I Tatti - The Harvard Univ. Center for Italian Renaissance Studies

I Tatti - The Harvard Univ. Center for Italian Renaissance Studies The Harvard University Center at Villa I Tatti in Florence, Italy is devoted to advanced study of the Italian Renaissance in all its aspects.

http://itatti.harvard.edu/ Since the first Fellows arrived in 1961, The Harvard University Center for Italian Renaissance Studies at Villa I Tatti has become the foremost research institution in the world for Italian Renaissance art, history, literature, and music. Harvard University inherited Villa I Tatti and its estate outside Florence from the distinguished art historian Bernard Berenson, together with his vast collection of books, photographs, and works of art. Shortly before his death in 1959, Berenson wrote that his “first and foremost wish is to establish fellowships that will provide leisure and tranquility to sixteen or more promising students … Nothing opens mind and heart like free discussion of gifted maturing individuals, coming together with their own national traditions and differing attitudes and approaches.” Today, the Center offers fifteen full-year post-doctoral Fellowships annually, as well as several Visiting Fellowships for shorter periods. It provides a tranquil setting where scholars from around the world can exchange ideas and carry out their research. In this way, I Tatti aims to increase our understanding of the Italian Renaissance. The Berenson Library, with holdings of nearly 175,000 volumes, and subscriptions to over 600 scholarly journals, seeks to provide comprehensive coverage of current scholarship on all aspects of the Italian Renaissance. The library includes an extensive and historically important photograph collection, with over 250,000 prints, an archive that documents the lives and work of Bernard and Mary Berenson, and the Morrill Music Library, considered one of the finest in the world for medieval and Renaissance music. The historic house contains a major collection of Renaissance and Asian art, installed much as it was in Berenson’s day. I Tatti also consists of a working farm and a historic garden. Since it was completed in 1915, the Italianate garden designed by Cecil Pinsent has provided inspiration for generations of designers and scholars.

Normali funzionamento

Our group photo is a little different this year, but we're all smiling beneath the masks!
23/10/2020

Our group photo is a little different this year, but we're all smiling beneath the masks!

I Tatti's spring blooms are always beautiful, even from a distance.
08/04/2020

I Tatti's spring blooms are always beautiful, even from a distance.

10/03/2020

Dear Friends, in accordance with the directives established by the Italian Government, please note that I Tatti is closed until further notice.

Please note that Cecilie Hollberg's Thursday Seminar "Chi viene rappresentato in vesti di seta nei dipinti fiorentini ne...
07/02/2020
Thursday Seminar: Chi viene rappresentato in vesti di seta nei dipinti fiorentini nel Tre- e Quattrocento? | I Tatti | The Harvard University Center for Italian Renaissance Studies

Please note that Cecilie Hollberg's Thursday Seminar "Chi viene rappresentato in vesti di seta nei dipinti fiorentini nel Tre- e Quattrocento?" will now take place on February 20 and not February 13 as previously announced.

Speaker: Cecilie Hollberg (I Tatti) Essere raffigurati in vesti di seta in un dipinto non è necessariamente la stessa cosa come vestirsi di seta.

Congratulations to Holly Flora (VIT Fellow 2015-16), Professor of Art History and Associate Dean for Faculty Affairs at ...
04/02/2020

Congratulations to Holly Flora (VIT Fellow 2015-16), Professor of Art History and Associate Dean for Faculty Affairs at Tulane University, who was recently awarded the Premio San Francesco from the Pontifical University of Saint Anthony (Antonianum) in Rome for her book Cimabue and the Franciscans (Brepols/Harvey Miller, 2018), written in part when she was the Jean-Francois Malle Fellow at I Tatti in 2015-16. The publication of Cimabue and the Franciscans was supported by a Lila Wallace-Reader's Digest Publication Grant from I Tatti. http://www.antonianum.eu/it/avvisi/3814/Premio-San-Francesco

Join us next week for the international conference "Common Children and the Common Good: Locating Foundlings in the Earl...
06/12/2019
Common Children and the Common Good: Locating Foundlings in the Early Modern World (Dai bambini “comuni” al bene comune: i trovatelli nella prima età moderna) | I Tatti | The Harvard University Center for Italian Renaissance Studies

Join us next week for the international conference "Common Children and the Common Good: Locating Foundlings in the Early Modern World" in collaboration with the Istituto degli Innocenti! Open to the public, no registration required

The 600th anniversary of the inauguration of the Ospedale degli Innocenti in Florence provides an opportunity to re-examine the contexts for foundling care both within and beyond this pioneering institution.

Nicholas Terpstra announced as next General Editor of the I Tatti Studies in Italian Renaissance History Series | I Tatt...
20/09/2019
Nicholas Terpstra announced as next General Editor of the I Tatti Studies in Italian Renaissance History Series | I Tatti | The Harvard University Center for Italian Renaissance Studies

Nicholas Terpstra announced as next General Editor of the I Tatti Studies in Italian Renaissance History Series | I Tatti | The Harvard University Center for Italian Renaissance Studies

I Tatti is pleased to announce Professor Nicholas Terpstra (University of Toronto) as the new General Editor of the I Tatti Studies in Italian Renaissance History as of 1 January 2020.

Villa I Tatti - The Harvard Univ. Center for Italian Renaissance Studies's cover photo
12/09/2019

Villa I Tatti - The Harvard Univ. Center for Italian Renaissance Studies's cover photo

This month’s conference explores how Africans played active roles in shaping global histories (c. 1300-1700) and creatin...
06/05/2019
Crossroads Africa: African Engagement in the Making of Early Modernity. An International Conference | I Tatti | The Harvard University Center for Italian Renaissance Studies

This month’s conference explores how Africans played active roles in shaping global histories (c. 1300-1700) and creating transnational spaces that continue to inform the circulation of people, goods, and ideas today. Join us at I Tatti on May 20 – 21!

Crossroads Africa is a two-day conference that will bring together art historians and curators, archaeologists, and historians of political institutions, economics, and the slave trade,

"My I Tatti Fellowship". Visit our YouTube channel to listen to recent appointees share stories of their time at the Har...
12/04/2019
"My I Tatti Fellowship". Scholars share their experiences of the Harvard Center in Florence | I Tatti | The Harvard University Center for Italian Renaissance Studies

"My I Tatti Fellowship". Visit our YouTube channel to listen to recent appointees share stories of their time at the Harvard Center in Florence...

I Tatti provides a stimulating and intellectually vibrant setting where scholars can benefit from our resources, carry out their research, and interact with their peers and the wider academic community.

Indirizzo

Via Di Vincigliata 26
Florence
50135

Orario di apertura

Lunedì 09:00 - 18:00
Martedì 09:00 - 18:00
Mercoledì 09:00 - 18:00
Giovedì 09:00 - 18:00
Venerdì 09:00 - 18:00

Telefono

39 055 603 251

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando I Tatti - The Harvard Univ. Center for Italian Renaissance Studies pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta Il Museo

Invia un messaggio a I Tatti - The Harvard Univ. Center for Italian Renaissance Studies:

Musei nelle vicinanze


Altro Florence musei

Vedi Tutte

Commenti

For all students who are eighteen and over:
Good evening, which are the Berenson library opening hours? Does it close at midday and re-open after lunch? Thank you.
Prof. Alison Cornish, who was recently appointed Professor of Italian Studies at New York University, will inaugurate the annual Imelda Della Valle Lectures in Dante Studies at the University of Pennsylvania with a talk on "Sonus qui non est vox: Sound and Voice in Dante." The soundscape of the Divine Comedy is both vocal and nonvocal. Professor Cornish's paper explores how Dante exploits what for his culture was a nontrivial distinction. The Della Valle Lecture will take place at the Van Pelt Library sixth floor, room 627
GRAZIE per l'Attenzione. 1) - A proposito dei RE MAGI e dei PASTORI che seguono la STELLA COMETA CHE NON C'E' nei giorni della NATIVITA'. INTELLETTUALI, POPOLO MINUTO, RIBELLATEVI...!!! Ecco il perché. 2) - A proposito della ‘NASCITA DI VENERE’ di Sandro Botticelli che tutti commentano, o sentimentalmente, o storicamente, quando invece è una rappresentazione simbolico-scientifica idonea a influenzare e spiegare meglio anche la NATIVITA' di Gesù. INTELLETTUALI, POPOLO MINUTO, ugualmente RIBELLATEVI...!!! Ecco il perché. - Gentile Signorina SILVIA BUFFO: E’ roba da RIDERE per come anche la Nascita di Venere di Sandro Botticelli viene generalmente COMMENTATA…!!! Devo perciò intervenire poiché essa, seguendo l'ASTROLOGIA, è presente anche nella Notte della Natività. Perchéee...??? Adesso mi impegno meglio a spiegarlo. Non di rado le DIVINITA’ del Pantheon, ivi compresa VENERE, costituiscono la rappresentazione simbolica della VIRTUS esercitata dai pianeti durante il loro moto in cielo sugli eccentrici e sugli epicicli (Astrologia di Claudio Tolomeo). Se per l'Antichità e il Medioevo gli ASTRI hanno una loro Virtus da riversare giù sulla Terra, non meraviglierà che, sotto questo profilo, se ne sia voluta anche dare una rappresentazione artistica, scultorea, o pittorica. La NASCITA DI VENERE, anche questa pittorica di Sandro Botticelli, rappresenta il momento il cui il pianeta termina, sull’epiciclo per il mondo classico e, analogamente, sulle Rivoluzioni Sinodiche per l’astronomia moderna, il suo tratto tutto UMIDO per approdare all’inizio di quello CALDO ad integrazione del primo, del precedente. Nel complesso i tratti UMIDO e CALDO del pianeta Venere vanno dalla Congiunzione Inferiore alla Congiunzione Superiore. In tale semicerchio Venere è analoga alla Luna nel tratto dal Novilunio al Plenilunio. L’istante in cui VENERE si trova alla sua Congiunzione Inferiore corrisponde a quando il pianeta raggiunge il PERIGEO, o sua massima vicinanza alla Terra e, da qui, inizia la sua fase FECONDA e ATTIVA e MONTANTE e NOBILITANTE. Il momento della Congiunzione Inferiore di Venere è analogo al momento della LUNA al NOVILUNIO. Il momento in cui VENERE si trova invece alla sua Congiunzione Superiore è quando il pianeta raggiunge l’APOGEO e inizia la sua fase DISTRUTTIVA e PASSIVA e VOLGENTE E VOLGARE ed è analogo alla LUNA dal PLENILUNIO in poi. Dunque nel tratto UMIDO e CALDO (che va dalla Congiunzione inferiore a quella superiore) la VIRTUS di VENERE è analoga a quella della LUNA nel suo tratto dal NOVILUNIO al PLENILUNIO. Ma siccome gli ANTICHI indicano il pianeta VENERE in fase montante, umida e calda, e dunque NOBILITANTE (Convivio, IV, XXIII, 4 - 16), quando il pianeta stesso si vede al mattino ad ORIENTE prima del sorgere del Sole (Eneide, II, 801 – 803), e similmente indicano il pianeta LUNA, sempre nella sua fase montante e nobilitante, e umida e calda, quando il pianeta stesso si vede INVECE la sera ad OCCIDENTE dopo il tramonto del Sole (Tetrabiblos, I, V, 1; Tetrabiblos, VIII, 1 - 2), tale chiara e obbligatoria distinzione, o diverso apprezzamento fra i due pianeti, dimostra che, almeno di fatto…!!!, gli stessi ANTICHI già sapessero che Venere è un pianeta interno alla Terra, cioè posto fra il Sole e la Terra, e la Luna invece un satellite della TERRA stessa. Solo così si spiega questa distinzione, o differenziazione di trattamento, o spiegazione. Gli Antichi dunque di fatto ragionavano come se già sapessero che il nostro sistema planetario è ELIOCENTRICO e non GEOCENTRICO. EEEUUURRREEKKKAAAA.!!!! Ma nessuno prima di me l'aveva scoperto. Chiedo dunque intanto un PREMIO ADEGUATO. Colui che TACE, dopo me morto!, se lo vorrà forse prendere Lui stesso...??? Questo mia messa in evidenza scientifica credo che, se non fa un po’ impallidire tutta quella genialità che i nostri storici e scienziati attribuiscono a COPERNICO e a GALILEO GALILEI, introdurrà per lo meno a dover rivalutare seriamente le conoscenze realmente scientifiche possedute dagli stessi ANTICHI e da CLAUDIO TOLOMEO e perciò a rivalutare il grado di serietà delle loro indagini. Dopo di che dovranno essere anche più attentamente studiati e meditati. Ma torniamo a noi. Nel tratto UMIDO e CALDO la VIRTUS dei pianeti (dei cinque pianeti) Mercurio, Venere (interni alla Terra), e Marte, Giove e Saturno (esterni alla Terra) è dichiarata dall'Antica Tradizione FECONDA E ATTIVA, dunque iuxta sententiam Ptholemaei (Tetrabiblos, I, V, 1), mentre iuxta sententiam Dantis è dichiarata, similmente…!!!, MONTANTE e NOBILITANTE (Convivio. IV, XXIII). Di conseguenza trovandoci, qui!, alla Nascita di Venere anche del Botticelli, nel tratto in cui Venere stessa termina la fase UMIDA e inizia quella CALDA, la sua stessa virtus sarà pienamente FECONDA, ATTIVA , MONTANTE e NOBILITANTE, anche perché alla fase UMIDA essa aggiungerà quella CALDA, analogamente anche a come per il SOLE dall'Equinozio di Primavera, si fa anche CALDO e così la Luna dal Primo quarto in poi. La "Nascita di Venere" è per la VIRTUS degradante, cioè esercitata sulla Terra, analoga al Sole a Primavera e alla Luna al suo Primo Quarto. Orbene la comprensione di questo fenomeno è decisiva anche per arrivare a spiegare il dipinto del Botticelli e la conseguente simbologia scientifica. Sentenzia infatti TOLOMEO che nelle regioni della Bitinia, Frigia, Colchide, Siria, Cappadocia, Lidia, Cilicia e Pamfilia, “ questa “VENERE, che si vede al Mattino ad Oriente, viene invocata come MADRE DEGLI DEI” (Tetrabiblos, II, III, 36 – 38). Essa esercita una Virtus analoga a quella del Sole a Primavera e alla Luna al primo Quarto chem invece si vede la sera ad Occidente. Che il BOTTICELLI, assai vicino al Neoplatonismo di Marsilio Ficino a sua volta influenzato dall’Astrologia di Tolomeo, nel suo dipingere la "Nascita di Venere" abbia positivamente risentito di tale realtà Astrologico-Scientifica…??? A me sembra evidente. Una cosa è però essersi sommariamente immaginati l'influenza del Neoplatonismo sul Botticelli basandosi sulla cronaca di quel periodo storico, o averlo semplicemente intuito; un’altra l'esserci arrivati seguendo un percorso rigorosamente scientifico, cioè per necessaria deduzione scientifica e attraverso reperti empirico-oggettivi. Orbene anche il viaggio descritto da Dante nella COMMEDIA vuol essere un cammino volto alla DIVINIZZAZIONE dello stesso DANTE e dell'Uomo. Sarà allora per caso che Dante stesso farà ricorso ai raggi nobilitanti di questa stessa VENERE MATTUTINA, che si vede al mattino ad Oriente e già invocata dagli Antichi come Madre degli Dei…??? Infatti Dante aveva già precisato, ANTICIPATO, nel Convivio: “li raggi di ciascun cielo (e nel nostro caso del pianeta Venere) sono la via per la quale discende la loro vertude in queste cose di qua giù” (Convivio, II, VI, 9). Da non dimenticare…!!! DANTE ALIGHIERI fornisce, anche nella COMMEDIA, prova empirica e dottrinale di questa verità storica riportata da Tolomeo. Egli nel primo canto del Purgatorio afferma infatti di aver dovuto celebrare il rito della sua “sottomissione alla grazia divina” su disposizione del pagano CATONE l’UTICENSE e per mano del pagano VERGILIO, proprio nel momento in cui i RAGGI della LUCENTISSIMA STELLA di VENERE erano rimasti gli unici a brillare in cielo per l’avvenuto TRAMONTO ELIACO dei raggi di tutte le altre stelle. Il Sole infatti sorgerà, raggiungerà l’orizzonte orientale, solo all’apertura del secondo canto del Purgatorio, cioè dopo che, sotto i raggi lucentissimi di Venere mattutina alla sua Nascita, Virgilio lo avrà ricinto con un giunco schietto e gli avrà discoperto il viso dal sucidume dell’Inferno, con la rugiada del mattino (Pur. I, 94 – 136). La NASCITA DI VENERE, cioè il momento del passaggio di Venere dall’Umore tutto UMIDO, al poter essere integrato da quello CALDO, è il momento in cui VENERE stessa diventa fertile, cioè calda, e può generare. Ma generare che cosa…??? Simbolicamente un VERO UOMO. E qui potrebbe trattarsi, oltre che di ENEA (“In mezzo a un bosco venne ad Enea incontro sua madre, Citerea, in veste di fanciulla prima che madre fosse, armata come una vergine di Sparta”: Virgilio, ENEIDE, I, 314 – 317), anche di GESÙ CRISTO, sia pure con licenza dei Superiori, cioè del Vaticano. Si tratta dunque della virtus che ha Venere, nel tratto tutto umido e caldo, di generare un VERO UOMO, un Dio, come ENEA (Eneide, I, 257 – 260) e un Dio come Gesù Cristo…??? Si legge infatti nella LITURGIA della Notte Santa della Natività: “In splendoribus sanctorum ex utero ante LUCIFERUM genui Te”. Lucifero, o Citerea, è questa stessa Venere mattutina. La LITURGIA cristiana la mette a far da corona alla testa del NATO, di Gesù Cristo, in quanto Venere, nella notte della Natività, è ancora da sorgere e perciò si trova sull’Ascendente di Cristo stesso iuxta sententiam Ptholemaei (Tetrabiblos, III, XI, 3), mentre l’Ascendente stesso sappiamo che rapresenta la testa del NATO. Dunque la NASCITA DI VENERE, compresa quella del Botticelli, ha anche a che fare con la NATIVITA’ di GESÙ. Ma sento adesso Papa Giovanni Paolo II, o papa K. WOYTJLA gridare dalla sua tomba: ARRESTATE GIOVANGUALBERTO CERI. ARRESTATELO…!!! E invece no, perché io ho RAGIONE in quanto di questo era impastata la nostra antica cultura, sia pagana che cristiana. Da qui la corretta interpretazione dell’ idea di VERGINE. Come...? Abbiamo da una parte il “VIR” (di Uomo) e dall’altra il “GO” (di generatrix). Allora “Vergine” semplicemente vuol dire generatrice di un vero uomo, di ENEA come di DANTE e il fenomeno è sempre legato al tratto UMIDO e CALDO e dunque NOBILITANTE e perciò alla Nascita di Venere. Ma come sarà mai possibile che i DANTISTI, il VATICANO e i vari commentatori del simbolo della NASCITA’ di VENERE, ivi compreso questo qui di Sandro Botticelli, possano arrivare ad accettare la mia spiegazione ASTROLOGICA, cioè questa antica verità scientifica, dopo che la Costituzione Apostolica “FIDEI DEPOSITUM” ha approvato, nel 1992, il ‘Catechismo della Chiesa Cattolica’…??? In questo Catechismo infatti, redatto dopo il Concilio Ecumenico Vaticano II, con molta autorità si RESPINGE l’Astrologia all’art. 2116, a pagina 527, perché in contraddizione all’onore e al rispetto, congiunto a timore amante, che dobbiamo a Dio solo. ” Ma al CONCILIO VATICANO II c’ero anch’io, GIOVANGUALBERTO CERI, (come risulta oggettivamente da lettera datata 22 Settembre 1963), attraverso il mio amico Mons. ENRICO BARTOLETTI, il TRAGHETTATORE della CHIESA italiana dopo lo stesso CONCILIO VATICANO II. E io affermo dunque: ma INDOVE…??? ma INDOVE…??? ma INDOVE...??? VERGOGNA...!!! VERGOGNA...!!! VERGOGNA...!!! Cosa ne è stato fatto delle ASPIRAZIONI DEL CONCILIO…??? Qui è necessario dunque un ‘CONCILIO VATICANO III’ sia pure dopo che il Vaticano avrà divulgato le mie scoperte su significato ASTROLOGICO-LITURGICO dell’OPERA dantesca. Diversamente dal citato il ‘Catechismo della Chiesa cattolica’ sull’Astrologia la pensava infatti BARDÈSANE nel II secolo d.C. Egli fu il primo grande scrittore cristiano astrologo della letteratura siriaca . Ma poi ci fu tutta l’influenza del Neoplatonismo dei primi secoli sul MEDIOEVO, ARABO, EBRAICO e CRISTIANO fino ad arrivare a san Tommaso d’Aquino (“SUMMA THEOLOGIAE” – Prima pars, Qu. 115, Articulus 4 – 5 – 6) e a DANTE. Tutti accettarono in pieno l’ASTROLOGIA. E dunque deprecabile che per tarpare le ali ai nostri poveri ASTROLOGI contemporanei in cerca di uno stipendio, la Chiesa Cattolica si sia alleata con l’ateismo scientifico moderno nel respingere l’ASTROLOGIA. CHIESA CATTOLICA non sa, o fa finta di non sapere, che la sua TEOLOGIA LITURGICA, o LITURGIA, anch’essa è tutta il funzione dell’umore UMIDO e CALDO e perciò MONTANTE E NOBILITANTE, esercitato annualmente dal SOLE a partire dal Solstizio d’Inverno, dalla Natività, fino ad arrivare all’Equinozio di Primavera, alla Pasqua di Resurrezione, sia pure poi con l’aggiunta del numero PITAGORICO, o KABALISTICO, dei valore sacro dei NUMERI. INTELLETTUALI, se ci siete, RIBELLATEVI...!!! Un’ultima novità impudica sulla NASCITA DI VENERE del BOTTICELLI…??? Se è vero, come è vero…!!!, che l’Astrologo Claudio Tolomeo ricorda che VENERE mattutina era considerata in molte regioni, ivi compresa la SIRIA, MADRE DEGLI DEI, allora non meraviglierà che nella rappresentazione fatta dal Botticelli la DEA voglia allattare un Dio. Ma dov’è che l’allatta…??? Nel quadro del Botticelli la Dea non si copre affatto, per pudicizia, con la mano sinistra il seno sinistro, come molti critici arguiscono quasi interiormente commovendosi per l’illuminante idea venutagli in mente. La Dea non si copre il seno a sinistra con la mano sinistra, quanto piuttosto vuole con questa stessa mano sinistra allattare un Dio con il suo seno a destra: e le dita sembrano proprio in tale maniera atteggiarsi. La Dea poi con la mano destra potrebbe anche qui non volersi coprire il sesso per pudicizia, come sempre si legge…!, quanto piuttosto indicare che il suo sesso è adesso arrivato alla fase fertile poiché sotto la virtus dell’umore caldo in cui la stessa Venere è pronta a generare. Ma, ovviamente, si tratterebbe simbolicamente sempre di un VERO UOMO, da VIR-GO. GIORNALISTI, SCRITTORI, INTELLETTUALI, POPOLO MINUTO….!!! RIBELLATEVI ALL’IGNORANZA IN CUI VI HA CACCIATO QUALCUNO PIÙ PRONTO E ASTUTO DI VOI: E DA VECCHIA DATA. Di SILVIA BUFFO. 1 marzo 2017. 1 marzo del 1445 nasceva Sandro Botticelli, personalità simbolo del nostro Rinascimento. Se si potesse quantificare l'orgoglio per la bellezza italiana, una buona parte andrebbe a confluire in un ogni accenno di linea, colore e forma de "La nascita di Venere", capolavoro fra incanto e pathos. Ecco tutti i retroscena di un'incommensurabile opera destinata a divenire immortale. #sandrobotticelli FANPAGE.IT LEGGO sempre di SILVIA BUFFO, il seguente commento allo sguardo della VENERE di Botticelli (La Nascita di Venere). "...attenzione al particolare, il cui dettaglio più sublime resta lo sguardo placido e trasognato della Venere, quasi appena destata dal sogno, lasciandolo ancora intravedere e facendo sconfinare chi la osserva in altri mondi, al di là dei suoi occhi”. IO, a quanto scritto, mi sento di dovere aggiungere. Il commento all'espressione degli occhi di questa VENERE, "sguardo placido e trasognato", quasi la Dea si fosse appena "destata dal sogno, lasciandolo ancora intravedere", mi ha fatto improvvisamente ritornare alla realtà in cui mi trovo. Ho quindi subito pensato che, io non sto affatto vivendo nella Classicità tolemaica e nel Medioevo tolemaico e neoplatonico come, per distrazione, mi ero immaginato, ma in una cultura moderna tardo-romatica. Questo bel commento assai pregnante e convinto me lo ha infatti ricordato. Però quando subito mi ributto a leggere il Tetrabiblos di Tolomeo e quel DANTE che fu molto studiato anche da Sandro Botticelli arrivando perfino a dipingerne qualcosa, mi ritorna forte di nuovo alla mente che lo stesso Tolomeo ci fa sapere che questa VENERE, tutta UMIDA e CALDA (iuxta sententiam Phtolomaei - Tetrabiblos, II, III, 36 - 38) un tempo veniva "INVOCATA", in alcune regioni della terra come Madre degli Dei. Ma se Madre degli Dei, allora servirà anche a farci andare in PARADISO. Ed infatti proprio così la pensava Dante anche quando scricve: "Voi che 'ntendendo il terzo ciel movete" (Convivio, Canzone prima): il terzo cielo essendo, apputo, quello di VENERE. Poi questa stessa virtus di VENERE in Dante serve anche a giustificare l'elaborazione di quella SCIENZA, ad oc per noi, che è presente nel nono Cielo cristallino, acqueo e di Maria e che si chiama MORALE FILOSOFIA pitagorico-cristiana. Fu infatti questa superiore scienza pitagorico-cristiana, che per Dante serve a compiere cose "meravigliose" e perfino a fare i "miracoli" (Convivio, II, XV, 11 - 12) e che lo stesso Dante simboleggia nella "gentile donna giovane e bella molto" (Vita Nuova, ###V, 2), a condurlo infine alla salvezza. ORBENE, se così!, è allora ipotizzabile che il BOTTICELLI, nel pensare a quale SGUARDO fare avere alla sua VENERE, abbia immaginato che dovesse assumere quello che già aveva avuto questa famosa "gentile donna giovane e bella monto"nel mentre riguardava Dante per stimolarlo a diventare un Dio. Scrive DANTE: "levai li occhi per vedere se altri mi vedesse. Allora vidi una gentile donna giovane e bella molto, la quale da una finestra (quella che dal nono Cielo cristallino si apre sul mondo sottostante) mi RIGUARDAVA SI' PIETOSAMENTE, CHE TUTTA LA PIETA' PAREA IN LEI ACCOLTA" (Vita Nuova, ###V, 2 - Convivio, II, II, 1). Può essere allora che lo sguardo della Venere del Botticelli, oltre ad essere uno sguardo "placido e trasognato", come è stato scritto, possa essere anche così pietoso per noi uomini da parere che tutta la pietà esistente nel cosmo sia in questo stesso sguardo accolta...??? Io ritengo di sì...!!! Riguardate gli occhi della Venere del Botticelli e giudicate. E saremo qui di fronte ad un'altra prova del rapporto fra il BOTTICELLI e DANTE. Un po’ di DANTE omogeneo a quello che è stato detto su VENERE…??? Eccolo…!!! Su internet vedi: "SU DANTE e DINTORNI" in omaggio a quella CULTURA che vuole essere autentica. Intervista TV di Umberto Cecchi a Giovangualberto Ceri su Canale 10, ESPOSTA IN TRE PARTI che andranno ricercate (YOUTUBE su Google. Sono TRE PARTI staccate. Copia e incolla LINKEM su Internet): http://www.youtube.com/watch?v=wV4vEG15yjA.