Biblioteca Medicea Laurenziana Firenze

Biblioteca Medicea Laurenziana Firenze Benvenuti sulla pagina ufficiale facebook della Biblioteca Medicea Laurenziana. Progettata da Michelangelo e aperta al pubblico l’11 giugno 1571, conserva 11.000 manoscritti greci, latini, orientali e 2500 papiri greci.

Normali funzionamento

Lunedì 21 giugno si inaugura la Mostra:         "A MON POVOIR. La biblioteca di Francesco Sassetti, banchiere fiorentino...
17/06/2021

Lunedì 21 giugno si inaugura la Mostra:
"A MON POVOIR. La biblioteca di Francesco Sassetti, banchiere fiorentino".
La Mostra rimarrà aperta fino al 6 agosto 2021.

Visite accompagnate e biglietti prenotabili sul sito : https://www.vivaticket.com/it/biglietto/a-mon-povoir/158585

Lunedì 21 giugno si inaugura la Mostra:
"A MON POVOIR. La biblioteca di Francesco Sassetti, banchiere fiorentino".
La Mostra rimarrà aperta fino al 6 agosto 2021.

Visite accompagnate e biglietti prenotabili sul sito : https://www.vivaticket.com/it/biglietto/a-mon-povoir/158585

02/04/2021
05/03/2021

Si comunica che Martedì 9 marzo 2021 i servizi di consultazione sono sospesi dalle ore 9:00 alle alle ore 10:30 per Assemblea del Personale. Ci scusiamo per il disagio.

29/12/2020
Da tutto il Personale:
18/12/2020

Da tutto il Personale:

11/12/2020
www.bmlonline.it

Aggiornamento Sala Studio:
Da lunedì 14 dicembre 2020 la Sala Studio della Biblioteca sarà aperta con orario antimeridiano dalle 9.30 alle 13.30 dal lunedì al venerdì; Esclusivamente su prenotazione.
Leggi il Documento:https://www.bmlonline.it/documenti_pdf/COVID_sala_studio.pdf

Timidi segnali Natalizi dalla Biblioteca Medicea Laurenziana
04/12/2020

Timidi segnali Natalizi dalla Biblioteca Medicea Laurenziana

Michelangelo Buonarroti
30/11/2020

Michelangelo Buonarroti

“Non si vidde mai grazia più risoluta nel tutto e nelle parti, come nelle mensole, né tabernacoli e nelle cornici, né scala più comoda: nella quale fece tanto bizzarre rotture di scaglioni e variò tanto dalla comune usanza degli altri, che ognuno se ne stupì”. Così scrisse il Vasari in merito alla scala della Biblioteca Medicea Laurenziana... segue qua https://michelangelobuonarrotietornato.com/2018/08/07/la-scalinata-con-le-bizzarre-rotture/

"Cartoline" dalla Biblioteca Medicea Laurenziana
20/11/2020

"Cartoline" dalla Biblioteca Medicea Laurenziana

Opera d'Arte Firenze
18/11/2020

Opera d'Arte Firenze

•𝐁 𝐜𝐨𝐦𝐞... 𝐁𝐢𝐛𝐥𝐢𝐨𝐭𝐞𝐜𝐚!•

Ⓖⓘⓞⓒⓐ ⓒⓞⓝ ⓛ'ⓐⓡⓣⓔ ⓔ ⓟⓐⓡⓣⓔⓒⓘⓟⓐ ⓐⓛⓛⓐ ⓝⓞⓢⓣⓡⓐ ⓒⓐⓒⓒⓘⓐ ⓐⓛ ⓣⓔⓢⓞⓡⓞ!

❓Come fare❓

Dopo aver scelto la tua lettera preferita, scarica la cartolina completa di fronte/retro: a ciascuna corrisponde un codice, che identifica il manoscritto da cui è stata “presa” la tua lettera!

🕵🏻‍♀️🕵🏼Per trovarlo, dovrai mettere in campo le tue doti di investigatore seguendo le indicazioni presenti nel sito della Biblioteca Medicea Laurenziana Firenze 👉🏻 https://bit.ly/2Uyak5a;

📸Ricordati di fare una foto alla tua “opera d’arte” e inviarla a [email protected] per vederla pubblicata nei nostri canali social e partecipare alla mostra virtuale finale.

➡️Seguici per rimanere aggiornato⬅️

#operadartefirenze #alfabetoacolori

Michelangelo Buonarroti
14/11/2020

Michelangelo Buonarroti

La sala di lettura della Biblioteca Medicea Laurenziana. Mi compiaccio di questo grandioso progetto
.
.
#Michelangelobuonarrotietornato #Michelangelo #Michelangelobuonarroti #artblogger #storytelling #madeinitaly #beauty #Firenze #Florence #antoniettabandelloni #beauty #iorestoacasa

04/11/2020

Si comunica che secondo quanto previsto dal nuovo DPCM del 3 novembre 2020 la Biblioteca rimarrà Chiusa al Pubblico. Grazie

03/11/2020

Si comunica che dal 3 novembre per circa un mese l’attività dell’ufficio riproduzioni sarà sospesa per momentanea mancanza di personale. La ripresa dell’attività è prevista per gli inizi di dicembre. Grazie

Opera d'Arte Firenze
30/10/2020

Opera d'Arte Firenze

🙏🏻 2500 volte grazie a tutti coloro che hanno visitato la mostra 𝐒𝐠𝐮𝐚𝐫𝐝𝐢 𝐆𝐥𝐨𝐛𝐚𝐥𝐢 in questo difficile periodo storico che riguarda tutti noi.

Grazie a tutti coloro che hanno reso possibile la riapertura della 𝐁𝐢𝐛𝐥𝐢𝐨𝐭𝐞𝐜𝐚 𝐌𝐞𝐝𝐢𝐜𝐞𝐚 𝐋𝐚𝐮𝐫𝐞𝐧𝐳𝐢𝐚𝐧𝐚 dopo il #lockdown, la Dott.ssa Anna Rita Fantoni, Direttrice della Biblioteca, tutto il personale e la casa editrice Mandragora per la realizzazione del catalogo che trovate in vendita al bookshop dell’Opera del Duomo.

‼️Continuate a seguirci per scoprire tutte le novità in arrivo‼️

#operadartefirenze #bmlfirenze

Visite speciali al Complesso di San Lorenzo. E se fosse l’arte a salvare il vostro venerdì sera? | Lungarno
29/10/2020
Visite speciali al Complesso di San Lorenzo. E se fosse l’arte a salvare il vostro venerdì sera? | Lungarno

Visite speciali al Complesso di San Lorenzo. E se fosse l’arte a salvare il vostro venerdì sera? | Lungarno

di Niccolò Protti A ridosso di un Halloween che – a causa di forza maggiore – non verrà festeggiato, l’Opera Medicea Laurenziana organizza per venerdì 30 ottobre delle Visite Speciali in orario aperitivo/cena per ammirare il Complesso di San Lorenzo.  Il percorso, che verrà effettua...

Opera d'Arte Firenze
29/10/2020

Opera d'Arte Firenze

🗺 Rimarranno esposte ancora per pochi giorni le 32 carte geografiche e vedute manoscritte acquistate da Cosimo III de’ Medici durante i suoi viaggi in Europa tra il 1667 ed il 1669.

La mostra 𝐒𝐠𝐮𝐚𝐫𝐝𝐢 𝐆𝐥𝐨𝐛𝐚𝐥𝐢 ospitata dalla 𝐁𝐢𝐛𝐥𝐢𝐨𝐭𝐞𝐜𝐚 𝐌𝐞𝐝𝐢𝐜𝐞𝐚 𝐋𝐚𝐮𝐫𝐞𝐧𝐳𝐢𝐚𝐧𝐚 rimarrà aperta al pubblico fino al 30 ottobre.

‼️Affrettatevi‼️

•L’accesso alla mostra è incluso nel percorso di visite accompagnate alla #BML a cura di 𝐎𝐩𝐞𝐫𝐚 𝐝’𝐀𝐫𝐭𝐞 𝐅𝐢𝐫𝐞𝐧𝐳𝐞•

🗓 Lunedì - Venerdì
🕙 10:00/11:00/12:00
🎟 Acquisto online su www.vivaticket.com o alla biglietteria nel Chiostro (p.zza San Lorenzo,9).
ℹ️ [email protected]

27/10/2020

Dal 2 al 19 novembre il settore monumentale è chiuso per lavori di manutenzione e di preparazione di una nuova mostra.

Opera Medicea Laurenziana
23/10/2020

Opera Medicea Laurenziana

#BuoneNotizie
Abbiamo riaperto l'#Archivio Capitolare alla consultazione!
I giorni di apertura sono il lunedì, martedì e mercoledì dalle 9,30 alle 10,30 su appuntamento. L'indirizzo mail a cui inviare la richiesta è [email protected].

poi se avete voglia di una visita guidata venite il 30 ottobre!
per info e prenotazioni [email protected]. org

Opera d'Arte Firenze
22/10/2020

Opera d'Arte Firenze

❓Quanto ne sapete sulla 𝐁𝐢𝐛𝐥𝐢𝐨𝐭𝐞𝐜𝐚 𝐌𝐞𝐝𝐢𝐜𝐞𝐚 𝐋𝐚𝐮𝐫𝐞𝐧𝐳𝐢𝐚𝐧𝐚❓

Scoprite le storie e curiosità con le visite accompagnate a cura di 𝐎𝐩𝐞𝐫𝐚 𝐝’𝐀𝐫𝐭𝐞 𝐅𝐢𝐫𝐞𝐧𝐳𝐞.

Dopo l’introduzione sugli ambienti monumentali progettati da Michelangelo (vestibolo e salone), la visita prosegue negli ambienti che ospitano la mostra 𝑺𝒈𝒖𝒂𝒓𝒅𝒊 𝑮𝒍𝒐𝒃𝒂𝒍𝒊, dedicata alle carte geografiche e alle vedute manoscritte acquistate da Cosimo III de’ Medici durante i suoi viaggi in Europa tra il 1667 ed il 1669.

Lunedì - Venerdì
🕙 10:00/11:00/12:00
🎟 Acquisto online su www.vivaticket.com o alla biglietteria nel Chiostro (p.zza San Lorenzo,9)
ℹ️ [email protected]

Ancora per pochi giorni!
20/10/2020

Ancora per pochi giorni!

🗺 Sapevi che... la mappa più antica di #NewYork è esposta alla Biblioteca Medicea Laurenziana Firenze per la mostra Sguardi Globali?

C’è tempo fino al 30 ottobre per scoprire la collezione di carte geografiche e vedute manoscritte acquistate da Cosimo III de’ Medici durante i suoi viaggi in Europa tra il 1667 ed il 1669.

🗓Visite accompagnate dal lunedì al venerdì ore 10:00/11:00/12:00
🎟 Online www.vivaticket.com oppure in loco presso la biglietteria nel chiostro (p.zza San Lorenzo, 9)
ℹ️ www.bmlonline.it - [email protected]

•Grazie a #LaNazione e Titti Foti•

20/10/2020

Venerdì 23 ottobre è stato indetto uno sciopero generale. Potranno verificarsi disagi per gli utenti

Buongiorno dalla Biblioteca Medicea LaurenzianaProseguono le visite accompagnate alla mostra “Sguardi globali”. Ancora p...
02/10/2020

Buongiorno dalla Biblioteca Medicea Laurenziana

Proseguono le visite accompagnate alla mostra “Sguardi globali”. Ancora per un mese saranno esposte le Carte di Castello, fra cui la più antica pianta di New York, Città del Messico e il Capo di Buona Speranza.

27/08/2020

La sala di studio è chiusa dal 1 al 15 settembre per spolverature e revisioni. Nel periodo di chiusura è assicurato il servizio informazioni.

The reading room is closed to the public from 1 to 15 September to allow dusting and revisions. During this period a basic information service is provided.

Continuano le visite accompagnate al settore monumentale e alla mostra “Sguardi globali”, che stanno avendo un notevole ...
13/08/2020

Continuano le visite accompagnate al settore monumentale e alla mostra “Sguardi globali”, che stanno avendo un notevole successo e soddisfazione da parte dei partecipanti.
Per rispettare il protocollo non si ammettono più di 25 persone contemporaneamente, ai visitatori viene misurata la temperatura e tutti devono indossare, per tutta la durata della visita, la mascherina.

17/07/2020

Servizio riproduzioni fotografiche.
SI Comunica che nel mese di agosto 2020, il servizio potrà subire rallentamenti a causa delle ferie estive dei laboratori fotografici. Le richieste saranno via via evase in ordine di presentazione nel corso del mese di settembre P.V.

La direzione.

Buongiorno dalla Biblioteca Medicea LaurenzianaStamani in via Niccolini 10 a Firenze è stata apposta questa lapide in ri...
16/07/2020

Buongiorno dalla Biblioteca Medicea Laurenziana

Stamani in via Niccolini 10 a Firenze è stata apposta questa lapide in ricordo di Girolamo Vitelli, fondatore della papirologia in Italia. La Biblioteca Laurenziana conserva il suo carteggio.

Riapertura del Settore monumentale e della mostra da lunedì 22 giugno 2020Leggi il documento:https://www.bmlonline.it/do...
17/06/2020

Riapertura del Settore monumentale e della mostra
da lunedì 22 giugno 2020
Leggi il documento:

https://www.bmlonline.it/documenti_pdf/Riapertura_settore_monumentale_mostra.pdf

Buongiorno dalla Biblioteca Medicea LaurenzianaIl grande albero genealogico della famiglia Medici contenuto nel ms. Med....
15/06/2020

Buongiorno dalla Biblioteca Medicea Laurenziana

Il grande albero genealogico della famiglia Medici contenuto nel ms. Med. Pal. 225 (sec. XVI), porta i nomi dei discendenti.
Fanno eccezione quattro personaggi a cui viene affiancato il ritratto: Averardo quasi a figura intera, Cosimo il Vecchio, Lorenzo il Magnifico e Giuliano, mentre altri quattro sono individuati dallo stemma: Leone X, Giuliano duca di Nemours, Lorenzo duca di Urbino e Giulio, futuro papa Clemente VII.

Buongiorno dalla Biblioteca Medicea LaurenzianaIl Plut. 29.25, datato al 1490 circa, contiene il Liber insularum di Cris...
12/06/2020

Buongiorno dalla Biblioteca Medicea Laurenziana

Il Plut. 29.25, datato al 1490 circa, contiene il Liber insularum di Cristoforo Buondelmonti. Qui alcune isole che vi sono rappresentate: Creta, Rodi, Sicilia e Sardegna. Sfogliate l’intero codice a questo link:
http://mss.bmlonline.it/s.aspx?Id=AWOHzE0zI1A4r7GxMB8j#/book

Indirizzo

Piazza S. Lorenzo 9
Florence
50123

Informazione generale

La Biblioteca, a causa della sua posizione centrale e della natura monumentale dell'edificio che la ospita, è di difficile accesso ai disabili. Sita in una zona a traffico limitato, al primo piano di un edificio sottoposto a vincolo, essa non dispone purtroppo di ascensori né di servizi igienici idonei. Rivolgersi al responsabile dell'Ufficio Relazioni con il Pubblico per trovare eventuali soluzioni al problema [email protected] Per informazioni specifiche contattare 055 2937911 http://www.bmlonline.it/contatti/ Carta della qualità dei servizi www.bmlonline.it/carta_dei_servizi/carta_qualità_dei_servizi.pdf Sala studio: Area coperta dalla rete WiFi

Orario di apertura

Lunedì 08:30 - 13:30
Martedì 08:30 - 16:30
Mercoledì 08:30 - 13:30
Giovedì 08:30 - 13:30
Venerdì 08:30 - 13:30

Telefono

+390552937911

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando Biblioteca Medicea Laurenziana Firenze pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta Il Museo

Invia un messaggio a Biblioteca Medicea Laurenziana Firenze:

Video

Musei nelle vicinanze


Commenti

Works of faith,hope and love,www.faopal.hu
BEAUTY CONNECTS PEOPLE" " PERCHE' IN ITALIA IL BELLO E' UN DOVERE". MAGNA GRECIA MANIFATTURA UNIVERSALE DEL LUSSO, DELL' ARTE, DELLA CULTURA, DELLA BELLEZZA." LUSSO FRANCESCANO" LUSSINTERIORE" BEND'ESSERE" PLATINIUM LUSSO QUANTICO". " IL REGNO DELLLA LUCE NASCE L'ILLUMINOSOPHIA": GENERATIVITA', COMPLESSITA', ECOSOSTENIBILITA', RESPONSABILITA'. Riepilogando: TURISMO COME SCIENZA ARTE DELL' OSPITALITA' EMPATIA DELL'ACCOGLIENZA EDUCAZIONE, PREVENZIONE ALL'ESPLORAZIONE COME SCOPERTA ED ESPERIENZA. IL VALORE CLASSICO DELLA LENTEZZA". CONNECTING MINDS, CREATING THE FUTURE". DUBAI EXPO 2020 2021 2022.
Book, TOO YOUNG TO VOTE BUT OLD ENOUGH TO KILL, now available via on line book stores in Italy. Book Genre:- Vietnam War, Published/ Publishers:-03/31/2012 - Xlibris UK, USA, ISBN:- 978-1-4691-8088-5
GALILEI, ANCHE LUI, SEPPUR DA GIOVANE, SI ERA ESPRESSO PER L'EQUILIBRIO STABILE. Dalla lettura del libro della professoressa Monica Ugaglia "Modelli idrostatici del moto da Aristotele a Galileo" vengo a conoscenza del convincimento di Galilei, espresso nel suo libro "De Motu", ove così è riportato:
RICERCA URGENTE 2 UOMINI E 2 DONNE CHE FANNO PARTE DI GRUPPI RELIGIOSI LAURENZIANI INTERESSATI A PARTECIPARE COME PROTAGONISTI TV UNA GIORNATA A UN NOTO PROGRAMMA TV RETE NAZIONALE PARTECIPAZIONE RETRIBUITA. NON CANDIDATEVI A NOI SE LO AVETE GIA' FATTO IN PASSATO SIETE GIA' SCHEDATI. INFO E CANDIDATURE SOLO SU MESSENGER FATE PASSAPAROLA.
#cura #caregiver #disabilità #nonautosufficienza #libro #novità #racconto #divulgazione #empatia #vite Antonio Pinna autore
Riapriamo le librerie Siamo consapevoli della gravità del momento e accettiamo la severa disciplina di isolamento sociale che ci è stata imposta. Ma tutto lascia temere che questa condizione di cattività domestica sarà abbastanza lunga e avrà bisogno di conforto culturale e spirituale per essere sostenuta senza crepe e scoraggiamento. Chiediamo perciò alle autorità competenti, consapevoli dello sgomento in cui viviamo, di riaprire le librerie per sostenerci in questa innaturale forma di esilio fra le proprie mura. Sono giorni che con grande responsabilità gli italiani si mettono in coda, con maschere e guanti, davanti ai supermercati e alle farmacie. Non si vede perché i consumatori di libri sarebbero meno disciplinati dei consumatori di cibo o medicinali. Le nostre librerie, grandi o piccole che siano, sono facilmente gestibili da ogni punto di vista, abituate a frequentatori lenti e assorti, che hanno bisogno di scegliere ciascuno per conto proprio, curiosi delle novità e dell’assortimento. Nei giorni passati, ci si è ingegnati a mandare in giro video e musica, per intrattenerci. Grazie, ma sono distrazioni molto brevi. Un libro ti tiene compagnia per tutto il tempo che vuoi. Dateci pane per i nostri denti spirituali. Non di sola tachipirina vive l’uomo. Chiediamo al governo questo gesto di fiducia nello spirito degli italiani, da cui dipende ogni loro migliore comportamento. Le librerie aperte non creerebbero le file del supermercato, e darebbero ossigeno all’editoria libraria, su cui si regge gran parte della formazione culturale e della circolazione delle idee nel nostro paese. Ginevra Bompiani, Piero Bevilacqua Pasquale Iorio, le Piazze del Sapere
GIOVANGUALBERTO CERI‎ A INSTITUT FRANÇAIS FIRENZE RINGRAZIO l’ “INSTITUT FRANÇAIS” di FIRENZE per il suo graditissimo “MI PIACE”al seguente mio pezzo. In esso ho cercato di mostrare: a) come la prima volta che storicamente venne usato il termine “FILOSOFIA”in occidente fu per mano di PITTAGORA e non di Platone, o di Aristotele (si diano dunque una calmata i nostri Docenti di Storia della Filosofia), e corrispondeva ad una Scienza già sottoposta a controllo empirico ed osservativo; b) come la Filosofia di Pittagora sia la SCIENZA che Dante ritiene degnamente comparabile al più alto dei cieli mobili, il primo Mobile, o nono Cielo cristallino, acqueo e di Maria dove sempre nevica; c) come tale Filosofia pitagorica, o Scienza ultima poiché figlia della LITURGIA di tutte le religioni comparabile ad decimo cielo Empireo, risulti, tanto in Pitagora, che in Dante, che nel Filosofo francese RAYMOND ABELLIO, una scienza SESSUALMENTE fondata che parte dalla considerazione che il CORPO UMANO sia l’utensile maggiormente utile, potente e magnificente a disposizione della nostra specie: quella, appunto...!!!, umana. Papa FRANCESCO: si dia daffare…!!! BUONA VISIONE. ‎Giovangualberto Ceri‎ a Institut français Firenze 3 ottobre alle ore 21:52 • Il Filosofo francese RAYMOND ABELLIO spiega quello che aveva in mente DANTE ALIGHIERI di maggiormente qualificante. Eccolo...!!! - Al nostro amato papa FRANCESCO perché mediti se mai fosse il caso di indire il “CONCILIO VATICANO III” con, per tema, “LA VITA E LA SCIENZA IN QUANTO ULTIMA PERFEZIONE DE LA NOSTRA ANIMA”: proprio così come la vede Dante nell’Incipit del Convivio (I, I, 1). Tutto ciò anche in RISPOSTA ad una domanda sulla "FILOSOFIA in DANTE" da parte di un'Amica. Grazie per la domanda, cara amica...!!! Tieni però presente che DANTE intende, per FILOSOFIA, la "MORALE FILOSOFIA" pitagorico-cristiana, cioè la FILOSOFIA PITAGORICA sotto il cristianesimo, come si legge anche in chiusura del SECONDO TRATTATO del CONVIVIO: II, XV, 11 - 12, dopo aver reso questa stessa Scienza comparabile al Nono Cielo cristallino, acqueo e di Maria. Ovvero di quella MARIA “lo cui nome fue in grandissima reverenzia ne le parole di questa (stessa) Beatrice beata (Vita Nuova, XXVIII, 1). E siamo in presenza di quel Cielo in cui, dopo la sua morte, è andata BEATRICE a gloriare, dunque "sotto la insegna di quella regina benedetta virgo Maria (Vita Nuova, XXVIII, 1), che è l'insegna del NONO CIELO CRISTALLINO dove lì sempre NEVICA: è questo va ricordato poiché ci condurrà piano piano a celebrare la VIRTUS presente anche nel giorno della Natività di Gesù, cioè sotto la CAPANNUCCIA (Par., XXVII, 67 – 69). Cara amica, e per conoscenza al Caro papa Francesco: in questo Cielo, tutte le volte che ci mandano giù sulla Terra un PROFETA, poiché la Terra senza profeti soffoca, avviene che LUI stesso brilli di una luce "che 'l viso ch'elli affoca / chiuder conviensi per lo forte acume (Par., XXVIII, 16 - 18): forse proprio come quando i pastori e i Re Magi andarono ad adorare Gesù bambino. Sopra a questa stessa luce ove è racchiuso il PROFETA da mandar giù sulla Terra, che sta per scendere sulla Terra buttato giù da quella famosa FINESTRA da cui ha inizio il nono Cielo cristallino stesso (Vita Nuova, ###V, 2), EBBENE i nove CORI ANGELICI stanno SBERNANDO OSANNA, come quando nacque Gesù Cristo (Par., XXVIII, 115 - 120). Anche Gesù Cristo, come minimo, non potrà essere stato che un Profeta. Si deve qui nel Cristallino usare necessariamente il verbo “SBERNARE” per una questione scientifico-pagano-classica-medievale poiché qui siamo sempre, sia alla natività di Gesù, che sempre nel nono Cielo cristallino dove si fabbricano i profeti, col Sole sul primo grado del Segno del Capricorno che, ai tempi di Gesù, si dava ogni 25 DICEMBRE (Par., XXVII, 67 – 69). Anzi qui siamo già un attimo dopo essere già entrati nell’Inverno e perciò nel periodo che SEGUE l’attimo del Solstizio d’Inverno. Orbene l’attimo dopo in cui siamo entrati nell’INVERNO equivale già allo SBERNARE, cioè ad un fenomeno di allontanamento dal cruciale e scientifico istante del Solstizio pur rimanendo sempre dentro la stagione invernale a svernare (“Sbernare: “il cantare degli uccelli mentre si sta uscendo, per quanto lentamente, dall’Inverno e dunque mentre, dall’umore UMIDO e FREDDO della NEVE e della CAPANNUCCIA, si passa lentamente all’umore UMIDO e CALDO, alla Pasqua di Resurrezione, in cui però UMIDO e CALDO, sono Fecondi e Attivi e Montanti e Nobilitanti, sia iuxta sententiam Dantis (Convivio, IV, XXIII, 5 - 14), che iuxta sententiam Ptholomaei (Tetrabiblos, I, V, 1), mentre alla NATIVITA', o di un PROFETA, o analogamente di Gesù Cristo, siamo esclusivamente in presenza dell'UMIDO: umore FECONDO per definizione metafisico-astrologica ovvero iuxta sententiam Ptholomaei (Tetrabiblos, I, V, 1), Con questo DANTE, indicando e integrando CRISTIANAMENTE (Convivio, IV, XXIII, 5 – 14), nonché modificando, l’antico , precede e pagano iuxta sententiam Ptholomaei, (Tetrabiblos, I, X, 1) in cui l'INVERNO veniva classificato soltanto freddo, con ciò rendendo impossibile la CAPANNUCCIA di Gesù bambino appena nato sotto una magnificente nevicata. Ma tutto ciò, per quanto importantissimo da capire, i Dantisti lo capiranno soltanto dopo che avranno accettato di ascoltare almeno tre delle mie quaranta lezioni di ASTROLOGIA TOLEMAIOCO-DANTESCA. Quando si decideranno…??? Per esempio il Professor GUGLIELMO GORNI disse a Firenze, rispondendomi per interposta persona e schivando così il grosso PROBLEMA che, tutto questo che io ho dimostro, ebbene se ne occuperanno in futuro i suoi successori: BELLA TROVATA…!!! SIMPATICO, caro Professor Gorni!!! ACCIDENTI...!!! Per Dante, è attraverso questa FILOSOFIA pitagorico-cristiana del IX Cielo cristallino acqueo e di Maria ( e dove c'è PITAGORA c'è ovviamente l'umanità Pagano-Classica e l'ESOTERISMO insieme al Neoplatonismo...!!!) che, per volere di Gesù Cristo, l'Umanità potrà, per via SCIENTIFICO-NATURALE, arrivare a vedere "MARAVIGLIE", e perfino i "MIRACOLI" (Convivio, II, XV, 11 - 12) e dunque marciare verso la sua PERFEZIONE (Convivio, I, I, 1). In quanto nelle stesse DIECI scienze gerarchicamente costituite e, soprattutto, nella quattro superiori ed ultime, 7 - Astrologia, 8- Metafisica, 9- Filosofia di Pitagora sotto il Cristianesmo, 10- TEOLOGIA LITURGICA, sarebbe presente lo SPIRITO. Infatti: “la scienza è ultima PERFEZIONE de la nostra anima, ne la quale sta la nostra ultima FELICITADE” (Convivio, I, I, 1): e ciò sarà tanto più vero per le ultime quattro scienze. Ma come ho fatto io per la prima volta nella storia della CRITICA DANTESCA a scoprire che per Dante la decina e ultima scienza, la "Divina Scienza", la "Teologia", era la LITURGIA...??? Anche apprezzando, ma non soltanto questo!, che qui nel nono cielo, sotto una eterna nevicata, i nove CORI ANGELICI, sopra alla luce che getterà sulla Terra il nuovo Profeta in arrivo, stanno sbernando "Osanna nel più alto dei cieli e pace in Terra agli uomini", mentre tale "sbernare" è uno dei momenti assai qualificanti, appunto...!!!, della nostra LITURGIA: il “GLORIA…!!!” Dov'è sarebbe l'errore...??? Cos'è che non torna...??? Dunque è così...!!! Il PITAGORISMO corrisponde ad una Scienza del SESSO della cultura EUROPEA ed OCCIDENTALE. Il Pitagorismo, Pitagora lo chiamò "FILOSOFIA" ancor prima che Platone e Aristotele dessero alla stessa Filosofia un senso diverso. Dunque, storicamente, la Filosofia l'avrebbe inventata per primo Pitagora. Pitagora (VI sec. avanti Cristo) è infatti un Presocratico ed è nato in Asia Minore (isola di Samo) che, allora, era Europa, iuxta sententiam Ptholomaei (Tatrabiblos, II, III, 17). Il Pitagorismo come Scienza del Sesso, in cui può essere compresa anche la castità, ha poi influenzato anche la RELIGIONE CRISTIANA: ma credo malamente. Nel Pitagorismo la castità è però libera, voluta soggettivamente e solo a scopi scientifico-natural-spirituali, o profetici: e non affatto un incubo, cioè una PERVERSIONE, come di fatto è diventata nel CRISTIANESIMO a causa del prevalere e persistere ancor oggi, della mentalità INQUISIZIONALE. E Dante, attraverso il suo rapporto con Beatrice, ma anche con altre donne (Pur., ###I, 55 – 60), intenderebbe introdurre l’Umanità proprio al Pitagorismo medievale e cristiano. Del resto tutti i poeti medievali, provenzali, dello stil nuovo, trobadorici, cavallereschi e della corte di Federico II di Svevia, gravitavano dentro un sincretismo su base PITAGORICA, mentre la loro POESIA non era la conseguenza spiritualmente passiva dal loro sentire su base soprattutto DOTTA, tipo Francesco Petrarca e Giacomo Leopardi, ma il resoconto, vorrei dire quasi notarile, di quello che di alto di bello e di magnificente, avevano personalmente sperimentato seguendo la nona Scienza pitagorica già chiamata dallo stesso Pitagora: FILOSOFIA...!!! I poeti medievali erano FILOSOFI in quanto SCIENZIATI e, conseguentemente, per come raccontavano la loro esperienza, per accidente anche POETI: e così anche DANTE puntualmente. Anzi lui pare essere in concorrenza coi Poeti provenzali della Linqua doco: ma vai tu a riuscire a superarli...!!! Scrive a tal proposito e nell’intento di chiarire il problema SCIENTIFICO il Filosofo fenomenologico francese RAYMOND ABELLIO, dunque anche nell’intento di far capire in che cosa consistesse la Filosofia di Pitagora sotto il Cristianesimo seguita da Dante (Convivio, II, XV, 11 – 12): “La science du s*x et du germe est assurément la Science des sciences. Le germe humain est la plus puissante condensation de lumière actuellement réalisée sur la terre dans les conditions qui sont les nôtres.” (R. Abellio, “La structure absolue”, Essai de phénoménologie génétique – èd. Gallimard, Paris, 1965, p. 459). Ed ancora: “Si la chair s’est produite à cause de l’esprit, c’est un miracle, dit Jésus dans l’Evangile de Thomas. Mais si l’esprit s’est produit à cause du corps, c’est un miracle de miracle ( ivi, p. 154, ripresa da “L’Èvangile de Thomas” – éd. Plon, Doresse, Paris, 1959, p. 97): e la poesia medievale e dantesca è il resoconto di un tale miracolo. Ed ancora: “Toute nos prise eidétiques se font par elle chair et sang, mais ainsi que le dit l’Apôtre, «toute chair n’est pas la même chair »: la chair aussi se qualifie et s’allège. Selon la tradition mosaïque, la Genèse est alors cet intervalle, à la fois perpetue et instantané, qui sépare la manducatiopn de fruit de la constitution du germe. Le monde devient notre corps jusqu’à se faire à la fin corp «glorieux» et unique constitué par le dernier et unique Je, qui est L’ESPRIT DU CHRIST” (Ivi, p. 111). FILOSOFIA in DANTE, ma anche in Pitagora e nel MEDIOEVO, è sinonimo di PROFETISMO, anche se sono in pochi ad averlo capito, o intuito, mentre senza i PROFETI pare che l’Umanità si perda: perda la retta via. Ogni tanto ce ne vuole uno, anche se dove ce n’è uno buono gli sorgo accanto novantanove psudo-profeti, come ai tempi di Gesù stesso e poi nelle prime Comunità Apostoliche della DIDACHÉ del I e II secolo dopo Cristo. Per questo motivo Dante mira a diventare un Profeta ma, perché ci possa essere alla fine utile come lui desidera, bisognerà allora capirlo bene, nella sua AUTENTICITA’. Anzi lui promette addirittura MALEDIZIONI a chi intenzionalmente lo tradisce: “MALEDETTI siate voi, e la vostra presunzione, e chi a voi crede!” (Convivio, IV, V, 9). Se Dante non parla a vuoto la questione non è dunque da mettere sotto il tappeto. Nel caso di DANTE e BEATRICE c'è un rapporto fisico, psichico e spirituale che ha superato la nostra idea di castità poiché qui il desiderio di POSSESSO sessuale è diventato, si è trasformato, in perfetta COMUNIONE in cui lo SGUARDO svolge un ruolo più potente di tutti i nostri sensi (Par., XXII, 154), SESSO compreso. Scrive Abellio, e sembra Dante: “La possession des corps est ce qui est rendu nécessaire par l’insuffisance des regar, ou de tout autre sens, s*x compris” .” (R. Abellio, “La structure absolue”, Essai de phénoménologie génétique – èd. Gallimard, Paris, 1965, p. 467). Abellio rammenta l’insufficienza comune e ordinaria degli sguardi in quanto sono più POSSESSIVI che non introducenti ad una vera COMUNIONE: e questo per mancanza di RICERCA scientifica. Però non così, appunto...!!! lo sguardo di Dante verso Beatrice in Paradiso: “L’aiuola ( la Terra) che ci fa tanto feroci ,/ … tutta m’apparve da’ colli a le foci. / Poscia rivolsi li occhi a li occhi belli (di Beatrice): Par., XXII, 151 .- 154). Anche l’angelo GABRIELLE in Paradiso pare stia ancor più tanto che semplicemente “trombando” la tredicenne Beata Vergine Maria, analogamente al quel famoso Venerdì 25 Marzo del 1° anno dopo Cristo e momento dell’Incarnazione di Gesù, poiché così recita Dante, testimoniando l'esperienza: “ …qual è quell’angel che con tanto gioco / guarda ne li occhi la nostra regina (la Beata Vergine Maria), / innamorato sì che par di foco?” (Par., ###II, 103 – 105). Domanda: ma l’angelo Gabriele in Paradiso non si ferma mai…??? Ed ancora “Le corps est le contenant d’une science plus haute que la science réflexive mais plus haute surtout que l’ancienne connaissance diffuse et profuse (la nostra scienza oggettivistica moderna): .” (R. Abellio, “La structure absolue”, p. 197). Il corpo di Dante è diventato anche naturalmente un corpo superiore, lucente, forse come quello di Enea e di San Paolo (Inf., II, 31 - 33) e continuare a considerare Dante alla stregua di un Poeta tout court, sia pure il più grande, vuol dire TRADIRLO e tradire la sua MAGNIFICENZA. Ma se lui è un Profeta come fa capire e dichiara, allora il futuro CONCILIO VATICANO III potrebbe metterlo a base delle sue discussioni, amatissomo Papa FRANMCESCO Per capire oggi a che punti siamo si dovrà anche ascoltare la seguente musica degli ABBA Lyrics, "Take A Chance On Me". Mettere a tal fine su GOOGLE, o su FACEBOOK: Abba - Take A Chance On Me - YouTube 3 ottobre alle ore 21:52 • Il Filosofo francese RAYMOND ABELLIO spiega quello che aveva in mente DANTE ALIGHIERI di maggiormente qualificante. Eccolo...!!! - Al nostro amato papa FRANCESCO perché mediti se mai fosse il caso di indire il “CONCILIO VATICANO III” con, per tema, “LA VITA E LA SCIENZA IN QUANTO ULTIMA PERFEZIONE DE LA NOSTRA ANIMA”: proprio così come la vede Dante nell’Incipit del Convivio (I, I, 1). Tutto ciò anche in RISPOSTA ad una domanda sulla "FILOSOFIA in DANTE" da parte di un'Amica. Grazie per la domanda, cara amica...!!! Tieni però presente che DANTE intende, per FILOSOFIA, la "MORALE FILOSOFIA" pitagorico-cristiana, cioè la FILOSOFIA PITAGORICA sotto il cristianesimo, come si legge anche in chiusura del SECONDO TRATTATO del CONVIVIO: II, XV, 11 - 12, dopo aver reso questa stessa Scienza comparabile al Nono Cielo cristallino, acqueo e di Maria. Ovvero di quella MARIA “lo cui nome fue in grandissima reverenzia ne le parole di questa (stessa) Beatrice beata (Vita Nuova, XXVIII, 1). E siamo in presenza di quel Cielo in cui, dopo la sua morte, è andata BEATRICE a gloriare, dunque "sotto la insegna di quella regina benedetta virgo Maria (Vita Nuova, XXVIII, 1), che è l'insegna del NONO CIELO CRISTALLINO dove lì sempre NEVICA: è questo va ricordato poiché ci condurrà piano piano a celebrare la VIRTUS presente anche nel giorno della Natività di Gesù, cioè sotto la CAPANNUCCIA (Par., XXVII, 67 – 69). Cara amica, e per conoscenza al Caro papa Francesco: in questo Cielo, tutte le volte che ci mandano giù sulla Terra un PROFETA, poiché la Terra senza profeti soffoca, avviene che LUI stesso brilli di una luce "che 'l viso ch'elli affoca / chiuder conviensi per lo forte acume (Par., XXVIII, 16 - 18): forse proprio come quando i RE MAGI andarono ad adorare Gesù bambino. Sopra a questa stessa luce ove è racchiuso il PROFETA da mandar giù sulla Terra, che sta per scendere sulla Terra buttato giù da quella famosa FINESTRA da cui ha inizio il nono Cielo cristallino stesso (Vita Nuova, ###V, 2), EBBENE i nove CORI ANGELICI stanno SBERNANDO OSANNA, come quando nacque Gesù Cristo (Par., XXVIII, 115 - 120). Si deve qui necessariamente usare il verbo “SBERNARE” per una questione scientifico-pagano-classica-medievale poiché qui siamo sempre, sia alla natività di Gesù, che sempre nel nono Cielo cristallino col Sole sul primo grado del Segno del Capricorno che, ai tempi di Gesù, si dava ogni 25 DICEMBRE (Par., XXVII, 67 – 69). Anzi qui siamo già un attimo dopo essere già entrati nell’Inverno e perciò nel periodo che SEGUE l’attimo del Solstizio d’Inverno. Orbene l’attimo dopo in cui siamo entrati nell’INVERNO equivale già allo SBERNARE, cioè ad un fenomeno di allontanamento dal cruciale e scientifico istante del Solstizio pur rimanendo sempre dentro la stagione invernale a svernare (“Sbernare: “il cantare degli uccelli mentre si sta uscendo, per quanto lentamente, dall’Inverno e dunque mentre, dall’umore UMIDO e FREDDO della NEVE e della CAPANNUCCIA, si passa lentamente all’umore UMIDO e CALDO, alla Pasqua di Resurrezione, in cui però UMIDO e CALDO, sono Fecondi e Attivi e Montanti e Nobilitanti, sia iuxta sententiam Dantis (Convivio, IV, XXIII, 5 - 14), che iuxta sententiam Ptholomaei (Tetrabiblos, I, V, 1), mentre alla NATIVITA', o di un PROFETA, o analogamente di Gesù Cristo, siamo esclusivamente in presenza dell'UMIDO: umore FECONDO per definizione metafisico-astrologica ovvero iuxta sententiam Ptholomaei (Tetrabiblos, I, V, 1), Con questo DANTE, indicando e integrando CRISTIANAMENTE (Convivio, IV, XXIII, 5 – 14), nonché modificando, l’antico , precede e pagano iuxta sententiam Ptholomaei, (Tetrabiblos, I, X, 1) in cui l'inverso veniva classificato soltanto freddo, con ciò rendendo impossibile la CAPANNUCCIA di Gesù bambino appena nato sotto una magnificente nevicata. Ma tutto ciò, per quanto importantissimo da capire i Dantisti lo capiranno soltanto dopo che avranno accettato di ascoltare almeno tre delle mie quaranta lezioni di ASTROLOGIA TOLEMAIOCO-DANTESCA. Quando si decideranno…??? Per esempio il Professor GUGLIELMO GORNI disse a Firenze, rispondendomi per interposta persona e schivando così il grosso PROBLEMA che, tutto questo che io ho dimostro, se ne occuperanno in futuro i suoi successori: BELLA TROVATA…!!! SIMPATICO, caro Professor Gorni!!! ACCIDENTI...!!! Per Dante è attraverso questa FILOSOFIA pitagorico-cristiana del IX Cielo cristallino acqueo e di Maria ( e dove c'è PITAGORA c'è ovviamente l'umanità Pagano-Classica e l'ESOTERISMO insieme al Neoplatonismo...!!!) che, per volere di Gesù Cristo, l'Umanità potrà, per via SCIENTIFICO-NATURALE, arrivare a vedere "MARAVIGLIE", e perfino i "MIRACOLI" (Convivio, II, XV, 11 - 12) e dunque marciare verso la sua PERFEZIONE (Convivio, I, I, 1). In quanto nelle stesse DIECI scienze gerarchicamente costituite e, soprattutto, nella quattro superiori ed ultime, 7 - Astrologia, 8- Metafisica, 9- Filosofia di Pitagora sotto il Cristianesmo, 10- TEOLOGIA LITURGICA, sarebbe presente lo SPIRITO. Infatti: “la scienza è ultima PERFEZIONE de la nostra anima, ne la quale sta la nostra ultima FELICITADE” (Convivio, I, I, 1): e ciò sarà tanto più vero per le ultime quattro. Come ho fatto io per la prima volta nella storia della CRITICA DANTESCA a scoprire che per Dante la decina e ultima scienza, la "Divina Scienza", la "Teologia", era la LITURGIA...??? Anche apprezzando, ma non soltanto questo!, che qui nel nono cielo, sotto una eterna nevicata in marcia verso il decimo cielo Empireo, i nove CORI ANGELICI, sopra alla luce che getterà sulla Terra il nuovo Profeta in arrivo, stanno sbernando "Osanna nel più alto dei cieli e pace in Terra agli uomini", mentre tale "sbernare" è uno dei momenti assai qualificanti, appunto...!!!, della nostra LITURGIA. Dov'è sarebbe l'errore...??? Cos'è che non torna...??? Dunque è così...!!! Il PITAGORISMO corrisponde ad una Scienza del SESSO della cultura EUROPEA ed OCCIDENTALE. Il Pitagorismo, Pitagora lo chiamò "FILOSOFIA" ancor prima che Platone e Aristotele dessero alla stessa Filosofia un senso diverso. Dunque, storicamente, la Filosofia l'avrebbe inventata per primo Pitagora. Pitagora (VI sec. avanti Cristo) è infatti un Presocratico ed è nato in Asia Minore (isola di Samo) che, allora, era Europa, iuxta sententiam Ptholomaei (Tatrabiblos, II, III, 17). Il Pitagorismo come Scienza del Sesso, in cui può essere compresa anche la castità, ha poi influenzato anche la RELIGIONE CRISTIANA: ma credo malamente. Nel Pitagorismo la castità è però libera, voluta soggettivamente e solo a scopi scientifico-natural-spirituali, o profetici: e non affatto un incubo, cioè una PERVERSIONE, come di fatto è diventata nel CRISTIANESIMO a causa del prevalere e persistere ancor oggi, della mentalità INQUISIZIONALE. E Dante, attraverso il suo rapporto con Beatrice, ma anche con altre donne (Pur., ###I, 55 – 60), intenderebbe introdurre l’Umanità proprio al Pitagorismo medievale e cristiano. Del resto tutti i poeti medievali, provenzali, dello stil nuovo, trobadorici, cavallereschi e della corte di Federico II di Svevia, gravitavano dentro un sincretismo su base PITAGORICA, mentre la loro POESIA non era la conseguenza spiritualmente passiva dal loro sentire su base soprattutto DOTTA, tipo Francesco Petrarca e Giacomo Leopardi, ma il resoconto, vorrei dire quasi notarile, di quello che di alto di bello e di magnificente, avevano personalmente sperimentato seguendo la nona Scienza pitagorica già chiamata dallo stesso Pitagora: FILOSOFIA...!!! I poeti medievali erano FILOSOFI in quanto SCIENZIATI e, conseguentemente, per come raccontavano la loro esperienza, per accidente anche POETI: e così anche DANTE puntualmente. Anzi lui pare essere in concorrenza coi Poeti provenzali della Linqua doco: ma vai tu a riuscire a superarli...!!! Scrive a tal proposito e nell’intento di chiarire il problema SCIENTIFICO il Filosofo fenomenologico francese RAYMOND ABELLIO, dunque anche nell’intento di far capire in che cosa consistesse la Filosofia di Pitagora sotto il Cristianesimo seguita da Dante (Convivio, II, XV, 11 – 12): “La science du s*x et du germe est assurément la Science des sciences. Le germe humain est la plus puissante condensation de lumière actuellement réalisée sur la terre dans les conditions qui sont les nôtres.” (R. Abellio, “La structure absolue”, Essai de phénoménologie génétique – èd. Gallimard, Paris, 1965, p. 459). Ed ancora: “Si la chair s’est produite à cause de l’esprit, c’est un miracle, dit Jésus dans l’Evangile de Thomas. Mais si l’esprit s’est produit à cause du corps, c’est un miracle de miracle ( ivi, p. 154, ripresa da “L’Èvangile de Thomas” – éd. Plon, Doresse, Paris, 1959, p. 97): e la poesia medievale e dantesca è il resoconto di un tale miracolo. Ed ancora: “Toute nos prise eidétiques se font par elle chair et sang, mais ainsi que le dit l’Apôtre, «toute chair n’est pas la même chair »: la chair aussi se qualifie et s’allège. Selon la tradition mosaïque, la Genèse est alors cet intervalle, à la fois perpetue et instantané, qui sépare la manducatiopn de fruit de la constitution du germe. Le monde devient notre corps jusqu’à se faire à la fin corp «glorieux» et unique constitué par le dernier et unique Je, qui est L’ESPRIT DU CHRIST” (Ivi, p. 111). FILOSOFIA in DANTE, ma anche in Pitagora e nel MEDIOEVO, è sinonimo di PROFETISMO, anche se sono in pochi ad averlo capito, o intuito, mentre senza i PROFETI pare che l’Umanità si perda: perda la retta via. Ogni tanto ce ne vuole uno, anche se dove ce n’è uno buono gli sorgo accanto novantanove psudo-profeti, come ai tempi di Gesù stesso e poi nelle prime Comunità Apostoliche della DIDACHÉ del I e II secolo dopo Cristo. Per questo motivo Dante mira a diventare un Profeta ma, perché ci possa essere alla fine utile come lui desidera, bisognerà allora capirlo bene, nella sua AUTENTICITA’. Anzi lui promette addirittura MALEDIZIONI a chi intenzionalmente lo tradisce: “MALEDETTI siate voi, e la vostra presunzione, e chi a voi crede!” (Convivio, IV, V, 9). Se Dante non parla a vuoto la questione non è dunque da mettere sotto il tappeto. Nel caso di DANTE e BEATRICE c'è un rapporto fisico, psichico e spirituale che ha superato la nostra idea di castità poiché qui il desiderio di POSSESSO sessuale è diventato, si è trasformato, in perfetta COMUNIONE in cui lo SGUARDO svolge un ruolo più potente di tutti i nostri sensi (Par., XXII, 154), SESSO compreso. Scrive Abellio, e sembra Dante: “La possession des corps est ce qui est rendu nécessaire par l’insuffisance des regar, ou de tout autre sens, s*x compris” .” (R. Abellio, “La structure absolue”, Essai de phénoménologie génétique – èd. Gallimard, Paris, 1965, p. 467). Abellio rammenta l’insufficienza comune e ordinaria degli sguardi in quanto sono più POSSESSIVI che non introducenti ad una vera COMUNIONE: e questo per mancanza di RICERCA scientifica. Però non così, appunto...!!! lo sguardo di Dante verso Beatrice in Paradiso: “L’aiuola ( la Terra) che ci fa tanto feroci ,/ … tutta m’apparve da’ colli a le foci. / Poscia rivolsi li occhi a li occhi belli (di Beatrice): Par., XXII, 151 .- 154). Anche l’angelo GABRIELLE in Paradiso pare stia ancor più tanto che semplicemente “trombando” la tredicenne Beata Vergine Maria, analogamente al quel famoso Venerdì 25 Marzo del 1° anno dopo Cristo e momento dell’Incarnazione di Gesù, poiché così recita Dante, testimoniando l'esperienza: “ …qual è quell’angel che con tanto gioco / guarda ne li occhi la nostra regina (la Beata Vergine Maria), / innamorato sì che par di foco?” (Par., ###II, 103 – 105). Domanda: ma l’angelo Gabriele in Paradiso non si ferma mai…??? Ed ancora “Le corps est le contenant d’une science plus haute que la science réflexive mais plus haute surtout que l’ancienne connaissance diffuse et profuse (la nostra scienza oggettivistica moderna): .” (R. Abellio, “La structure absolue”, p. 197). Il corpo di Dante è diventato anche naturalmente un corpo superiore, lucente, forse come quello di Enea e di San Paolo (Inf., II, 31 - 33) e continuare a considerare Dante alla stregua di un Poeta tout court, sia pure il più grande, vuol dire TRADIRLO e tradire la sua MAGNIFICENZA. Ma se lui è un Profeta come fa capire e dichiara, allora il futuro CONCILIO VATICANO III potrebbe metterlo a base delle sue discussioni, amatissomo Papa FRANMCESCO Per capire oggi a che punti siamo si dovrà anche ascoltare la seguente musica degli ABBA Lyrics, "Take A Chance On Me". Mettere a tal fine su GOOGLE, o su FACEBOOK: Abba - Take A Chance On Me – YouTube Premessa: YouTube