cultura Regione Emilia-Romagna Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna Camera di Commercio Ravenna Società Dantesca Italiana Dante2021 Studio Esseci Silvana Editoriale Gallerie degli Uffizi Musée du Louvre Fondazione RavennAntica museitaliani Vatican Museums - Musei Vaticani Dante Alighieri SocietàDante Alighieri Società Dante Alighieri Brisbane Società Dante Alighieri San Marino Società Dante Alighieri Zurigo

http://www.mar.ra.it/ita/Mostra/Le-Arti-al-tempo-dell%27esilioA partire da sabato prossimo, 8 maggio, fino al 4 luglio, ...
06/05/2021
Le Arti al tempo dell'esilio - MAR - Museo d'Arte della città di Ravenna

http://www.mar.ra.it/ita/Mostra/Le-Arti-al-tempo-dell%27esilio
A partire da sabato prossimo, 8 maggio, fino al 4 luglio, la Madonna col Bambino attribuita a Cimabue e il Crocifisso attribuito a Corso di Buono saranno fra i pezzi forti della mostra ravennate "Le Arti al tempo dell'esilio", secondo grande appuntamento del ciclo espositivo “Dante. Gli occhi e la mente”. Siamo davvero lieti di poter dare lustro con le nostre opere agli eventi commemorativi della figura del sommo Poeta nel VII centenario della sua morte!
Santa Verdiana degli Attavanti Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna MuDEV - Museo Diffuso Empolese Valdelsa

08 Mag 2021 - 04 Luglio 2021Le Arti al tempo dell'esilioChiesa di San Romualdo, Via Baccarini 7 - RavennaEnte Organizzatore: Comune di Ravenna - Assessorato alla Cultura, MAR Museo d'Arte della città di RavennaIngresso: € 10 intero; € 8 ridotto e gruppi ; € 5 studenti e insegnantiOrari:da mar...

In dialogo sulla Bellezza con il direttore della Galleria degli Uffizi, Eike Schmidt. – RED – Religione e dialoghi
12/03/2021
In dialogo sulla Bellezza con il direttore della Galleria degli Uffizi, Eike Schmidt. – RED – Religione e dialoghi

In dialogo sulla Bellezza con il direttore della Galleria degli Uffizi, Eike Schmidt. – RED – Religione e dialoghi

Castelfiorentino, 10/03/2021, Museo di Santa Verdiana. Nel link è possibile vedere l’intervista riportata nel corpo del post, al direttore della Galleria degli Uffizi. https://www.youtube.com/watch?v=BFN2UJPdWSs Il direttore della Galleria degli Uffizi, Eike Schmidt ha appena terminato la visita ...

#ToscanaOggi
07/09/2020

#ToscanaOggi

Musei che riaprono, #toscananelcuore
01/09/2020

Musei che riaprono, #toscananelcuore

🏛 Nuove riaperture per i musei del MuDEV in totale sicurezza 😷

Da oggi è visitabile il Museo di Fucecchio 🙌
E' consigliata la prenotazione inviando una mail a [email protected]
ℹ️ http://www.toscananelcuore.it/il-museo-di-fucecchio/

Dal 3 settembre invece riaprono le porte del Museo di Arte Sacra Santa Verdiana, a #Castelfiorentino con i nuovi orari 🙌
In questo caso la prenotazione è obbligatoria
ℹ️ http://www.toscananelcuore.it/museo-di-santa-verdiana/

📌Se volete sapere quali sono i nostri musei attualmente visitabili 👉 https://www.museiempolesevaldelsa.it/…/dove-siamo-e-orari-…/

28/08/2020

A partire da giovedì 3 settembre ...
MODALITÀ DI ACCESSO – La prenotazione, entro il mercoledì precedente la visita, è obbligatoria. E’ necessario che i visitatori abbiano con sé i dispositivi di protezione previsti dalla legge e osservino il distanziamento sociale e le altre indicazioni date dagli operatori museali.
NUMERO VISITATORI AMMESSI – 5 visitatori o 1 nucleo familiare per ogni turno di visita.
ORARIO DI APERTURA – il lunedì e il venerdì dalle 9 alle 13, il martedì e il giovedì dalle 16 alle 19, il sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19.

https://www.gonews.it/2020/08/28/museo-santa-verdiana-riapre/ a partire da giovedì 3 settembre. Il museo apre su prenota...
28/08/2020
Il Museo Santa Verdiana riapre i battenti su prenotazione - gonews.it

https://www.gonews.it/2020/08/28/museo-santa-verdiana-riapre/ a partire da giovedì 3 settembre. Il museo apre su prenotazione, da effettuarsi entro il mercoledì precedente la visita.
MuDEV - Museo Diffuso Empolese Valdelsa
Museo BeGo
Santa Verdiana degli Attavanti
#castelloconarte #patrimonicondivisi

Da giovedì 3 settembre finalmente anche il Museo di Arte Sacra “Santa Verdiana” riaprirà i battenti, dopo la chiusura imposta dal Covid-19

26/07/2020
Museo BeGo

Raccogliamo l'invito del Museo BeGo con il secondo dei #postcondivisi dei #museidicastelloinrete, augurando a tutti buon cammino, buona domenica e buone vacanze!

👉 🆕 Sulle preziose suggestioni di opere d’arte antiche come quella che ci ha svelato il Museo di Arte Sacra Santa Verdiana, accompagnati da immagini rassicuranti e spinti dal fascino della scoperta, oggi ci mettiamo in cammino.🗺 E il Tabernacolo della Madonna della Tosse che l’ormai anziano priore di Castelnuovo, Grazia di Francesco, affidò alle mani sapienti di Benozzo Gozzoli e della sua bottega, ci invita, ancora una volta, a spostarci sul territorio dal quale proviene, sui passi di antichi pellegrini, alla ricerca delle loro impronte, alla scoperta di luoghi devozionali segnati dal passaggio dei secoli e delle persone.
E così percorriamo la 𝐕𝐢𝐚 𝐅𝐫𝐚𝐧𝐜𝐢𝐠𝐞𝐧𝐚 dove il verde della vegetazione si unisce ai colori giallo ocra dei campi in questa stagione; luoghi e colori familiari che ritroviamo nelle pale, negli affreschi dei pittori che hanno raccontato questo territorio: unione perfetta tra la natura e l’opera dell’uomo.🖌 🎨
Si erge su un piccolo rilievo l’antichissima 𝐏𝐢𝐞𝐯𝐞 𝐝𝐞𝐢 𝐬𝐚𝐧𝐭𝐢 𝐏𝐢𝐞𝐭𝐫𝐨 𝐞 𝐏𝐚𝐨𝐥𝐨 𝐝𝐢 𝐂𝐨𝐢𝐚𝐧𝐨 che l’arcivescovo di Canterbury, Sigerico, annotò come XXI tappa del suo itinerario di ritorno da Roma tra 990 e 994 d.C. Ancora oggi è meta privilegiata, sosta immancabile, ristoro durante il cammino.
Abbiamo provato a raccontarla a tutti voi per immagini, segni, suoni e suggestioni; perché la visita, durante il vostro cammino, sia ancor più piacevole.

La narrazione è affidata ancora una volta alla voce di Tazio Torrini ai segni di Karl Zenese con Rosario Liotta e Consuelo Frezza, alla regia di Daila Nigrelli e Rosario Crimi e alla collaborazione di Toscana Hiking Experience per il progetto #Museoforall a cura di Serena Nocentini.
👉 Per scoprire altri luoghi incantevoli del nostro territorio provate la #BeGoApp l’applicazione del Museo BeGo e di Castelfiorentino: 👉 scaricatela gratuitamente qui https://l.ead.me/bbNSSe

Auguriamo a tutti voi buon cammino e buone vacanze! ☀️🌈🌺
#postcondivisi #patrimonicondivisi #museidicastelloinrete #castelloconarte #museodiffuso #museoforall #arteterritoriopertutti
Comune di Castelfiorentino ToscanaMusei MuDEV - Museo Diffuso Empolese Valdelsa Toscana nel Cuore Visit Tuscany It Visit Tuscany

JACOPO DEL CASENTINO (Firenze 1297 – Pratovecchio 1358)Santa Caterina; Sant’Jacopo; San Giovanni Evangelista.metà circa ...
26/07/2020

JACOPO DEL CASENTINO (Firenze 1297 – Pratovecchio 1358)
Santa Caterina; Sant’Jacopo; San Giovanni Evangelista.
metà circa del secolo XIV
tavole
__________________________

La festa di San Giacomo, che ieri abbiamo celebrato, ci spinge verso un’opera preziosa, ma smembrata e incompleta. Si tratta di un polittico attribuito a Jacopo del Casentino, contemporaneo di Taddeo Gaddi, del quale oggi il Museo può offrire soltanto tre tavolette scomposte, prive dell’incorniciatura originale e segate nella cuspide, che presentano su fondo oro e a mezzo busto i santi Caterina, Jacopo e Giovanni evangelista, riconoscibili nei loro attributi iconografici. A fine Ottocento il Carocci le descrive ancora appese alle pareti della chiesa di san Prospero a Cambiano, due ai lati dell’altare maggiore e una presso l’altare a destra entrando, indicandone la provenienza da Sant’Andrea a Monte Ravoli.
Breve digressione. In questa piccola chiesa di campagna fu ospitata a balia la prima bambina abbandonata nel giorno di apertura dello Spedale degli Innocenti a Firenze, il 5 febbraio 1445. Era la festa di Sant’Agata e la piccola fu battezzata col nome di Agata Smeralda, a ricordare che anche la creatura più povera e abbandonata resta sempre preziosa! La bambina venne data in consegna ad Agostina, moglie di Neri, capofamiglia del popolo di Monte Ravoli.
Torniamo al polittico. Dicevamo che si tratta non solo di un’opera smembrata, ma anche incompleta: mancano infatti due tavole. Una ne era la parte centrale, raffigurava la Madonna con il Bambino e attualmente è custodita nella Pinacoteca Vaticana. L’altra è l’ultimo pannello laterale di sinistra, un santo vescovo identificato in San Prospero, patrono della chiesa di Cambiano, ora esposto presso la National Gallery di Washington dopo essere stato nella Collezione Zink a Londra.
Mentre osserviamo ciò che del polittico resta ne ammiriamo i caratteri eleganti e cortesi dei santi, con le figure e i colori che assieme a panneggi e chiaroscuri rimandano a una piena accoglienza delle forme gotiche da parte dell’autore.
Un desiderio, un invito, un impegno.
Il desiderio – Quanto sarebbe bello vedere ricomposto, anche solo temporaneamente, il polittico! Sarà mai possibile? Non mettiamo limiti alla Provvidenza!
L’invito – Sulla scorta del ricordo di Monte Ravoli, non potremmo approfittare dell’estate per visitare il nostro territorio, ammirarne gli angoli sconosciuti e riscoprire la storia locale, così ricca e appassionante nei suoi passaggi più importanti come negli aneddoti?
L’impegno – San Giacomo è patrono e amico dei pellegrini. Nei secoli e ancora oggi ha mosso e muove uomini e donne che sulle sue orme hanno inteso intraprendere un itinerario fisico e spirituale allo stesso tempo. Così fu per Santa Verdiana che tornò a Castelfiorentino forte della vocazione eremitica scoperta strada facendo. I pellegrinaggi hanno fatto la storia della santità e tessuto i fili dell’Europa. Riscopriamo la forza di questo dono … e mettiamoci in cammino!
Dal Museo BeGo che ne dite? Aspettiamo il secondo dei #postcondivisi per saperlo!
#laculturanonsiferma #veniamonoidavoi
#cronachedalmuseobego #cronachedalmuseosantaverdiana
#Castelfiorentino #castelloconarte #MuDEV.
Con MuDEV - Museo Diffuso Empolese Valdelsa

TADDEO GADDI (Firenze 1290 ca. – 1366)Madonna col Bambino tra i santi Giovanni Evangelista, Giovanni Battista, Zanobi e ...
19/07/2020

TADDEO GADDI (Firenze 1290 ca. – 1366)
Madonna col Bambino tra i santi Giovanni Evangelista, Giovanni Battista, Zanobi e Jacopo
quarto decennio del secolo XIV
tavola
__________________________

Anche noi come il Museo BeGo quest’oggi siamo andati in cerca di cartigli ed iscrizioni e così ne approfittiamo per proporvi una delle tavole più antiche fra quelle esposte.
Il polittico è concordemente attribuito a Taddeo Gaddi, il migliore degli allievi e dei collaboratori di Giotto, e nella parte centrale presenta la Madonna seduta su un trono cuspidato a motivi cosmateschi; a destra di chi guarda troviamo san Zanobi in abiti vescovili e sant’Jacopo con penna e libro chiuso, a sinistra san Giovanni Battista, che regge croce e cartiglio, e san Giovanni Evangelista con penna e libro aperto, sul quale è ben visibile un’iscrizione.
Si tratta di un’opera dalla storia un po’ avventurosa, se si pensa che è giunta a noi priva della sua cornice originaria e che nel corso dei secoli è stata smembrata, tanto che all’inizio del Novecento nella chiesa di Sant’Jacopo a Voltiggiano da cui proviene erano rimasti soltanto i pannelli laterali e la Madonna fu ritrovata verso la metà del secolo in una ca****la dei dintorni.
I santi che accompagnano la Madonna hanno un loro perché: Zanobi e Giovanni Battista sono patroni fiorentini, rispettivamente della Chiesa e della Città di Firenze; Jacopo (Giacomo) è il titolare della chiesa di Voltiggiano e con il fratello Giovanni, l’evangelista, si meritò da Gesù l’appellativo di “Figlio del Tuono”.
Fermiamoci sulle scritte. Fin da subito notiamo che il loro latino presenta diverse inesattezze, forse a motivo della sommaria conoscenza della lingua da parte dell’artista. Giovanni mostra il libro aperto sulle cui pagine leggiamo: “IMPRI/NCIPI/O ERA/T VER/BUM // E VER/BUM /ERAT /APUT /DEU[M]”. Nessuna meraviglia: è l’incipit del suo Vangelo. Sul cartiglio di Giovanni Battista invece troviamo: “ECCE AGNUS DE/I ECCE QUIC TO/LLIS PE/CCATA”. Anche qui, nessuna sorpresa, tanto più che con gesto non meno eloquente il Battista indirizza il nostro sguardo sul Bambino in braccio a sua Madre come sul fiume Giordano, a due discepoli che lo ascoltavano, indicò con quelle parole Gesù che passava. Capite così che in questo caso le iscrizioni non hanno soltanto il compito didascalico di offrire un ulteriore elemento rivelativo dell’identità dell’uno e dell’altro; quelle scritte in realtà vogliono consegnare a chi le legge una chiave di lettura attraverso lo sguardo e la vita di chi le porge e allo stesso tempo gettare luce sulla loro stessa vocazione di evangelista e di precursore. Quel bambino, a cui entrambi ci rimandano, non è un bambino qualsiasi, ma Gesù, Verbo eterno fatto carne, unico salvatore del mondo. Un’ultima sottolineatura: entrambi i testi, così come sono proposti, sono presi dalla liturgia, ovvero sono dati come la gente li poteva conoscere perché li poteva ascoltare in chiesa … e dove sennò, visto che la Bibbia non si poteva normalmente imparare altrimenti e altrove?
Diciamola pur tutta: i nostri musei sono pieni di bellezza, curiosità, avventure e sorprese e parlano la lingua della vita degli uomini, intercettandone le domande più profonde! Non sono forse un invito serio a percorrere il cammino della vita con grande fiducia? Già, il cammino dell’uomo: di questo ci prepariamo a parlare nei #postcondivisi della prossima settimana … vi aspettiamo!
#laculturanonsiferma #veniamonoidavoi
#cronachedalmuseobego #cronachedalmuseosantaverdiana
#Castelfiorentino #castelloconarte #MuDEV.
Con MuDEV - Museo Diffuso Empolese Valdelsa

Indirizzo

P.zza Di Santa Verdiana
Castelfiorentino
50051

Orario di apertura

Lunedì 09:00 - 13:00
Martedì 16:00 - 19:00
Giovedì 16:00 - 19:00
Venerdì 09:00 - 13:00
Sabato 16:00 - 19:00
Sabato 10:00 - 12:00
Domenica 16:00 - 19:00
Domenica 10:00 - 12:00

Telefono

+39057164096

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando Museo di Arte Sacra Santa Verdiana pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta Il Museo

Invia un messaggio a Museo di Arte Sacra Santa Verdiana:

Video

Digitare

Musei nelle vicinanze


Altro Museo d'arte Castelfiorentino

Vedi Tutte

Commenti

....purtroppo sabato e domenica sono fuori Toscana....