ICBSA - Istituto Centrale per i beni sonori ed audiovisivi

  • Casa
  • Italia
  • Rome
  • ICBSA - Istituto Centrale per i beni sonori ed audiovisivi

ICBSA - Istituto Centrale per i beni sonori ed audiovisivi L'ICBSA ha il compito di documentare, valorizzare e conservare il patrimonio sonoro e audiovisivo nazionale. Istituito con DPR n. 233 del 26 novembre 2007 e regolamentato dal DM del 7 ottobre 2008, l'ICBSA è subentrato alla Discoteca di Stato della quale ha acquisito "le competenze, il personale, le risorse finanziarie e strumentali, le attrezzature e il materiale tecnico e documentario"

L'ICBSA ha il compito di documentare, valorizzare e conservare il patrimonio sonoro e audiovisivo nazionale implementato dal deposito legale previsto dalla Legge n.106 del 15 aprile 2004

Il suo patrimonio è composto attualmente da oltre 300.000 supporti: dai cilindri di cera inventati da Edison, ai dischi, nastri, video fino agli attuali supporti digitali.

Conserva anche una ricchissima collezione di strumenti storici per la riproduzione del suono: fonografi, grammofoni e altri apparecchi dalla fine dell'ottocento agli anni cinquanta. L'ICBSA ha altresì il compito di formulare standard e linee guida in materia di conservazione e gestione dei beni sonori ed audiovisivi, promuovendo, anche in collaborazione con altre istituzioni nazionali e internazionali, attività formative e approfondimenti tecnico-scientifici negli ambiti di competenza

Normali funzionamento

04/11/2021

POLIFONIA PROJECT H2020
Il 28 ottobre, Valentina Presutti ha presentato per la prima volta la demo e la ricerca Polifonia al nuovo festival AI & Music organizzato da Sonar Barcelona . L'evento ha visto la partecipazione di appassionati di musica e tecnologia sia online che nella straordinaria sede del Centre de Cultura Contemporània de Barcelona . Per cominciare, sono stati introdotti i grandi set di dati utilizzati in Polifonia e la grande quantità di domande che provocano. Successivamente è stato svelato al pubblico il Polifonia Knowledge Graph (KG). La Polifonia KG scopre i tesori nascosti del patrimonio musicale contenuti nei cataloghi e in molte altre fonti collegando questi diversi dati e set di dati. Apre molte porte. Dopo la ricerca, Valentina Presutti ha mostrato le prime due demo dell'applicazione Polifonia. Il primo riguarda la somiglianza dei testi e la somiglianza armonica, due modi per trovare somiglianze tra arie canzoni, la maggior parte delle quali appartenenti a tempi e paesi diversi. La seconda demo riguardava gli agenti di raccomandazione musicale di Polifonia: come Polifonia consente ai suoi utenti di definire da soli i criteri per la raccomandazione musicale. Questo è abbastanza unico in quanto i comuni programmi di streaming musicale si basano su selezioni musicali automatizzate. Non perdetevi l'emozionante demo di Polifonia e le scintille musicali, potete (ri)guardare lo spettacolo https://www.youtube.com/watch?v=5qV7nX6FNAA

#sonar2022 #AIeMusica #polifonia #H2020 #polifoniah2020live #icbsaitalia #polifonia_project_eu #iccd

Unisciti a noi per la presentazione del demo di Polifonia! Condividi le tue idee sulla nostra demo e scopri come l'AI e ...
27/10/2021

Unisciti a noi per la presentazione del demo di Polifonia! Condividi le tue idee sulla nostra demo e scopri come l'AI e la musica interagiscono in Polifonia
Polifonia. Suonare la colonna sonora della nostra storia.
Dal paesaggio sonoro delle campane storiche italiane, all'influenza delle opere francesi sulla musica tradizionale olandese, il patrimonio culturale europeo nasconde una miniera d'oro di incontri, influenze e pratiche sconosciute che possono trasportarci a vivere il passato, capire la musica che amiamo, e immaginare la colonna sonora del nostro futuro.
Questo è l'obiettivo di Polifonia, un'iniziativa dell'Università di Bologna che vuole provocare un cambiamento di paradigma nelle politiche di conservazione del patrimonio musicale, nelle pratiche di gestione, nelle metodologie di ricerca, nei mezzi di interazione e nelle strategie di promozione.
Per raggiungere questo obiettivo, Polifonia svilupperà approcci informatici che facilitino l'accesso e la scoperta del patrimonio musicale europeo e consentano il riutilizzo creativo del patrimonio musicale, collegando il patrimonio tangibile (strumenti, teatri...) con quello intangibile, e collegando dati precedentemente non collegati.
Unisciti a noi per il lancio della demo di Polifonia tramite http://events9-backend.flumotion.com/api/v1/player_site/?asset=1362651&player=176
Oppure sintonizzati sul live stream gratuito http://live.sonar.es
il 28 ottobre, alle 12:00 CET.
Il progetto sarà presentato dalla professoressa dell'Università di Bologna e dalla responsabile del progetto, @ValentinaPresutti. Polifonia è un progetto H2020 che comprende dieci istituzioni partner in tutta Europa tra cui @icbsaitalia
#sonar2022 #AIeMusica #polifonia #H2020 #polifoniah2020live #icbsaitalia #polifonia_project_eu #iccd

Unisciti a noi per la presentazione del demo di Polifonia! Condividi le tue idee sulla nostra demo e scopri come l'AI e la musica interagiscono in Polifonia
Polifonia. Suonare la colonna sonora della nostra storia.
Dal paesaggio sonoro delle campane storiche italiane, all'influenza delle opere francesi sulla musica tradizionale olandese, il patrimonio culturale europeo nasconde una miniera d'oro di incontri, influenze e pratiche sconosciute che possono trasportarci a vivere il passato, capire la musica che amiamo, e immaginare la colonna sonora del nostro futuro.
Questo è l'obiettivo di Polifonia, un'iniziativa dell'Università di Bologna che vuole provocare un cambiamento di paradigma nelle politiche di conservazione del patrimonio musicale, nelle pratiche di gestione, nelle metodologie di ricerca, nei mezzi di interazione e nelle strategie di promozione.
Per raggiungere questo obiettivo, Polifonia svilupperà approcci informatici che facilitino l'accesso e la scoperta del patrimonio musicale europeo e consentano il riutilizzo creativo del patrimonio musicale, collegando il patrimonio tangibile (strumenti, teatri...) con quello intangibile, e collegando dati precedentemente non collegati.
Unisciti a noi per il lancio della demo di Polifonia tramite http://events9-backend.flumotion.com/api/v1/player_site/?asset=1362651&player=176
Oppure sintonizzati sul live stream gratuito http://live.sonar.es
il 28 ottobre, alle 12:00 CET.
Il progetto sarà presentato dalla professoressa dell'Università di Bologna e dalla responsabile del progetto, @ValentinaPresutti. Polifonia è un progetto H2020 che comprende dieci istituzioni partner in tutta Europa tra cui @icbsaitalia
#sonar2022 #AIeMusica #polifonia #H2020 #polifoniah2020live #icbsaitalia #polifonia_project_eu #iccd

26/10/2021

Che relazione esiste tra la canzone "Michelle" dei Beatles e "Der stümische Morgen" di Schubert? Queste e molte altre curiosità musicali fanno parte dell'affascinante materiale che #Polifonia sta collezionando nella sua nuova app. Musicisti, artisti e appassionati di cultura possono facilmente esplorare le fantastiche connessioni esistenti - ma non immediatamente riconducibili - tra diversi brani musicali, generi, periodi e luoghi.

ICCD e ICBSA - Istituto Centrale per i beni sonori ed audiovisivi partecipano al progetto Polifonia in qualità di Istituti del Ministero della cultura, assieme a numerosi altri partner nazionali ed internazionali. La prima demo del lavoro progettuale verrà presentata da Valentina Presutti all'AI and Music S+T+ARTS Festival organizzato per la prima volta dal Sónar a Barcellona, dal 27 al 28 ottobre. Il festival esplora il ruolo delle nuove tecnologie nelle nostre vite a partire dall'utilizzo della musica.
Appuntamento il 28 ottobre alle ore 12:00 👉 https://aimusicfestival.eu/en/programs/2021/areas/concerts-amp-demo-research/demo-research-2-polifonia

Per sapere di più sul progetto Polifonia https://polifonia-project.eu/

Crediti immagine: Polifonia Digital Paths - AI & Music Festival

El equipo CrAL trabaja en el desarrollo metodológico del proyecto con el que busca impulsar la alfabetización mediática ...
21/10/2021
El equipo CrAL trabaja en el desarrollo metodológico del proyecto con el que busca impulsar la alfabetización mediática en la juventud

El equipo CrAL trabaja en el desarrollo metodológico del proyecto con el que busca impulsar la alfabetización mediática en la juventud

La Universidad Autónoma de Barcelona (UAB), junto a seis instituciones europeas, ha empredido el proyecto CrAL, un laboratorio audiovisual creativo para la promoción del pensamiento crítico y la alfabetización mediática. Actualmente, el trabajo de los socios se centra en la reflexión sobre dis...

15/10/2021

Meet @DAISSy Research Group of Hellenic Open University - the Greek partner of the #CrAL project.
The DAISSy group was founded in 2001 by highly skilled and motivated researchers pursuing research, innovation and adoption of the broader Ambient Intelligence vision. The group has accumulated longtime R&I expertise in Ambient Intelligence, Pervasive Systems, Middleware, Service Oriented Architectures, Ontologies, Knowledge Extraction and Representation, Multi Agent Systems, Social Systems, Peer Learning Platforms, 3D Games, ICT in Education and Skills Definition and Profiling for ICT related Jobs. Since its establishment, the DAISSy group has participated in more than 74 national and European projects, in various frameworks (i.e. FP5, FP6, FP7, Lifelong Learning, Erasmus+, etc.), amassing a total funding of more than 2,5 MEuro. Today the group employs more than 30 persons, including University professors, PhD and MSc holders, researchers in computer science, artificial intelligence and social sciences, experienced ICT engineers, programmers and administrative personnel.
For more information about @DAISSy Research Group of Hellenic Open University and its activities, please visit: ⤵️⤵️
��Website: http://daissy.eap.gr
��Facebook: @DAISSyResearchGroup
��Twitter: https://twitter.com/daissy_research
��Linkedin: https://www.linkedin.com/in/daissyresearchgroup/
��Instagram: @daissy_researchgroup
��Email: [email protected]
@AllDigitalEU @ICBSAItalia @eginasrl @uabbarcelona @DAISSyResearchGroup @ctkri @langasiateiti

14/10/2021
MEET PARTNERS CRAL Project

The aim of #CrAL project is to enhance #CriticalThinking and #MediaLiteracy among young people between 14-19 years old, parents, and educational staff. The project is run by a consortium of 7 partners and before diving into the content we would like to present them to you.
Meet @DAISSy Research Group of Hellenic Open University - the Greek partner of the #CrAL project.
The DAISSy group was founded in 2001 by highly skilled and motivated researchers pursuing research, innovation and adoption of the broader Ambient Intelligence vision. The group has accumulated longtime R&I expertise in Ambient Intelligence, Pervasive Systems, Middleware, Service Oriented Architectures, Ontologies, Knowledge Extraction and Representation, Multi Agent Systems, Social Systems, Peer Learning Platforms, 3D Games, ICT in Education and Skills Definition and Profiling for ICT related Jobs. Since its establishment, the DAISSy group has participated in more than 74 national and European projects, in various frameworks (i.e. FP5, FP6, FP7, Lifelong Learning, Erasmus+, etc.), amassing a total funding of more than 2,5 MEuro. Today the group employs more than 30 persons, including University professors, PhD and MSc holders, researchers in computer science, artificial intelligence and social sciences, experienced ICT engineers, programmers and administrative personnel.
For more information about @DAISSy Research Group of Hellenic Open University and its activities, please visit: ⤵️⤵️
📍Website: http://daissy.eap.gr
📍Facebook: @DAISSyResearchGroup
📍Twitter: https://twitter.com/daissy_research
📍Linkedin: https://www.linkedin.com/in/daissyresearchgroup/
📍Instagram: @daissy_researchgroup
📍Email: [email protected]
@eginasrl @uabbarcelona @ctkri @langasiateiti @ICBSAItalia

14/10/2021

Polifonia Project H2020 NEWS
Abdul Shahid è un nuovo membro del progetto Polifonia dall'agosto 2021. È entrato a far parte del team come ricercatore postdoc presso il Data Science Institute, National University of Ireland, Galway. Abdul ha conseguito il dottorato di ricerca. laurea in informatica presso la Capital University of Science and Technology, Islamabad . La sua ricerca si concentra sui sistemi informativi, sull'apprendimento automatico, sul mining di pattern frequenti e sulle biblioteche digitali. In questo campo, ha pubblicato diversi articoli di buona qualità in diverse conferenze e riviste internazionali. In Polifonia, il ruolo del dottor Abdul Shahid si concentra principalmente sull'estrazione di modelli musicali. Analizza i grandi archivi musicali per identificare i modelli musicali, le loro relazioni per ottenere informazioni interessanti e implicite. Inoltre, svolge un ruolo significativo nella concettualizzazione degli strumenti e degli approcci che saranno utili a molti utenti di Polifonia come storici della musica, produttori musicali, musicologi, teorici della musica, ecc.
English version: https://polifonia-project.eu/new-colleague-computer-scientist-abdul-shahid-joins-polifonia-nui-galway-team/

@icbsaitalia @iccd #polifonia-project EU @ashahid @nuigalway

08/10/2021

@icbsaitalia Piano di valorizzazione 2021 – Domenica di Carta -
10 ottobre 2021 - Palazzo Mattei di Giove
L’ICBSA partecipa alle #DOMENICADICARTA2021 organizzando le visite guidate alla collezione delle macchine storiche di riproduzione del suono
nei seguenti orari:
h. 10:00 e h. 11:30
L'ingresso è libero e sarà consentito fino al raggiungimento del numero massimo disponibile
(gruppi di 10 massimo 15 persone)
L’accesso al Palazzo è consentito solo agli utenti muniti della certificazione verde “green pass”. I soggetti esclusi dalla campagna vaccinale potranno presentarsi con idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della salute, così come disposto dall’art. 3 comma 3 del predetto Decreto Legge. È una precauzione necessaria per la sicurezza di tutti, utenti e operatori, e siamo perciò certi della vostra collaborazione
#domenicadicarta2021 #visitaguidata #icbsaitalia #museodeglistrumendiriproduzionedelsuono #discotecadistato #roma #mic #fonografo #grammofono #phonograph #gramophone

Meet @eapuni - the GREEK partner of the #CrAL projectHellenic Open University (HOU) is the only Greek State University t...
08/10/2021

Meet @eapuni - the GREEK partner of the #CrAL project
Hellenic Open University (HOU) is the only Greek State University that offers formal and non-formal lifelong education, in both undergraduate and postgraduate levels, to more than 40.000 students. About 80% of its students are working professionals who seek further education in order to improve or change their career, thus HOU has established a permanent connection with the market, professional networks and professional development agencies.
Vi presento l’Università di Stato Greca partner dell'ICBSA nel progetto europeo CrAL (Creative Audiovisual Lab) Hellenic Open University (HOU) è l'unica università statale greca che offre un'educazione permanente formale e non formale, sia a livello universitario che post universitario, a più di 40.000 studenti. Circa l'80% dei suoi studenti sono professionisti che lavorano e che cercano ulteriore istruzione per migliorare o cambiare la loro carriera, così HOU ha stabilito un collegamento permanente con il mercato, le reti professionali e le agenzie di sviluppo professionale.

📍Website: https://www.eap.gr/
📍Facebook: @eapuni
📍Twitter: @eapuni
📍Instagram: @hellenic_open_university
📍LinkedIn: https://www.linkedin.com/school/hellenic-open-university/ 📍YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCwa1veWZT5QL60xq_IZ6RHw
#CrALProject #medialiteracy #criticalthinking #creativemedialab
@AllDigitalEU @ICBSAItalia @eginasrl @uabbarcelona @DAISSyResearchGroup @ctkri @langasiateiti

Meet @eapuni - the GREEK partner of the #CrAL project
Hellenic Open University (HOU) is the only Greek State University that offers formal and non-formal lifelong education, in both undergraduate and postgraduate levels, to more than 40.000 students. About 80% of its students are working professionals who seek further education in order to improve or change their career, thus HOU has established a permanent connection with the market, professional networks and professional development agencies.
Vi presento l’Università di Stato Greca partner dell'ICBSA nel progetto europeo CrAL (Creative Audiovisual Lab) Hellenic Open University (HOU) è l'unica università statale greca che offre un'educazione permanente formale e non formale, sia a livello universitario che post universitario, a più di 40.000 studenti. Circa l'80% dei suoi studenti sono professionisti che lavorano e che cercano ulteriore istruzione per migliorare o cambiare la loro carriera, così HOU ha stabilito un collegamento permanente con il mercato, le reti professionali e le agenzie di sviluppo professionale.

📍Website: https://www.eap.gr/
📍Facebook: @eapuni
📍Twitter: @eapuni
📍Instagram: @hellenic_open_university
📍LinkedIn: https://www.linkedin.com/school/hellenic-open-university/ 📍YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCwa1veWZT5QL60xq_IZ6RHw
#CrALProject #medialiteracy #criticalthinking #creativemedialab
@AllDigitalEU @ICBSAItalia @eginasrl @uabbarcelona @DAISSyResearchGroup @ctkri @langasiateiti

Meet @uabbarcelona - the Spanish partner of the #CrAL projectThe Universitat Autònoma de Barcelona (UAB) is a generalist...
08/10/2021

Meet @uabbarcelona - the Spanish partner of the #CrAL project
The Universitat Autònoma de Barcelona (UAB) is a generalist campus-based University, hosting an overall amount of almost 34.000 students (2018-19) among graduate, master and doctorate students. The UAB plays a worldwide leading role in scientific research and its wide range of disciplines, in both education and research, indicates its multidisciplinary approach.

Incontriamo l' UNIVERSITA' AUTONOMA DI BARCELLONA partner nel progetto europeo CrAL (Creative Audiovisual Lab). La UAB ospita un totale di quasi 34.000 studenti (2018-19) tra laureati, master e dottorandi. L'UAB svolge un ruolo di primo piano a livello mondiale nella ricerca scientifica e la sua vasta gamma di discipline, sia nell'istruzione che nella ricerca, indica il suo approccio multidisciplinare.

📍Website: https://www.uab.cat
📍Facebook: @uabbarcelona
📍Twitter: @UABBarcelona
📍Instagram: @uabbarcelona
📍LinkedIn: https://www.linkedin.com/school/uabbarcelona/
📍YouTube: https://www.youtube.com/uabbarcelona
#CrALProject #medialiteracy #criticalthinking #creativemedialab
@AllDigitalEU @ICBSAItalia @eginasrl @uabbarcelona @DAISSyResearchGroup @ctkri @langasiateiti

Meet @uabbarcelona - the Spanish partner of the #CrAL project
The Universitat Autònoma de Barcelona (UAB) is a generalist campus-based University, hosting an overall amount of almost 34.000 students (2018-19) among graduate, master and doctorate students. The UAB plays a worldwide leading role in scientific research and its wide range of disciplines, in both education and research, indicates its multidisciplinary approach.

Incontriamo l' UNIVERSITA' AUTONOMA DI BARCELLONA partner nel progetto europeo CrAL (Creative Audiovisual Lab). La UAB ospita un totale di quasi 34.000 studenti (2018-19) tra laureati, master e dottorandi. L'UAB svolge un ruolo di primo piano a livello mondiale nella ricerca scientifica e la sua vasta gamma di discipline, sia nell'istruzione che nella ricerca, indica il suo approccio multidisciplinare.

📍Website: https://www.uab.cat
📍Facebook: @uabbarcelona
📍Twitter: @UABBarcelona
📍Instagram: @uabbarcelona
📍LinkedIn: https://www.linkedin.com/school/uabbarcelona/
📍YouTube: https://www.youtube.com/uabbarcelona
#CrALProject #medialiteracy #criticalthinking #creativemedialab
@AllDigitalEU @ICBSAItalia @eginasrl @uabbarcelona @DAISSyResearchGroup @ctkri @langasiateiti

Indirizzo

Via Michelagelo Caetani 32
Rome
00186

Orario di apertura

Lunedì 08:00 - 19:00
Martedì 08:00 - 16:45
Mercoledì 08:00 - 15:30
Giovedì 08:00 - 19:00
Venerdì 08:00 - 16:45

Telefono

0668406901

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando ICBSA - Istituto Centrale per i beni sonori ed audiovisivi pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta Il Museo

Invia un messaggio a ICBSA - Istituto Centrale per i beni sonori ed audiovisivi:

Video

Dalla Discoteca di Stato all’ICBSA

L'Istituto Centrale per i Beni Sonori ed Audiovisivi è subentrato alla Discoteca di Stato della quale, in base al DPR n.233 del 26 novembre 2007, regolamentato dal DM del 7 ottobre 2008, ha acquisito "le competenze, il personale, le risorse finanziarie e strumentali, le attrezzature e il materiale tecnico e documentario".

La nascita della Discoteca di Stato Nel 1928 "Ritenuta la necessità assoluta ed urgente di disciplinare e sviluppare, mediante la istituzione di una Discoteca di Stato, la raccolta e diffusione di dischi fonografici riproducenti la voce di cittadini italiani benemeriti della Patria..." Vittorio Emanuele III decreta, con legge del 10 agosto, la nascita della Discoteca di Stato. La Discoteca di Stato nacque come archivio di voci, analogamente ad archivi sonori sorti tra la fine dell'ottocento e gli anni trenta del novecento; al Capo del Governo era riservata la scelta delle persone di cui raccogliere la voce e i prescelti erano iscritti in un apposito albo d'onore. Due sono le figure alle quali, sotto diversi aspetti, è da attribuire la paternità ideale della Discoteca di Stato: Rodolfo De Angelis e Gavino Gabriel.

Tra il 1924 e il 1925 Rodolfo De Angelis - un personaggio inserito nell'ambiente culturale futurista, soprattutto teatrale, autore ed interprete di famosissime canzonette - iniziò ad incidere su 78 giri le voci di militari protagonisti della grande guerra, di uomini di governo, di scrittori e poeti: i generali leggevano i bollettini e i proclami della fine della guerra, i poeti leggevano le loro poesie. Queste voci avrebbero costituito la raccolta discografica "La Parola dei Grandi ".

Nelle aspirazioni di De Angelis questa raccolta era la base di un lavoro su più vasta scala che solo un istituto pubblico, da creare, avrebbe potuto proseguire. Nel 1927 vendette il suo materiale alla Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi di Guerra che si impegnò, con successo, a sostenere il progetto di questo istituto che vide la luce nel 1928 a Roma.

Musei nelle vicinanze


Altro Rome musei

Vedi Tutte

Commenti

Polifonia in radio: l'intervista a Valentina Presutti per Radio 24 Valentina Presutti presenta Polifonia ospite all'interno del programma "Smart City" condotto da Maurizio Melis Nel programma, Presutti ha presentato agli ascoltatori gli obiettivi di Polifonia e la tecnologia con cui sta lavorando. In effetti, il progetto è impostato per ricreare connessioni tra set di dati musicali e per fornire un nuovo strumento per esplorare il mondo musicale. Il sistema di Polifonia aggrega i diversi e complessi dataset per fornire una semplice consultazione. Sono state presentate le affascinanti componenti dell'applicazione Polifonia come le “classificazioni armoniche” e le “somiglianze armoniche”. È una funzione che permette di trovare collegamenti e influenze tra canzoni e melodie di culture diverse e lontane. Polifonia intende creare uno strumento coinvolgente che offrirà al pubblico un ottimo modo per scoprire come la musica è stata vissuta e creata nel corso dei secoli. ascolta l'intervista https://www.radio24.ilsole24ore.com/programmi/smart-city/puntata/polifonia-tutte-dimensioni-musica-205055-AE39gPu #Polifonia_project @valentinapresutti #ICCD ICCD - Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione #icbsaitalia
POLIFONIA PROJECT H2020 Il 28 ottobre, Valentina Presutti ha presentato per la prima volta la demo e la ricerca Polifonia al nuovo festival AI & Music organizzato da Sonar Barcelona . L'evento ha visto la partecipazione di appassionati di musica e tecnologia sia online che nella straordinaria sede del Centre de Cultura Contemporània de Barcelona . Per cominciare, sono stati introdotti i grandi set di dati utilizzati in Polifonia e la grande quantità di domande che provocano. Successivamente è stato svelato al pubblico il Polifonia Knowledge Graph (KG). La Polifonia KG scopre i tesori nascosti del patrimonio musicale contenuti nei cataloghi e in molte altre fonti collegando questi diversi dati e set di dati. Apre molte porte. Dopo la ricerca, Valentina Presutti ha mostrato le prime due demo dell'applicazione Polifonia. Il primo riguarda la somiglianza dei testi e la somiglianza armonica, due modi per trovare somiglianze tra arie canzoni, la maggior parte delle quali appartenenti a tempi e paesi diversi. La seconda demo riguardava gli agenti di raccomandazione musicale di Polifonia: come Polifonia consente ai suoi utenti di definire da soli i criteri per la raccomandazione musicale. Questo è abbastanza unico in quanto i comuni programmi di streaming musicale si basano su selezioni musicali automatizzate. Non perdetevi l'emozionante demo di Polifonia e le scintille musicali, potete (ri)guardare lo spettacolo https://www.youtube.com/watch?v=5qV7nX6FNAA #sonar2022 #AIeMusica #polifonia #H2020 #polifoniah2020live #icbsaitalia #polifonia_project_eu #iccd