Museo della Fotografia Roma

Museo della Fotografia Roma Museo della fotografia di Roma

Normali funzionamento

Udite Udite!CONCORSO FOTOGRAFICO REDBUL.... muniti di Vespa! (se non l'avete ve la daranno loro!!)Le iscrizioni sono ape...
01/07/2015
Red Bull Roma Azione

Udite Udite!
CONCORSO FOTOGRAFICO REDBUL.... muniti di Vespa! (se non l'avete ve la daranno loro!!)
Le iscrizioni sono aperte fino al 5 luglio incluso, SOLO su:
redbull.it/romazione
NON PERDERE TEMPO!
Per vincere dovrete interpretare nel modo più creativo possibile la Roma dei film degli anni '50/'60 immortalando lo scooter italiano più famoso al mondo, la Vespa.
In palio due fotocamere Nikon, la possibilità di partecipare come fotografo a un evento Red Bull e di vivere un'esperienza al Festival del Cinema di Roma.
Scaldate i motori, imbracciate gli obiettivi e... azione!
Tutti i dettagli sono disponibili qui:

Per vincere questo concorso fotografico devi interpretare la Roma dei film degli anni '50 e '60

Il World Press Photo sta per arrivare a Roma in collaborazione con Visiva - La città dell'immagineDal 30 aprile al 22 ma...
28/04/2015

Il World Press Photo sta per arrivare a Roma in collaborazione con Visiva - La città dell'immagine
Dal 30 aprile al 22 maggio al Museo di Roma in Trastevere
#Wpp2015 #WorldPressPhoto #visiva
Per ricevere l'invito all'inaugurazione del 29, basta iscriversi alla newsletter e scaricare l'invito http://www.visiva.info/

Il World Press Photo sta per arrivare a Roma in collaborazione con Visiva - La città dell'immagine
Dal 30 aprile al 22 maggio al Museo di Roma in Trastevere
#Wpp2015 #WorldPressPhoto #visiva
Per ricevere l'invito all'inaugurazione del 29, basta iscriversi alla newsletter e scaricare l'invito http://www.visiva.info/

Matera ha realizzato il suo Museo della Fotografia Pino Settanni che è finito anche su Sky Arte, adesso aspettiamo l'ape...
31/03/2015

Matera ha realizzato il suo Museo della Fotografia Pino Settanni che è finito anche su Sky Arte, adesso aspettiamo l'apertura di quello di roma!

"Se un giorno smettessi di sognare, forse smetterei di lavorare."#Matera2019 continua a sognare e inaugura il Museo dell...
25/03/2015
Matera: inaugura il Museo della fotografia dedicato a Pino Settani | Immaginare dal vero

"Se un giorno smettessi di sognare, forse smetterei di lavorare."

#Matera2019 continua a sognare e inaugura il Museo della Fotografia Pino Settanni delicato al grande fotografo.
con l'organizzazione di Visiva - La città dell'immagine

http://immaginaredalvero.it/matera-inaugura-il-museo-della-fotografia-dedicato-a-pino-settani/

Il prossimo 28 marzo 2015 inaugurerà presso il Palazzo Viceconte di Matera, il Museo della Fotografia dedicato al fotografo pugliese Pino Settanni a cura di

Noi ci siamo stati a questo Festival indimenticabile!#fotografia #video #arte #musicaAmich* e amic* di Naked City Projec...
02/03/2015

Noi ci siamo stati a questo Festival indimenticabile!#fotografia #video #arte #musica
Amich* e amic* di Naked City Project vi ringraziamo per la partecipazione incredibile alla 2 giorni di 2NC-Fest, vissuta in un crescendo di emozioni condivise che ci hanno ripagato di tanta fatica.
Abbiamo percepito in voi, e con stupore abbiamo vissuto noi stessi, la sensazione che qualcosa di veramente nuovo si sia prodotto nell'ex Cartiera. Questa novità è un esperimento culturale che ha prodotto un nuovo modo di stare insieme, gioioso e non superficiale, una modalità nuova di produrre e fruire cultura che potrebbe rompere simbolicamente molte delle barriere che rendono così statica e chiusa la vita culturale della nostra città.
Mediteremo bene su come reinvestire questo capitale culturale che abbiamo costruito insieme. Aiutateci a farlo.
Stefano Simoncini

Noi ci siamo stati a questo Festival indimenticabile!#fotografia #video #arte #musica
Amich* e amic* di Naked City Project vi ringraziamo per la partecipazione incredibile alla 2 giorni di 2NC-Fest, vissuta in un crescendo di emozioni condivise che ci hanno ripagato di tanta fatica.
Abbiamo percepito in voi, e con stupore abbiamo vissuto noi stessi, la sensazione che qualcosa di veramente nuovo si sia prodotto nell'ex Cartiera. Questa novità è un esperimento culturale che ha prodotto un nuovo modo di stare insieme, gioioso e non superficiale, una modalità nuova di produrre e fruire cultura che potrebbe rompere simbolicamente molte delle barriere che rendono così statica e chiusa la vita culturale della nostra città.
Mediteremo bene su come reinvestire questo capitale culturale che abbiamo costruito insieme. Aiutateci a farlo.
Stefano Simoncini

Tante foto dell'inaugurazione di ieri del festival di #fotografia  Naked City Project. Oggi noi ci ritorniamo! e voi?App...
28/02/2015

Tante foto dell'inaugurazione di ieri del festival di #fotografia Naked City Project. Oggi noi ci ritorniamo! e voi?

Appuntamento anche oggi per la conferenza su Reti digitali e territorio alle 15 e Festa Finale dalle 23 all'alba.
Ph di @daniele cametti aspri

Vi consigliamo di visitare il festival Naked City Project#fotografia #webdoc #video #immaginiarticolo su National Geogra...
25/02/2015
Naked City, le città messe a n**o

Vi consigliamo di visitare il festival Naked City Project
#fotografia #webdoc #video #immagini
articolo su National Geographic!
Ex Cartiera Latina (via Appia antica, 42) il 27 e 28 febbraio, dalle ore 14 fino a notte fonda...
FREE-ENTRY!

Roma, Italia fotografia di Renato Chirulli, dal progetto Lost Da Roma a Kuala Lumpur, dall'Africa alla Cina, oltre metà della popolazione umana oggi vive in un centro urbano. Il progetto Naked City , nato nel 2011 a Roma, si propone di indagare sui molteplici aspetti e le dinamiche d

Siamo felicissimi di annunciare il vincitore del World Press Photo 2015 Mads Nissen, fotografo danese della Prospekt Pho...
12/02/2015
How This Image Became the Best News Photo of the Year

Siamo felicissimi di annunciare il vincitore del World Press Photo 2015 Mads Nissen, fotografo danese della Prospekt Photographers quest'anno partner del festival Naked City Project.


World press Photo 2015, l'amore gay in Russia vince
La foto del danese Mads Nissen ha vinto uno dei più importanti premi giornalistici dell'anno.

E' la foto di Jon e Alex, coppia gay russa realizzata dal fotografo danese Mads Missen ha conquistare il posto piu' alto del World Press Photo.

Lo scatto fa parte di un progetto complessivo di Nissen, che ha per tema l'Omofobia in Russia e che evidenzia le crescenti difficoltà per le minoranze sessuali in Russia.

World Press Photo, giunto alla 58esima edizione e' considerato il riconoscimento fotografico più importante al mondo e viene consegnato ogni anno ad Amsterdam.

"You don't have to go to Africa or Ukraine to take a great photo," says the jury

Gli scatti di #Avedon alla #Gagosian Gallery di Roma http://roma.repubblica.it/cronaca/2015/02/01/foto/avedon_beyond_bea...
02/02/2015
Da Jacqueline Kennedy a Audrey Hepburn, gli scatti di Avedon - Roma - Repubblica.it

Gli scatti di #Avedon alla #Gagosian Gallery di Roma

http://roma.repubblica.it/cronaca/2015/02/01/foto/avedon_beyond_beauty_la_femminilit_torna_protagonista-106292109/1/#1

Repubblica Roma è anche su Facebook e Twitter I reportage di moda per le più prestigiose riviste del mondo, i volti del padre divorato dal cancro, gli orfani della guerra in Vietnam, ma anche i ritratti, rigorosamente in bianco e nero di Jacqueline Kennedy

2000 GRAZIE per i vostri like!
02/02/2015

2000 GRAZIE per i vostri like!

2000 GRAZIE per i vostri like!

Timeline Photos
17/06/2014

Timeline Photos

love

love
03/06/2014

love

love

a roma sarà la mia nascita
03/06/2014

a roma sarà la mia nascita

a roma sarà la mia nascita

Indirizzo

Rome
00176

Orario di apertura

Lunedì 13:00 - 20:00
Sabato 13:00 - 20:00

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando Museo della Fotografia Roma pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta Il Museo

Invia un messaggio a Museo della Fotografia Roma:

Digitare

Musei nelle vicinanze


Commenti

#iorestoacasa #mibact #museitaliani #fotografia #lartenonsiferma Conoscere le COLLEZIONI FOTOGRAFICHE dell’ICG L’immagine, di uno degli autori più importanti della fotografia italiana del Novecento e contemporanea, è giunta all’Istituto centrale per la grafica attraverso l’acquisizione del fondo della Libro-Galleria Agorà che, dopo la chiusura della sua attività (Torino, 1979-2007), ha ceduto – parte in vendita e parte in dono – quanto rimaneva nella sua raccolta dopo circa tre decenni di attività espositiva e commerciale (un insieme di circa 500 fotografie, per un totale di 140 autori che, tra italiani e stranieri, coprono il percorso evolutivo del linguaggio fotografico nella seconda metà del Novecento). All’interno del fondo, questa stampa appartiene a una “serie” particolare di 89 fotografie che erano state oggetto di una mostra organizzata dalla galleria a Torino nel 1986, “Autoscatto. 1956-1986 Trent’anni di fotografia e automobili”, per celebrare i trent’anni della rivista “Quattroruote”. L’immagine, infatti, manifesta come l’automobile negli anni Sessanta fosse diventata il simbolo per eccellenza del boom economico nella società italiana, entrando nell’uso comune delle famiglie. La fotografia è però anche una testimonianza storica, fissando le nuove consuetudini e i nuovi riti che andavano diffondendosi nel nostro Paese nel secondo dopoguerra: il pic-nic di vari gruppi familiari, circondati dalle loro utilitarie, nel boschetto di Sotto il Monte (comune della provincia bergamasca), un momento di svago di una gita fuori porta, in pellegrinaggio nella città natale di Papa Giovanni XXIII. Come in tutto il suo lavoro, attraverso una serie di istantanee – di luoghi di lavoro, di feste, di riti collettivi borghesi e proletari, di eventi mondani, di scontri di classe, di momenti di ‘banale’ quotidianità, in cui al centro dell’interesse è sempre l’uomo, in quanto essere sociale – anche qui Gianni Berengo Gardin offre un tassello del grande affresco di un’Italia che, dalla civiltà contadina, progredisce verso una moderna civiltà industriale. Lo sguardo fresco, ironico, ma anche pieno di umanità e complicità, di Berengo Gardin verso una società serena e fiduciosa, colta in questo caso nei pressi di Bergamo, sembra riproporci oggi, molto significativamente, l’auspicio per un prossimo ritorno alla normalità. Ve la proponiamo, in questo momento di grande sofferenza per il nostro Paese, anche come augurio per un futuro di nuovo solare e aperto a tutti, al diritto e alla partecipazione di tutta la collettività ai propri riti e ai propri svaghi. Gianni Berengo Gardin (Santa Margherita Ligure, 1930) Sotto il Monte (Bergamo), 1969 (stampa 1986) Stampa alla gelatina bromuro d’argento (su carta baritata), mm 301x405 Roma, Istituto centrale per la grafica, Fondo Libro-Galleria Agorà, inv. FP 6645 Dario Franceschini - pagina ufficiale Fotografia Italiana Contemporanea Direzione Generale Educazione, ricerca e istituti culturali - Mibact museitaliani Regione Lombardia AgCult Museo della Fotografia Roma