Mu De To - Museo del Design Toscano

Mu De To - Museo del Design Toscano Mu De To - Museo del Design Toscano LUIGI TRENTI
(5)

Fin da prima dalla fondazione di ADI Toscana – avvenuta il 13 ottobre 2006 – si era avvertita la necessità, implicitamente contemplata anche negli intenti dell’associazione stessa, di valorizzare efficacemente la qualità espressa da progettisti ed aziende del nostro territorio. Paolo Parigi – cui non a caso è stata dedicata la demo di apertura – già ai tempi di AD Toscana sognava con gli altri soc

i di organizzare una mostra del Design Toscano al Forte Belvedere. Da presidente di ADI Toscana ho provato insistentemente a realizzare un innovativo volume cartaceo del Codex, basato sul censimento delle eccellenze del territorio che poteva essere un utile strumento di promozione della qualità espressa dalla Regione Toscana anche all’estero e in seguito anche un progetto di esposizione permanente del Design Toscano, cui avevamo ipotizzato di dare sede presso il Museo Pecci di Prato, in quel momento in fase di ampliamento. Progetti ambiziosi che – vuoi per il momento non felice, vuoi per la difficoltà che queste iniziative incontrano nel conciliarsi con esigenze, requisiti e tempi imposti dalle varie istituzioni pubbliche chiamate a partecipare come partner e sponsor – non furono purtroppo mai realizzati. La delusione di allora non ha però spento l’intento positivo e realizzato che ormai questa è l’epoca che segna il declino progressivo della carta stampata a favore di e-book consultabili su tablet, dell’irrefrenabile conversione al digitale di un po’ tutte le pratiche quotidiane, del successo indiscutibile del fenomeno dei social networks, una sera, scambiando e-mail con alcuni colleghi, lanciai questa proposta: facciamo il Museo del Design Toscano online! Proposta immediatamente accolta e sostenuta con entusiasmo sia da Gianfranco Gualtierotti, designer di lunga esperienza e gloriosa carriera – e anche lui, come me, già coordinatore dell’Osservatorio Territoriale per il Design –, sia da Umberto Rovelli, cioè colui che amo definire lo «storico», profondo conoscitore della nostra realtà, da anni narratore del Design Toscano attraverso innumerevoli interviste ai vari protagonisti oltre che webmaster del sito di ADI Toscana. Tornando ai contenuti, sappiamo tutti che esiste un divario notevole fra ciò che viene comunemente conosciuto attraverso i cosiddetti libri antologici, le riviste, le fiere di settore e il web e ciò che in realtà è stato espresso negli anni in modo più o meno occulto dai vari protagonisti, contributi ed esperienze che magari capita di scoprire con stupore di volta in volta nel corso della nostra attività. Era quindi troppo il desiderio di provare a raccontare meglio queste cose, di far conoscere una nuova e più approfondita panoramica del mondo del Design Toscano e solo un sito web, cioè uno spazio virtualmente senza limiti, poteva permetterci questa operazione. L’intento è quindi quello di pubblicare un database capillare dei prodotti eccellenti nei vari settori e come un progetto «open source», mantenerlo in permanente aggiornamento ed evoluzione grazie al contributo di tutti gli associati ed esperti dei vari settori che saranno coinvolti nel Comitato Culturale. Ritengo sia un concetto di struttura museale innovativo, che consente di comunicare molte informazioni relative a progetti e prodotti, designer, aziende produttrici, in modo più diretto, approfondito e moderno con tra l’altro, impatto zero e un abbattimento di costi notevole. Questa esposizione permanente virtuale non esclude comunque il coinvolgimento di strutture espositive «classiche»: qualora riuscissimo a reperire fondi pubblici o privati da istituzioni o sponsor, sarebbe possibile, facendo riferimento al nostro database, organizzare in quegli spazi e coinvolgendo autori e produttori, mostre «reali» legate a determinati temi tipologici. Sono convinto che questo «format» potrà essere replicato anche in altre regioni d'Italia, al fine di creare un vero e proprio network museale, espressione più oggettiva delle varie eccellenze creative e produttive nazionali, attualmente rappresentato in modo diverso all'interno di strutture classiche o musei storici aziendali. Per realizzare tutto ciò con la dovuta qualità è però adesso necessaria la collaborazione e partecipazione di noi tutti appassionati di design. MuDeTo – questo l'acronimo individuato dai soci fondatori per il costituendo Museo del Design Toscano – è infatti strutturato come associazione culturale e si avvierà solo se riusciremo a coprire tutte le spese iniziali di produzione e gestione attraverso le quote di adesione. Ritengo, forse un po' immodestamente, che fin qui si sia lavorato bene – anche per quelli che, come molti sanno, sono gli elevatissimi standard di progetto e prodotto in Toscana. Credo pertanto che, in queste poche pagine, il valore della proposta sia sobriamente esposto e reso accattivante con senso della misura e della proporzione – non a caso cifre di lettura tra le più condivise per designare il design territoriale nel suo complesso. Ma senza l'aiuto di tutti coloro ai quali sta a cuore il prestigio e la riconoscibilità di una storia che non ha eguali – e a fronte di un presente assai più incerto – anche questo tentativo non lascerà alcuna traccia. A loro dunque va il nostro appello per un riscontro che sia forte e chiaro e ci faccia ancora sperare che è di nuovo possibile lavorare insieme nel nome del futuro del design di questa Regione.

19/09/2023

Mancano pochissimi giorni al ritorno della Mostra dell’Ingegno, giunta quest’anno alla sua VIII edizione!

👉 Dal 28 settembre al 4 ottobre, all’Antico Palazzo dei Vescovi (Piazza del Duomo, Pistoia) per gentile concessione di Pistoia Musei, sarà possibile ammirare una rassegna unica di opere di design, frutto dei migliori brevetti e delle idee innovative delle aziende di Prato, Pistoia e Lucca.

💡 La Mostra dell’Ingegno è un progetto creato dai Giovani Imprenditori di Confindustria Toscana Nord e dall’Associazione dell'Ingegno dei Pistoiesi, con la collaborazione di Mu De To - Museo del Design Toscano ed il contributo della Fondazione Caript

🧠 Il suo obiettivo è mettere in mostra i saperi più alti dei nostri territori, grazie alle esperienze di successo che hanno coniugato estro, etica e risultati di natura economica con qualità, sviluppo e innovazione.

🎟️ Ingresso libero 🎟️

Finalmente anche i gumdesign !
28/08/2023

Finalmente anche i gumdesign !

n° 035/999
CALICI CARATTERIALI

Prod. Colle Vilca, Colle Val D’Elsa (SI)
Design Gumdesign, Viareggio (LU)
2011

A collection of goblets that connects to the theme of "personality" through conceptual and formal reinterpretation; functional objects that require direct contact, proximity and complicity to trigger induced social processes. In this logic small transformations lead the object from a simple tasting glass into a communicative object, small inventions to suggest new uses and new product types. 7 character lines are born, and human characteristics immediately spill over into the goblet: "the altruista" is characterized by the modification of the upper rim of the goblet, which turns into a spout; it is predisposed to share the wine with the person sitting next to you without the risk of spilling it on the table; "the ambiguo" does not decide on the shape, it moves and deforms generating a decorative motif but not functional to the product; it denies its essence in a declared way and does not take sides; "the conservatore" is an attentive goblet, capable of paying attention to the wine even when it is leftover; a cork allows preservation even for the next day; "the estroverso" is the well-known Swing goblet that for this occasion is presented with its character trait, that is, to be capable of seeking strong contact, involving the consumer; "the introverso," on the other hand, presents itself as a simple goblet born, however, with the combination of the half-liter carafe; a glass and its carafe, a relationship of two, unique and capable of providing a single product united by function and their interpenetration. It fits perfectly into the carafe, upside down, and once at the table allows it to be filled for personal use; "the passionale" is composed of two goblets that present the cup tilted, directed toward each other in a sentimental and friendly relationship; ready already for the toast, open to knowledge and sharing; "the rilassato" is a relaxed goblet, willing to please the taster in a peaceful atmosphere; the cup tilts slightly, perfectly decants the wine and stretches toward the mouth. The Calici Caratteriali have been acquired in permanent collections of various museums such as: the Vineum Bodensee Museum in Meersburg, the Glass Museum in Shanghai, MoMa in San Francisco, the Design Museum of the Milan Triennale, and the Magma Museum in Caserta.



Mu De To - Museo del Design Toscano
ColleVilca, Maestri del Cristallo dal 1960
gum_laura

08/07/2023

2013-2023

DIECI ANNI DI MuDeTo

Nell’ambito di un acceso dibattito che si era generato in seno ad ADI Toscana, delegazione di cui sono stato fondatore e presidente dal 2006 al 2010, relativamente al suo ruolo di riferimento per il design regionale, il 15 ottobre del 2012, inviai al consiglio della delegazione territoriale una email con la proposta per realizzare ONLINE una collezione permanente del design toscano.
Nell’era post-Covid, dove tutto si è digitalizzato può sembrare ormai normale, ma dieci anni fa, in tempi non sospetti, si trattava di una soluzione nuova e originale.
Il consiglio di ADI Toscana non dette però ascolto alla mia proposta che per un po’ rimase in standby; fu quindi il collega Gianfranco Gualtierotti a insistere perché la portassimo avanti, anche autonomamente e così dopo alcuni mesi, coinvolto anche Umberto Rovelli, webmaster, giornalista, storico oltre che profondo conoscitore del design toscano, l’8 luglio del 2013 veniva fondato, come associazione culturale, il Museo del Design Toscano, MuDeTo, adesso MuDeTo APS.
In questi dieci anni di attività di volontariato votata alla valorizzazione del design toscano, abbiamo fatto scoperte entusiasmanti, concentrandoci spesso sulla zona nascosta dell’iceberg del design, ingiustamente ignorata in buona o cattiva fede dai canali classici della comunicazione, raccolto nel piano dell’opera in continua evoluzione centinaia di prodotti meritevoli, di cui 50 già dettagliatamente descritti e acquisiti virtualmente nel nostro portale e altri 30 comunicati attraverso il nuovo format APRI (Atlante del Progetto Industriale) Toscana.
Il nostro portale e tutti i suoi contenuti hanno accesso libero e anche per questo motivo è nato il claim “La storia del design a portata di smartphone”.
Al di fuori della rete, nel mondo reale abbiamo inoltre organizzato 6 conferenze in Palazzina Reale, 4 mostre grazie alle quali abbiamo potuto rilanciare designer e prodotti, partecipato con successo alle ultime due edizioni della Florence Biennale, pubblicato 3 cataloghi e 5 annuari che vengono presentati in eventi dedicati e da quest’anno omaggiati agli associati, ottenuto il patrocinio di Ordine e Fondazione degli Architetti Firenze e Regione Toscana.
La costante attività di monitoraggio della produzione industriale sul territorio mi ha inoltre permesso di coinvolgere e avvicinare realtà produttive locali associate al museo e non, creando soprattutto sinergie con l’ISIA di Firenze, storico istituto di rilevantissima importanza per la formazione al design, a sua volta nominato, per evidenti meriti sul campo, Membro Onorario del MuDeTo.
Desidero qui ringraziare tutti coloro che hanno contribuito a raggiungere questo importante traguardo, partecipando con passione ai lavori del nostro Consiglio Direttivo e del Comitato Scientifico, tutti gli associati e tutti coloro che ci seguono nelle nostre attività online e non, e sui nostri profili social.

14/05/2023

Aveva 96 anni. Ha ideato la celebre «Gto» e lavorato all'altrettanto celebre «Testa Rossa». Fu tra i «ribelli» che nel 1961 tentarono di spodestare Enzo Ferrar…

13/11/2022

Villa Argentina Viareggio ospiterà domani – venerdì 18 novembre – alle 15.00 la presentazione del V volume MuDeTo, la prestigiosa pubblicazione del Mu De To - Museo del Design Toscano (che ha sede a Firenze) nel corso di un incontro organizzato in collaborazione con la Provincia di Lucca .

La presentazione prevede i saluti iniziali del presidente della Provincia Luca Menesini e del presidente del MuDeTo Luigi Trenti; in seguito un dialogo tra MuDeTo e il territorio grazie alla presenza di relatori esperti della cultura del design tra cui Maria Cristina Tonelli e Roberto Maccioni (Mac Design), Gianfranco Gualtierotti (vicepresidente MuDeTo), Gabriele Pardi e Laura Fiaschi (Studio Gumdesign) e degli imprenditori-designer conosciuti internazionalmente come Emiliana Martinelli e Giuliano Mazzuoli.

Il Museo del Design Toscano - MuDeTo APS, nato nel 2013, è un progetto editoriale web, diretta emanazione dell’omonima associazione no-profit riservato ai prodotti progettati, prodotti e custoditi in Toscana. MuDeTo è uno dei pochi musei ad adottare questa formula di comunicazione e archivio digitale che prevede ogni anno l’acquisizione di almeno 6 oggetti di pregio appartenenti ai più diversi ambiti industriali: dall’arredamento alle strumentazioni tecniche, dagli accessori moda al food design; realizzando e rendendo disponibili online schede tecnico-critiche dedicate (oltre che ai prodotti stessi) anche agli autori e produttori coinvolti. Il tutto totalmente accessibile online tramite smartphone, tablet o computer

L’ingresso è libero fino al raggiungimento della capienza massima della sala. L’accesso alla Villa è consentito nel rispetto delle vigenti normative in materia di contrasto alla diffusione del Covid-19.
Per informazioni si può telefonare dal martedì al sabato (9:30-13:30) e il mercoledì e venerdì anche dalle 14:30 alle 18:30, al numero 0584-1647600.

📌qui il comunicato stampa completo 👉👉 https://urly.it/3q-n5

V Volume MuDeTo Collection.............
30/03/2022

V Volume MuDeTo Collection.............

Presentazione V Volume MuDeTo Collection! -------------------------------------------------------------------------     ...
30/03/2022

Presentazione V Volume MuDeTo Collection!
-------------------------------------------------------------------------

12/03/2022

ICONE del design toscano che scatenano...la passione!

(Tutti pazzi per amore. Stagione 2 Episodio 1 / Rai 1, marzo 2010.) ..

02/03/2022

Il MuDeTo, associazione culturale e museo digitale in rete che si propone di tramandare e raccontare la storia e l’attualità creativa e produttiva toscana, ha recentemente nominato ISIA Firenze membro onorario.

01/11/2021

"Eccellenza di serie / Serial excellence", è la mostra che presenterà MuDeTo in occasione della XIII Florence Biennale.

01/11/2021

Design e l'arte di 465 artisti e espositori. Presentata una supercar in anteprima mondiale

01/11/2021

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a «Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure! 45 SHARES Share on Facebook Tweet Follow us Share Share Share Share Share

01/11/2021

K-ARRAY tra le eccellenze alla XIII Florence Biennale Art+Design, dal 23 al 31 ottobre 2021 presso della Fortezza da Basso di Firenze

01/11/2021

L'ultima creazione della Mazzanti è la Evantra Pura: più leggera rispetto alle sorelle, sarà realizzata in soli cinque esemplari.

01/11/2021

Innovazione tecnologica, Primo piano . FIRENZE - Presentata la Mazzanti Evantra Pura è l’ultima variante della supercar toscana, nel corso della XIII Florence Biennale Art+Design 2021, che si

01/11/2021

Dalla presenza della ribelle Vivienne Westwood, alle mostre e performance di Michelangelo Pistoletto e Oliviero Toscani, fino alla presenza di una super car che difficilmente vedrete altrove, ecco perché non potete perdere la Florence Biennale 2021

01/11/2021

Mazzanti Automobili sarà XIII Florence Biennale Art+Design 2021. Per l'occasione si svolgerà la presentazione mondiale della nuova Evantra Pura.

01/11/2021

Motore V8 6.2 da litri, 761 Cv, coppia massima 970 Nm, oltre 360 km/h: la pura essenza della guida (ANSA)

01/11/2021

Mazzanti Evantra Pura, la supercar toscana alla Biennale di Firenze. Peso di 1.280 kg, potenza di 716 cavalli: solo 5 esemplari l'anno, personalizzati.

Benvenuti!ISIA FirenzePrimo Membro Onorario MuDeTo
29/10/2021

Benvenuti!

ISIA Firenze
Primo Membro Onorario MuDeTo

26/10/2021

Via aspettiamo!

20/10/2021

SAVE THE DATE Eccellenza di Serie / Serial Excellence XIII Florence Biennale Art+Design 👉 Firenze 23-31 ottobre 2021 Padiglione Spadolini, Fortezza da...

Nel mirino di MuDeTo: La trilogia “toscana” del Misirizzi.Mario Latilla, padre dell’ancor più famoso Gino che vinse Sanr...
12/04/2021

Nel mirino di MuDeTo:
La trilogia “toscana” del Misirizzi.

Mario Latilla, padre dell’ancor più famoso Gino che vinse Sanremo nel 1954, fu autore di centinaia di brani popolari, fra i quali uno che a noi toscani suona molto divertente nel ritornello: “Evviva la Torre di Pisa che pende che pende e mai viene giù”.
E’ forse quindi il famoso campanile a rappresentare l’archetipo più autorevole di manufatto artistico che scatena curiosità per via della sua incerta stabilità?
Storicamente infatti i “Misirizzi” fanno la loro apparizione a partire dal XVII secolo e in Italia è l’Ercolino sempre in piedi della Galbani, negli anni ’60, a decretarne il rilancio in epoca moderna.

Proprio al nome di quel pupazzo forse si ispira Ercolina, insolita chaise-longue disegnata nel 2006 da Paolo Grasselli per BRF (ora Casprini) con l’idea di avere un oggetto che si anima e cambia al momento del suo uso, svelando la propria natura e funzione quando si relaziona con l’utente.
Nella sua posizione verticale sembra un nastro dalle linee sinuose, una scultura, mentre nella sua posizione orizzontale rivela la sua funzione di chaise-longue.

Con Swing, il primo bicchiere a dondolo, realizzato da Gumdesign nel 2011 per Vilca, si trasforma l’atto professionale della rotazione del bicchiere in un momento ludico e coinvolgente.
Questo vezzo plastico, quasi iconografico, di roteare il bicchiere di vino è entrato nella mente di tutti i wine lovers e infatti l’idea nasce dall’osservazione di chi utilizza professionalmente i calici da degustazione.
Il piede modificato del calice impone un movimento oscillatorio e durante pranzi o cene sarà sufficiente appoggiare un dito per riproporre il divertente movimento.

La trilogia si completa nel 2021 con Holder, disegnato da Giulio Iacchetti come overcap da mo***re sul tappo dell’iconico tubetto di dentifricio Marvis; un oggetto giocoso e colorato in grado di allargare la base di appoggio del tubetto così da renderlo self standing.
La consolle del bagno si arricchirà così di uno svettante tubetto di dentifricio sempre pronto all’uso, immediatamente identificabile, in grado di presentare in modo inedito e sbarazzino il più celebre dentifricio sul mercato, anch’esso Made inTuscany.

Fieri di avere come follower la Triennale di Milano.
02/02/2021

Fieri di avere come follower la Triennale di Milano.

Ulteriori informazioni sulla TuTa ...
26/06/2020

Ulteriori informazioni sulla TuTa ...

Ieri a Firenze...
14/12/2019

Ieri a Firenze...

Giovanni Klaus Koenig, architetto geniale e intellettuale a tutto tondo, «ci ha lasciato la testimonianza di una vita intensa e impegnata, all’insegna di quella passione che gli ispiravano i temi con i quali s’è misurato per quasi mezzo secolo, nell’intento di assicurare agli uomini – entr...

12/11/2019
MuDeTo

E non ci si poteva far mancare l’intervista a Luigi Trenti Presidente di Mu De To - Museo del Design Toscano In Florence Biennale.
Riprese e regia di Andrea Torelli.

Bene, bene, bene!

Il Museo del Design Toscano passa da una dimensione virtuale, esclusivamente online, a una mostra fisicamente visitabile.

05/11/2019

MuDeTo alla XII Florence Biennale 2019 - Padiglione Design

Indirizzo

Museo Virtuale, Solo Online
Florence

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando Mu De To - Museo del Design Toscano pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta Il Museo

Invia un messaggio a Mu De To - Museo del Design Toscano:

Video

Condividi

Digitare


Altro Musei Florence

Vedi Tutte

Commenti

Il 31 ottobre si è conclusa alla Fortezza da Basso la XIII edizione di Florence Biennale, K-array è stata presente con Anakonda-KAN200 presso l'esposizione "Eccellenza di serie" dell'associazione Mu De To - Museo del Design Toscano.

Scopri di più sul sito mudeto.it il mondo del design industriale toscano.

ISIA Firenze diventa membro onorario di Mu De To - Museo del Design Toscano : progetto museale web dell'omonima associazione no-profit che raccoglie prodotti disegnati e realizzati in Toscana.

La presentazione si terrà giovedì 28 ottobre alle 18.30, alla Fortezza da Basso (Padiglione Spadolini, area Teatro), in occasione della Florence Biennale. Per l'occasione interverranno: Jacopo Celona, Direttore Florence Biennale; Luigi Trenti e Umberto Rovelli, rispettivamente Presidente e Direttore del MuDeTo, e Francesco Fumelli, Direttore ISIA Firenze.

Fino al 31 ottobre, inoltre, al Padiglione Spadolini sarà possibile visitare l'esposizione "Eccellenza di serie / Serial excellence" ideata e organizzata dall’associazione MuDeTo APS, dedicata a un ensemble selezionato di prodotti, autori e aziende che hanno operato efficacemente in passato e che, col loro esempio, hanno ispirato, promosso e reso possibile quella continuità di livello qualitativo tuttora rilevabile nel panorama produttivo regionale.
K-array will feature at the Spadolini pavilion at Fortezza da Basso on the occasion of the XIII Florence Biennale.

The Mu De To - Museo del Design Toscano association organizes the exhibition "Serial Excellence" hosting excellences of Tuscan design including Anakonda-KAN200, K-array's flexible speaker.

The exhibition is open from 23 to 31 October.

---

K-array sarà presente presso il padiglione Spadolini alla Fortezza da Basso in occasione della XIII Florence Biennale.

L'associazione Mu De To - Museo del Design Toscano organizza l'esposizione "Eccellenza di serie" ospitando eccellenze del design toscano tra cui Anakonda-KAN200, speaker flessibile di K-array.

Visitabile dal 23 al 31 ottobre.

🔴 Nasce il MUDEMA, Museo del Design delle Marche 🔴

Dopo il Mudefri - Museo del design del Friuli Venezia Giulia e il Mu De To - Museo del Design Toscano nasce anche nella Regione Marche uno spazio virtuale, fortemente ancorato alla realtà e alla cultura del design della nostra regione.

📆 Il 10 settembre nell'Auditorium della Poliarte Accademia di Belle Arti Design di Ancona è stato inaugurato il progetto marchigiano, alla presenza di delegati di tutte le Università, le Accademie e istituzioni scolastiche e delle Associazioni professionali delle Marche.

Per maggiori info sul progetto ⬇⬇⬇
Il Mu De To - Museo del Design Toscano è il primo portale che raccoglie in una logica museale interattiva una selezione di progetti e prodotti di design realizzati in Toscana.
Anche K-Array partecipa al progetto con il proprio diffusore acustico modulare .

https://www.area-arch.it/un-anakonda-al-mudeto-museo-del-design-toscano/
Luigi Trenti | Designer

Luigi Trenti graduated in industrial design at the Faculty of Architecture and has been working in product design since 1992 in various sectors, ranging from lighting, furniture, taps and fittings and household items, to luxury instruments and accessories. His products have won numerous design awards and, in some cases, have proved to be true trendsetters.⠀
⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀
He founded the Tuscan delegation of ADI and the Territorial Observatory for Design, and most recently he conceived and founded Mu De To - Museo del Design Toscano, the first online design museum, of which he is currently president. At this time he became aware of K-array and identified K-array’s co-founder Alessandro Tatini as a Tuscan designer who has changed the face of pro audio with his design of the flexible, two-meter speaker, the Anakonda KAN200, making it the 25th product to be hand selected into the museum.
⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀
“I founded the Mu De To - Museo del Design Toscano with the aim of promoting Tuscan products and highlighting the excellence of the territory. When we discover manufacturers and make them known to the entire world of design, we achieve maximum satisfaction and the project is enriched with new and original content. K-array represents a reality of absolute excellence and the revolutionary Anakonda fully deserves its presence in our permanent collection.”

https://www.k-array.com
⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀
Tutti a casa e noi vi portiamo a visitare un museo senza farvi alzare dal divano! 🛋

Il Mu De To - Museo del Design Toscano è il primo museo di design al mondo esclusivamente digitale. Scopritelo qui 👇🏻
Time to read another page in K-array's history book! In 2014, we launched our most unique product to date: the Anakonda-KAN200. Designed for situations where a traditional speaker box aren't permitted but where good intelligibility and ultra-reliability are required, the Anakonda boasts a snake-like form easy integration and plug and play capabilities that render a simple and quick installation. The Anakonda is K-array's only patented product and has received many accolades such as being inducted into the Mu De To - Museo del Design Toscano and been awarded with Most Innovative Loudspeaker at the InAVation Awards 2014 and the Best of Show at InfoComm 2014.

The Event-KREV80 is a system solution that benefits from the Anakonda's flexibility and bendabilty as its comprised of four Anakonda-KAN200+ loudspeakers designed to wrap and shape around the any layout. To drive the passive speakers, the set includes a Thunder-KMT12 powered subwoofer which features a high performance-to-size ratio that enables it to integrate seamlessly. Discover more about the modular line here >>> https://www.k-array.com/en/products/line/event-line/

📌Fino al 27 ottobre, a Florence Biennale sarà in esposizione il nostro , un must di casa Bardi degli anni Settanta, ideato da Carlo Bimbi e Nilo Gioacchini!

🛋 Vieni a scoprirlo insieme alle altre creazioni iconiche del Mu De To - Museo del Design Toscano. Ti aspettiamo❗️

📌Bardi vi aspetta a Florence Biennale 2019

✅Il nostro , l’iconico divano che negli anni ’70 ha ripensato il modo di vivere il living, sarà in mostra nell'ambito del Mu De To - Museo del Design Toscano, tra le creazioni che hanno contribuito a rendere grande la tradizione artigianale toscana.

📅18-27 ottobre
🏰Fortezza da Basso - Firenze

📌Bardi vi aspetta a Florence Biennale 2019

✅Il nostro , l’iconico divano che negli anni ’70 ha ripensato il modo di vivere il living, sarà in mostra nell'ambito del Mu De To - Museo del Design Toscano, tra le creazioni che hanno contribuito a rendere grande la tradizione artigianale toscana.

📅18-27 ottobre
🏰Fortezza da Basso - Firenze