Fondazione Adriano Bernareggi

Fondazione Adriano Bernareggi Profilo Facebook ufficiale della Fondazione Bernareggi Seguici anche su Twitter: https://twitter.com/FondBernareggi
(17)

Alla Fondazione Bernareggi fanno capo sia il Museo e Tesoro della Cattedrale, che l'omonimo Museo Bernareggi. MUSEO BERNAREGGI Il Museo A. Bernareggi, inaugurato nel 2000, è il museo della diocesi di Bergamo. La sua collezione ha sede nel cinquecentesco palazzo Bassi Ratgheb di Pietro Isabello e illustra attraverso le opere di artisti come Lorenzo Lotto, Giovan Battista Moroni, Rembrant e Manzù l'evoluzione del culto e della devozione popolare in terra bergamasca. MUSEO E TESORO DELLA CATTEDRALE Inaugurato nel 2012, il Museo nasce da un'attività di scavi durata otto anni da cui sono emerse un'antica basilica paleocristiana e una successiva cattedrale romanica del XII secolo, edifici entrambi costruiti su una domus romana del I secolo d.C. Un museo per ripercorrere l'articolata evoluzione della storia della città, tra reperti archeologici e manufatti artistici.

Missione: La cultura possiede un autentico spessore cristiano ed evangelico solo quando nel contempo possiede reale consistenza umana

Sul nostro sito (www.fondazionebernareggi.it) sono disponibili 3 VIA CRUCIS per uniscono scrittura, arte e poesia per la...
06/04/2020

Sul nostro sito (www.fondazionebernareggi.it) sono disponibili 3 VIA CRUCIS per uniscono scrittura, arte e poesia per la preghiera personale e domestica di questi giorni:
➡️ PASSIO - Maurizio Bonfanti
➡️ VIA CHRISTI - Ugo Riva
➡️ RESURREZIONE HA NOME IL NOSTRO GIORNO

Pastorale Della Cultura
OratoriBg - Oratori e pastorale giovanile nella Diocesi di Bergamo
BeWeB Beni Ecclesiastici
AMEI - ASSOCIAZIONE MUSEI ECCLESIASTICI ITALIANI

[IMMAGINI & PAROLE PER FARE PASQUA \ palme]Gesù porta in capo una vistosa corona. Difficile credere che sul suo capo ci ...
05/04/2020

[IMMAGINI & PAROLE PER FARE PASQUA \ palme]
Gesù porta in capo una vistosa corona. Difficile credere che sul suo capo ci fosse una corona d’argento e perle il giorno del suo ingresso a Gerusalemme. Non è questa la regalità di Gesù. “Chi vuol essere grande tra voi si farà vostro servitore e chi vuol essere il primo tra voi sarà il servo di tutti” . Ma gli uomini hanno bisogno di simboli e di cose chiare. Così sul capo di Gesù che entra nella città santa osannato come un re, acclamato da grandi e piccoli è posta questa grande corona. Pochi giorni e le palme diventeranno bastoni, le acclamazioni saranno insulti. L’argento della corona diventerà il legno di un’altra corona, i ceselli saranno spine e le perle gocce di sangue.

Pittore lombardo del XIII secolo, Ingresso di Gesù in Gerusalemme, Almenno San Bartolomeo, chiesa di San Giorgio
-
LA DOMENICA DELLE PALME
I miei giorni camminano
davanti ai Tuoi
e dànno loro un senso.
Essi Ti hanno strappato
alla Tua dimora eterna
facendoTi
il primogenito dei perduti.

Tu ora non sei
che un nostro fratello,
hai sofferto in Te
ogni nostro dolore.

Noi ti sentiamo vicino
nel Tuo lamento
e nel Tuo pianto
sulla fossa di Lazzaro.

Ora la nostra carne non Ti abbandona;
sei un Dio che si consuma
in noi. Un Dio
che muore.

D.M. Turoldo, O sensi miei

🚧 Dipartimenti educativi at work 🚧La vita della Fondazione Adriano Bernareggi non si ferma. I nostri musei sono chiusi e...
03/04/2020

🚧 Dipartimenti educativi at work 🚧
La vita della Fondazione Adriano Bernareggi non si ferma. I nostri musei sono chiusi e le nostre attività sospese, ma le idee corrono veloci e il pensiero è lanciato oltre l'oggi. Alcuni progetti erano pronti a partire, molti altri ci aspettano. Non li abbiamo ancora definiti nel dettaglio, ma abbiamo condiviso una linea comune per l'attività educatica dei prossimi mesi. Siamo convinti che avremo bisogno della cultura per rielaborare questo grande dolore. Avremo bisogno di teatro e letteratura per trovare parole, dell'arte figurativa per trovare immagini che diano consolazione e speranza e di ogni altra forma d’arte perché vengano liberate nuove energie che accompagnino la ripresa. Ci è chiaro che nei prossimi mesi fare cultura sarà principalmente un lavoro continuo per capire cosa ci è successo, ricomprendere il nostro stare al mondo e il nostro destino. I nostri educatori sono già al lavoro!

Giovanni Berera Laura De Vecchi Chiara Del Monte Giorgia Donghi Francesca Ch Colombi Lorella Brescia Annalisa Manini Francesca Facchinetti Federico Previtali Simona Pasinelli Angela Casati Enrico Gasparini Elisa Carelli Elena Roncalli Federica Ziche Marta De Amicis Gloria Paris Jessica Semperboni Laura Schena Gómez

DiPas Dipartimento Pastorale Pastorale Della Cultura Museo della Cattedrale ArtexiCre OratoriBg

LA VIA CRUCIS DEL CIMITERO | La deposizioneGesù è consegnato alla madre. Il figlio abita nuovamente il grembo della madr...
27/03/2020

LA VIA CRUCIS DEL CIMITERO | La deposizione
Gesù è consegnato alla madre. Il figlio abita nuovamente il grembo della madre. Le carni offese, coperte di polvere e sangue, raggelano la carezza di Maria. Il corpo del figlio dell’uomo viene deposto adagio, con cura, come se si stesse riponendo un tesoro prezioso. Maria e Giuseppe d’Arimatea ne diventano i devoti custodi. La deposizione dalla croce diventa un rito del cuore, un rito di casa. Come appena dopo il parto, quando la levatrice consegna il neonato all’abbraccio della madre, così il vecchio Giuseppe d’Arimatea affida Gesù alle braccia della madre. Sul Golgota Maria ridiventa madre e accogliendo nel suo grembo il figlio di Dio, accoglie ogni uomo. Il dolore, l’ingiustizia e la morte non sono l’ultima parola. Gesù le attraversa, ne spezza i vincoli e consegnerà le parole nuove per una vita nuova: carità, giustizia e salvezza.

-

Oggi alle 15 il vescovo Francesco si recherà al Cimitero di Bergamo per una preghiera di suffragio per tutti i defunti di questi giorni. Pubblichiamo alcuni particolari della grande Via Crucis della chiesa del Cimitero, che in questi giorni di emergenza accogliere i feretri in attesa di sepoltura.

Una meditazione sulla Via Crucis del Cimitero è disponibile sul sito web della Fondazione: https://bit.ly/33GPLqI

#unitinellasperanza
Pastorale Della Cultura BeWeB Beni Ecclesiastici

LA VIA CRUCIS DEL CIMITERO | La croceIl corpo crocifisso è offerto alla pietà e all’affetto della madre e dell’amico. Le...
26/03/2020

LA VIA CRUCIS DEL CIMITERO | La croce
Il corpo crocifisso è offerto alla pietà e all’affetto della madre e dell’amico. Le braccia spalancate diventano un tetto per Maria e Giovanni, una casa per celebrare la memoria. Il crocifisso si staglia solo, isolato. Un vessillo di salvezza innalzato in cielo. Neppure la madre lo accarezza. Si stringe le mani al petto, cerca di radunare le forze che le rimangono per stare in piedi. È sempre stata una donna dai gesti e dalle parole misurate. Su di lei è calato il velo del dolore, ma non si abbandona alla disperazione. Alle sue spalle si agitano due sciacalli. Uomini che non conoscono la pietà e il rispetto si giocano a dadi la tunica del figlio. Ma si può definire uomo chi si approfitta della morte dell’innocente?

-

Venerdì 27 marzo il vescovo Francesco si recherà al Cimitero di bergamo per una preghiera di suffragio per tutti i defunti di questi giorni. Da oggi a venerdì pubblicheremo alcuni particolari della grande Via Crucis della chiesa del Cimitero, che in questi giorni di emergenza accogliere i feretri in attesa di sepoltura.

Una meditazione sulla Via Crucis del Cimitero è disponibile sul sito web della Fondazione: https://bit.ly/33GPLqI

#unitinellasperanza
Pastorale Della Cultura BeWeB Beni Ecclesiastici

LA VIA CRUCIS DEL CIMITEROSimone di CireneEssere nel posto sbagliato al momento giusto. Simone non si è offerto spontane...
25/03/2020

LA VIA CRUCIS DEL CIMITERO
Simone di Cirene
Essere nel posto sbagliato al momento giusto. Simone non si è offerto spontaneamente di aiutare il condannato a portare fin sul Golgota il legno della croce. Non è stato uno slancio di carità fraterna – e nemmeno una più comune pietà umana- a spingerlo a caricarsi sulle spalle il peso del patibolo di un bestemmiatore sovversivo. L’hanno tirato in mezzo, e neanche con le buone. Un aguzzino sembra minacciare di prenderlo a pugni nel caso di una mancata collaborazione al trasporto della traversa della croce. Un gesto di prepotenza genera un atto di carità. Il viso teso del cireneo non rivela costrizione o ribellione. A dirla tutta neppure una particolare partecipazione emotiva. Rivela, piuttosto, una prossimità, una disponibilità a un aiuto, prima estorto poi offerto, in nome di una umanità condivisa. Simone di Cirene si carica sulle spalle la dolente umanità di un fratello sfinito e oltraggiato. E così un uomo che passava per caso è chiamato a sorreggere la debolezza di Dio.

-

Venerdì 27 marzo il vescovo Francesco si recherà al Cimitero di bergamo per una preghiera di suffragio per tutti i defunti di questi giorni. Da oggi a venerdì pubblicheremo alcuni particolari della grande Via Crucis della chiesa del Cimitero, che in questi giorni di emergenza accogliere i feretri in attesa di sepoltura.

Una meditazione sulla Via Crucis del Cimitero è disponibile sul sito web della Fondazione: https://bit.ly/33GPLqI

#unitinellasperanza
Pastorale Della Cultura BeWeB Beni Ecclesiastici

LA VIA CRUCIS DEL CIMITEROLa Via Crucis del cimitero di Bergamo, realizzata da Pietro Brolis tra il 1963 e il 1971, pres...
25/03/2020

LA VIA CRUCIS DEL CIMITERO
La Via Crucis del cimitero di Bergamo, realizzata da Pietro Brolis tra il 1963 e il 1971, presenta decine e decine di personaggi che si compongono su un palcoscenico continuo, in una rappresentazione che sospende, stazione dopo stazione, il tempo affinché ciò che accade possa essere compreso, fatto proprio, come istantanee che nel frammento evocano tutto il dramma della sofferenza e della morte.

Brolis l'ha concepita come un fregio avvolgente, un abbraccio che si compone intorno all’assemblea e che con essa guarda la splendente abside dei santi e delle sante che cantano la gloria del Signore, opera di Trento Longaretti. La cupa severità del bronzo fa da contraltare all’oro sgargiante delle tessere di mosaico che anticipa la visione beata.

I personaggi della passione emergono dal piano delle mura perimetrali della chiesa e diventano presenze nelle quali ognuno è invitato a riconoscersi. Nei volti, nelle posture, nei gesti è infatti possibile scorgere un carattere autentico che rende quest’opera vibrante agli occhi di chi guarda e si sente parte del racconto, insieme ai bambini, alle donne e agli uomini che stanno accanto a Gesù mentre, lentamente, sale sul Golgota per giungere al Padre.

-

Venerdì 27 marzo il vescovo Francesco si recherà al Cimitero di bergamo per una preghiera di suffragio per tutti i defunti di questi giorni. Da oggi a venerdì pubblicheremo alcuni particolari della grande Via Crucis della chiesa del Cimitero, che in questi giorni di emergenza accogliere i feretri in attesa di sepoltura.

Una meditazione sulla Via Crucis del Cimitero è disponibile sul sito web della Fondazione: https://bit.ly/33GPLqI

#unitinellasperanza
Pastorale Della Cultura BeWeB Beni Ecclesiastici

LA VIA CRUCIS DEL CIMITEROI nostri musei sono chiusi ma la vita della Fondazione non si ferma e accompagna la riflession...
24/03/2020

LA VIA CRUCIS DEL CIMITERO
I nostri musei sono chiusi ma la vita della Fondazione non si ferma e accompagna la riflessione e la preghiera di questi giorni. Sul nostro sito è a disposizione la meditazione, pubblicata nel 2012 dal nostro DiPas Dipartimento Pastorale e da OratoriBg - Oratori e pastorale giovanile nella Diocesi di Bergamo, ispirata alla Via Crucis di Pietro Brolis, custodita nella chiesa del Cimitero di Bergamo, dove venerdì 27 marzo il vescovo Francesco si recherà per una preghiera in suffragio dei defunti.

Link alla meditazione: https://bit.ly/33GPLqI
Il file è scaricabile dalla sezione DOCUMENTI della pagina

#unitinellasperanza

UN CUORE CHE ASCOLTA In questi giorni diamo spazio sulla nostra pagina alle iniziative che la Diocesi di Bergamo sta att...
19/03/2020

UN CUORE CHE ASCOLTA
In questi giorni diamo spazio sulla nostra pagina alle iniziative che la Diocesi di Bergamo sta attuando per far fronte all'emergenza per permettere ai nostri contatti di conoscerle. Da domani sarà attivo il servizio di consulenza psicologica «Un cuore che ascolta» con il Consultorio Familiare Scarpellini - Bergamo e il Zelinda Consultorio Familiare - Trescore, oltre alla disponibilità di sacerdoti e laici sul fronte spirituale. Torneremo a parlare di arte ma ora sentiamo di fare la nostra parte così.

Da domani saranno attivi un indirizzo mail
uncuorecheascolta [email protected]
e due numeri telefonici
379.1839048 presso il Consultorio Scarpellini Bergamo
379.1839033 presso il Consultorio Zelinda di Trescore
(da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 17)

Tutte le info su UN CUORE CHE ASCOLTA https://bit.ly/3bcKN7V

MESSAGGIO DEL VESCOVO FRANCESCOQuesta mattina [mercoledì 18 marzo] mi ha chiamato al telefono PAPA FRANCESCO. Il Santo P...
18/03/2020

MESSAGGIO DEL VESCOVO FRANCESCO

Questa mattina [mercoledì 18 marzo] mi ha chiamato al telefono PAPA FRANCESCO. Il Santo Padre è stato molto affettuoso manifestando la sua paterna vicinanza, a me, ai sacerdoti, ai malati, a coloro che li curano e a tutta la nostra Comunità.

Ha voluto chiedere dettagli sulla situazione che Bergamo sta vivendo, sulla quale era molto informato. È rimasto molto colpito dalla sofferenza per i moltissimi defunti e per il distacco che le famiglie sono costrette a vivere in modo così doloroso.
Mi ha pregato di portare a tutti e a ciascuno la sua benedizione confortatrice e portatrice di grazia, di luce e di forza. In modo particolare mi ha chiesto di far giungere la sua vicinanza ai malati e a tutti coloro che in diverso modo stanno prodigandosi in modo eroico per il bene degli altri: medici, infermieri, autorità civile e sanitarie, forze dell’ordine.

Un sentimento di profondo compiacimento lo ha espresso verso i nostri sacerdoti, colpito dal numero dei morti e dei ricoverati, ma anche impressionato in positivo dalla fantasia pastorale con cui è stata inventata ogni forma possibile di vicinanza alle famiglie, agli anziani e ai bambini, segno della vicinanza stessa di Dio.

Papa Francesco ha promesso che ci porta nel suo cuore e nelle sue preghiere quotidiane. Questo suo gesto così delicato di premura e la sua benedizione di padre è stata una eco, una continuazione, una realizzazione concreta per me e sono convinto per l’intera diocesi e per ciascuno di quella carezza del nostro santo Giovanni XXIII che ieri abbiamo invocato nella supplica e che la natura con i primi germogli di primavera ci sta riconsegnando.

«Cari figlioli, sento le vostre voci. Tornando a casa, troverete i bambini. Date loro una carezza e dite: “Questa è la c...
17/03/2020

«Cari figlioli, sento le vostre voci. Tornando a casa, troverete i bambini. Date loro una carezza e dite: “Questa è la carezza del Papa”. Troverete forse qualche lacrima da asciugare. Abbiate per chi soffre una parola di conforto. Sappiano gli afflitti che il Papa è con i suoi figli specie nelle ore della mestizia e dell’amarezza»

Oggi alle ore 17,30 su Bergamo TV il vescovo Francesco guiderà un momento di preghiera a Papa Giovanni XXIII (tutte le info https://bit.ly/2UqPu7p).

Il Museo Bernareggi custodisce un Ritratto di Giovanni XXIII eseguito da Luigi Scarpanti tra il 1962 e il 1965. E’ un ritratto ufficiale in cui il papa appare secondo un taglio originale, probabilmente di origine fotografica, in abiti liturgici, seduto, con le mani in grembo, in posizione rilevata rispetto a chi guarda. L’immagine è interamente giocata oltre che sull’originalità dell’impaginazione, sulla eccentricità della tavolozza, preziosa nella raffinata gamma dei verde acqua.

16/03/2020

➡️ MESSAGGIO DALLA DIOCESI DI BERGAMO

Cari medici e infermieri, per venire incontro alla necessità di alloggi per il cambio dei turni e per un po’ di riposo nell’eroico sforzo che state offrendo, visto che la pressione dell’urgenza e la responsabilità verso i vostri familiari spesso vi costringe a non tornare a casa, il Vescovo Francesco di cuore mette a disposizione gratuita 50 stanze con bagno presso il nostro Seminario Diocesano, in Città Alta (via Arena 11), dove potrete trovare accoglienza.

Per informazioni, gestione e prenotazione
del posto chiamare il numero 035.286.401.

ABITARE LA CURAUna mano per alleggerire gli ospedaliè la raccolta fondi voluta da L'Eco di Bergamo, Caritas Bergamasca e...
16/03/2020

ABITARE LA CURA
Una mano per alleggerire gli ospedali
è la raccolta fondi voluta da L'Eco di Bergamo, Caritas Bergamasca e Confindustria Bergamo per reagire all'emergenza #coronavirus.

Dona su Kendoo: https://tinyurl.com/kendooabitarelacura

L'obiettivo è quello di creare dei luoghi di sollievo per l’accoglienza dei pazienti, quando non è possibile tornare a casa in sicurezza ed è più prudente stare in una struttura organizzata. sarà così possibile liberare posti letto per i casi più gravi e aiutare le famiglie che non possono gestire la quarantena dei loro famigliari dopo la degenza ospedaliera.

#andràtuttobene #abitarelacura

La Fondazione Adriano Bernareggi sostieneABITARE LA CURAla raccolta fondi per alleggerire gli ospedali e creare dei luog...
15/03/2020

La Fondazione Adriano Bernareggi sostiene
ABITARE LA CURA
la raccolta fondi per alleggerire gli ospedali e creare dei luoghi di sollievo per l’accoglienza dei pazienti, quando non è possibile tornare a casa in sicurezza ed è più prudente stare in una struttura organizzata.

ABITARE LA CURA è promossa da L'Eco di Bergamo, Caritas Bergamasca e Confindustria Bergamo

Su Eppen tutte le info: https://tinyurl.com/abitarelacura
Su Kendoo per donare: https://tinyurl.com/kendooabitarelacura

#tuttoandràbene #abitarelacura

[immagini di misericordia dal Museo della Cattedrale]Che cosa lascia la Croce in noi? Lascia un bene che nessuno può dar...
13/03/2020

[immagini di misericordia
dal Museo della Cattedrale]
Che cosa lascia la Croce in noi? Lascia un bene che nessuno può darci: la certezza dell’amore fedele di Dio per noi. Un amore così grande che entra nella nostra sofferenza e ci dona la forza per portarla, entra anche nella morte per vincerla e salvarci. Nella Croce di Cristo c’è tutto l’amore di Dio, c'è la sua immensa misericordia. E questo è un amore di cui possiamo fidarci, nel quale possiamo credere.
Papa Francesco, Via Crucis con i giovani, 26 luglio 2013
-
Cristo Crocifisso,
dettaglio della decorazione pittorica dell'iconostasi, sec XIV

#iorestoacasa

#iorestoacasa

[immagini di Misericordia dal Museo della Cattedrale]Sguardo della Madre, sguardo delle madri. Un mondo che guarda al fu...
11/03/2020

[immagini di Misericordia dal Museo della Cattedrale]
Sguardo della Madre, sguardo delle madri. Un mondo che guarda al futuro senza sguardo materno è miope. Non saprà più vedere negli uomini dei figli. Abiteremo la stessa casa, ma non da fratelli. La famiglia umana si fonda sulle madri. Un mondo nel quale la tenerezza materna è relegata a mero sentimento potrà essere ricco di cose, ma non ricco di domani. Madre di Dio, insegnaci il tuo sguardo sulla vita e volgi il tuo sguardo su di noi, sulle nostre miserie.
Papa Francesco, Omelia del 1 gennaio 2019
-
Bottega dei da Sesto,
Madonna della Misericordia,
reliquiario a croce, particolare del verso, metà XV sec.

#iorestoacasa

[immagini di Misericordiadal Museo della Cattedrale]"La sofferenza dell’altro costituisce un richiamo alla conversione, ...
09/03/2020

[immagini di Misericordia
dal Museo della Cattedrale]
"La sofferenza dell’altro costituisce un richiamo alla conversione, perché il bisogno del fratello mi ricorda la fragilità della mia vita, la mia dipendenza da Dio e dai fratelli
Papa Francesco,
Messaggio per la Quaresima del 2015
-
L'elemosina dei confratelli della Misericordia
dipinto murale strappato e applicato su tela, XIII sec
#iorestoacasa

Indirizzo

Via Pignolo, 76
Bergamo
24121

Orario di apertura

Martedì 15:00 - 18:00
Mercoledì 15:00 - 18:00
Giovedì 15:00 - 18:00
Venerdì 15:00 - 18:00
Sabato 15:00 - 18:00
Domenica 15:00 - 18:00

Telefono

+39035278154

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando Fondazione Adriano Bernareggi pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta Il Museo

Invia un messaggio a Fondazione Adriano Bernareggi:

Video

Digitare

Musei nelle vicinanze


Altro Museo d'arte Bergamo

Vedi Tutte

Commenti

Bergamo Festival FARE LA PACE NOW ONLINE www.bergamofestival.it 3-13 maggio 2018 si parlerà di RICONCILIAZIONI