LAB - Museo del Design Italiano

LAB - Museo del Design Italiano Museo del Design Italiano istituito per primo in assoluto in Italia nel 2005. Museo istituito per primo in assoluto in Italia nel 2005.
(2)

Questo Museo è il risultato della collaborazione tra la Fondazione Anna Querci per il Design, dai Corsi di Laurea in Design dell’Università di Firenze e dal Comune di Calenzano. Oggi la collezione consta di oltre 140 pezzi ed è in continuo sviluppo ed accrescimento grazie alle acquisizioni di pezzi selezionati e significativi da parte della Fondazione AQ. Nel programma di sviluppo della Fondazion

e c’è quello di prevedere sempre nuove iniziative ed eventi. Tra le mostre già realizzate ricordiamo Italian Beauty nell’ottobre 2005, Giò Ponti designer nel 2007, portata anche al Palazzo Reale di Milano e al Castello di Grottaglie di Taranto; Mangiarotti Designer nel 2010, Il design per gli acquisti nel 2011. Sono inoltre stati realizzati diversi eventi e convegni, come la conferenza dell’architetto Jacopo Gardella oltre alle due esposizioni realizzate con i progetti selezionati degli studenti del corso di laurea in Design.
È con l’inizio degli anni Sessanta che comincia il grande boom del design italiano. Nuovi modelli di arredamento, auto, moto, radio, caschi, oggetti per ufficio ecc. compaiono in strada, negozi e show room, mentre gli Italiani cominciano a capire la differenza e la trasformazione delle nuove linee e di un’estetica più razionalizzata, che farà scuola in tutto il mondo. Ed è proprio nel campo dell’arredamento che si vedono nascere, oltre ai capisaldi del design puro, nuovi modelli rivoluzionari, alle volte anche ironici e divertenti perché è proprio l’industria del mobile che più di ogni altra chiama architetti e designers a progettare i loro prodotti che andranno in tutto il mondo.Questi pezzi della mostra sono una libera scelta, fra quelli di uso comune, che si vedono e che si vedevano anche in passato nelle case, per le strade, che si usano quotidianamente per sedersi, per mangiare, per divertirsi, per muoversi per lo sport e così via, ma tutti a testimoniare l’evolversi dei materiali, dello stile, delle mode nel design attraverso cinque decenni. Molti di questi non sono i più conosciuti e visti nelle mostre e nei musei ma rappresentano
comunque un gusto e un genere sempre all’avanguardia, sempre alla ricerca dell’estetica, della funzionalità e del rigore nelle linee e nelle forme contemporanee. Dall’automobile al bicchiere, dalla poltrona alla bicicletta, dalla macchina del caffè al casco, alla cucina, al bagno, alle sedie è tutto un mondo di prodotti che vediamo ogni giorno in un susseguirsi di forme, colori e stili diversi. Il programma della Fondazione prevede infatti un progetto in sviluppo del design industriale italiano per un periodo che va dal 1960 ai giorni d’oggi.
È una collezione personale e particolare di oltre centoquaranta pezzi, divisi per decadi e /o per ideologie, che sottolineano lo sviluppo e il collegamento strutturale, formale e tecnologico dei temi fondamentali sia della progettazione che della produzione industriale italiana per oltre cinquant’anni. Questa collezione, che non vuole essere solo una raccolta di pezzi belli e significativi (molti dei quali già noti e in musei di tutto il mondo), testimonia soprattutto la creatività e l’evoluzione di un gusto sempre attuale, al di là delle mode temporanee e delle “novità a tutti i costi”.
È un excursus tipologico del modo di vivere moderno con tutti gli sviluppi e i cambiamenti dovuti, in gran parte, alle sempre più avanzate tecnologie e ai diversi modelli di vita del nostro mondo occidentale. Una panoramica, in conclusione, delle caratteristiche creative e tecniche che hanno reso celebre in tutto il mondo la produzione industriale italiana. La Fondazione “Anna Querci per il Design”, la cui sede è presso i Corsi di Laurea in Design dell’Università di Firenze (Via Sandro Pertini - Calenzano) è un’organizzazione culturale
non-profit ed ha lo scopo, come specificato nello Statuto, di favorire, promuovere, diffondere e valorizzare, nei modi ritenuti più idonei, la conoscenza, lo studio e la cultura del “design” specie quello industriale successivo al 1960.

15/04/2024

Siamo lieti di annunciare che, data l'incredibile risposta e l'entusiasmo mostrato dai nostri visitatori, la Mostra OTTO PRODOTTI OTTO PROGETTISTE che era originariamente programmata per concludersi in data 11 aprile, sarà aperta fino al 24 aprile.
Un'ulteriore opportunità per coloro che non hanno ancora avuto la possibilità di venirci a visitare o per coloro che desiderano tornare una volta di più.

Museo del Design Lab
📍Via Sandro Pertini, 89
🕦 Martedì, Mercoledì e Giovedì dalle 9:30 alle 13:30 e dalle 14:30 alle 17:00

10/04/2024

Cini Boeri è stata una protagonista del design e dell’architettura italiana del ‘900, oltre che una delle pochissime figure femminili, con G*e Aulenti, ad ottenere un riconoscimento abbastanza tempestivo del suo contributo al mondo del progetto. Con altre donne dell’architettura di una generazione a lei vicina – Anna Castelli Ferrieri e Nanda Vigo, tra le altre – condivide il suo posizionamento a cavallo tra il disegno del prodotto industriale, la progettazione degli interni e quella dell’edificio, una specificità legata anche al carattere maggiormente inclusivo del settore del design rispetto a quello più spiccatamente maschilista della costruzione.
Il lavoro di Boeri si distingue per l'approccio pionieristico e per l'attenzione all'interdisciplinarietà, che ha contribuito a ridefinire i limiti del design e dell'architettura. Boeri ha ricevuto numerosi riconoscimenti e premi nel corso della sua carriera, diventando un punto di riferimento per designer e architetti a livello internazionale.
I suoi molteplici lavori sono caratterizzati da un equilibrio armonioso tra estetica, funzionalità e innovazione, dimostrando che il design non è semplicemente una questione di forma, ma anche di pensiero critico e visione progressista.
Vieni a scoprire uno dei suoi lavori più rinomati: la Poltrona GHOST prodotta da Fiam nel 1987.
📍Museo del Design Lab
Via Sandro Pertini, 89
🕦 Martedì, Mercoledì e Giovedì dalle 9:30 alle 13:30 e dalle 14:30 alle 17:00

09/04/2024

Paola Navone è una rinomata designer italiana con una carriera eclettica e influente nel mondo del design internazionale. Nata nel 1950 a Torino, ha studiato architettura prima di iniziare a lavorare nel campo del design.
La sua estetica distintiva è caratterizzata da un mix di stili, culture e materiali, e riflette la sua passione per i viaggi e la scoperta. La sua opera è spesso definita per il suo approccio eclettico e giocoso, che mescola con tradizione e innovazione in un modo unico e sorprendente.
Navone ha collaborato con una vasta gamma di marchi di design e produttori di arredamento di fama mondiale, tra cui Molteni&C, Alessi, Poliform e Baxter. Ha creato una serie di icone del design contemporaneo, tra cui mobili, lampade, tessuti e accessori per la casa.
La sua sensibilità eclettica e la sua capacità di creare spazi coinvolgenti e stimolanti hanno ricevuto ampio riconoscimento e apprezzamento.
La sua influenza nel mondo del design va oltre i confini nazionali, con un impatto duraturo sul panorama internazionale del design contemporaneo.

04/04/2024

Monica Pilenghi è rinomata per la sua creatività e innovazione e il suo lavoro si distingue per l'eleganza e la funzionalità. La combinazione di forme raffinate e materiali di alta qualità caratterizzano i suoi prodotti senza tempo. Ha una predilezione per l'estetica minimalista, ma è anche abile nel giocare con le proporzioni e i dettagli per aggiungere interesse visivo ai suoi progetti.
Una delle caratteristiche distintive del suo lavoro è l'attenzione al dettaglio e la cura per la qualità artigianale.
Ogni creazione ideata da Pilenghi rispecchia un'attenta valutazione dei materiali, della produzione e dell'ergonomia, generando prodotti che fondono armoniosamente bellezza e funzionalità.

02/04/2024

Afra Bianchin Scarpa è stata la compagna di vita e di lavoro di Tobia Scarpa, di cui ha cofirmato molti dei suoi progetti più importanti. La coppia si conobbe mentre seguivano le lezioni di Franco Albini presso la Facoltà di Architettura allo IUAV di Venezia. Tobia ha sempre coinvolto nel lavoro l’inseparabile compagna e nonostante non tutti i prodotti firmati da Tobia portino ufficialmente anche la firma di Afra, il loro va considerato un sodalizio a tutto tondo in cui i meriti professionali vanno egualmente ripartiti. Sono stati protagonisti di una grande stagione di successi del design italiano, lavorando per marchi di prima fascia come B&B Italia, Cassina e Molteni & C., e hanno ottenuto diversi premi internazionali tra cui un Compasso d’Oro nel 1970.
✏️📐
Ancora pochi giorni per visitare "8 Otto prodotti Otto progettiste", la mostra dedicata alle grandi Signore del Design.
📍Museo del Design Lab
Via Sandro Pertini, 89
📆 Fino all'11 Aprile
🕦 Martedì, Mercoledì e Giovedì dalle 9:30 alle 13:30 e dalle 14:30 alle 17:00
TI ASPETTIAMO!👍🏻

28/03/2024

Nanda Vigo è stata una figura eccezionale nel mondo del design e dell'arte contemporanea. La sua carriera abbracciava una vasta gamma di discipline ed era conosciuta per il suo approccio sperimentale, che spesso sfidava i confini convenzionali del design, esplorando materiali innovativi e tecniche di illuminazione uniche.
uesta predilezione per la luce non era solo estetica, ma rifletteva anche la sua filosofia artistica più ampia, che aspirava a trasmettere una sensazione di apertura, armonia e spiritualità attraverso il suo lavoro.
Nanda Vigo ci ha lasciato nel 2020, ma il suo spirito innovativo e la sua visione luminosa continuano a risplendere attraverso le sue opere, che rimangono un tributo duraturo alla sua genialità e al suo impatto duraturo nel mondo del design e dell'arte contemporanea.

26/03/2024

Nota per il suo lavoro nel campo dell'architettura d'interni, del disegno industriale e degli arredi, Antonia Astori crea opere che uniscono forme classiche ed elementi contemporanei in un mix unico ed eclettico. Innovazione e bellezza permeano ogni sua creazione; i suoi mobili iconici e gli accessori per la casa sono riconoscibili per la loro originalità e raffinatezza.
Vieni a visitare la mostra "Otto prodotti Otto progettiste" fino all'11 aprile, dedicata alle opere straordinarie di designer di fama internazionale e vieni a scoprire l'eleganza senza tempo del lavoro di Antonia Astori.

20/03/2024

Anna Castelli Ferrieri è stata una figura straordinaria nel mondo del design italiano del XX secolo; una delle prime donne a emergere nel campo del disegno industriale, lasciando un'impronta indelebile nel settore.
La sua creatività e ingegno hanno trovato espressione in una vasta gamma di progetti, ma è principalmente conosciuta per la sua collaborazione con l'azienda Kartell. Qui, ha contribuito a definire lo stile e l'identità del marchio, creando oggetti iconici che hanno plasmato il panorama del design contemporaneo.
Tra le sue opere più celebri vi sono i mobili contenitori modulari "Componibili", caratterizzati da linee pulite e funzionalità innovativa.
La sua visione pionieristica ha aperto la strada per molte altre donne nel campo del design industriale, dimostrando che il talento e la determinazione possono superare qualsiasi barriera di genere.

Vieni a visitare la Mostra "Otto prodotti Otto progettiste"
📆 Dall'8 Marzo all'11 Aprile
🏛Museo del Design LAB
⏰MAR-MER-GIO 9:30-13:30 | 14:30-17:00

14/03/2024

G*e Aulenti è conosciuta per il suo genio nel trasformare spazi e oggetti con un'eleganza senza tempo. Oltre alle sue realizzazioni tangibili, ha lasciato un'impronta indelebile come mentore e figura di riferimento per molte generazioni di architetti e designer. La sua visione audace e il suo spirito pionieristico continuano a ispirare coloro che cercano di coniugare l'arte con la pratica, la creatività con la funzionalità.
La Mostra 8 PRODOTTI 8 PROGETTISTE presso il Museo del Design Lab vuole celebrare, tra le altre, questa artista eclettica e visionaria.
La Mostra sarà aperta al pubblico fino all'11 aprile con il seguente orario:
MAR-MER-GIO dalle 9:30 alle 13:30 e dalle 14:30 alle 17:00.

Il Museo del Design Lab  in occasione della Giornata Internazionale della donna, inaugura l’OTTO marzo ore 12.00 la most...
06/03/2024

Il Museo del Design Lab in occasione della Giornata Internazionale della donna, inaugura l’OTTO marzo ore 12.00 la mostra OTTO progetti OTTO progettiste.
L’esposizione sara’ visibile fino all’11 aprile 2024

06/03/2024
21/02/2024

Ultimi giorni per visitare DESIGN FOR KIDS – The unboxing show
VI ASPETTIAMO!
❗Orario: MAR - MER - GIO: 9:30 - 13:30 | 14:30 - 17:00 ❗

       ❤️      ❤️    ❤️
14/02/2024

❤️ ❤️ ❤️

Plust Van, disegnato da Michele Manescardi nel 2016, è un furgoncino contenitore dalle forme morbide prive di spigoli, o...
13/02/2024

Plust Van, disegnato da Michele Manescardi nel 2016, è un furgoncino contenitore dalle forme morbide prive di spigoli, ottenuto mediante le moderne tecniche di stampaggio industriale. Pensato per i più piccini è il simbolo dell'avventura che li condurrà in bellissimi viaggi immaginari.

Trioli è un originale-seduta gioco per bambini, disegnata da Eero Aarnio per Magis, che prevede tre possibilità di utili...
31/01/2024

Trioli è un originale-seduta gioco per bambini, disegnata da Eero Aarnio per Magis, che prevede tre possibilità di utilizzo: seduta alta, seduta bassa e cavallo a dondolo. È realizzata in polietilene stampato in rotational moulding.

Rabbit Chair Baby fa parte di una collezione di simpatici conigli disegnata da Stefano Giovannoni e prodotta da  Queeboo...
24/01/2024

Rabbit Chair Baby fa parte di una collezione di simpatici conigli disegnata da Stefano Giovannoni e prodotta da Queeboo e diventata da subito un'icona pop.‎
Il coniglio, animale gentile, amabile e timido, associa la sua silhouette a quella di una seduta, dove le orecchie possono diventare schienale o impugnatura a seconda di come vi si siederà il bambino.

Le forme rotondeggianti e appena accennate di Coccodrillo, disegnato da A.M. Design Office e prodotto da Plust, lo rendo...
18/01/2024

Le forme rotondeggianti e appena accennate di Coccodrillo, disegnato da A.M. Design Office e prodotto da Plust, lo rendono giocoso e invogliano i bambini a cavalcarlo trasformando così il temibile predatore in un simpatico e colorato dondolo.

Baby Ribbon Chair è la versione mini della sedia Ribbon disegnata da Nika Zupank per Queeboo; con il suo schienale a for...
11/01/2024

Baby Ribbon Chair è la versione mini della sedia Ribbon disegnata da Nika Zupank per Queeboo; con il suo schienale a forma di fiocco che richiama un'atmosfera romantica, è certamente una delle sedute femminili per eccellenza.
Vieni a scoprirla alla mostra ❗ "Design for Kids - The Unboxing Show" ❗presso il Museo del Design Lab fino al 01 febbraio 📆.

La Fondazione AQ per il Design e il Museo del Design Lab Vi augurano Buone Feste e Vi ricordano che resteremo chiusi dal...
23/12/2023

La Fondazione AQ per il Design e il Museo del Design Lab Vi augurano Buone Feste e Vi ricordano che resteremo chiusi dal 22/12/23 al 8/01/24.

Il Museo del Design Lab e la Fondazione Anna Querci per il Design vi augurano delle BUONE FESTE e vi ricordano che reste...
22/12/2023

Il Museo del Design Lab e la Fondazione Anna Querci per il Design vi augurano delle BUONE FESTE e vi ricordano che resteremo chiusi dal 22.12.23 all'08.01.24.
🎄 🎄

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ K4999 by Marco Zanuso & Richard Sapper | Kartell - 1964
07/12/2023

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ K4999 by Marco Zanuso & Richard Sapper | Kartell - 1964

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ DORAFF by Ben Van Berkel / UNStudio | Alessi - 2020
07/12/2023

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ DORAFF by Ben Van Berkel / UNStudio | Alessi - 2020

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ SISTEMA SCUOLA by Centrokappa / A. Castelli | Kartell - 1976
06/12/2023

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ SISTEMA SCUOLA by Centrokappa / A. Castelli | Kartell - 1976

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ PUPPY by Eero Aarnio | Magis - 2005
05/12/2023

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ PUPPY by Eero Aarnio | Magis - 2005

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ H-HORSE by Nendo | Kartell - 2016
04/12/2023

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ H-HORSE by Nendo | Kartell - 2016

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ COCCODRILLO by A.M. Design Office | Plust Collection - 2017
30/11/2023

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ COCCODRILLO by A.M. Design Office | Plust Collection - 2017

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ BABY RIBBON CHAIR by Nika Zupanc / Qeeboo - 2022
29/11/2023

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ BABY RIBBON CHAIR by Nika Zupanc / Qeeboo - 2022

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ ROOF CHAIR by Spalvieri & Del Ciotto / Magis 2018
28/11/2023

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ ROOF CHAIR by Spalvieri & Del Ciotto / Magis 2018

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ PLUST VAN by Michele Menescardi / Plust - 2016
27/11/2023

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ PLUST VAN by Michele Menescardi / Plust - 2016

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ BABY RABBIT CHAIR  by Stefano Giovannoni / Qeeboo - 2016
24/11/2023

‼️DESIGN FOR KIDS | The unboxing show ‼️ BABY RABBIT CHAIR by Stefano Giovannoni / Qeeboo - 2016

Indirizzo

Via Sandro Pertini, 89 Calenzano (FI)
Calenzano
50041

Orario di apertura

Martedì 09:30 - 13:30
14:30 - 17:00
Mercoledì 09:30 - 13:30
14:30 - 17:00
Giovedì 09:30 - 13:30
14:30 - 17:00

Telefono

+390552757056

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando LAB - Museo del Design Italiano pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta Il Museo

Invia un messaggio a LAB - Museo del Design Italiano:

Video

Condividi

Our Story

Museo del design italiano istituito per primo in assoluto in Italia nel 2005. Questo Museo è il risultato della collaborazione tra la Fondazione Anna Querci per il Design, dai Corsi di Laurea in Design dell’Università di Firenze e dal Comune di Calenzano. Oggi la collezione consta di oltre 140 pezzi ed è in continuo sviluppo ed accrescimento grazie alle acquisizioni di pezzi selezionati e significativi da parte della Fondazione AQ. Nel programma di sviluppo della Fondazione c’è quello di prevedere sempre nuove iniziative ed eventi. Tra le mostre già realizzate ricordiamo Italian Beauty nell’ottobre 2005, Giò Ponti designer nel 2007, portata anche al Palazzo Reale di Milano e al Castello di Grottaglie di Taranto; Mangiarotti Designer nel 2010, Il design per gli acquisti nel 2011. Sono inoltre stati realizzati diversi eventi e convegni, come la conferenza dell’architetto Jacopo Gardella oltre alle due esposizioni realizzate con i progetti selezionati degli studenti del corso di laurea in Design. È con l’inizio degli anni Sessanta che comincia il grande boom del design italiano. Nuovi modelli di arredamento, auto, moto, radio, caschi, oggetti per ufficio ecc. compaiono in strada, negozi e show room, mentre gli Italiani cominciano a capire la differenza e la trasformazione delle nuove linee e di un’estetica più razionalizzata, che farà scuola in tutto il mondo. Ed è proprio nel campo dell’arredamento che si vedono nascere, oltre ai capisaldi del design puro, nuovi modelli rivoluzionari, alle volte anche ironici e divertenti perché è proprio l’industria del mobile che più di ogni altra chiama architetti e designers a progettare i loro prodotti che andranno in tutto il mondo.Questi pezzi della mostra sono una libera scelta, fra quelli di uso comune, che si vedono e che si vedevano anche in passato nelle case, per le strade, che si usano quotidianamente per sedersi, per mangiare, per divertirsi, per muoversi per lo sport e così via, ma tutti a testimoniare l’evolversi dei materiali, dello stile, delle mode nel design attraverso cinque decenni. Molti di questi non sono i più conosciuti e visti nelle mostre e nei musei ma rappresentano comunque un gusto e un genere sempre all’avanguardia, sempre alla ricerca dell’estetica, della funzionalità e del rigore nelle linee e nelle forme contemporanee. Dall’automobile al bicchiere, dalla poltrona alla bicicletta, dalla macchina del caffè al casco, alla cucina, al bagno, alle sedie è tutto un mondo di prodotti che vediamo ogni giorno in un susseguirsi di forme, colori e stili diversi. Il programma della Fondazione prevede infatti un progetto in sviluppo del design industriale italiano per un periodo che va dal 1960 ai giorni d’oggi. È una collezione personale e particolare di oltre centoquaranta pezzi, divisi per decadi e /o per ideologie, che sottolineano lo sviluppo e il collegamento strutturale, formale e tecnologico dei temi fondamentali sia della progettazione che della produzione industriale italiana per oltre cinquant’anni. Questa collezione, che non vuole essere solo una raccolta di pezzi belli e significativi (molti dei quali già noti e in musei di tutto il mondo), testimonia soprattutto la creatività e l’evoluzione di un gusto sempre attuale, al di là delle mode temporanee e delle “novità a tutti i costi”. È un excursus tipologico del modo di vivere moderno con tutti gli sviluppi e i cambiamenti dovuti, in gran parte, alle sempre più avanzate tecnologie e ai diversi modelli di vita del nostro mondo occidentale. Una panoramica, in conclusione, delle caratteristiche creative e tecniche che hanno reso celebre in tutto il mondo la produzione industriale italiana. La Fondazione “Anna Querci per il Design”, la cui sede è presso i Corsi di Laurea in Design dell’Università di Firenze (Via Sandro Pertini - Calenzano) è un’organizzazione culturale non-profit ed ha lo scopo, come specificato nello Statuto, di favorire, promuovere, diffondere e valorizzare, nei modi ritenuti più idonei, la conoscenza, lo studio e la cultura del “design” specie quello industriale successivo al 1960.


Altro Calenzano musei

Vedi Tutte

Potrebbe piacerti anche